Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Bibbia Riveduta/Luzzi

IntraText CT - Lettura del testo

  • Ecclesiaste
    • Capitolo 10
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

Capitolo 10

1

Le mosche morte fanno puzzare e imputridire l'olio del profumiere; un po' di follia guasta il pregio della sapienza e della gloria.

2

Il savio ha il cuore alla sua destra, ma lo stolto l'ha alla sua sinistra.

3

Anche quando lo stolto va per la via, il senno gli manca e mostra a tutti ch'è uno stolto.

4

Se il sovrano sale in ira contro di te, non lasciare il tuo posto; perché la dolcezza previene grandi peccati.

5

C'è un male che ho veduto sotto il sole, un errore che procede da chi governa:

6

che, cioè la stoltezza occupa posti altissimi, e i ricchi seggono in luoghi bassi.

7

Ho veduto degli schiavi a cavallo, e de' principi camminare a piedi come degli schiavi.

8

Chi scava una fossa vi cadrà dentro, e chi demolisce un muro sarà morso dalla serpe.

9

Chi smuove le pietre ne rimarrà contuso, e chi spacca le legna corre un pericolo.

10

Se il ferro perde il taglio e uno non l'arrota, bisogna che raddoppi la forza; ma la sapienza ha il vantaggio di sempre riuscire.

11

Se il serpente morde prima d'essere incantato, l'incantatore diventa inutile.

12

Le parole della bocca del savio son piene di grazia; ma le labbra dello stolto son causa della sua rovina.

13

Il principio delle parole della sua bocca è stoltezza, e la fine del suo dire è malvagia pazzia.

14

Lo stolto moltiplica le parole; eppure l'uomo non sa quel che gli avverrà; e chi gli dirà quel che succederà dopo di lui?

15

La fatica dello stolto lo stanca, perch'egli non sa neppur la via della città.

16

Guai a te, o paese, il cui re è un fanciullo, e i cui principi mangiano fin dal mattino!

17

Beato te, o paese, il cui re è di nobile lignaggio, ed i cui principi si mettono a tavola al tempo convenevole, per ristorare le forze e non per ubriacarsi!

18

Per la pigrizia sprofonda il soffitto; per la rilassatezza delle mani piove in casa.

19

Il convito è fatto per gioire, il vino rende gaia la vita, e il danaro risponde a tutto.

20

Non maledire il re, neppure col pensiero; e non maledire il ricco nella camera ove tu dormi; poiché un uccello del cielo potrebbe spargerne la voce, e un messaggero alato pubblicare la cosa.




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License