Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
José Saraiva Martins
47 Congresso Eucaristico Internazionale

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

3. Verso un più efficace annuncio della Parola e una più profonda comprensione dei sacramenti

Non deve, però, sorprendere se oggi, in una nuova situazione cultuale e sociale, la Chiesa si interroghi sul modo di annunciare più efficacemente il Vangelo e di educare i fedeli a una più profonda comprensione e a una pratica più sentita dei sacramenti, ed, in particolare, dell'Eucaristia.

L'unità profonda tra evangelizzazione ed Eucaristia è mediata dalla Chiesa. Anzi, proprio perché la connessione e le implicanze tra «evangelizzazione ed Eucaristia» non si limitino alla modifica di alcune espressioni o forme, senza raggiungere adeguatamente il rinnovamento interiore dei destinatari dell'evangelizzazione e senza che essi maturino l'attiva e cosciente partecipazione alla celebrazione dell'Eucaristia, esse devono essere trasfuse, con tutti i suoi effetti, nella vita dei fedeli.

Nella pastorale, tra l'altro, c'è chi considera i due poli del binomio «evangelizzazione-Eucaristia» come momenti-eventi separati, se non addirittura autonomi, con ripercussioni quanto mai negative sulla formazione della coscienza e della mentalità degli stessi fedeli. Questo, alla fin fine, può portare i fedeli a non percepire l'intimo e inscindibile legame tra le due realtà essenziali della Chiesa: quella missionaria e quella eucaristico-sacramentale.

L'annuncio della Parola di Dio, con quanto vi è connesso, sarebbe solo una trasmissione di dottrina o/e di norme morali utili da conoscersi ma che non incidono nella concretezza della vita. E l'Eucaristia sarebbe un susseguirsi di riti, un complesso di parole di cui sfugge il vero significato, che, come inizia, così finisce, senza coinvolgere l'esistenza del fedele e senza incidere nella sua vita e, quindi, senza riflesso nel vissuto ecclesiale.

Di qui lo sforzo pastorale e le concrete coordinate che sono suggerite da una pratica azione pastorale. Esse ruotano attorno alla forza insita nell'evangelizzazione che usufruisce di tutta quella forza straordinaria che proviene dalla Parola di Dio, e che trova la sua piena attuazione nell'Eucaristia.

Essa può lievitare tutti i valori umanamente sani presenti nella vita dei fedeli e modificarne quelli meno retti. Anzi, la evangelizzazione, nuova nell'incidenza, è chiamata a imprimere un nuovo ritmo nella vita e nell'azione di coloro che accolgono la Parola di Dio per quello che è: «di Dio e non di uomini» (cfr 1 Tess 2, 13). Certo che l'ontologia dell'evangelizzazione non deve disattendere l'antropologia delle persone a cui è destinata. Di fatto, si richiedono approfondimenti dei contenuti, modalità di traduzione di essi per far presa sulle capacità dell'uomo moderno, linguaggi adeguati che aiutino il messaggio cristiano a penetrare nel cuore dei destinatari e che facilitino una più profonda comprensione dei suoi contenuti.

Di essenziale importanza è poi la testimonianza di vita dell'evangelizzatore. Essa mentre accompagna l'annuncio, quasi ne convalida i dinamismi. Dinamismi, che si avvantaggeranno se ogni tipo di catechesi e di predicazione sarà arricchita di contenuto biblico, di mordente apostolico, di impegno di vita cristiana seriamente sentito e vissuto, che valga oggi a formare una mentalità di fede, purificata e rinvigorita da una intensa vita sacramentale.




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) Copyright 1996-2007 EuloTech SRL