Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Alfabetica    [«  »]
equatore 1
equivocando 1
er 8
era 292
eraclito 1
eramo 1
eran 64
Frequenza    [«  »]
296 sé
296 suo
293 sua
292 era
288 ti
278
277 quando
Dante Alighieri
Divina commedia

IntraText - Concordanze

era

    Parte, Capitolo, Capoverso
1 In, 1, 3 | ché la diritta via era smarrita.~ ~ 2 In, 1, 4 | Ahi quanto a dir qual era è cosa dura~ 3 In, 1, 11 | tant'era pien di sonno a quel punto~ 4 In, 1, 20 | che nel lago del cor m'era durata~ 5 In, 1, 30 | che 'l piè fermo sempre era 'l più basso.~ ~ 6 In, 1, 33 | che di pel macolato era coverta;~ ~ 7 In, 1, 37 | Temp'era dal principio del mattino,~ 8 In, 1, 41 | sì ch'a bene sperar m'era cagione~ 9 In, 2, 52 | Io era tra color che son sospesi,~ 10 In, 2, 101| e venne al loco dov'i' era,~ 11 In, 3, 62 | che questa era la setta d'i cattivi,~ 12 In, 3, 69 | da fastidiosi vermi era ricolto.~ ~ 13 In, 4, 10 | Oscura e profonda era e nebulosa~ 14 In, 4, 52 | rispuose: «Io era nuovo in questo stato,~ 15 In, 4, 67 | Non era lunga ancor la nostra via~ 16 In, 4, 81 | l'ombra sua torna, ch'era dipartita».~ ~ 17 In, 4, 105| sì com'era 'l parlar colà dov'era.~ ~ 18 In, 4, 105| com'era 'l parlar colà dov'era.~ ~ 19 In, 5, 57 | per tòrre il biasmo in che era condotta.~ ~ 20 In, 7, 34 | si volgea ciascun, quand'era giunto,~ 21 In, 7, 103| L'acqua era buia assai più che persa;~ 22 In, 9, 25 | Di poco era di me la carne nuda,~ 23 In, 9, 85 | Ben m'accorsi ch'elli era da ciel messo,~ 24 In, 9, 117| salvo che 'l modo v'era più amaro;~ ~ 25 In, 10, 43 | Io ch'era d'ubidir disideroso,~ 26 In, 10, 54 | credo che s'era in ginocchie levata.~ ~ 27 In, 10, 56 | avesse di veder s'altri era meco;~ 28 In, 10, 74 | restato m'era, non mutò aspetto,~ 29 In, 12, 1 | Era lo loco ov'a scender la 30 In, 12, 10 | cotal di quel burrato era la scesa;~ 31 In, 12, 12 | l'infamia di Creti era distesa~ ~ 32 In, 12, 36 | questa roccia non era ancor cascata.~ ~ 33 In, 13, 1 | Non era ancor di Nesso arrivato,~ 34 In, 13, 3 | che da neun sentiero era segnato.~ ~ 35 In, 13, 124| Di rietro a loro era la selva piena~ 36 In, 14, 3 | e rende'le a colui, ch'era già fioco.~ ~ 37 In, 14, 13 | Lo spazzo era una rena arida e spessa,~ 38 In, 14, 25 | Quella che giva intorno era più molta,~ 39 In, 14, 36 | mei si stingueva mentre ch'era solo:~ ~ 40 In, 14, 40 | Sanza riposo mai era la tresca~ 41 In, 14, 83 | fatt'era 'n pietra, e ' margini dallato;~ 42 In, 14, 84 | io m'accorsi che 'l passo era lici.~ ~ 43 In, 15, 14 | ch'i' non avrei visto dov'era,~ 44 In, 16, 1 | Già era in loco onde s'udìa 'l rimbombo~ 45 In, 16, 92 | che 'l suon de l'acqua n'era sì vicino,~ 46 In, 17, 10 | La faccia sua era faccia d'uom giusto,~ 47 In, 17, 79 | Trova' il duca mio ch'era salito~ 48 In, 17, 103| 'v'era 'l petto, la coda rivolse,~ 49 In, 17, 112| la mia, quando vidi ch'i' era~ 50 In, 18, 24 | di che la prima bolgia era repleta.~ ~ 51 In, 18, 117| che non parea s'era laico o cherco.~ ~ 52 In, 19, 15 | un largo tutti e ciascun era tondo.~ ~ 53 In, 19, 30 | tal era dai calcagni a le punte.~ ~ 54 In, 20, 4 | Io era già disposto tutto quanto~ 55 In, 20, 13 | ché da le reni era tornato 'l volto,~ 56 In, 20, 15 | perché 'l veder dinanzi era lor tolto.~ ~ 57 In, 20, 51 | e 'l mar no li era la veduta tronca.~ ~ 58 In, 20, 89 | accolsero a quel loco, ch'era forte~ 59 In, 21, 31 | Ahi quant'elli era ne l'aspetto fero!~ 60 In, 21, 34 | L'omero suo, ch'era aguto e superbo,~ 61 In, 21, 99 | da la sembianza lor ch'era non buona.~ ~ 62 In, 22, 16 | Pur a la pegola era la mia 'ntesa,~ 63 In, 22, 18 | e de la gente ch'entro v'era incesa.~ ~ 64 In, 22, 34 | e Graffiacan, che li era più di contra,~ 65 In, 22, 58 | Tra male gatte era venuto 'l sorco;~ 66 In, 22, 120| quel prima, ch'a ciò fare era più crudo.~ ~ 67 In, 22, 143| ma però di levarsi era neente,~ 68 In, 23, 4 | Vòlt'era in su la favola d'Isopo~ 69 In, 23, 54 | sovresso noi; ma non era sospetto;~ ~ 70 In, 23, 125| sovra colui ch'era disteso in croce~ 71 In, 24, 31 | Non era via da vestito di cappa,~ 72 In, 24, 35 | più che da l'altro era la costa corta,~ 73 In, 24, 43 | La lena m'era del polmon sì munta~ 74 In, 24, 62 | ch'era ronchioso, stretto e malagevole,~ 75 In, 24, 70 | Io era vòlto in giù, ma li occhi 76 In, 24, 97 | Ed ecco a un ch'era da nostra proda,~ 77 In, 24, 118| tal era il peccator levato poscia.~ 78 In, 24, 121| il domandò poi chi ello era;~ 79 In, 25, 63 | l'altro già parea quel ch'era:~ ~ 80 In, 25, 76 | Ogne primaio aspetto ivi era casso:~ 81 In, 25, 124| Quel ch'era dritto, il trasse ver' le 82 In, 25, 136| L'anima ch'era fiera divenuta,~ 83 In, 25, 149| ed era quel che sol, di tre compagni~ 84 In, 25, 150| che venner prima, non era mutato;~ ~ 85 In, 25, 151| l'altr'era quel che tu, Gaville, piagni.~ ~ 86 In, 26, 50 | son io più certo; ma già m'era avviso~ 87 In, 26, 131| lo lume era di sotto da la luna,~ 88 In, 27, 1 | Già era dritta in la fiamma e 89 In, 27, 31 | Io era in giuso ancora attento 90 In, 27, 88 | ché ciascun suo nimico era cristiano,~ 91 In, 27, 89 | e nessun era stato a vincer Acri~ 92 In, 28, 69 | ch'era di fuor d'ogni parte vermiglia,~ ~ 93 In, 29, 50 | tal era quivi, e tal puzzo n'usciva~ 94 In, 29, 65 | ch'era a veder per quella oscura 95 In, 30, 1 | Nel tempo che Iunone era crucciata~ 96 In, 31, 10 | Quiv'era men che notte e men che 97 In, 31, 61 | sì che la ripa, ch'era perizoma~ 98 In, 31, 110| e non v'era mestier più che la dotta,~ 99 In, 31, 135| poi fece sì ch'un fascio era elli e io.~ ~ 100 In, 32, 28 | com'era quivi; che se Tambernicchi~ 101 In, 32, 118| fossi domandato «Altri chi v'era?»,~ 102 In, 32, 126| che l'un capo a l'altro era cappello;~ ~ 103 In, 33, 144| non era ancor giunto Michel Zanche,~ ~ 104 In, 34, 9 | al duca mio; ché non era altra grotta.~ ~ 105 In, 34, 10 | Già era, e con paura il metto in 106 In, 34, 39 | L'una dinanzi, e quella era vermiglia;~ ~ 107 In, 34, 44 | la sinistra a vedere era tal, quali~ 108 In, 34, 50 | era lor modo; e quelle svolazzava,~ 109 In, 34, 58 | quel dinanzi il mordere era nulla~ 110 In, 34, 97 | Non era camminata di palagio~ 111 In, 34, 120| fitto è ancora sì come prim'era.~ ~ 112 Pu, 1, 30 | onde il Carro già era sparito,~ ~ 113 Pu, 1, 60 | molto poco tempo a volger era.~ ~ 114 Pu, 1, 62 | per lui campare; e non era altra via~ 115 Pu, 2, 1 | Già era 'l sole a l'orizzonte giunto~ 116 Pu, 2, 8 | dov'i' era, de la bella Aurora~ 117 Pu, 2, 68 | per lo spirare, ch'i' era ancor vivo,~ 118 Pu, 2, 86 | allor conobbi chi era, e pregai~ 119 Pu, 2, 100| Ond'io, ch'era ora a la marina vòlto~ 120 Pu, 3, 12 | la mente mia, che prima era ristretta,~ ~ 121 Pu, 3, 17 | rotto m'era dinanzi a la figura,~ 122 Pu, 3, 39 | mestier non era parturir Maria;~ ~ 123 Pu, 3, 67 | Ancora era quel popol di lontano,~ 124 Pu, 3, 90 | sì che l'ombra era da me a la grotta,~ ~ 125 Pu, 3, 107| biondo era e bello e di gentile aspetto,~ 126 Pu, 4, 15 | ben cinquanta gradi salito era~ ~ 127 Pu, 4, 16 | lo sole, e io non m'era accorto, quando~ 128 Pu, 4, 22 | che non era la calla onde saline~ 129 Pu, 4, 43 | Io era lasso, quando cominciai:~ 130 Pu, 4, 115| Conobbi allor chi era, e quella angoscia~ 131 Pu, 5, 1 | Io era già da quell'ombre partito,~ 132 Pu, 5, 9 | me, pur me, e 'l lume ch'era rotto.~ ~ 133 Pu, 6, 10 | Tal era io in quella turba spessa,~ 134 Pu, 6, 13 | Quiv'era l'Aretin che da le braccia~ 135 Pu, 6, 42 | perché 'l priego da Dio era disgiunto.~ ~ 136 Pu, 7, 65 | io m'accorsi che 'l monte era scemo,~ 137 Pu, 7, 70 | Tra erto e piano era un sentiero schembo,~ 138 Pu, 8, 1 | Era già l'ora che volge il disio~ 139 Pu, 8, 49 | Temp'era già che l'aere s'annerava,~ 140 Pu, 8, 98 | la picciola vallea, era una biscia,~ 141 Pu, 8, 109| L'ombra che s'era al giudice raccolta~ 142 Pu, 8, 117| a me, che già grande era.~ ~ 143 Pu, 9, 4 | di gemme la sua fronte era lucente,~ 144 Pu, 9, 43 | Dallato m'era solo il mio conforto,~ 145 Pu, 9, 45 | e 'l viso m'era a la marina torto.~ ~ 146 Pu, 9, 95 | bianco marmo era sì pulito e terso,~ 147 Pu, 9, 97 | Era il secondo tinto più che 148 Pu, 9, 118| L'una era d'oro e l'altra era d'argento;~ 149 Pu, 9, 118| L'una era d'oro e l'altra era d'argento;~ 150 Pu, 10, 41 | perché iv'era imaginata quella~ 151 Pu, 10, 51 | onde m'era colui che mi movea,~ ~ 152 Pu, 10, 55 | Era intagliato nel marmo 153 Pu, 10, 62 | che v'era imaginato, li occhi e 'l 154 Pu, 10, 66 | e più e men che re era in quel caso.~ ~ 155 Pu, 10, 73 | Quiv'era storiata l'alta gloria~ 156 Pu, 10, 77 | e una vedovella li era al freno,~ 157 Pu, 11, 112| ond'era sire quando fu distrutta~ 158 Pu, 12, 10 | Io m'era mosso, e seguia volontieri~ 159 Pu, 12, 73 | Più era già per noi del monte vòlto~ 160 Pu, 12, 85 | Io era ben del suo ammonir uso~ 161 Pu, 12, 97 | Menocci ove la roccia era tagliata;~ 162 Pu, 12, 105| ch'era sicuro il quaderno e la 163 Pu, 14, 28 | ombra che di ciò domandata era,~ 164 Pu, 14, 142| Già era l'aura d'ogne parte queta;~ 165 Pu, 15, 6 | vespero , e qui mezza notte era.~ ~ 166 Pu, 15, 8 | perché per noi girato era sì 'l monte,~ 167 Pu, 15, 144| né da quello era loco da cansarsi.~ ~ 168 Pu, 16, 20 | una parola in tutte era e un modo,~ 169 Pu, 16, 55 | Prima era scempio, e ora è fatto doppio~ 170 Pu, 17, 9 | pria, che già nel corcar era.~ ~ 171 Pu, 17, 28 | intorno ad esso era il grande Assuero,~ 172 Pu, 17, 50 | di riguardar chi era che parlava,~ 173 Pu, 18, 90 | le nostre spalle a noi era già volta.~ ~ 174 Pu, 18, 128| tant'era già di da noi trascorso;~ 175 Pu, 18, 130| E quei che m'era ad ogne uopo soccorso~ 176 Pu, 19, 25 | Ancor non era sua bocca richiusa,~ 177 Pu, 19, 127| Io m'era inginocchiato e volea dire;~ 178 Pu, 20, 122| dianzi non era io sol; ma qui da presso~ 179 Pu, 20, 126| tanto quanto al poder n'era permesso,~ ~ 180 Pu, 21, 86 | era io di », rispuose quello 181 Pu, 22, 1 | Già era l'angel dietro a noi rimaso,~ 182 Pu, 22, 33 | per quella cerchia dov'io era.~ ~ 183 Pu, 22, 76 | Già era 'l mondo tutto quanto pregno~ 184 Pu, 22, 119| rimase a dietro, e la quinta era al temo,~ 185 Pu, 22, 136| lato onde 'l cammin nostro era chiuso,~ 186 Pu, 23, 22 | Ne li occhi era ciascuna oscura e cava,~ 187 Pu, 23, 37 | Già era in ammirar che sì li affama,~ 188 Pu, 24, 67 | così tutta la gente che era,~ 189 Pu, 25, 1 | Ora era onde 'l salir non volea 190 Pu, 25, 13 | tal era io con voglia accesa e spenta~ 191 Pu, 25, 110| s'era per noi, e vòlto a la man 192 Pu, 27, 51 | tant'era ivi lo 'ncendio sanza metro.~ ~ 193 Pu, 27, 59 | dentro a un lume che era,~ 194 Pu, 27, 66 | dinanzi a me del sol ch'era già basso.~ ~ 195 Pu, 28, 42 | ond'era pinta tutta la sua via.~ ~ 196 Pu, 28, 49 | fai rimembrar dove e qual era~ 197 Pu, 29, 36 | l dolce suon per canti era già inteso.~ ~ 198 Pu, 29, 45 | del mezzo ch'era ancor tra noi e loro;~ ~ 199 Pu, 29, 94 | Ognuno era pennuto di sei ali;~ 200 Pu, 29, 113| membra d'oro avea quant'era uccello,~ 201 Pu, 29, 124| l'altr'era come se le carni e l'ossa~ 202 Pu, 30, 35 | tempo era stato ch'a la sua presenza~ 203 Pu, 30, 36 | non era di stupor, tremando, affranto,~ ~ 204 Pu, 30, 97 | lo gel che m'era intorno al cor ristretto,~ 205 Pu, 30, 127| Quando di carne a spirto era salita~ 206 Pu, 30, 128| bellezza e virtù cresciuta m'era,~ 207 Pu, 31, 3 | che pur per taglio m'era paruto acro,~ ~ 208 Pu, 31, 7 | Era la mia virtù tanto confusa,~ 209 Pu, 31, 57 | di retro a me che non era più tale.~ ~ 210 Pu, 31, 84 | l'altre qui, quand'ella c'era.~ ~ 211 Pu, 31, 134| era la sua canzone, «al tuo 212 Pu, 32, 92 | però che già ne li occhi m'era~ 213 Pu, 32, 107| d'i suoi comandamenti era divoto,~ 214 Pu, 32, 124| Poscia per indi ond'era pria venuta,~ 215 Pa, 1, 44 | tal foce, e quasi tutto era bianco~ 216 Pa, 1, 73 | S'i' era sol di me quel che creasti~ 217 Pa, 2, 37 | S'io era corpo, e qui non si concepe~ 218 Pa, 4, 9 | poi ch'era necessario, né commendo.~ ~ 219 Pa, 4, 11 | m'era nel viso, e 'l dimandar 220 Pa, 5, 113| m'era in disio d'udir lor condizioni,~ 221 Pa, 5, 132| più assai di quel ch'ell'era.~ ~ 222 Pa, 6, 15 | credea, e di tal fede era contento;~ ~ 223 Pa, 6, 19 | credetti; e ciò che 'n sua fede era,~ 224 Pa, 6, 59 | Isara vide ed Era e vide Senna~ 225 Pa, 6, 83 | fatto avea prima e poi era fatturo~ 226 Pa, 7, 32 | s'era allungata, unì a sé in persona~ 227 Pa, 7, 45 | in che era contratta tal natura.~ ~ 228 Pa, 8, 136| Or quel che t'era dietro t'è davanti:~ 229 Pa, 9, 8 | rivolta s'era al Sol che la riempie~ 230 Pa, 9, 22 | Onde la luce che m'era ancor nova,~ 231 Pa, 9, 66 | in che si mise com'era davante.~ ~ 232 Pa, 9, 67 | L'altra letizia, che m'era già nota~ 233 Pa, 10, 34 | e io era con lui; ma del salire~ 234 Pa, 10, 41 | quel ch'era dentro al sol dov'io entra' 235 Pa, 10, 49 | Tal era quivi la quarta famiglia~ 236 Pa, 10, 73 | e 'l canto di quei lumi era di quelle;~ 237 Pa, 11, 11 | con Beatrice m'era suso in cielo~ 238 Pa, 11, 14 | cerchio in che avanti s'era,~ 239 Pa, 11, 55 | Non era ancor molto lontan da l' 240 Pa, 12, 41 | provide a la milizia, ch'era in forse,~ 241 Pa, 12, 67 | e perché fosse qual era in costrutto,~ 242 Pa, 12, 69 | del possessivo di cui era tutto.~ ~ 243 Pa, 12, 114| sì ch'è la muffa dov'era la gromma.~ ~ 244 Pa, 13, 21 | circulava il punto dov'io era:~ ~ 245 Pa, 13, 92 | pensa chi era, e la cagion che 'l mosse,~ 246 Pa, 14, 31 | tre volte era cantato da ciascuno~ 247 Pa, 14, 68 | lustro sopra quel che v'era,~ 248 Pa, 14, 85 | Ben m'accors'io ch'io era più levato,~ 249 Pa, 14, 124| Ben m'accors'io ch'elli era d'alte lode,~ 250 Pa, 14, 135| e ch'io non m'era rivolto a quelli,~ ~ 251 Pa, 15, 107| non v'era giunto ancor Sardanapalo~ 252 Pa, 15, 109| Non era vinto ancora Montemalo~ 253 Pa, 15, 118| Oh fortunate! ciascuna era certa~ 254 Pa, 15, 120| era per Francia nel letto diserta.~ ~ 255 Pa, 16, 13 | onde Beatrice, ch'era un poco scevra,~ 256 Pa, 16, 26 | quanto era allora, e chi eran le genti~ 257 Pa, 16, 36 | s'alleviò di me ond'era grave,~ ~ 258 Pa, 16, 103| Grand'era già la colonna del Vaio,~ 259 Pa, 16, 107| era già grande, e già eran tratti~ 260 Pa, 16, 121| Già era 'l Caponsacco nel mercato~ 261 Pa, 16, 122| disceso giù da Fiesole, e già era~ 262 Pa, 16, 139| era onorata, essa e suoi consorti:~ 263 Pa, 16, 153| non era ad asta mai posto a ritroso,~ ~ 264 Pa, 17, 4 | tal era io, e tal era sentito~ 265 Pa, 17, 4 | tal era io, e tal era sentito~ 266 Pa, 17, 19 | mentre ch'io era a Virgilio congiunto~ 267 Pa, 18, 42 | e letizia era ferza del paleo.~ ~ 268 Pa, 18, 51 | qual era tra i cantor del cielo artista.~ ~ 269 Pa, 18, 71 | sfavillar de l'amor che era,~ 270 Pa, 18, 98 | era il colmo de l'emme, e 271 Pa, 19, 12 | quand'era nel concetto e 'noi' e ' 272 Pa, 19, 38 | de la divina grazia era contesto,~ 273 Pa, 21, 3 | da ogne altro intento s'era tolto.~ ~ 274 Pa, 21, 19 | Qual savesse qual era la pastura~ 275 Pa, 21, 22 | conoscerebbe quanto m'era a grato~ 276 Pa, 21, 82 | poi rispuose l'amor che v'era dentro:~ 277 Pa, 21, 124| Poca vita mortal m'era rimasa,~ 278 Pa, 22, 66 | ogne parte ove sempr'era,~ ~ 279 Pa, 23, 49 | Io era come quei che si risente~ 280 Pa, 23, 77 | tutto era pronto, ancora mi rendei~ 281 Pa, 23, 117| dov'io era, ancor non appariva:~ ~ 282 Pa, 28, 28 | e questo era d'un altro circumcinto,~ 283 Pa, 28, 35 | tardo si movea, secondo ch'era~ 284 Pa, 31, 38 | a l'etterno dal tempo era venuto,~ 285 Pa, 31, 57 | di che la mente mia era sospesa.~ ~ 286 Pa, 31, 61 | Diffuso era per li occhi e per le gene~ 287 Pa, 31, 109| tal era io mirando la vivace~ 288 Pa, 31, 135| era ne li occhi a tutti li altri 289 Pa, 33, 50 | io guardassi suso; ma io era~ 290 Pa, 33, 111| che tal è sempre qual s'era davante;~ ~ 291 Pa, 33, 132| l mio viso in lei tutto era messo.~ ~ 292 Pa, 33, 136| tal era io a quella vista nova:~


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License