Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Plinio Corrêa de Oliveira
Nobiltà ed élites tradizionali analoghe…

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

12. Il fatto che gli uomini siano uguali per natura non comporta che debbano occupare lo stesso posto nella vita sociale

 

Nell'Enciclica Ad Beatissimi (1/11/1914), Benedetto XV afferma:

 

“Di fronte a quelli che la sorte o la propria attività ha dotato di beni di fortuna, ci sono i           proletari, infuocati dall'odio per il fatto che, pur       partecipando alla stessa natura, tuttavia non godono della stessa condizione. Ovviamente, sedotti come sono dalle menzogne degli agitatori, alla cui influenza sogliono sottomettersi completamente, chi potrà persuaderli che gli uomini, per il solo fatto di essere uguali per natura, non è detto che debbano occupare gli stessi posti nella vita sociale, ma che, salvo circostanze avverse, ognuno occuperà il posto che ha ottenuto con la sua condotta? Così, poi, i poveri che lottano contro i ricchi come se questi avessero usurpato i beni altrui, agiscono non soltanto contro la giustizia e la carità, ma anche contro la ragione, soprattutto se teniamo presente che, se vogliono, possono migliorare la propria sorte con un'onorevole perseveranza nel lavoro. Non è necessario dichiarare quali e quanti pregiudizi trascinaseco questa rivalità fra le classi, tanto nei singoli individui quanto nella società in genere”. 226

 

 




226 Ibidem, vol. VI, n. 18, 18/11/1914, pp. 571-572.






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) Copyright 1996-2007 Èulogos SpA