Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Plinio Corrêa de Oliveira
Nobiltà ed élites tradizionali analoghe…

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

4. Famiglia, curia o fratria e tribù

 

“Lo studio delle antiche regole del diritto privato ci ha fatto intravedere, di dai tempi che si chiamano storici, una serie di secoli, durante i quali la famiglia fu la sola forma di società. Questa famiglia poteva allora contenere nel suo ampio seno molte migliaia di persone. Ma, dentro questi limiti, l'associazione umana era ancora troppo ristretta: troppo ristretta per i bisogni materiali, perché era difficile che questa famiglia bastasse a se stessa in tutte le circostanze della vita. (...)

“L'idea religiosa e la società umana dovevano ingrandirsi di pari passo.

“La religione domestica proibiva a due famiglie di mescolarsi e di fondersi insieme. Ma poteva darsi il caso che parecchie famiglie, senza sacrificar niente della loro religione particolare, si riunissero almeno per la celebrazione d'un altro culto che fosse loro comune. E così avvenne. Un certo numero di famiglie formarono un gruppo, che la lingua greca chiamò una fratria; la lingua latina, una curia. Esisteva, tra le famiglie d'uno stesso gruppo, un legame di nascita? È impossibile affermarlo. Ma è certo che questa nuova associazione non si formò senza un certo ampliarsi dell'idea religiosa. Nel momento stesso in cui s'univano, queste famiglie concepirono una divinità superiore alle loro divinità domestiche, che era comune a tutte e che vegliava sul gruppo intero; esse le elevarono un altare, le accesero il fuoco sacro e le istituirono un culto.

“Non vi era curiafratria, che non avesse il suo altare e il suo dio protettore: l'atto religioso era, in esse, della stessa natura che nella famiglia.

“Ogni fratria o curia aveva un capo, curione o fratriarca, la cui funzione principale era di presiedere ai sacrifici; forse le sue attribuzioni furono in origine più estese. La fratria aveva le sue assemblee, le sue deliberazioni, e poteva emettere decreti. In essa, come nella famiglia, esisteva un dio, un culto, un sacerdozio, una giustizia, un governo: era una piccola società modellata esattamente sulla famiglia.

“L'associazione continuò ad ingrandirsi naturalmente e nello stesso modo: parecchie curie o fratrie si raggrupparono e formarono una tribù.

“Questa nuova cerchia ebbe sempre la sua religione: in ogni tribù, vi fu un altare e una divinità protettrice. (...)

“La tribù, come la fratria, teneva assemblee ed emanava decreti, a cui tutti i suoi membri dovevano sottomettersi; aveva un tribunale e un diritto di giustizia su di essi; aveva un capo, tribunus, phylobasiléus”. 250

 

 




250 op. cit., Libro Terzo, pp. 135, 136-137, 139 e 140.






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) Copyright 1996-2007 Èulogos SpA