Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Plinio Corrêa de Oliveira
Nobiltà ed élites tradizionali analoghe…

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2. Accoglienza tributata dal popolo di Parigi al conte di Artois, al ritorno dall’esilio

 

Un'altra accoglienza festosa e entusiastica, fatta dal popolo di un'altra capitale europea ad un altro principe vittima della sventura - quella riservata dal popolo parigino al conte di Artois, futuro Re Carlo X, al ritorno dall'esilio - ben dimostra l'affetto con cui il popolo circondava i rappresentanti delle antiche dinastie legittime e paterne.

Ecco la narrata dall'eminente storico contemporaneo Georges Bordonove:

Monsieur fece la sua entrata solenne a Parigi il 10 aprile 1814, dalla porta di san Dionigi. Testimonia il barone di Frénilly: 'Non v'erano finestretetti sufficienti per contenere la moltitudine entusiasmata che diventava roca dalle grida. Tutto era ornato da bandiere, arazzi, tappeti, fiori, e tutti i fazzoletti sventolavano. Era uno spettacolo toccante'. (...)

“Il tempo era splendido. Il sole di aprile illuminava quella profusione di bandiere bianche, fiori, volti ridenti. (...) Ragazzi e giovani si aggrappavano ai cancelli; altri audaci, appollaiati sui tetti, agitavano i cappelli. Da ogni parte si fondevano spontaneamente le grida di: Vive le Roi! Vive Monsieur! A misura che ci si avvicinava al centro di Parigi, l'allegria aumentava, l'entusiasmo trasformavasi in delirio. Monsieur era realmente un bell'uomo! Manteneva un bel portamento, nonostante i suoi 57 anni! Indossava così bene la sua uniforme azzurra con fregi e dragoni di argento! Montava con tanta eleganza il suo magnifico cavallo bianco che gli era stato offerto! Aveva uno sguardo tanto fiero e allo stesso tempo così pieno di bontà! Rispondeva alle acclamazioni con tanta grazia! (...)

Era da tanto tempo che non si vedeva un vero Principe, affascinante e cavalleresco! In questo modo avanzava verso Notre-Dame. (...) Monsieur permetteva alla folla di avvicinarsi, di toccargli gli stivali, le staffe, il collo del suo cavallo. Questa audacia lo compiaceva. I marescialli dell'Impero lo seguivano. Alcuni gli si erano presentati con la coccarda tricolore. Altri non nascondevano la loro ostilità. Tutti erano ansiosi di conservare il loro posto. Monsieur li salutò. Poco a poco, essi finirono conquistati dall'euforia generale. L'agitazione, l'esclamazioni gioiose di quella folla ci sconcertavano. Non comprendevamo perché i parigini si entusiasmassero a tal punto per questo principe, uno sconosciuto per loro fino al giorno prima. Una misteriosa scintilla aveva elettrizzato i cuori. Era stato Monsieur ad accenderla. Egli aveva il dono di piacere, di sedurre tanto le folle quanto gli individui, oggi diremmo: aveva un carisma. Egli era talmente conforme all'immagine che ci si faceva di un principe, aveva tanta semplicità di portamento, e rifletteva anche la volontà suprema che non si apprende ma si eredita. (...)

“A fatica venne aperta la strada per lui fino a Notre-Dame, dove era previsto un Te Deum. Gli avvenimenti erano precipitati talmente che non ci fu tempo di decorare la cattedrale. Si vide che egli si inginocchiava e pregava con fervore. Ringraziava la Provvidenza per avergli concesso questa gioia di aver riportato la Francia al trono gigliato”. 259

Forse la scintilla che in questo modo si accendeva con l'entusiasmo dei parigini verso la monarchia legittima derivava dal fatto che essi partecipavano di questo sentimento, allora generale, genialmente espresso da Talleyrand nelle parole finali della lettera inviata al futuro Carlo X, dopo la prima abdicazione di Napoleone: “Nous avons assez de gloire, Monseigneur, mais venez, venez nous rendre l'honneur” [Abbiamo gloria in abbondanza, Monseigneur, ma venite, venite a renderci l'onore].

 




259 Les Rois qui on fait la France - Charles X, Ed. Pygmalion, Paris 1990, pp. 121-123.






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) Copyright 1996-2007 Èulogos SpA