Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IV Libro di Ezra

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

VI

 

[1] Mi disse: "All'inizio, prima ancora che ci fosse il globo terrestre, che esistessero le porte del mondo, che spirasse l'impeto dei venti, [2] che risuonasse il rumore dei tuoni, che balenasse la luce dei lampi, che venissero rese stabili le fondamenta del paradiso, [3] che apparisse la bellezza dei fiori, che si consolidasse la forza dei moti (celesti), che si raccogliessero le innumerevoli schiere degli angeli, [4] che si levassero le altezze dell'aere, che ricevessero un nome le zone del firmamento, che venisse destinato lo sgabello di Sion, [5] che fossero contati gli anni presenti, che venissero respinte le trame di coloro che ora peccano, e che fossero sigillati coloro che hanno accumulato tesori di fede - [6] (già) allora io pensavo a questo; queste cose vennero fatte attraverso me, e non attraverso altri, così come la fine verrà attraverso di me, e non attraverso altri!".

[7] Risposi e dissi: "Quale sarà la divisione delle epoche? Quando la fine della prima, o l'inizio della seconda?".

[8] Mi disse: "Da Abramo a Abramo; perché da Abramo nacque Isacco, e da Isacco nacquero Giacobbe ed Esaù, ma fin dall'inizio la mano di Giacobbe teneva il tallone di Esaù; [9] la fine di questa epoca è Esaù, e l'inizio della successiva è Giacobbe, [10] perché l'inizio dell'uomo è la sua mano, e il termine è il tallone; ma fra mano e tallone non cercare nient'altro, o Ezra!".

[11] Risposi e dissi: "O Signore e padrone, se ho trovato favore davanti ai tuoi occhi, [12] mostra al tuo servo la fine dei tuoi segni, che mi hai mostrato in parte in una delle notti precedenti".

[13] Mi rispose e mi disse: "Alzati in piedi, e sentirai una voce piena e sonante. [14] E se accadrà che, quando (essa) parlerà con te, quel luogo sopra cui ti trovi venga scosso violentemente, [15] tu non devi aver paura, perché si sta parlando della fine, e le fondamenta della terra capiranno [16] che si sta parlando proprio di loro; tremeranno e si scuoteranno, perché sanno che alla loro fine si verificherà un mutamento".

[17] Accadde allora che, udito ciò, io mi alzassi in piedi, e prestassi ascolto: ed ecco una voce che parlava, con un suono simile a quello di molte acque, [18] e disse: "Ecco, vengono i giorni, ed accadrà che, quando dovrò avvicinarmi a visitare gli abitanti della terra, [19] o quando dovrò chiedere conto a quelli che fecero del male con la loro empietà, quando l'umiliazione di Sion sarà completa, [20] e quando l'età che deve passare sarà sigillata, allora io darò questi segni: verranno aperti i libri di fronte al firmamento, e tutti vedranno nello stesso tempo; [21] i bambini di un anno parleranno con la loro voce, le donne incinte partoriranno figli immaturi di tre o quattro mesi, che vivranno e saltelleranno, [22] i luoghi seminati d'improvviso appariranno non seminati, e i granai pieni d'improvviso verranno trovati vuoti, [23] la tromba squillerà alta, e quando tutti la udranno d'improvviso si impauriranno [24] In quel tempo accadrà che gli amici faranno guerra agli amici, come se fossero nemici, la terra si spaventerà assieme a coloro che la abitano, e la vena delle fonti si fermerà, e non scorrerà per tre ore. [25] Accadrà però che chiunque sarà rimasto, di tutti quelli di cui prima ti ho detto, sarà salvato, e vedrà la mia salvezza e la fine del mio mondo. [26] Costoro vedranno gli uomini che sono stati accolti (nell'aldilà) e che fin dalla loro nascita non hanno mai assaggiato la morte. Il cuore degli abitanti della terra verrà cambiato, e sarà mutato in un altro spirito; [27] infatti il male verrà distrutto, e la frode si estinguerà, [28] mentre la fedeltà fiorirà, la corruzione sarà vinta, ed apparirà la verità, che era rimasta senza frutto per tanto tempo".

[29] Accadde che, mentre parlava con me, il luogo su cui stavo sopra si muovesse a poco a poco. [30] Egli mi disse: "Queste cose sono venuto a mostrarti, + così come la notte passata +. [31] Perciò, se lo chiederai di nuovo, e di nuovo digiunerai per sette giorni, ti rivelerò di nuovo cose ancora più grandi di queste, [32] perché certo la tua voce è stata udita presso l'Altissimo, dal momento che il Forte ha visto la tua rettitudine, e ha ben notato la castità che hai mantenuto fin dalla tua giovinezza. [33] E' per questo che mi ha mandato a mostrarti tutte queste cose, e a dirti: "Confida, e non temere; [34] non darti troppa pena a pensare invano ai tempi passati, che tu non debba poi affrettarti troppo negli ultimi!".

 

 

 

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License