L'amante militare
    Atto, Scena
1 1, 1| vi supplico a ritirarvi.~ALON. Perché, adorata Rosaura, 2 1, 1| essere da mio padre sorpresa.~ALON. Il signor Pantalone è un 3 1, 1| grazie, cortesie e vantaggi.~ALON. Il signor Pantalone ha 4 1, 1| invidia della mia fortuna.~ALON. Ebbene, si deludano i nostri 5 1, 1| nemici.~ROS. In qual guisa?~ALON. Rendendo pubblico il nostro 6 1, 1| rendermi pienamente contenta.~ALON. Che vorreste di più, mia 7 1, 1| concludere le nostre nozze.~ALON. Prevengasi dunque ogni 8 1, 1| il piacere d’avervi meco?~ALON. Terminata la guerra, verrete 9 1, 1| avrò un momento di bene.~ALON. Parlasi con fondamento 10 1, 2| condurlo nel vostro quarto.~ALON. Don Garzia, favorite di 11 1, 2| soggezione l’uno dell’altro.~ALON. Ebbene, che mi dovete voi 12 1, 2| Oh me infelice!) (da sé)~ALON. Perché sull’armi di sera?~ 13 1, 2| ROS. (Oh cielo!) (da sé)~ALON. Eh! se l’inimico saprà 14 1, 2| Don Alonso... (sospirando)~ALON. Via, serenatevi... non 15 1, 2| disponetevi alla partenza.~ALON. La marcia non è per ora.~ 16 1, 2| vostri amici vi attendono.~ALON. A far che?~GAR. A giocare, 17 1, 2| quartiere accadute ci sono.~ALON. Dispensatemi; già lo sapete, 18 1, 2| pari.~ROS. Don Alonso...~ALON. Don Garzia, troppo arditamente 19 1, 2| dicano delle impertinenze.~ALON. Voi l’avete ingiuriata, 20 1, 2| voi vi avanzate troppo.~ALON. Sì, troppo vi avanzate. 21 1, 2| cotanto per una scioccherella?~ALON. Don Garzia, venite fuori 22 1, 3| ROS. Ah, don Alonso...~ALON. Lasciatemi.~ROS. Deh, se 23 1, 3| ROS. Deh, se mi amate...~ALON. Lasciatemi, dico.~ROS. 24 1, 3| ROS. La vostra vita...~ALON. È difesa dalla mia spada.~ 25 1, 3| cieli! Non vi cimentate.~ALON. L’onor mio... l’onor vostro...~ 26 1, 3| può ripararsi altrimenti?~ALON. Vuò lavarne la macchia 27 1, 3| Potete spargere il vostro.~ALON. Si sparga, ma si vendichi 28 1, 3| l’onta.~ROS. No, caro...~ALON. Ah!... Rosaura... trattenere 29 1, 7| Don Alonso e detti.~ ~ALON. Che cosa c’è, signor Pantalone?~ 30 1, 7| accidente, e no la pol revegnir.~ALON. Povera signora Rosaura! 31 1, 7| poco)~PANT. Oe? la revien.~ALON. Animo, signora Rosaura.~ 32 1, 8| don Alonso e Pantalone~ ~ALON. Via, signora Rosaura, fatevi 33 1, 8| battuto? (a don Alonso)~ALON. Sì.~PANT. Cossa xe stà, 34 1, 8| Siete ferito? (a don Alonso)~ALON. No.~PANT. Te sentistu altro?~ 35 1, 8| è ferito? (a don Alonso)~ALON. Sì.~ROS. Oimè!~PANT. Cossa 36 1, 8| Alonso, di voi che sarà?~ALON. Non temete, non sarà nulla.~ 37 1, 8| me xe stà dito). (da sé)~ALON. (Non vi affliggete, cara. 38 1, 8| paroletta. (a don Alonso)~ALON. Eccomi a’ vostri cenni.~ 39 1, 8| dar man.~ROS. Oh cielo!~ALON. Via, signora Rosaura, fatevi 40 1, 9| che stando in casa mia...~ALON. Signore, so quel che volete 41 1, 9| posso dirghe né sì, né no.~ALON. Favorite dirmi che obbietti 42 1, 9| maridarla con un militar.~ALON. Terminata la presente guerra, 43 1, 9| militar, parleremo de mia fia.~ALON. Ah no, signor Pantalone; 44 1, 9| fazza la mia povera putta?~ALON. Tornando in libertà, potrà 45 1, 9| restasse con un putello?~ALON. Sarà l’erede de’ miei beni.~ 46 1, 9| no vorave che un zorno...~ALON. Come! Si mette in dubbio 47 1, 9| alfier, no la se scalda...~ALON. Non mi toccate nell’onor 48 1, 9| Finalmente bisogna considerar...~ALON. Non mi levate il cuore 49 1, 9| figlia.~PANT. Donca la vol...~ALON. Non la voglio, ve la chiedo.~ 50 1, 9| Ma se ghe la negasse...~ALON. Con che ragione negarla? 51 1, 9| almanco che parla con mia fia.~ALON. Parlate: è giusto. E s’ 52 1, 10| parlarvi. (a don Alonso)~ALON. Sono a’ vostri comandi.~ 53 1, 10| Bondì a vossustrissima.~ALON. Signor Pantalone, ci siamo 54 1, 11| per cui son qua venuto?~ALON. Me la immagino. Voi siete 55 1, 11| ad intimarvi l’arresto.~ALON. L’arresto? Per qual motivo?~ 56 1, 11| lo avete anche ferito.~ALON. Egli mi ha provocato.~SANC. 57 1, 11| mette a repentaglio l’onore.~ALON. Difender le donne è azione 58 1, 11| rendetela alle mie mani.~ALON. Eccola. (gli la spada, 59 1, 11| SANC. Andate in arresto.~ALON. Obbedisco. (vuol partire)~ 60 1, 11| SANC. Dove v’incamminate?~ALON. Alle mie camere.~SANC. 61 1, 11| in questa casa arrestato.~ALON. Come? In arresto fuori 62 1, 11| Dovete passar nel mio.~ALON. Per qual ragione?~SANC. 63 1, 11| lo destina per carcere.~ALON. Ah don Sancio! quest’è 64 1, 11| SANC. Obbedite al comando.~ALON. Bene; verrò innanzi sera.~ 65 1, 11| SANC. Ora dovete andarvi.~ALON. Come! così si trattano 66 1, 11| immediatamente alla mia.~ALON. Andate, ch’io vi seguo.~ 67 1, 11| SANC. No, precedetemi.~ALON. Lasciatemi congedare da’ 68 1, 11| Pantalone le vostre parti.~ALON. Ma... il mio bagaglio?~ 69 1, 11| ne prenderò cura. Andate.~ALON. Questa è una crudeltà.~ 70 1, 11| in me avrete un nemico.~ALON. Ah don Sancio, abbiate 71 1, 11| può esser caro l’onore.~ALON. (Ah, pazienza! Rosaura, 72 2, 8| insieme, e tornerete amici.~ALON. Vado ad allestirmi per 73 2, 8| la partenza.~SANC. Dove?~ALON. Al mio quartiere.~SANC. 74 2, 8| sia il vostro quartiere?~ALON. Non è la casa del signor 75 2, 8| sono alla locanda del Sole.~ALON. Perché questa mutazione?~ 76 2, 8| occasione di far all’amore.~ALON. L’amore non m’impedisce 77 2, 8| però cimentar colla spada.~ALON. A ciò m’astrinsero le impertinenze 78 2, 8| Originate dalla vostra passione.~ALON. Dite più tosto dalla sua 79 2, 8| tardare a suonar il rappello.~ALON. Con vostra permissione; 80 2, 8| compagnia.~SANC. Dove andate?~ALON. Concedetemi un quarto d’ 81 2, 8| dove indirizzate i passi.~ALON. Ve lo dirò.~SANC. Avvertite 82 2, 8| ingannarmi, che saprò il vero.~ALON. Capace non son io d’ingannarvi. 83 2, 8| nelle tenerezze d’amore?~ALON. Alle battaglie non ho bisogno 84 2, 8| parlate con troppo ardire.~ALON. Perdonate la mia sincerità.~ 85 2, 8| dell’amore di vostro zio.~ALON. Un capitano che zio non 86 2, 8| preme la vostra gloria.~ALON. Perdonatemi, preme a me, 87 2, 8| mostrate curarla poco.~ALON. Posso compromettermi della 88 2, 8| Questa è una presunzione.~ALON. Il tempo passa, e lo perdo 89 2, 8| precipitatevi, se volete.~ALON. No, non lo temete. Son 90 2, 14| Don Alonso e detta.~ ~ALON. Rosaura, idolo mio.~ROS. 91 2, 14| Consolatemi, per pietà.~ALON. Se basta la fede mia a 92 2, 14| in piedi. (Alonso siede)~ALON. Se basta la mia fede, eccomi 93 2, 14| e la mia morte è sicura.~ALON. No, cara, non temete che 94 2, 14| prometto di vivere lungamente.~ALON. Deh, non mi avvilite con 95 2, 14| della gloria invaghito!~ALON. Ah no, Rosaura, non vi 96 2, 14| consolatemi, se potete.~ALON. Altro non posso dirvi, 97 2, 14| alla forza del mio dolore.~ALON. Eccola, mia vita, eccola 98 2, 14| renda vincitrice e gloriosa.~ALON. Addio, Rosaura.~ROS. Deh, 99 2, 14| mi abbandonatetosto.~ALON. Volano i momenti, e il 100 2, 14| trattenetevi, per pietà.~ALON. Sì, idolo mio, giacché 101 2, 14| adora. (si sente il tamburo)~ALON. (Si alza e si pone il cappello 102 2, 14| capo)~ROS. Oimè! partite?~ALON. Sì. Addio.~ROS. Fermatevi.~ 103 2, 14| Addio.~ROS. Fermatevi.~ALON. L’onor mio nol consente.~ 104 2, 14| consente.~ROS. Un momento.~ALON. Addio. (va per partire)~ ~ ~ ~ 105 2, 15| porterà per voi la bandiera?~ALON. Io farò il mio dovere. ( 106 2, 15| vostra bella. (l’impedisce)~ALON. Liberate il passo. (tenta 107 2, 15| ancora un poco. (come sopra)~ALON. Eh, giuro al cielo! ( 108 3, 6| Don Alonso e dette.~ ~ALON. Si può venire?~ROS. Eccolo, 109 3, 6| Quanti morti? Quanti feriti?~ALON. Tutti sani, per grazia 110 3, 6| BEAT. Non avete combattuto?~ALON. No, signora.~BEAT. Mi pare 111 3, 6| sono ritirati, non è vero?~ALON. Oibò; v’ingannate.~COR. 112 3, 6| hanno alzato la gambetta.~ALON. Voi pensate male.~ROS. 113 3, 6| siete tornati indietro?~ALON. Sei miglia di qua lontano 114 3, 6| nessuno morto, nessuno ferito?~ALON. Signora no.~BEAT. Mi pare 115 3, 6| gl’inimici si ritiravano.~ALON. Eh, pensate voi se tai 116 3, 6| contenesse il dispaccio?~ALON. Non si sa.~BEAT. L’attacco 117 3, 6| che guarda la montagna.~ALON. Non è possibile. Il generale 118 3, 6| voi resterete in città.~ALON. Ho paura di no.~ROS. Per 119 3, 6| ROS. Per qual ragione?~ALON. Il nostro reggimento sarà 120 3, 6| miserabile è mai la mia!~ALON. Soffrite, anima mia. Il 121 3, 6| scommetto l’osso del collo.~ALON. Voi siete un’impertinente.~ 122 3, 6| alloggiare in mia casa?~ALON. Don Garzia me l’ha usurpata. 123 3, 7| di voi andava in traccia.~ALON. Eccomi, che volete da me?~ 124 3, 7| fattomi in questa casa.~ALON. Son pronto a darvela.~BEAT. 125 3, 7| Beatrice)~ROS. Don Alonso...~ALON. Cara Rosaura, se ricuso 126 3, 7| sbudellano qui). (da sé, parte)~ALON. Usciamo di questa casa.~ 127 3, 8| ricorrete contro di don Garzia.~ALON. Il mio giudice è la mia 128 3, 13| Don Alonso e detto.~ ~ALON. Don Garzia, parlatemi chiaro. 129 3, 13| la pretendo, e la voglio.~ALON. Andiamo dove volete.~GAR. 130 3, 13| Alò, di qui non si esce.~ALON. E volete battervi in questa 131 3, 13| scelta del luogo e dell’armi.~ALON. Dell’armi? Non volete battervi 132 3, 14| poi con ammirazione parte)~ALON. Dove son le pistole?~GAR. 133 3, 14| esaminatele, e caricate la vostra.~ALON. Sono due belle canne. Gli 134 3, 14| caricando la pistola)~ALON. Più flemmatico, signor 135 3, 14| sua)~GAR. Vi abbrucerò.~ALON. Siamo in due, signor tenente.~ 136 3, 14| Non siete degno di vivere.~ALON. Io ho caricato.~GAR. Voglio 137 3, 14| la porta. (va a chiudere)~ALON. Prendiamo i posti.~GAR. 138 3, 14| due sedie, in distanza)~ALON. Cielo, aiutami.~GAR. (Tira, 139 3, 14| e di dentro non prende)~ALON. La vostra vita è nelle 140 3, 14| montata)~GAR. Tirate il colpo.~ALON. No, vi dono la vita; e 141 3, 15| questa porta.~ROS. Aprite.~ALON. È atto d’inciviltà negar 142 3, 15| Oimè! Che mai è accaduto?~ALON. Se volete sapere il vero, 143 3, 15| quello strepito di pistola?~ALON. Fu uno scherzo, fu una 144 3, 15| sicura la vostra partenza?~ALON. Dubito che sia indispensabile.~ 145 3, 15| mi date che triste nuove.~ALON. Vorrei potervene dare delle 146 3, 15| ROS. Quando sarete mio?~ALON. Già ve lo dissi, terminata 147 3, 16| via: ma bisogna che tasa.~ALON. Io non sono venuto in casa 148 3, 16| mi cossa ghoggio dito?~ALON. Voi non mi avete messo 149 3, 16| marciar colla compagnia.~ALON. Per dove, signore?~SANC. 150 3, 16| ha pubblicata la pace.~ALON. La pace?~GAR. La pace?~ 151 3, 16| osso del collo). (da sé)~ALON. Ah don Sancio, mio amorosissimo 152 3, 16| casa, e pel vostro valore.~ALON. Che mi parlate di avanzamento, 153 3, 16| ostacolo alla vostra felicità.~ALON. Cara Rosaura, sarete mia.~ 154 3, 16| Caro padre, abbiate pietà.~ALON. Ve la chiedo colla maggior 155 3, 16| che me contento anca mi.~ALON. Deh, amorosissimo zio, 156 3, 16| come amico vi abbraccio.~ALON. Deh signore zio, risparmiate 157 3, 17| BEAT. Ingratissimo uomo!~ALON. Cara Rosaura, voi sarete 158 3, 17| che l’alfier si mariti.~ALON. Egli non può violentare 159 3, 18| dopo che i m’ha mazzà.~ALON. Servi il tuo padrone con 160 3, 18| misericordia. (fugge via)~ALON. Oimè, le truppe marciano.~ 161 3, 18| Fermatevi, non andate.~ALON. Devo assicurarmi della 162 3, 20| Don Alonso e detti.~ ~ALON. Signore. (al Generale)~ 163 3, 20| Non volete più servire?~ALON. Vi supplico del mio congedo.~ 164 3, 20| avanzamento, non il congedo.~ALON. Altri vi sono più di me 165 3, 20| meritevoli.~GEN. Pensateci.~ALON. Vi ho pensato, signore.~ 166 3, 20| pensato, signore.~GEN. Ebbene?~ALON. Vi supplico per la mia 167 3, 20| libertà.~GEN. Amor vi seduce.~ALON. È troppo amabile un tal 168 3, 20| seduttore.~GEN. Vi pentirete.~ALON. Pazienza.~GEN. Vostro zio 169 3, 20| piange la vostra perdita.~ALON. Piangerei più di lui, s’ 170 3, 20| cuore.~GEN. Siete giovine.~ALON. È vero.~GEN. Non avete 171 3, 20| avete imparato a pensare.~ALON. Imparerò col tempo.~GEN. 172 3, 20| tempo.~GEN. Sarà tardi.~ALON. Pazienza.~GEN. Avete fissato?~ 173 3, 20| Pazienza.~GEN. Avete fissato?~ALON. Sì, signore.~GEN. Bene, 174 3, 20| Bene, siete in libertà.~ALON. Deh, permettetemi... (gli 175 3, 21| don Alonso, sarete mio?~ALON. Sì, son vostro. Eccovi 176 3, 22| BEAT. Don Garzia è partito?~ALON. Sì, è partito.~ROS. E don 177 3, 22| terno al lotto. (a Rosaura)~ALON. Sì, adorata Rosaura, finalmente La vedova scaltra Atto, Scena
178 1, 1 | versa del vino a tutti) Alon: Viva madama Rosaura.~Mil. 179 1, 13 | Pan. Quando vol‚.~Mon. Alon: chi ha tempo, non aspetti
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License