La bancarotta, o sia il mercante fallito
    Atto, Scena
1 1, 4| mistieri ghe vol fortuna.~SMER. Caro signor Truffaldino, 2 1, 4| lassa un'ora de libertà.~SMER. Eh, bricconcello, lo so 3 1, 4| TRUFF. No, da putto onorato.~SMER. Zitto, non bestemmiare. 4 1, 4| vecchio a una forestiera.~SMER. Sì, sì, la conosco. So 5 1, 4| che no parla con nissun...~SMER. Oh, non vi è pericolo.~ 6 1, 4| de volergheli restituir.~SMER. Oh, è difficile che li 7 1, 4| restituisca.~TRUFF. Perché?~SMER. I danari che si prestano 8 1, 4| che la se mova a pietà.~SMER. Pietà in una donna di quel 9 1, 4| Vittoria al sior Leandro?~SMER. Non fa che pensare a lui 10 1, 4| lu l'è deventà poveromo?~SMER. Lo compatisce e sa che 11 1, 4| mario no la lo vorrà più.~SMER. Questo non so dirti. Ella 12 1, 4| cossa disela de Truffaldin?~SMER. Io dico che Truffaldino 13 1, 4| anca elo l'è senza bezzi.~SMER. No, perché non viene a 14 1, 4| quel satiro del to patron.~SMER. Che cosa c'entra in questo 15 1, 5| el vedo, el me fa paura.~SMER. Fa così: passa di qui dopo 16 1, 5| padrone è fuori di casa.~SMER. (Povera me!) (da sé)~TRUFF. 17 1, 5| so finezze. (al Dottore)~SMER. Con sua licenza. (fa una 18 3, 16| bacio umilmente la mano.~SMER. Signori, già che Truffaldino 19 3, 16| che le portava del suo.~SMER. Così è, in coscienza mia.~ 20 3, 16| ella dice avere del nostro.~SMER. Oh, che siate mille volte 21 3, 16| cognossemo che è qualche tempo.~SMER. Sì, caro Brighella, se 22 3, 16| ha fatto la tua padrona.~SMER. Brighella, dammi la mano.~ 23 3, 16| sempre con egual felicità.~SMER. Oh signora, non vi è pericolo L'uomo di mondo Atto, Scena
24 1, 13| Dov'et stada fin adesso?~SMER. No vedè, dove che son stada? 25 1, 13| vadagna a far el facchin?~SMER. Ghe xe dei facchini, che 26 1, 13| sfadigarme, come che fa costori.~SMER. Perché un porco.~TRUFF. 27 1, 13| gnente da magnar in casa?~SMER. Gnente affatto.~TRUFF. 28 1, 13| polito! che donna de garbo!~SMER. E ti cossa m'astu portà? 29 1, 13| dito, che i m'abbia pagà?~SMER. Siguro che i t'ha pagà.~ 30 1, 13| ho zogà, e che ho perso?~SMER. I m'ha anca dito, che ti 31 1, 13| Sorella, no me abbandonar.~SMER. Strussio co fa una cagna, 32 1, 13| Sorella, no me abbandonar.~SMER. Come voleu che fazza a 33 1, 13| abbandonar, cara sorella.~SMER. A far la lavandera al 34 1, 13| sfadigarte per cussì poco.~SMER. Cossa magneressimo, se 35 1, 13| gh'ho più giudizio de ti.~SMER. Mi anca qualche volta lasseria 36 1, 13| galline, che no fazza el vovo.~SMER. In quanto a ti, no ti pensi 37 1, 13| trovo el meio de questo.~SMER. E ti voressi trovar in 38 1, 13| a tola in conversazion.~SMER. E che i galantomeni porta.~ 39 1, 13| porta, se ghe sera la porta.~SMER. E mi me vôi maridar.~TRUFF. 40 1, 13| Sorella, no me abbandonar.~SMER. E se sior Lucindo me vol, 41 1, 13| gnente, qua nol ghe vegnirà.~SMER. Chi comanda in sta casa, 42 1, 13| volta ti, qualche volta mi.~SMER. Quando xela sta qualche 43 1, 13| no i porta, comando mi.~SMER. Tocco de matto. Senti che 44 1, 13| mai gnente. (va a vedere)~SMER. Magari che sior Lucindo 45 1, 13| ghel voio dir). (da sé)~SMER. Chi ha battù?~TRUFF. Un 46 1, 13| che domandava la carità.~SMER. Senti che i torna a batter.~ 47 1, 13| musica. (torna a vedere)~SMER. M'ha dito sior Momolo, 48 1, 13| vol andar via). (da sé)~SMER. Sta volta chi giera?~TRUFF. 49 1, 13| Uno che ha fallà la porta.~SMER. Che no sia qualcun che 50 1, 13| l'averave lassà vegnir.~SMER. I torna a batter.~TRUFF. 51 1, 13| TRUFF. Lassa che i batta.~SMER. Voggio andar a veder mi.~ 52 1, 13| veder mi.~TRUFF. Anderò mi.~SMER. No, no, voggio andar mi. ( 53 1, 14| Smeraldina, Truffaldino~ ~SMER. Poveretto, i l'ha fatto 54 1, 14| vero che non mi volete?~SMER. Chi dise sta cossa? me 55 1, 14| io non vi do soggezione.~SMER. Eh gnente, caro fio29, 56 1, 14| niente da dargli) (da sé).~SMER. Lassè che el diga, no ghe 57 1, 14| dame d'andar a spender.~SMER. Vustu taser, tocco de desgrazià?~ 58 1, 14| senza bezzi in scarsela?~SMER. Voleu taser, o voleu che 59 1, 14| vegniu da me sorella, patron?~SMER. Debotto ti me fa andar 60 1, 14| LUC. Così mi scacciate?~SMER. E mi voggio che el staga 61 1, 14| rispetto di Smeraldina.~SMER. Sì, caro fio, soffrilo 62 1, 14| farghe perder le so fortune.~SMER. Lassè che el diga. Vegnighe, 63 1, 14| Voi mi volete precipitare.~SMER. No femo strepiti, che se 64 1, 14| LUC. Me ne anderò dunque.~SMER. (Andè, e tornerè co no 65 1, 15| Smeraldina, poi Momolo~ ~SMER. Aveu mo fatto una bella 66 1, 15| e no ve fe svergognar.~SMER. ben deventà un omo de 67 1, 15| veder chi è. (va a vedere)~SMER. Se el crede de comandar, 68 1, 15| un galantomo che merita.~SMER. (Con questo el se contenta, 69 1, 15| Smeraldina, no me saludè gnanca?~SMER. Sior sì, l'ho reverida.~ 70 1, 15| Smeraldina, senteve qua.~SMER. (Bisogna che finza per 71 1, 15| la me fa più servizio.~SMER. (In sta maniera el deventa 72 1, 16| Smeraldina e Momolo~ ~SMER. (I ducati gh'ha sta bella 73 1, 16| xe che no vedè Lucindo?~SMER. Mi sior Lucindo? No so 74 1, 16| mondo.~MOM. Me posso fidar?~SMER. Oh, la pol star co i so 75 1, 16| ditto che el ghe vien da vu.~SMER. Male lengue, sior Momolo; 76 1, 16| ha ditto vostro fradello?~SMER. (Oh che baron!) Come lo 77 1, 16| amicizia e schiettezza de cuor.~SMER. In materia de sincerità, 78 1, 16| fazza morir dalla fame.~SMER. Certo che se posso cavarme 79 1, 16| lavandera cossa podeu vadagnar?~SMER. Gnanca la polenta da cavarse 80 1, 16| che ve dasse dell'utile.~SMER. Cossa mai poderavio far?~ 81 1, 16| doveressi imparar a ballar.~SMER. E po?~MOM. E po far el 82 1, 16| tempo, le se fa pagar ben.~SMER. Co avesse da andar sul 83 1, 16| compagnia de monsù Giandussa.~SMER. In verità, sior Momolo, 84 1, 16| co la scuffia e co i nei?~SMER. Me burlerali?~MOM. Per 85 1, 16| come che ha fatto le altre.~SMER. Sior Momolo sarà el mio 86 1, 16| chi gh'ha fatto del ben.~SMER. Oh, mi no ghpericolo 87 1, 16| pegorina38 che stomega.~SMER. Se fusse in sto caso, che 88 1, 16| che v'insegna a ballar?~SMER. Per mi son qua; vardè pur 89 1, 16| trovarlo, e vel meno qua.~SMER. Poveretta mi! come faroggio 90 1, 16| insegnerò el pantominio.~SMER. Coss'ela sta roba? Mi no 91 1, 17| DICIASSETTESIMA~ ~Smeraldina sola~ ~SMER. La sarave mo ben da rider, 92 2, 11| Smeraldina e Lucindo~ ~SMER. Caro Lucindo, abbiè un 93 2, 11| mi fa morire di gelosia.~SMER. Se fussi in stato de sposarme, 94 2, 11| ballarina.~LUC. Tanto peggio...~SMER. Tanto meggio, che sarò 95 2, 11| padrone di casa vostra.~SMER. Giusto! figureve! Lassè 96 2, 11| trovarmi io in un impegno...~SMER. I batte. Lassè che vaga 97 2, 11| verso di quel galantuomo...~SMER. Presto, scondeve, che xe 98 2, 11| Eccomi in un altro imbarazzo.~SMER. Scondeve, e no abbiè paura.~ 99 2, 11| ritira in un'altra stanza)~SMER. Se arrivo a ballar, so 100 2, 12| MOM. Son qua, fia mia.~SMER. Caro Momolo, ve fe molto 101 2, 12| più visto sior Lucindo?~SMER. Oh, nol ghe vien più in 102 2, 12| quarti co fa un polastro.~SMER. Fideve de mi, ve digo. 103 2, 12| farve far anca un padedù.~SMER. Un padedù! Cossa xelo sto 104 2, 12| e col so bel pantomimo.~SMER. E el pantomim? cossa vorlo 105 2, 12| se capisse una maledetta.~SMER. E mi mo le saveroggio far?~ 106 2, 12| i sonetti coi colombini.~SMER. Sior Momolo, basta cussì, 107 2, 12| aneletto, che ve lo dono.~SMER. Oh co bello! grazie, sior 108 2, 13| Vardè mo qua sto galantomo.~SMER. Chi xelo quell'omo?~TRUFF. 109 2, 13| abiti da vestirme da monsù.~SMER. E chi pagherà?~TRUFF. El 110 2, 13| vuol andare dov'è Lucindo)~SMER. Eh n'importa, caro vu; 111 2, 13| la creanza. (come sopra)~SMER. Sior no...~TRUFF. Siora 112 2, 13| va nella stanza suddetta)~SMER. (Oh poveretta mi!) (da 113 2, 13| qualche contrabando drento?~SMER. Me maraveggio dei fatti 114 2, 13| suddetta, parla con Lucindo)~SMER. Con chi parleu? (a Truffaldino)~ 115 2, 13| timoroso, e saluta Momolo)~SMER. Qua, sior Lucindo? Sconto 116 2, 13| la vorli pettar?) (da sé)~SMER. Sior Momolo, no credo mai 117 2, 13| uomo, e parte con esso lui)~SMER. Andeu via?~MOM. Vago via.~ 118 2, 13| Andeu via?~MOM. Vago via.~SMER. Tornereu?~MOM. Tornerò.~ 119 2, 13| Tornereu?~MOM. Tornerò.~SMER. Me voleu ben?~MOM. Eh, 120 2, 13| galiotta, te cognosso. (parte)~SMER. El dise che el me cognosse, 121 3, 6| Smeraldina e Lucindo~ ~SMER. Stemo un poco in allegria 122 3, 6| diavolo di vostro fratello.~SMER. Se el vegnirà, lo sentiremo. 123 3, 6| fratello, se ci vede mangiare?~SMER. Cossa porlo dir? Magnemio 124 3, 6| da impegnare, povero me!~SMER. Vardè che casi! l'anello 125 3, 6| dato? Il signor Momolo?~SMER. Sì ben, Momolo me l'ha 126 3, 6| sarò in caso di regalarvi.~SMER. Me basta che me voggiè 127 3, 6| impegnare un vostro anelletto.~SMER. Mo via, fenila; no parlè 128 3, 6| non anderanno sempre così.~SMER. Sentì sto potacchietto 129 3, 6| che fate voi, è squisito.~SMER. Disè, Lucindo, me sposereu?~ 130 3, 7| fazza.~LUC. L'ho detto.~SMER. Chi v'ha averto la porta?~ 131 3, 7| TRUFF. L'ho averta mi.~SMER. Senza chiave? Come aveu 132 3, 7| e ho averto, patrona.~SMER. Caspita, donca bisogna 133 3, 7| insegnà la maniera de trattar?~SMER. E cussì? cossa diressi? 134 3, 7| che se magna senza de mi.~SMER. Via, sentève, e magnè anca 135 3, 7| che se staga allegramente.~SMER. Mio fradello po, el xe 136 3, 8| LUC. Povero me! (si alza)~SMER. (Si alza, subito che lo 137 3, 8| musi su la povera zoventù.~SMER. Coss'è, sior? cossa voressi 138 3, 8| averta, e son vegnù avanti.~SMER. L'averè averta col cortelo, 139 3, 8| Che dite voi, Smeraldina?~SMER. A mi me domandè? cossa 140 3, 8| LUC. Addio, Smeraldina.~SMER. Bon viazo.~LUC. (Che crudeltà! 141 3, 8| io a coltivarla). (da sé)~SMER. (Me despiase; ma bisogna 142 3, 9| Momolo e Smeraldina~ ~SMER. Bravo; avè fatto ben. ( 143 3, 9| no te cognossa.) (da sé)~SMER. Sto ballarin l'aveu gnancora 144 3, 9| bezzi e no faremo gnente.~SMER. Per cossa?~MOM. Perché 145 3, 9| vu gh'averè i ossi duri.~SMER. Vardè che sesti! Songio 146 3, 9| anni.~MOM. Colla fodra.~SMER. De botto me fe vegnir suso 147 3, 9| instizzè, che vegnirè verde.~SMER. Se no imparo a ballar, 148 3, 9| vegnì in età de desmetter.~SMER. Ma cossa faroggio donca?~ 149 3, 9| donca?~MOM. La lavandera.~SMER. Adesso vedo el ben che 150 3, 9| MOM. Povera innocentina!~SMER. Per causa vostra ho lassà 151 3, 9| dasseno, ma no posso pianzer.~SMER. Co vegnì per burlar, andè 152 3, 9| No ve scaldè el sangue.~SMER. Tante promesse che m'avè 153 3, 9| mio debito, da galantomo.~SMER. Eh, caro sior Momolo, credeu 154 3, 9| MOM. Mi no digo sta cossa.~SMER. Cossa aveu speso da mi? 155 3, 9| giudizio, averave fatto de più.~SMER. Eh caro sior, i xe tutti 156 3, 10| È qui il signor Momolo?~SMER. Chi v'ha averto la porta?~ 157 3, 10| la lettera, e lo saprà.~SMER. La sarà qualche morosetta. 158 3, 10| lettera. (a Smeraldina)~SMER. La se comoda, zentilomo. ( 159 3, 10| zoggie per mi?) (da sé)~SMER. E cussì, ala letto, patron?~ 160 3, 10| sé) (aprendo la scatola)~SMER. (Cossa mai ghe xe in quella 161 3, 10| sé, osservando le gioje)~SMER. (Zoggie! che el le abbia 162 3, 10| ghe fazza torto). (da sé)~SMER. (Chi sa che quel che l' 163 3, 10| pol far per amor). (da sé)~SMER. Sior Momolo, che belle 164 3, 10| affettando tenerezza)~SMER. De chi xele?~MOM. De una 165 3, 10| che so che la me vol ben.~SMER. Mi certo ve n'ho sempre 166 3, 11| Smeraldina, poi Truffaldino~ ~SMER. Oggio mo fatto una bella 167 3, 11| Dove xe andà el protettor?~SMER. Fradello caro, tolè su 168 3, 15| Che ardir xe el vostro?~SMER. Mi no son qua né per vu, 169 3, 15| Quello che v'ho mi fursi?~SMER. Sior sì, quello.~MOM. Cossa 170 3, 15| riducono le male pratiche?~SMER. Sior, son sempre stada 171 3, 15| due zecchini a Smeraldina)~SMER. Pazenzia. Merito pezo.
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License