grassetto = Testo principale
                       grigio = Testo di commento
La casa nova
    Atto, Scena
1 0, per| cittadino, cugino di Checca~CRISTOFOLO, zio di Anzoletto~Il CONTE, 2 2, 10| cara siora Meneghina; sior Cristofolo mi lo cognosso. Vorla che 3 2, 10| servizio d'andar a chiamar sior Cristofolo.~Lorenzino: Sangue de diana! 4 3, 2| vecchio.~Rosina: El sarà sior Cristofolo.~Lucietta: El barba de la 5 3, 3| Terza. Checca, Rosina, poi Cristofolo~ ~Checca: E vu, vedeu? Fin 6 3, 3| vedeu? Fin che parlo co sior Cristofolo, andè de , che no ben 7 3, 3| no da sentir. (parte)~Cristofolo: Patrona riverita.~Checca: 8 3, 3| Checca: Strissima, sior Cristofolo.~Cristofolo: No, cara ela, 9 3, 3| Strissima, sior Cristofolo.~Cristofolo: No, cara ela, no la me 10 3, 3| che fazza el mio debito?~Cristofolo: mi no gh'ho bisogno d'esser 11 3, 3| perdonarme, se l'ho incomodada.~Cristofolo: Son qua, son a servirla; 12 3, 3| comanda.~Checca: La se senta.~Cristofolo: Volentiera. Cossa fa sior 13 3, 3| al fin de la settimana.~Cristofolo: Sior sì. pòl esser, che 14 3, 3| savesse! No vedo l'ora.~Cristofolo: Ma co se gh'ha un bon marìo, 15 3, 3| gnente, co ghe digo, gnente.~Cristofolo: Cussì fa le donne de garbo.~ 16 3, 3| da che cao principiar.)~Cristofolo: E cussì, siora Checca, 17 3, 3| m'ho tolto sta libertà.~Cristofolo: Mo con mi no l'ha da far 18 3, 3| ghe parla de una persona?~Cristofolo: De chi?~Checca: De una 19 3, 3| Checca: De una persona.~Cristofolo: Basta, che no la me parla 20 3, 3| n'impazzo con so nevodo.~Cristofolo: Che soggio mi? So, che 21 3, 3| no vegna.~Checca: Oh sior Cristofolo, el un signor tanto compito!~ 22 3, 3| un signor tanto compito!~Cristofolo: Se la savesse; gh'ho el 23 3, 3| E so sorela, poverazza?~Cristofolo: So sorela la una matta 24 3, 3| desgrazie che la se trova!~Cristofolo: So tutto. Credela, che 25 3, 3| debotto no ghe digo gnente.)~Cristofolo: La compatissa, cara ela. 26 3, 3| volevala dir?~Checca: Caro sior Cristofolo, de tutte ste cosse che 27 3, 3| n’ha quella povera putta?~Cristofolo: La diga, cara siora Checca. 28 3, 3| Checca: Per un interesse.~Cristofolo: Xèlo soo sto interesse?~ 29 3, 3| tratta de un mio zerman.~Cristofolo: Oh co se tratta de ela, 30 3, 3| Checca: E de so sorela?~Cristofolo: (forte, con isdegno) Gnanca 31 3, 3| parlar per sto mio zerman.~Cristofolo: Chi xelo?~Checca: El 32 3, 3| chiamarlo da parte mia.~Cristofolo: Sì, sì, vedo.~Checca: Lo 33 3, 3| Checca: Lo cognossela?~Cristofolo: Mi no l'ho più visto.~Checca: 34 3, 3| vegnù fora de collegio.~Cristofolo: Bisogna che mi el me cognossa, 35 3, 3| Oh el lo cognosse certo.~Cristofolo: E cussì, cossa voravelo? 36 3, 3| Cossa ghe par de quel putto?~Cristofolo: El me par un putto de sesto.~ 37 3, 3| verità, el una copa d'oro.~Cristofolo: Se vede; el gh'ha bona 38 3, 3| El se vorave impiegar.~Cristofolo: Gh'ho dei patroni, gh'ho 39 3, 3| giovar.~Checca: Magari.~Cristofolo: M'hala mandà a chiamar 40 3, 3| Sior sì, anca per questo.~Cristofolo: E per coss'altro?~Checca: 41 3, 3| putto se voria maridar.~Cristofolo: Bravo! pulito! no l'ha 42 3, 3| trovasse una bona dota?~Cristofolo: Se po el trovasse una bona 43 3, 3| podesse comprar una carica?~Cristofolo: In quel caso...~Checca: 44 3, 3| quel caso nol farave mal.~Cristofolo: in quel caso nol gh'ha 45 3, 3| giusto bisogno de elo, lu.~Cristofolo: De mi? Mi no la capisso.~ 46 3, 3| Adessadesso ghe la squaquero.)~Cristofolo: (La me fa certi discorsi 47 3, 3| Checca: Credela, sior Cristofolo, che mio zerman possa sperar 48 3, 3| civil con un poco de dota?~Cristofolo: Gh'halo intrade?~Checca: 49 3, 3| gh'avesse una carica...~Cristofolo: Siora sì, el putto de 50 3, 3| so fia, ghe la daravelo?~Cristofolo: Mi no son maridà. Putte 51 3, 3| so nezza ghe la daravelo?~Cristofolo: Orsù, siora Checca, no 52 3, 3| alza)~Checca: La senta...~Cristofolo: No vòi sentir altro.~Checca: 53 3, 3| Checca: No intendo miga...~Cristofolo: De quella zente no ghe 54 3, 3| Checca: Gnanca de so nezza?~Cristofolo: Mi no gh'ho nezze.~ ~ 55 3, 4| Meneghina: Oh sior barba!~Cristofolo: (a Meneghina) Cossst' 56 3, 4| fazza da quel che el vòl.~Cristofolo: Hala fenìo, patrona?~Checca: 57 3, 4| resto ghe ne dirave de bele.~Cristofolo: No la se incomoda, che 58 3, 4| cascai addosso de mi.~Cristofolo: Perchè no seu vegnù a star 59 3, 4| farave pianzer i sassi.~Cristofolo: (a Checca) Eh cara siora! 60 3, 4| gnanca dove andar a dormir.~Cristofolo: Cossa diseu? Seu matta? 61 3, 4| roba in mezzo alla strada.~Cristofolo: A sto stato el ridotto 62 3, 4| più doloroso de questo.~Cristofolo: E cosa disela quella cara 63 3, 4| strapazzi e dele mortificazioni.~Cristofolo: La gh'ha tanto coraggio 64 3, 4| tratta pezo de una maregna.~Cristofolo: (El sangue no acqua, 65 3, 4| elo; son in te le so man.~Cristofolo: (si asciuga gli occhi)~ 66 3, 4| debotto semo a segno.)~Cristofolo: Leveve suso. No lo meritè, 67 3, 4| comandar.~Checca: Caro sior Cristofolo, la in ti ani; a elo 68 3, 4| perchè no la destrighela?~Cristofolo: Dov'ela sta occasion?~Checca: 69 3, 4| occasion?~Checca: Mio zerman.~Cristofolo: Che modo gh'alo de mantegnirla?~ 70 3, 4| ghe compra una carica...~Cristofolo: Voggio sentir, voggio veder, 71 3, 4| Vorla che lo chiamemo?~Cristofolo: Dov'elo?~Checca: El sarà 72 3, 4| Checca: El sarà de .~Cristofolo: Ah sì, adesso intendo. 73 3, 9| con mi; prima perchè sior Cristofolo no me cognosse, nol m'ha 74 3, 9| Chi xèlo? ~Lucietta: Sior Cristofolo. ~Anzoletto: Mio barba? ~ 75 3, 10| Decima. Checca, Meneghina, Cristofolo e Lorenzino~ ~Camera della 76 3, 10| Checca.~ ~Checca: E viva sior Cristofolo. Viva el so buon cuor, el 77 3, 10| obbligazion a sior barba.~Cristofolo: (a Lorenzin) Adasio, sior. 78 3, 10| do righe de scritturetta?~Cristofolo: Quel che ho ditto, ho ditto; 79 3, 10| le se pòl far anca dopo? ~Cristofolo: zoveni, no savè gnente. 80 3, 11| dove staroggio, sior barba?~Cristofolo: Vegnirè da mi.~Lorenzino: 81 3, 11| Poderoggio vegnirla a trovar?~Cristofolo: Co ghe sarà mi, sior sì.~ 82 3, 11| ho un interesseto co sior Cristofolo.~Meneghina: Volentiera. ( 83 3, 12| Scena Dodicesima. Checca, e Cristofolo~ ~Cristofolo: Ma mi bisogna 84 3, 12| Checca, e Cristofolo~ ~Cristofolo: Ma mi bisogna che vaga 85 3, 12| disnà.~Checca: Caro sior Cristofolo, za che el tanto bon, 86 3, 12| parole da un’altra persona.~Cristofolo: Cospetto de diana! Se el 87 3, 12| Checca: Nol so nevodo.~Cristofolo: Chi donca?~Checca: Caro 88 3, 12| la novizza de so nevodo.~Cristofolo: (con isdegno) Cossa vorla 89 3, 12| Checca: Mi no so dasseno.~Cristofolo: Cospetto de diana! Sto 90 3, 13| Scena Tredicesima. Cristofolo, poi Cecilia~ ~Cristofolo: 91 3, 13| Cristofolo, poi Cecilia~ ~Cristofolo: Sta signora, che la dise, 92 3, 13| passo, ma bisogna farlo.)~Cristofolo: (Ih, ih, una nave da guerra.) ~ 93 3, 13| Cecilia: Serva umilissima. ~Cristofolo: Patrona.~Cecilia: Me permettela, 94 3, 13| abbia l'onor de riverirla?~Cristofolo: Patrona.~Cecilia: Se contentela, 95 3, 13| onor de sentarmeghe arente?~Cristofolo: La se senta pur. (Si ritira 96 3, 13| Perchè se tirelo in ?~Cristofolo: Acciò che non la senta 97 3, 13| finezza de voltarse da mi?~Cristofolo: No, la veda, no voria farghe 98 3, 13| Cecilia: Caro sior barba....~Cristofolo: (si volta con impeto) Coss' 99 3, 13| de no volerme ascoltar?~Cristofolo: La parla pur, signora, 100 3, 13| onoratezza. El nevodo de sior Cristofolo, e mi son so nezza; do poveri 101 3, 13| più perfetta sincerità.~Cristofolo: (No ghe posso miga responder 102 3, 13| vendica che el gh'ha rason.~Cristofolo: Bisognerave che disesse 103 3, 13| del vu; bon segno.)~Cristofolo: Se fusse vero tutto quel 104 3, 13| afflizion, in te le miserie?...~Cristofolo: No digo de questo; digo 105 3, 13| segonda volta de ruvinarlo.~Cristofolo: (La gh'ha un discorso che 106 3, 13| provvidenza no manca mai.~Cristofolo: (El qua anca elo. Questa 107 3, 14| de comparirghe davanti.~Cristofolo: Ale curte. Una nota dei 108 3, 14| conseggi, dai so voleri.~Cristofolo: Pagherò mi el fitto de 109 3, 14| cameretta in casa con elo.~Cristofolo: Mi no gh'ho logo.~Cecilia: 110 3, 14| almanco fin che se provedemo.~Cristofolo: Eh galiota, la savè longa. 111 3, ul| mortificata) Anca ela? ~Cristofolo: (Ho capìo. No vorave, che 112 3, ul| diana! la me pol comandar. ~Cristofolo: Soffriravela l'incomodo, 113 3, ul| Checca: Femole adesso. ~Cristofolo: Anca adesso. ~Checca: Putti, 114 3, ul| contentelo, sior barba?~Cristofolo: Mi son contento. Domandeghelo 115 3, ul| Meneghina: Grazie, siora Rosina.~Cristofolo: (a Cecilia e Anzoletto)
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License