grassetto = Testo principale
                      grigio = Testo di commento
Sior Todero brontolon
   Atto, Scena
1 0, per| Marcolina~FORTUNATA vedova~MENEGHETTO cugino di Fortunata~GREGORIO 2 1, 3| zentilomo? Sala che el xe sior Meneghetto Ramponzoli fio de sior Massimo 3 1, 3| putti, come che xe sto sior Meneghetto.~MARC. Cara siora Fortunata, 4 1, 4| che tasa? Taso.~MARC. Sior Meneghetto Ramponzoli lo cognosseu?~ 5 1, 7| la putta a un certo sior Meneghetto Ramponzoli.~TOD. Vostra 6 1, 8| Che el resta servido, sior Meneghetto.~ ~ 7 1, 9| Scena Nona. Meneghetto e dette~ ~MENEG. Patrone 8 1, 10| Ah! cossa ve par?) (a Meneghetto)~MENEG. (Più bella ancora 9 1, 10| diseghe qualcossa). (a Meneghetto)~MENEG. Perméttela che abbia 10 1, 10| compatimento e el so amor. (a Meneghetto)~FORT. (Via, via, no la 11 1, 10| s'ha portà tanto mal). (a Meneghetto)~MENEG. (Siora sì, se ghe 12 1, 10| daga parola anca elo a sior Meneghetto de darghe so fia, e de darghe 13 1, 11| partono)~FORT. Andemo, sior Meneghetto.~MARC. No so cossa dir, 14 1, 11| FORT. Andemo, andemo. (a Meneghetto)~MENEG. Oh Dio! la pianze. ( 15 2, 6| MARC. Sentì: meggio de sior Meneghetto, no certo. Se lo cerchemo 16 2, 13| Scena Tredicesima. Meneghetto e dette~ ~MENEG. Perméttele?~ 17 2, 13| favorissa.~MARC. Serva, sior Meneghetto.~MENEG. Ghe fazzo umilissima 18 2, 13| la ghe diga tutto a sior Meneghetto; el xe un galantomo, sala?~ 19 2, 13| el ben.~MARC. Caro sior Meneghetto, za che la sorte ha fatto 20 2, 13| Marcolina)~MARC. Caro sior Meneghetto, la prego de parlarme sinceramente: 21 2, 13| ditto che el ghe vol ben? (a Meneghetto)~MENEG. Quel che ho ditto, 22 2, 13| Che el ghe parla elo, sior Meneghetto. Chi vorlo mai a sto mondo 23 2, 14| Semo troppo lontani, sior Meneghetto; ghe vedo poca speranza 24 2, 14| parte)~MARC. Certo che sior Meneghetto el gh'ha una maniera de 25 3, 2| Scena Seconda. Todero, e poi Meneghetto~ ~TOD. Eh! al d'ancuo 26 3, 2| fameggia.~TOD. Chi seu?~MENEG. Meneghetto Ramponzoli per obbedirla.~ 27 3, 5| impiego.~FORT. Sì, sior Meneghetto ghe lo troverà.~MARC. Via, 28 3, 7| Marcolina, Fortunata, poi Meneghetto~ ~FORT. Mo no la podeva 29 3, 7| no riderà.~FORT. Oe, sior Meneghetto. (accennando ch'egli viene)~ 30 3, 7| FORT. Cossa gh'è, sior Meneghetto?~MARC. Sior Meneghetto, 31 3, 7| sior Meneghetto?~MARC. Sior Meneghetto, cossa xe stà?~MENEG. Ho 32 3, 7| due parlano sì presto che Meneghetto, ch'è in mezzo di loro, 33 3, 7| FORT. Cossa diseu? (a Meneghetto)~MENEG. Oimei! per carità. 34 3, 7| Retireve, retireve, zerman. (a Meneghetto)~MENEG. Me par un insonio. 35 3, 13| Scena Tredicesima. Meneghetto e detti~ ~MENEG. Le scusi, 36 3, 13| qua? Cossa gh'intreu? (a Meneghetto)~MENEG. Son passà a caso. 37 3, 14| Todero, Marcolina, Fortunata, Meneghetto e Desiderio~ ~DESID. E mi? 38 3, 14| a Marcolina)~FORT. Sior Meneghetto lo assisterà. (a Todero)~ 39 3, 14| Parlè vu, sior zerman. (a Meneghetto)~MENEG. Sior Todero, la 40 3, 15| Todero, Marcolina, Fortunata, Meneghetto, poi Zanetta~ ~TOD. Credeu 41 3, 15| TOD. Sposeve. (a Zanetta e Meneghetto)~MENEG. Questa xe mia muggier.~ 42 3, ul| Con chi?~MARC. Co sior Meneghetto.~PELL. No ve l'oggio ditto, 43 3, ul| In quel che no savè, sior Meneghetto ve assisterà. Mi pregherò
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License