1-500 | 501-1000 | 1001-1500 | 1501-2000 | 2001-2500 | 2501-3000 | 3001-3473
L'amore paterno
     Atto, Scena
1 2, 11 | servidi, che i vegna avanti.~FLOR. Servitor umilissimo di 2 2, 11 | Siede vicino a Celio)~FLOR. (Siede vicino a Petronio, 3 2, 11 | Strazzarie, bagatelle.~FLOR. Anzi, so che hanno del 4 2, 11 | cosse da donne. (ridendo)~FLOR. Si sa che le donne non 5 2, 11 | è. (tira fuori la carta)~FLOR. (Ha più paura ella di dirlo, 6 2, 11 | dìseli? Se pol dir de meggio?~FLOR. (Che cattivo principio!) ( 7 2, 11 | viva la signora Clarice.~FLOR. Bravissima. (Non si può 8 2, 11 | proposito? Xelo inzegnoso?~FLOR. (Ci si vede la presunzione). ( 9 2, 11 | adorabile, sono incantato.~FLOR. (Parole indegne, musica 10 2, 11 | cattivo dunque). (a Florindo)~FLOR. (Tutto pessimo).~PETR. ( 11 2, 11 | che no l'abbia godesto.~FLOR. Sì, ho goduto. (ironicamente)~ 12 2, 11 | paura che nol se n'intenda.~FLOR. Perdonatemi. La musica 13 2, 11 | martuffo! Nol sa gnente).~FLOR. Io stimo infinitamente 14 2, 11 | qualche cosa.~PANT. Per donna!~FLOR. Ma se volete sentire un 15 2, 11 | senza che la se incomoda.~FLOR. No no, ho piacere che sia 16 2, 11 | la sia una mala creanza).~FLOR. Sentite l'argomento. In 17 2, 11 | che diavolo d'argomento!~FLOR. L'idea è bellissima. Si 18 2, 11 | Con cenni disapprova)~FLOR. Del pesato sottil talento 19 2, 11 | Oh che roba! (burlandosi)~FLOR. Come?~CLAR. Bellissima. ( 20 2, 11 | Maravigliosa.~ANGEL. Stupenda.~FLOR. Signor Silvio.~SILV. Benissimo.~ 21 2, 11 | Silvio.~SILV. Benissimo.~FLOR. Signor Petronio.~PETR. 22 2, 11 | umilissimo complimento.~FLOR. Grazie, obbligato. Eh, 23 2, 12 | ti sta bella composizion.~FLOR. Sentiamo lo spirito d'Arlecchino.~ 24 2, 12 | di lei merito). (parte)~FLOR. C'entriamo noi in quest' 25 2, 12 | accordo mi avete precipitata.~FLOR. Andiamo, amico; questo 26 3, 1 | no ghe voggio più andar.~FLOR. Dite di non volerci andare, 27 3, 1 | che no ghe voleva vegnir.~FLOR. Volete voi ch'io vi dica, 28 3, 1 | dirmelo, perché mi no lo so.~FLOR. Fate attenzione all'imagine, 29 3, 1 | ìntrio mi con i burattini?~FLOR. I burattini sono regolati 30 3, 1 | guidi.~ARL. No ghremedio.~FLOR. Signor Petronio, persuadetelo 31 3, 1 | Lasciamolo nella sua ostinazione.~FLOR. Sì, abbandoniamolo alla 32 3, 1 | Consigliatevi col vostro cuore.~FLOR. Il filo, il filo del vostro 33 3, 1 | Camilla.~SILV. Vedetela.~FLOR. Andiamola a ritrovare. 34 3, 1 | presto, Camilla. (parte)~FLOR. Sì, Camilla, Camilla. ( 35 3, 4 | sua flemma è particolare).~FLOR. Non perdete di vista la 36 3, 4 | siam costrette a soffrire).~FLOR. Camilla mi ha parlato al 37 3, 4 | delle chiaccole senza sugo.~FLOR. Orsù, la gloria mi consiglia, 38 3, 4 | far un torto alla prima.~FLOR. Per me è tutt'uno. Sposerò 39 3, 4 | Celio si danno la mano)~FLOR. Decida dunque la signora 40 3, 4 | onora. (si danno la mano)~FLOR. Son contentissimo in ogni L'avvocato veneziano Atto, Scena
41 1, 3 | desegno della nostra causa.~FLOR. Servo, signor Alberto.~ 42 1, 3 | obbligatissimo. La se comoda.~FLOR. Eccomi a darle incomodo. ( 43 1, 3 | Incontreremo la fattura.~FLOR. Come vi aggrada. Avete 44 1, 3 | signor Florindo, a carte 15.~FLOR. Signor Alberto, io non 45 1, 3 | senza gnente a sto mondo.~FLOR. Che dite voi sopra di questo 46 1, 3 | è assistido dalla rason.~FLOR. E circa il merito della 47 1, 3 | sarà taggiada senz’altro.~FLOR. Dunque voi sostenete che 48 1, 3 | nol pol privar i so fioi.~FLOR. Quando ha donato, non aveva 49 1, 3 | rende nulla la donazion.~FLOR. Dunque sempre più vi confermate 50 1, 3 | della rason ghe ne avanza.~FLOR. Sentite: se guadagno la 51 1, 3 | Ella no la ghe n’ha colpa.~FLOR. E quel bravo avvocato bolognese 52 1, 3 | responsabile della vittoria.~FLOR. Eppure gli avversari cantano 53 1, 3 | ghala dito, cara ella?~FLOR. Non ve lo voglio dire.~ 54 1, 3 | tutto con indifferenza.~FLOR. Sentite che bella maniera 55 1, 3 | bello? (con bocca ridente)~FLOR. Sì, e non bravo. Non vi 56 1, 3 | bestialità che son bello.~FLOR. L’avete mai veduta Rosaura?~ 57 1, 3 | ALB. L’ho vista al balcon.~FLOR. Dicono che sia bella. A 58 1, 3 | ella. (si mette a scrivere)~FLOR. Fate pure. Mi date licenza 59 1, 3 | senza guardar Florindo)~FLOR. (Prende la scatola ov’è 60 1, 3 | Ho fenio tutto. (s’alza)~FLOR. Gran buon tabacco avete, 61 1, 3 | rapè lo gh’ho in scarsella.~FLOR. Ho preso di questo, il 62 1, 3 | de quel che fa pianzer.~FLOR. Sì questo è un tabacco 63 1, 3 | el me serve per scaricar.~FLOR. Badate che non vi carichi 64 1, 3 | siora Rosaura?) (da sé)~FLOR. Signor Alberto, questo 65 1, 3 | ritratto de siora Rosaura.~FLOR. Chi custodisce il ritratto, 66 1, 3 | alla medesima condizion.~FLOR. Vi pare questo un ritratto 67 1, 3 | numero dei mi ritratti.~FLOR. Amico, parliamoci con libertà. 68 1, 3 | avvocati onorati. (parte)~FLOR. Il signor Alberto si scalda 69 1, 10 | DECIMA~ ~Florindo e detti.~ ~FLOR. Servitor umilissimo a lor 70 1, 10 | tardi, signor Florindo!~FLOR. Mah, chi ha degli interessi, 71 1, 10 | Alberto ci ha favorito.~FLOR. Il signor Alberto può farlo, 72 1, 10 | innamora e mi fa tremare).~FLOR. Io non pretendo volervi 73 1, 10 | abilità de capir chi no parla.~FLOR. Con grazia di questi signori, 74 1, 10 | e va vicino a Florindo)~FLOR. (Prima vi trovo col ritratto, 75 1, 10 | che son un omo onorato).~FLOR. (Tutto va bene. Ma io non 76 1, 10 | contentarla. Andemo via).~FLOR. (Qui non ci dovevate venire).~ 77 1, 10 | che la ghe dovesse esser).~FLOR. (Quando l’avete veduta, 78 1, 10 | l’onor). (da sé, parte)~FLOR. Signora Beatrice, padroni 79 2, 2 | difesa d’Alberto, e detti.~ ~FLOR. Alto, alto. (si frappone)~ 80 2, 2 | mio tentativo). (da sé)~FLOR. Signor Alberto, questa 81 2, 2 | per l’uno e per l’altro.~FLOR. Si può sapere, signori 82 2, 2 | romper el zuramento). (da sé)~FLOR. È qualche grande arcano 83 2, 2 | no m’ho podesto tegnir.~FLOR. Ma con quali termini, con 84 2, 3 | Florindo ed il Conte~ ~FLOR. Aspettate, sono con voi..~ 85 2, 3 | CON. Signor Florindo.~FLOR. Che mi comandate?~CON. 86 2, 3 | Una parola, in grazia.~FLOR. Eccomi, vi prego a non 87 2, 3 | si tratterà questa causa.~FLOR. Oggi senz’altro.~CON. Amico, 88 2, 3 | vostro avvocato vi tradisce.~FLOR. Come potete voi dirlo? 89 2, 3 | uomini più saggi ed onesti.~FLOR. È innamorato il signor 90 2, 3 | pazzo della signora Rosaura.~FLOR. (Ah, ch’io non mi sono 91 2, 3 | tratti la sua causa). (da sé)~FLOR. Ma come ciò voi sapete?~ 92 2, 3 | maneggia questo trattato.~FLOR. Di qual trattato intendete?~ 93 2, 3 | grazia della signora Rosaura.~FLOR. (Ah scellerato!) (da sé)~ 94 2, 3 | da ribaldo, da traditore.~FLOR. Ma caro signor Conte, se 95 2, 3 | toglierla a me e farla sua.~FLOR. Voi mi ponete in un laberinto 96 2, 3 | forse di mia puntualità?~FLOR. Non dubito di voi: ma mi 97 2, 3 | non vi sarà più rimedio.~FLOR. Possibile ch’ei mi tradisca?~ 98 2, 3 | tradisca?~CON. Ve l’assicuro.~FLOR. (E me lo confermano il 99 2, 3 | Che risolvete di fare?~FLOR. Ci penserò.~CON. (Con un 100 2, 4 | QUARTA~ ~ ~Florindo solo.~ ~FLOR. Dunque Alberto m’inganna? 101 2, 11 | Florindo, trattenendolo)~FLOR. Voglio passare. (sulla 102 2, 11 | SERV. Ma questa poi...~FLOR. Va al diavolo. (entra a 103 2, 11 | l’ha incontrada!) (da sé)~FLOR. Patron mio riverito. (Posso 104 2, 11 | mia camera? La sappia...~FLOR. Alle corte, signor Alberto, 105 2, 11 | scritture.~ALB. Quale scritture?~FLOR. Tutto quello che ella ha 106 2, 11 | M’immagino che la burla.~FLOR. Ah sì, non mi ricordava. 107 2, 11 | tutto quello che la vorrà.~FLOR. No, no, non v’è bisogno 108 2, 11 | disputa più.~ALB. No? Perché?~FLOR. Mi voglio accomodare, non 109 2, 11 | mia onestà e la mia fede.~FLOR. Son persuaso di tutto, 110 2, 11 | sto boccon de affronto?~FLOR. Di me non vi potete dolere; 111 2, 11 | degenera dalla so condizion.~FLOR. Potrete voi negarmi d’aver 112 2, 11 | commetter una simile iniquità.~FLOR. Io vi ripeterò a questo 113 2, 11 | macchia della mia reputazion.~FLOR. Ma se io ve ne assolvo, 114 2, 11 | che me sta tanto sul cuor.~FLOR. Basta, per oggi non si 115 2, 11 | deputada per ancuo dopo disnar?~FLOR. Io sono andato dal signor 116 2, 11 | alo mandada a notificar?~FLOR. Non vi era il messo, ma 117 2, 11 | femo rider i nostri nemici.~FLOR. Tant’è, ho risoluto così. 118 2, 11 | podè creder un traditor.~FLOR. Tutte le apparenze vi dimostrano 119 2, 11 | son el vostro avvocato?~FLOR. Per non far torto a nessuno, 120 2, 11 | tratta sta causa, son rovinà.~FLOR. Ma io vi parlo schietto. 121 2, 11 | pienissima la vittoria.~FLOR. E se si perde?~ALB. Se 122 2, 12 | DODICESIMA~ ~Lelio e detti.~ ~FLOR. (Ah! sì, mi sento portato 123 2, 12 | bisognava terminarla cussì.~FLOR. Signor Alberto, la vostra 124 2, 12 | LEL. Io non v’intendo.~FLOR. L’intendo io, e tanto basta. 125 2, 12 | voi.~ALB. Songio siguro?~FLOR. Sicurissimo.~ALB. Sieu 126 2, 12 | cuor. (gli un bacio)~FLOR. (Se il Conte mi ha ingannato, 127 3, 1 | indietro. Florindo e Lelio~ ~FLOR. Questi nostri avversari 128 3, 1 | dopo pranzo, no magno mai.~FLOR. Ecco gli avversari.~ALB. 129 3, 2 | portato bene? (a Florindo)~FLOR. Non potea dir di più. ( 130 3, 3 | ordinando etc. relassando etc.~FLOR. L’abbiamo vinta. (a Lelio)~ 131 3, 3 | parte col Sollecitatore)~FLOR. Signor notaro, farà grazia 132 3, 3 | sentenza.~NOT. Sarà servita.~FLOR. Favorisca. (gli vuol dare 133 3, 3 | ricusa in maniera di volerlo)~FLOR. Eh via! (glielo mette in 134 3, 3 | suoi comandi. (a Florindo)~FLOR. Sì, buona gente, v’ho capito. 135 3, 3 | vossignoria illustrissima.~FLOR. Andiamo a ritrovare il 136 3, 3 | meritata una buona paga.~FLOR. Trenta zecchini vi pare 137 3, 3 | intendete senza che io parli.~FLOR. È vero, gli voglio dare 138 3, 3 | di tanta virtù. (parte)~FLOR. Se trovo quell’indegno 139 3, 10 | vicin alla so avversaria?~FLOR. No, caro signor Alberto; 140 3, 10 | amor che aveva per ella.~FLOR. Sentimenti eroici e sublimi, 141 3, 10 | diga d’un avvocato onorato.~FLOR. Ma vi prego a non lasciarmi 142 3, 10 | ricompensa ogni mia fatica.~FLOR. Giacché ricusate questo 143 3, 10 | LEL. Come! È vostra sposa?~FLOR. Rosaura vostra consorte?~ 144 3, 10 | anello25 de mia muggier26.~FLOR. Molto volentieri accetto 145 3, 10 | femo le cosse come che va.~FLOR. Il contratto del Conte 146 3, 11 | Consolatevi, che le ha rinunziate.~FLOR. Come! dove è il Conte?~ Il bugiardo Atto, Scena
147 1, 1 | vengono sul terrazzino.~ ~FLOR. Osserva, osserva, Brighella; 148 1, 1 | cusì malamente i so bezzi.~FLOR. Caro Brighella, te l'ho 149 1, 1 | cussì? Penar senza dirlo?~FLOR. Via, va alla peota, e ordina 150 1, 1 | le impiego volontiera...~FLOR. Brighella, se mi vuoi bene, 151 1, 1 | servirò come la comanda.~FLOR. Mi ritirerò dietro di questa 152 1, 1 | BRIG. Perché retirarse?~FLOR. Per non esser da nessuno 153 1, 1 | s'avvia verso la peota)~FLOR. Cara Rosaura tu sei l'anima 154 1, 1 | Florindo) Èla contenta?~FLOR. Sono contentissimo.~BRIG. 155 1, 1 | contentissimo.~BRIG. Ela andada ben?~FLOR. Non poteva andar meglio.~ 156 1, 1 | abbia fatto sta serenada.~FLOR. Ciò non m'importa: mi basta 157 1, 1 | finezza vegna da Vusignoria.~FLOR. Il cielo me ne liberi. 158 1, 1 | BRIG. Vegno dove la vol.~FLOR. Questo è il vero amore. 159 1, 6 | vedo, ghe leva el sonno.~FLOR. Non ho potuto dormire, 160 1, 6 | farsi merito colla morosa!~FLOR. Bastami che Rosaura l'abbia 161 1, 6 | contenta de troppo poco.~FLOR. Senti, Brighella, intesi 162 1, 6 | descovrirghe el so amor.~FLOR. Oh, non glieli voglio dar 163 1, 6 | Diese zecchini buttadi via.~FLOR. Perché?~BRIG. Perché no 164 1, 6 | gratitudine con chi la regala.~FLOR. Non importa, col tempo 165 1, 6 | unir sti diese zecchini?~FLOR. Fra le mesate che mi manda 166 1, 6 | unisce tutto, e se buta via.~FLOR. Via, Brighella, va subito 167 1, 6 | mala voja, ma lo servirò.~FLOR. Avverti che sieno belli.~ 168 1, 6 | BRIG. La se fida de mi.~FLOR. Ti sarò eternamente obbligato.~ 169 1, 7 | Florindo, poi Ottavio~ ~FLOR. Ecco quel caro terrazzino, 170 1, 7 | sta osservando Florindo)~FLOR. Sì, le direi: Signora, 171 1, 7 | architetto o ritrattista?~FLOR. Che cosa volete voi dire?~ 172 1, 7 | volto delle padrone di casa.~FLOR. Io non so quel che voi 173 1, 7 | potete ritrarle in casa.~FLOR. Io attendo alla mia professione. 174 1, 7 | canale la scorsa notte?~FLOR. Io vado a letto per tempo. 175 1, 7 | si cantava nella peota.~FLOR. Sarò passato a caso. Io 176 1, 7 | ne sia stato l'autore).~FLOR. Signor Ottavio, vi riverisco.~ 177 1, 7 | se ella vi preferisce.~FLOR. Vi torno a dire che io 178 1, 7 | medicina non si sospira.~FLOR. Orsù, se non mi volete 179 2, 1 | Camera in casa del Dottore.~ ~FLOR. Creda, signor Dottore, 180 2, 1 | stata fatta una serenata.~FLOR. È verissimo, ed esse l' 181 2, 1 | Cenare con un forestiere?~FLOR. Questo è quello che non 182 2, 1 | voi? Sarete stato a letto.~FLOR. Sono stato svegliato tutta 183 2, 1 | DOTT. Perché svegliato?~FLOR. Per causa del caldo io 184 2, 1 | Conoscete il signor Ottavio?~FLOR. Lo conosco.~DOTT. Egli 185 2, 1 | che ha detto la verità.~FLOR. Il signor Ottavio mentisce. 186 2, 1 | mortificazioni alle mie figliuole.~FLOR. Povere ragazze! Le avete 187 2, 1 | né si poteva dar pace.~FLOR. Povera innocente! Mi fa 188 2, 1 | che sembra che piangiate?~FLOR. Niente: mi è andato del 189 2, 2 | per carità ad ajutarla. ~FLOR. (smania)~DOTT. Presto! 190 2, 2 | abbandonate la povera mia padrona.~FLOR. Ecco l'effetto de' rimproveri 191 2, 3 | non si possono vedere.~FLOR. Dove sono? Io non ci vedo.~ 192 2, 3 | signora Rosaura svenuta.~FLOR. Ohimè! non posso più. Colombina, 193 2, 3 | parte, e poi ritorna)~FLOR. Son solo, nessuno mi vede, 194 2, 3 | fatti animo, non è niente.~FLOR. (s'alza, vede il Dottore, 195 2, 3 | Florindo? Che avete avuto?~FLOR. Signore... non lo so nemmen' 196 2, 14 | della casa del Dottore~ ~FLOR. Brighella, son disperato.~ 197 2, 14 | disperato.~BRIG. Per che causa?~FLOR. Ho inteso dire che il dottor 198 2, 14 | sentido a dir sta cossa?~FLOR. Dalla signora Beatrice 199 2, 14 | parlè, che ve dichiarè.~FLOR. Sì, Brighella, ho risolto 200 2, 14 | ve vederò fursi contento.~FLOR. Ho composto un sonetto, 201 2, 14 | L'è mejo parlar in prosa.~FLOR. Il sonetto è bastantemente 202 2, 14 | Possio sentirlo anca mi?~FLOR. Eccolo qui. Osserva come 203 2, 14 | scritto de vostro carattere.~FLOR. No, l'ho fatto scrivere.~ 204 2, 14 | fatto scriver da un altro?~FLOR. Acciò non si conosca la 205 2, 14 | saver che l'avi fatto vu?~FLOR. Senti, se può parlare più 206 2, 14 | vi farò noto un giorno.~ ~FLOR. Ah, che ne dici?~BRIG. 207 2, 14 | bello, ma nol spiega gnente.~FLOR. Come non spiega niente? 208 2, 14 | che voja dir bolognese?~FLOR. E questo verso Mi vedete 209 2, 14 | esser qualchedun altro.~FLOR. Eh via, sei troppo sofistico. 210 2, 14 | vu, la l'intenderà mejo.~FLOR. Io non glielo voglio dare.~ 211 2, 14 | BRIG. Donca come volì far?~FLOR. Ho pensato di gettarlo 212 2, 14 | trova qualchedun altro?~FLOR. Chiunque lo troverà, lo 213 2, 14 | BRIG. No saria meio...~FLOR. Zitto; osserva come si 214 2, 14 | franco de man, che de lengua.~FLOR. Parmi di vedere che venga 215 2, 14 | Stemo qua a gòder la scena.~FLOR. Andiamo, andiamo. (parte)~ 216 3, 1 | de ela andava in traccia.~FLOR. Di me! Cosa vuoi, il mio 217 3, 1 | dichiarà colla siora Rosaura?~FLOR. Non ancora. Dopo il sonetto, 218 3, 1 | che nol sia più a tempo.~FLOR. Oh dio! Perché?~BRIG. Perché 219 3, 1 | la polpettina dal tondo.~FLOR. Narrami: chi è costui? 220 3, 1 | Vusignoria resterà a muso secco.~FLOR. Oh Brighella, tu mi narri 221 3, 1 | o perder ogni speranza.~FLOR. Parlerei volentieri, ma 222 3, 1 | Ch'el parla con so padre.~FLOR. Mi soggezione.~BRIG. 223 3, 1 | Ch'el trova qualche amigo.~FLOR. Non so di chi fidarmi.~ 224 3, 1 | convien sta sorte d'uffizj.~FLOR. Consigliami: che cosa ho 225 3, 1 | più facile e più adattada.~FLOR. Se perdo Rosaura, son disperato.~ 226 3, 1 | bisogna remediar subito.~FLOR. Sì, non perdiamo tempo. 227 3, 12 | Florindo, Brighella e detti~ ~FLOR. Signor Dottore, signora 228 3, 12 | un bugiardo. Non è vero.~FLOR. ( due carte a Rosaura) 229 3, 12 | innamorato di Rosaura mia figlia?~FLOR. Signore, io non ardiva 230 3, 14 | la scatola con i pizzi)~FLOR. Come! Quei pizzi li ho Il cavalier di buon gusto Atto, Scena
231 2, 4 | contino Florindo e detto.~ ~FLOR. M’inchino al signor zio.~ 232 2, 4 | Avete fatto buon viaggio?~FLOR. Buonissimo.~OTT. Mi hanno 233 2, 4 | poche parole; è egli vero?~FLOR. Parlo poco per timor di 234 2, 4 | preso per uomo di spirito.~FLOR. Signore, mi hanno insegnato 235 2, 4 | sempre dubita di parlar male.~FLOR. Signore, mi lascerò regolare 236 2, 4 | maestri si contentavano.~FLOR. Ho procurato di non perdere 237 2, 4 | studiata bene la filosofia?~FLOR. Ho fatto di quella l’intiero 238 2, 4 | filosofia degli uomini?~FLOR. Ho studiata quella che 239 2, 4 | provveduto dell’umana malizia.~FLOR. Signore zio, voi mi mortificate.~ 240 2, 4 | più belle cose del mondo.~FLOR. Se mi vedete taciturno 241 2, 4 | voi? Vi ha detto questo?~FLOR. Questo e altro che importa 242 2, 4 | entrate? Ch’io rovino la casa?~FLOR. Signore...~OTT. Ditemelo 243 2, 4 | Vi ha detto ella così?~FLOR. Non posso negarlo.~OTT. 244 2, 4 | studiato niente di abaco?~FLOR. Ne so quanto mi può bastare.~ 245 2, 4 | tutti i nostri effetti.~FLOR. Se così è, sono consolatissimo.~ 246 2, 4 | Lo toccherete con mano.~FLOR. Mia madre perché dice questo?~ 247 2, 4 | questo?~OTT. Perché è donna.~FLOR. Come, perché è donna?~OTT. 248 2, 4 | Contino mio, lo proverete.~FLOR. Voi mi fate passare la 249 2, 4 | dicessero così, povero mondo!~FLOR. Voi però non vi siete ammogliato.~ 250 2, 4 | OTT. E non mi ammoglierò.~FLOR. E volete fare questo regalo 251 2, 4 | per conservar la famiglia.~FLOR. Perché non potreste conservarla 252 2, 4 | dalla marchesina. (parte)~FLOR. Che stravaganza! Passar 253 2, 7 | obbligante è il conte suo zio.~FLOR. Fortunati posso chiamare 254 2, 7 | di queste due belle dame?~FLOR. Sono entrambe adorabili.~ 255 2, 7 | nipote la vostra sposa.~FLOR. Un eccesso di giubbilo... 256 2, 7 | riuscire perfettamente.~FLOR. Signora, perdonate la mia 257 2, 7 | sentite una parola. (si alza)~FLOR. Con permissione. (s’alza)~ 258 2, 7 | marchesina?) (a Florindo)~FLOR. (Mi piace). (ridente)~OTT. ( 259 2, 7 | volentieri per moglie?)~FLOR. (Sì signore). (ridente)~ 260 2, 7 | ridente)~OTT. (Ve la ridete?)~FLOR. (Questa non è cosa da farmi 261 2, 7 | giorno non riderai). (da sé)~FLOR. (Non so in che mondo mi 262 2, 7 | una cosa che mi premeva.~FLOR. Quello che mi ha chiesto 263 2, 7 | vostri, lasciateci stare.~FLOR. Oh che caro signor zio!~ 264 2, 7 | Bella convenienza). (da sé)~FLOR. Signor zio, potrei restar 265 2, 7 | Ci restereste volentieri?~FLOR. Se potessi.~OTT. Si sveglia 266 2, 12 | il cameriere e detti.~ ~FLOR. Servitor di lor signori.~ 267 2, 12 | stato sinora? (a Florindo)~FLOR. Nella mia camera.~OTT. 268 2, 12 | disgraziato? (a Florindo)~FLOR. Nella mia camera.~BEAT. 269 2, 12 | pranzo ci parleremo. (parte)~FLOR. Mia madre non mi gode; 270 3, 2 | alla salute della sposa)~FLOR. Signor zio, noi abbiamo 271 3, 2 | BEAT. Oh, questo poi no.~FLOR. Sì, cara signora madre, 272 3, 2 | bevete; evviva. (a Beatrice)~FLOR. Cara mamma, evviva.~BEAT. 273 3, 2 | siete.~OTT. Viva la sposa.~FLOR. Viva la sposa.~BEAT. Viva, 274 3, 2 | due parole si scioglie.~FLOR. Cara signora madre, se 275 3, 2 | fare ogni cosa a tuo modo.~FLOR. Via; viene, viene.~OTT. 276 3, 6 | ELEON. Buona sera, nipotina.~FLOR. Riverisco la mia adorabile 277 3, 6 | ma non importa). (da sé)~FLOR. Amatissima sposa, vi accerto 278 3, 6 | vostra ragione (a Florindo)~FLOR. Io non saprei che dire.~ 279 3, 6 | Animo, dite su. (a Florindo)~FLOR. Ma... Se la cosa fosse La cameriera brillante Atto, Scena
280 1, 9 | Florindo e Clarice.~ ~FLOR. In questo io sono d'accordo 281 1, 9 | un volere inselvatichire.~FLOR. La solitudine è una bella 282 1, 9 | discorrere qualche volta solleva.~FLOR. Io non parlerei mai con 283 1, 9 | nessuno.~CLAR. Né meno con me?~FLOR. Con voi qualche volta.~ 284 1, 9 | vicino alla persona amata.~FLOR. Basterebbe questo, perché 285 1, 9 | passate voi il vostro tempo?~FLOR. Oh, non mancano cose da 286 1, 9 | Vi dilettate di fiori?~FLOR. Oibò! I fiori non mi piacciono. 287 1, 9 | diletterete della caccia.~FLOR. Né meno. Che cosa mi hanno 288 1, 9 | nella coltura delli terreni.~FLOR. Queste sono cose che le 289 1, 9 | leggere, sempre studiare?~FLOR. Leggere, studiare? non 290 1, 9 | quelle ore che non vi vedo.~FLOR. Io le impiego benissimo. 291 1, 9 | moglie, seguiterete così?~FLOR. Io credo di sì.~CLAR. Nel 292 1, 9 | che foste così selvatico.~FLOR. Ora che lo sapete, regolatevi.~ 293 1, 9 | volete dunque ammogliarvi?~FLOR. Perché non ho nessuno; 294 1, 9 | Durerete fatica a ritrovarla.~FLOR. Durerò fatica? Se non vi 295 1, 9 | Troverete qualche villana.~FLOR. Oh, io poi non faccio gran 296 1, 9 | dica, che avete dell'asino?~FLOR. Ho per altro una cosa buona.~ 297 1, 9 | buona.~CLAR. E che cosa?~FLOR. Che non me ne ho a male 298 1, 9 | un uomo stravagantissimo.~FLOR. Sì, hanno ragione, l'accordo 299 1, 9 | veramente un villanaccio.~FLOR. Benissimo, e così?~CLAR. 300 1, 9 | civiltà, senza creanza.~FLOR. Vedete? Ora mi date gusto.~ 301 1, 9 | moglie? Andate al diavolo.~FLOR. Se non sarete voi, sarà 302 1, 9 | Tanghero, somaraccio. (forte)~FLOR. Sì, tutto quel che volete.~ ~ ~ 303 1, 10 | matrimonio quando si fa?~FLOR. Per quel che sento, non 304 1, 10 | per moglie una contadina.~FLOR. Io non dico di volere una 305 1, 10 | contenesse la di lei sposa?~FLOR. Alla buona. Senza ricci, 306 1, 10 | Così spettinata, arruffata.~FLOR. Come si leva dal letto.~ 307 1, 10 | andasse vestita? (a Florindo).~FLOR. Positiva; senza cerchio, 308 1, 10 | Vestita di mezza lana.~FLOR. Per l'appunto.~ARG. In 309 1, 10 | conversazione signore? (a Florindo).~FLOR. La conversazione l'ha da 310 1, 10 | merendina sotto d'un albero.~FLOR. Mi contento.~ARG. Ballare 311 1, 10 | al suono di un cembalo.~FLOR. Via, qualche volta.~ARG. 312 1, 10 | conto di me. (a Florindo)~FLOR. Pazienza, se non averò 313 1, 10 | sì, signora, la troverà.~FLOR. La troverò.~CLAR. Ci gioco 314 1, 10 | Lo prenderò io, signora.~FLOR. Eccola, l'ho trovata.~CLAR. 315 1, 10 | altro che una vil serva.~FLOR. Per me vi dico che tutte 316 1, 10 | io son chi sono. (parte)~FLOR. Ridi, Argentina, che l' 317 1, 10 | da vero?~ARG. Perché no?~FLOR. Sai dove sto di casa. Se 318 2, 12 | che el magna per quattro.~FLOR. Gran seccatura ha da essere 319 2, 12 | sior, che nol cognosso?~FLOR. Amigo, siete voi di casa?~ 320 2, 12 | Per adesso son in casa.~FLOR. Fatemi un piacere: dite 321 2, 12 | vussioria dei invidadi?~FLOR. Sì, ancor io; ma a tavola 322 2, 12 | sostituir nissun al so posto?~FLOR. Che vorreste dire?~TRACC. 323 2, 12 | che mi andasse per ella.~FLOR. Chi siete voi?~TRACC. Son 324 2, 12 | servitor de sior Ottavio.~FLOR. Figuratevi se quei superbi, 325 2, 12 | Vussioria se degneravela?~FLOR. Io sì: mangio sempre con 326 2, 12 | poderave far una cossa.~FLOR. Che cosa?~TRACC. La se 327 2, 12 | de servirla de compagnia.~FLOR. Se lo volessero, perché 328 2, 12 | ma son galantomo, sala~FLOR. Sì, tutti gli uomini sono 329 2, 12 | tutta la libertà che la vol.~FLOR. Val più la sua libertà, 330 2, 12 | calze; cavarse le scarpe.~FLOR. Sì, questo è quel che mi 331 2, 12 | Staremo ben insieme. Oh caro!~FLOR. Bevete bene voi?~TRACC. 332 2, 12 | co posso, el me piase.~FLOR. Beveremo.~TRACC. Fin che 333 2, 12 | TRACC. Fin che la vol.~FLOR. E quando non si può più, 334 2, 12 | se se indormenza a tola.~FLOR. Quello è il gusto~TRACC. 335 2, 12 | gusto~TRACC. Bravo, amigon.~FLOR. Bravo, camerata.~ ~ ~ 336 2, 13 | che non viene a tavola?~FLOR. Non vengo certo.~ARG. Ma 337 2, 13 | padrona.~ARG. Eh via...~FLOR. Sì, cara Argentina. Mi 338 2, 13 | parola, che nessuno senta.~FLOR. Dite, dite.~ARG. No, nell' 339 2, 13 | orecchio, che nessuno senta.~FLOR. Via, dite. (s'accosta all' 340 2, 13 | TRACC. Mi non ho sentido.~FLOR. Non me n'ho a male di niente, 341 2, 13 | dico, andate a tavola.~FLOR. Ma non sarebbe meglio che 342 2, 13 | aspettato dal signor Pantalone.~FLOR. Avete pur detto che ci 343 2, 13 | Se non andate, vi mando.~FLOR. Davvero. Ci ho del genio 344 2, 13 | farete montar in bestia.~FLOR. Vado, vado; per amor vostro 345 2, 16 | SEDICESIMA~ ~Florindo e detti.~ ~FLOR. (Eh! figurarsi se io voglio 346 2, 16 | servida, sior Florindo.~FLOR. Vi prego dispensarmi.~PANT. 347 2, 16 | Come! no la ne vol favorir?~FLOR. Non ho volontà di mangiare.~ 348 2, 16 | se senta per compagnia.~FLOR. Non sono pazzo io a venirmi 349 2, 16 | seccare? Come parlèu, sior?~FLOR. (Passeggia fischiando)~ 350 2, 16 | quelli che guidano i porci.~FLOR. Non lo sapete il mio naturale? 351 2, 16 | finalmente siamo in campagna.~FLOR. Oh, se credete che mi prenda 352 2, 16 | piase la pasta... (alterato)~FLOR. Zitto.~CLAR. Se mangiate 353 2, 16 | mangiate il riso... (alterata)~FLOR. Zitto. Mangerò la pasta. ( 354 2, 18 | un'impertinenza. (s'alza)~FLOR. Questa la godo, da galantuomo. ( 355 2, 19 | contessa de Gnao babao?~FLOR. Andiamo in cucina, signora 356 2, 19 | questi due cavalieri...~FLOR. No, sbagliate. Una con 357 2, 20 | capace de pensar cussì.~FLOR. E se voi, signora Clarice, 358 2, 21 | non vengono contadine.~FLOR. Oh benedette le contadine! 359 2, 22 | donna Rosega da Mogian.~FLOR. Oh, quanto spicca più una 360 2, 22 | voggio parlar con ello.~FLOR. Sentite? è venuta per me. 361 2, 22 | voleu maridar? (a Florindo)~FLOR. Può essere che mi mariti.~ 362 2, 22 | nevvero? (accenna Clarice)~FLOR. Non so; potrebbe darsi.~ 363 2, 23 | parte, ed anche il Villano)~FLOR. Oh cara! oh benedetta! 364 2, 23 | una tal legge sagrificare?~FLOR. Peggio sacrificio è penare 365 2, 24 | carattere della dama. (parte)~FLOR. Mi ha innamorato, quando 366 3, 4 | questo è persuaso di farla.~FLOR. Come diamine volete ch' 367 3, 4 | commedia si può far tutto.~FLOR. Non vi riuscirò, e non 368 3, 4 | le pone anzi in ridicolo.~FLOR. Se la cosa fosse così...~ 369 3, 4 | senz'altro. Si fidi di me.~FLOR. Avvertite bene.~ARG. Stia 370 3, 4 | Stia sulla mia parola.~FLOR. Ma vi sono cose che mi 371 3, 4 | ultimo poi avrà piacere.~FLOR. Mi proverò.~ARG. Andiamoci 372 3, 4 | Andiamoci a preparare.~FLOR. Io non l'ho potuta imparare.~ 373 3, 4 | Il suggeritore l'aiuterà.~FLOR. Madama... v'adoro... permettetemi 374 3, 9 | Florindo. (verso la scena)~FLOR. Eccomi qui. Madama, ecco 375 3, 9 | scuote fra se medesima)~FLOR. Permettetemi, che in segno 376 3, 9 | parte è una scioccheria.~FLOR. Disponete di me. Comandatemi. 377 3, 9 | Lo dite voi da dovvero?~FLOR. Sì, vi amo. Ma non mi lascierei 378 3, 9 | la parte non dice così.~FLOR. Questi sono quei discorsetti, 379 3, 9 | quella di vivere da villana.~FLOR. Ah madama, i vostri begli 380 3, 9 | asino che abbia veduto.~FLOR. Dice così la parte? (ad 381 3, 9 | suo. Concludiamo la scena.~FLOR. Sì, concludiamola. Mia 382 3, 9 | cara...~CLAR. Mio bene...~FLOR. «Voi siete del mio cuor 383 3, 9 | questo sen l'unico amore.»~FLOR. «Ma vuò far all'amore alla 384 3, 13 | non ne fo più certamente.~FLOR. Né io di caricatura.~CLAR. 385 3, 13 | trattato con poco garbo.~FLOR. Già lo sapete: io non me 386 3, 13 | una sposa condiscendente.~FLOR. Tocca a me? (ad Argentina)~ 387 3, 13 | Argentina)~ARG. Sì, a lei.~FLOR. La cosa si può dividere 388 3, 13 | parole del signor Florindo.~FLOR. Che volete ch'io dica? La castalda Atto, Scena
389 2, 8 | potremmo esser sorpresi.~FLOR. Per dirvi dunque il tutto 390 2, 8 | Ma avete altro da dirmi?~FLOR. Sì; ho delle cose importantissime 391 2, 8 | dunque, per amor del cielo.~FLOR. L’amor mio mi sollecita 392 2, 8 | quanto voi; andiamo innanzi.~FLOR. Già sapete che non ho alcuno 393 2, 8 | venghiamo alla conclusione.~FLOR. Quella lite che m’inquietava...~ 394 2, 8 | Ora ci mancava la lite.~FLOR. È terminata. L’ho vinta.~ 395 2, 8 | ne rallegro. Spicciatevi.~FLOR. Ho comperata una casa grande...~ 396 2, 8 | vi pianto assolutamente.~FLOR. Cara Rosaura, sono venuto 397 2, 8 | come pensate di contenervi?~FLOR. Penso chiedervi al vostro 398 2, 8 | ch’io mi ritiro. (parte)~FLOR. Egli viene opportunamente. 399 2, 11 | UNDICESIMA~ ~Florindo e detti.~ ~FLOR. (Mi farò vedere; Rosaura 400 2, 11 | PANT. Patron mio reverito.~FLOR. La riverisco divotamente. ( 401 2, 11 | è contento. (a Florindo)~FLOR. Gli avete voi parlato prima 402 2, 11 | questo? Mi no lo capisso.~FLOR. Dunque, signore, siete 403 2, 11 | xe novizza. (a Florindo)~FLOR. Promessa a chi?~PANT. A 404 2, 11 | con mio zio? (a Florindo)~FLOR. Veniva ora per parlargli.~ 405 2, 11 | ROS. Non è vero, signore.~FLOR. (Che confusione è questa?) ( 406 2, 12 | poco da far. (a Florindo)~FLOR. Signore, io voleva parlarvi 407 2, 12 | patron, la xe dada via.~FLOR. Ma se è un equivoco...~ 408 2, 12 | adesso no ghe posso badar.~FLOR. Parleremo poi con più comodo.~ 409 2, 12 | sì tutto quel che la vol.~FLOR. Vi son servitore.~PANT. 410 2, 12 | servitore.~PANT. Patron caro.~FLOR. (Lelio non me la rapirà 411 3, 10 | ULTIMA~ ~Florindo e detti.~ ~FLOR. Eccomi a consolarmi con 412 3, 10 | signora Rosaura la mano.~FLOR. Sarò felicissimo s’ella Il contrattempo Atto, Scena
413 1, 11| Nol xe negozio per vu.~FLOR. Ma io, signore, son contentissimo 414 1, 11| domandarmela la segonda volta.~FLOR. Sono venuto io in persona, 415 1, 11| de precipitar una casa.~FLOR. Ma, signore, mia moglie 416 1, 11| Bisogna pensar a tutto.~FLOR. Dunque la signora Rosaura 417 1, 11| e no ghe vôi più pensar.~FLOR. Basta; volendola maritare, 418 1, 11| tosto a vu che a un altro.~FLOR. Non so che dire. Vi vuol 419 1, 11| troverè de quelle poche.~FLOR. Ma questa mi dava tanto 420 1, 11| modesta, ma no la xe da marìo.~FLOR. Eccola che viene qui. Mi 421 1, 12| alle piavole). (a Florindo)~FLOR. (Che bella innocenza!) ( 422 1, 12| PANT. Sentìu? (a Florindo)~FLOR. Dunque la signora Rosaura 423 1, 12| diseu? (a Florindo, ridendo)~FLOR. Se potessi, verrei.~ROS. 424 1, 12| a Florindo, scostandosi)~FLOR. Vi leverò l'incomodo.~PANT. 425 1, 12| PANT. Tutto quel che volè.~FLOR. Servo signor Pantalone.~ 426 1, 12| reverisso. El cielo ve daga ben.~FLOR. Signora, le son servo. ( 427 1, 12| ROS. Padrone riverito.~FLOR. (Mi piace tanto, che ad 428 2, 12| Leandro e caffettiere~ ~FLOR. Caro amico Leandro, dispensatemi.~ 429 2, 12| diceste la vostra opinione.~FLOR. Ho la mente confusa, non 430 2, 12| Favoritemi di sentirlo.~FLOR. (Questi poeti sono pure 431 2, 12| essere che non vi dispiaccia.~FLOR. Lo so che siete bravo, 432 2, 12| avete, che vi fastidio?~FLOR. Ve lo dirò, acciò non crediate 433 2, 12| composizioni mie assai più lunghe.~FLOR. (Pur troppo). (da sé) Sappiate, 434 2, 12| LEAN. E le avete compatite.~FLOR. Sì, meritamente applaudite. 435 2, 12| dovrebbe esser cattivo.~FLOR. Oh, a rivederci. (in atto 436 2, 12| un non so che, e poi...~FLOR. Se vorrete ascoltarmi, 437 2, 12| trovo materia a proposito...~FLOR. Che cosa farete?~LEAN. 438 2, 12| LEAN. Un sonetto, subito.~FLOR. Per descrivere il mio infortunio, 439 2, 12| umor scorre dal monte».~FLOR. Alle corte. Voi conoscete 440 2, 12| è uno de' miei mecenati.~FLOR. Sappiate che egli ha una 441 2, 12| ho fatto il suo ritratto.~FLOR. Il suo ritratto? Come?~ 442 2, 12| LEAN. In quattordici versi.~FLOR. Oh bene, io nel vederla 443 2, 12| disperate? V'insegnerò io.~FLOR. Che cosa m'insegnerete?~ 444 2, 12| Fatele fare un sonetto.~FLOR. Sarebbe inutile. Ella non 445 2, 12| convertite con i miei versi?~FLOR. I vostri versi servono 446 2, 12| Sentite questo sonetto.~FLOR. Voi mi tormentate.~LEAN. 447 2, 12| Vi è un poco di analogia.~FLOR. Via, sentiamolo.~LEAN. 448 2, 12| Avete bevuto il caffè?~FLOR. Non ancora. (sedendo)~LEAN. 449 2, 12| Ordinatelo, che lo beveremo.~FLOR. Sì, come volete. Ehi, due 450 2, 12| Ah? Che vi pare? Caffè.~FLOR. (Oh che roba!) (da sé)~ 451 2, 12| avuto piacere a sentirlo?~FLOR. Sì, molto.~LEAN. Eppure 452 2, 12| cinque o sei ore di tempo.~FLOR. Si vede che avete della 453 2, 12| alla signora Rosaura...~FLOR. No, no, vi ringrazio. ( 454 2, 13| Chi è questo? (a Florindo)~FLOR. Non lo conosco.~LEAN. Ehi. ( 455 2, 13| cosa dice. (a Florindo)~FLOR. Bene, bene. Accomodatevi.~ 456 2, 13| Avete sentito? (a Florindo)~FLOR. Vi vuol prudenza. (a Leandro) ( 457 2, 17| Florindo di dentro e detti.~ ~FLOR. O di casa. Vi è nessuno? ( 458 2, 17| che mi vede, mi saluta.~FLOR. Si può venire? (di dentro)~ 459 2, 18| Pantalone e Florindo~ ~FLOR. Tornerò, se ha da fare. ( 460 2, 18| no gh'ho cuor de farlo.~FLOR. Perdoni, signor Pantalone, 461 2, 18| se l'ho fatta aspettar.~FLOR. Son qui per un affare curioso.~ 462 2, 18| diga pur, che l'ascolto.~FLOR. Questa mattina voi avete 463 2, 18| PANT. Sior sì, xe vero.~FLOR. Ed io, con vostra buona 464 2, 18| Chi v'ha dito sta cossa?~FLOR. L'ha detto alla servitù 465 2, 19| PANT. Andè via de qua.~FLOR. Signora, se vi degnaste...~ 466 2, 20| Me vien i suori freddi.~FLOR. La sentite, signor Pantalone?~ 467 2, 20| dir, ma no la sa gnente.~FLOR. Ma, caro signor Pantalone, 468 2, 20| sto sposo che la domanda.~FLOR. Eh, signore queste cose 469 2, 20| la xe cussì da galantomo.~FLOR. Io credo che sia così; 470 2, 20| no ve ne abbiè da pentir.~FLOR. Ma se io mi contento, ma 471 2, 20| Sior Florindo, la voleu?~FLOR. Sì, la desidero.~PANT. 472 2, 21| colla signora Costanza?~FLOR. Niente, signora Rosaura, 473 2, 21| PANT. Sentìu? (a Florindo)~FLOR. Questa sua innocenza mi 474 2, 21| malizia). (piano a Florindo)~FLOR. (Lasciate il pensiere a 475 2, 21| Signor no.~PANT. Oh bella!~FLOR. Come no?~ROS. Voi sarete 476 2, 21| no?~ROS. Voi sarete mio.~FLOR. Sì, sì, vi ho capito. Io 477 2, 21| ROS. Quando sarete mio?~FLOR. Lo sono fin da questo momento.~ 478 2, 21| Andiamo, andiamo. (a Florindo)~FLOR. Dove, signora?~ROS. Voglio 479 3, 23| VENTITREESIMA~ ~Florindo e detti.~ ~FLOR. Eccomi qui~ROS. Eccolo, 480 3, 23| Presto, deve la man da sposi.~FLOR. Ma non volete aspettare... ( 481 3, 23| aspettar, subito deghe la man.~FLOR. Per me son pronto. Che 482 3, 23| data, che sarebbe un pezzo.~FLOR. Ecco la mano.~ROS. Sì, 483 3, 23| non mi cucchi più. (parte)~FLOR. Anche a me renderete conto...~ 484 3, 23| ne impazzè co sto matto.~FLOR. Basta. Ringraziate il signor La donna di garbo Atto, Scena
485 2, 9| abito da uomo, e detti.~ ~FLOR. M'inchino al carissimo 486 2, 9| buon viaggio? Sei stanco?~FLOR. Veramente, per venir presto, 487 2, 9| virtuoso, e di sì bell'umore.~FLOR. Alla ciceroniana: Mihi 488 2, 9| veggo alla patria tornato!~FLOR. Anch'io sono di ciò consolatissimo. 489 2, 9| sociali mie contentezze.~FLOR. Fateor me tanto dignum 490 2, 9| bel tronco. (al Dottore)~FLOR. Così è: derivata patris 491 2, 9| giovanotto? Fa ch'egli si avanzi.~FLOR. Egli è uno scolaro mio 492 2, 9| desidero che vederti contento.~FLOR. Avanzatevi, signor Flaminio, 493 2, 9| osservando il creduto Flaminio)~FLOR. Che cos'è d'Ottavio mio 494 2, 9| qualche cabala per il lotto.~FLOR. Cupio videre eum.~DOTT. 495 2, 9| tua abilità: sei contento?~FLOR. Contentissimo. Io son paratus 496 2, 9| sentirai, ti farà maravigliare.~FLOR. Veramente sarà cosa da 497 2, 9| veda, se dico la verità.~FLOR. Andate, che avrò piacere.~ 498 2, 9| basta, c'intendiamo.~FLOR. Eh, non occorr'altro.~DOTT. ( 499 2, 10| piace). (piano a Florindo)~FLOR. (Su via, signora Isabella, 500 2, 10| ritiro nella mia camera.~FLOR. Prendete il vostro comodo.~


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License