L'amante di sé medesimo
   Atto, Scena
1 5, 1| imbriaga.~~Fe da omo una volta; pensè, che sta damina~~El ciel La bancarotta, o sia il mercante fallito Atto, Scena
2 2, 14| e la bottega e la casa. Pensè a regolarve, pensè al bisogno 3 2, 14| casa. Pensè a regolarve, pensè al bisogno che gh'avemo La buona moglie Atto, Scena
4 3, 5 | mi, sorela?~BETT. E vu no pensè altro che a vu, fia cara. La figlia obbediente Atto, Scena
5 2, 17| una putta prudente, pensè al vostro ben. Sentì cossa La finta ammalata Atto, Scena
6 3, 3| PANT. Mo za, vualtre donne pensè sempre al mal.~BEAT. Io Il gondoliere veneziano ossia gli sdegni amorosi Parte, Scena
7 1, 2| rason de lamentarme?~~O pensè che no sappia~~La vita che 8 2, 2| in oca; e zurerave~~Che pensè alla regata~~Che presto Una delle ultime sere di carnovale Atto, Scena
9 3, 5 | mi, che nissun ne sente: pensè ai vostri anni, e vergognève L'impostore Atto, Scena
10 1, 3| Le monede ghe sarà; no pensè altro.~ARL. Che bella cossa Il geloso avaro Atto, Scena
11 3, 11 | Salvemo el scrigno.~TRACC. Pensè a salvar la patrona.~PANT. Le massere Atto, Scena
12 1, 5 | Ma se me varderè, se ghe pensè un pochetto,~~No parlerè 13 2, 7 | COSTANZA:~~~~A mi no ghe pensè. Mi resto a sospirar.~~~~~~ 14 5, 8 | anni.~~~~~~COSTANZA:~~~~Pensè, povere grame, a viver con I morbinosi Atto, Scena
15 5, 1| solazzar?~~Se un omo d'onor, pensè a la mia desgrazia;~~Abième Il poeta fanatico Atto, Scena
16 1, 9| vita ancora.~TON. Vu no pensè altro che a magnar.~ARL. Componimenti poetici Parte
17 Dia1 | grezo~Presentè sul Teatro; pensè mal, scrivè pezo.~ ~ ~ 18 Dia1 | lodar i vanti, ~ Ai novizzi pensè, cantè de lori.~ Mo no vedeu, La serva amorosa Atto, Scena
19 1, 9 | parlarghene. De mi no ghe pensè.~Corallina: Non occorre Sior Todero brontolon Atto, Scena
20 3, 4 | allegro)~CEC. E de mi no ghe pensè più gnente? (mortificata)~ 21 3, 5 | importa de maridarse! No ghe pensè nevvero de maridarve? (a 22 3, 15 | anemo: ve liberà, no ghe pensè più. La vegna, la vegna, Torquato Tasso Atto, Scena
23 4, 9 | amigo, che siè fora de ton;~~Pensè, parlè pulito; par che gh' L'uomo di mondo Atto, Scena
24 2, 13| Momolo, no credo mai che pensè... che mi sappia... Proprio La putta onorata Atto, Scena
25 2, 12| dago una gran siada. No ve pensè però miga che vaga a desparechiar,
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License