L'amore paterno
   Atto, Scena
1 2, 11 | poeti). (a Florindo)~PANT. Dighe prima l'argomento, se ti Le baruffe chiozzotte Atto, Scena
2 1, 5 | barboni a sior cavaliere; dighe che ghe lo mando sto 3 2, 3 | LUC. Lassème stare. ~PAS. Dighe una parole. ~LUC. No. ~PAS. 4 3, 10 | siora, me burléu?~ORS. Dighe, che la se varda ela. ~I. 5 3, 12 | instizzào, nol sa quelo ch'a se dighe. Stamattina Lucietta l'averàve 6 3, 23 | el pòrtego dal barbier; dighe a paron Vicenzo, che el La bottega da caffè Atto, Scena
7 1, 3| ZAN.~~~~Caro Narciso, dighe le parole,~~Pàrleghe come 8 2, 3| del barbier.~~~~~~ZAN.~~~~Dighe che no ghe son.~~~~~~NARC.~~~~ 9 2, 5| portarme anca un milion,~~Dighe che no ghe son.~~~~~~NARC.~~~~ Chi la fa l'aspetta Atto, Scena
10 2, 1 | appartamento) varda sti putti; dighe quel che i ha da far. E Il campiello Atto, Scena
11 3, 10 | ORSOLA (Anca ti, Gnese dighe, che la vegna). (a Gnese)~ La casa nova Atto, Scena
12 1, 2 | Va subito a casa da mi, dighe a quei tre omeni, che i L'erede fortunata Atto, Scena
13 1, 5| sì, sarà meglio.~ARL. Va, dighe che non mi hai trovato.~ La figlia obbediente Atto, Scena
14 1, 13| i è sti camerieri. Via, dighe a siora Olivetta, che se La finta ammalata Atto, Scena
15 2, 8| medici.~PANT. Sì, sì, va , dighe che vegno.~COL. Questa casa Il geloso avaro Atto, Scena
16 2, 11 | PANT. No lo posso recever. Dighe che no posso, che el me 17 2, 11 | sarave capace de farlo. Dighe che sarò da ello.~TRACC. 18 2, 12 | alla patrona.~PANT. No, no, dighe che nol s'incomoda. Più 19 3, 3 | PANT. Poveretto mi! Presto, dighe a mia muggier che la vegna 20 3, 3 | tien le chiave. Averzi, e dighe che la vegna qua.~TRACC. ( Le massere Atto, Scena
21 2, 1 | el vien un'altra volta, dighe che no ghe son.~~~~~~ZANETTA:~~~~ Componimenti poetici Parte
22 TLiv | xe un stil da canzonete, ~Dighe che in venezian tradur s’ Il prodigo Atto, Scena
23 3, 10| Presto, chiameme el fattor, dighe che ghe voggio parlar.~TRUFF. I rusteghi Atto, Scena
24 2, 5 | Cànteghe quella canzoneta: dighe quela bela scena de Trufaldin. La putta onorata Atto, Scena
25 3, 12| boccal de quel molesin. Dighe al capo che te manda Cainelo;
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License