Una delle ultime sere di carnovale
   Atto, Scena
1 1, 13| da sior padre a portar i dessegni...~MARTA Via. Cossa serve? 2 1, 15| permette. un pezzo, che i dessegni de sto paese piase, e incontra 3 1, 15| accolti. Se gh'ha mandà dei dessegni, i ha avù del compatimento; 4 2, 1| no gh'averemo dei vostri dessegni.~ANZOLETTO E per questo? 5 2, 1| tropa bontà. De cento, e più dessegni, che ho fatto, qualchedun 6 2, 1| drapi laorai sui vostri dessegni, se no i ho smaltii a Venezia, 7 2, 1| che stè via, mandarme dei dessegni da dove che ?~ANZOLETTO 8 2, 4| promesso, che 'l me manderà dei dessegni; n'è vero, fio mio?~ANZOLETTO 9 2, 4| cossa serve, che mandè i dessegni? Co no vu assistente 10 2, 4| anni, che i laora sui mii dessegni, che oramai i gh'ha poco 11 2, 4| maggior cautela, farò i dessegni più sminuzzadi, con tutti 12 2, 7| t'una volta laorar sui so dessegni? No piene le boteghe 13 3, 4| descreditarme? Forsi, perché i mii dessegni d'un gusto diverso dai 14 3, 11| no ghe siè, de mandar i dessegni, che l'ha promesso.~ANZOLETTO 15 3, 11| sior Agustin. Manderò i mii dessegni, e no ghe ne lasserò mai Il teatro comico Atto, Scena
16 2, 6| scoprimento, servirà de fren ai to dessegni, e alle mie passion. Per
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License