Gli amanti timidi
   Atto, Scena
1 1, 1 | no, no la m'ha mai un'occhiada... una de quelle occhiade La birba Atto, Scena
2 2, 3| LIND.~~~~In t'una occhiada~~Ve so dir se i xe giusti.~~~~~~ La bottega da caffè Atto, Scena
3 1, 3| la ghe daga una benigna occhiada.~~~ ~~~~~ZAN.~~~~Che l’aspetta Chi la fa l'aspetta Atto, Scena
4 2, 1 | Andarò anca mi a dar un'occhiada in cusina, perché me preme La buona madre Atto, Scena
5 2, 2 | laorier, co ghe dago un'occhiada mi, el gh'ha una paura che Il frappatore Atto, Scena
6 1, 10| Roma?~TON. Eh, mi in t’una occhiada vedo tutto. E po cossa ghe Una delle ultime sere di carnovale Atto, Scena
7 1, 7 | cusina; son andada a dar un'occhiada. Perché, sàla? se no fusse 8 3, 7 | de in cusina a dar un'occhiada, e ordenar cossa che s'ha L'impostore Atto, Scena
9 1, 10| me lassa andar a dar un'occhiada.~ORAZ. Ma intanto voi potreste...~ I rusteghi Atto, Scena
10 2, 10 | basta, che lo varda; con un'occhiada el me intende.~LUCIETTA Sior Todero brontolon Atto, Scena
11 1, 1 | andà in tinello, l'ha un'occhiada al zucchero, l'ha un' 12 1, 1 | al zucchero, l'ha un'occhiada al caffè; l'ha scomenzà L'uomo di mondo Atto, Scena
13 2, 8| lassè che i diga. un'occhiada intorno a tanti altri pari
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License