1-500 | 501-976
Il bugiardo
    Atto, Scena
1 1, 16 | e di consolazione.~PAN. tanti anni che semo amici, 2 1, 16 | contenta?~PAN. Mi veramente vinti anni che no lo vedo. 3 1, 16 | PAN. Siguro, perché el andà via putello. Ma per 4 1, 16 | figlia sarà contenta.~PAN. assae che no l'abbiè maridada 5 1, 17 | solo~ ~ Sta inclinazion ghe poche putte che no la gh' 6 1, 18 | servirvi.~PAN. (Cancarazzo! Nol mio fio. M'avea ingannà.) 7 1, 19 | di vostro figlio.~PAN. El arrivà? Dove xèlo?~OTT. 8 1, 19 | mio caro fio, vien qua. tanto che te desidero, che 9 1, 19 | tocco de omo! Gran amor l'amor de pare! Son fora 10 2, 12 | con attenzione.~PAN. Ti ti l'unico erede de casa mia, 11 2, 12 | pare in parola, el negozio stabilio.~LEL. Signor padre, 12 2, 12 | PAN. Sior fio, questi no quei sentimenti de rassegnazion, 13 2, 12 | mia. Ma te voio ben, ti el mio unico fio, e co la 14 2, 12 | unico fio, e co la cossa fatta, no ghremedio. 15 2, 12 | Ah disgrazià! Basta, ti maridà, la sarà fenia. Cossa 16 2, 12 | PAN. Cossa ai dito? Cossa stà?~LEL. Strepiti grandi. 17 2, 12 | di dote.~PAN. (Questa la fursi la prima volta, che 18 2, 12 | circostanziato.)~PAN. Fio mio, ti andà a un brutto rischio, 19 2, 12 | brutto rischio, ma za che ti riuscio con onor, ringrazia 20 2, 12 | Pistole, pistole! Cossa ste pistole? Qua no se usa 21 2, 12 | bagattella! El negozio no tanto fresco. Va , che 22 2, 12 | essendo frutto de mio fio, el anca parto delle mie viscere. 23 2, 12 | Ghe dirò che subito che la in stato de vegnir, i me 24 3, 2 | matto, gran desgrazià che quel mio fio! Elmaridà, 25 3, 2 | che xè quel mio fio! El maridà, e el va a far l' 26 3, 3 | Napoli. Tolè trenta soldi. La molto grossa!~POR. La me 27 3, 3 | Da quando in qua?~PAN. El vegnù da Napoli.~POR. Gh' 28 3, 4 | Pantalone solo~ ~Chi mai quello che scrive? Cossa 29 3, 4 | che scrive? Cossa mai ghe drento? Sto carattere mi 30 3, 4 | No l'è maridà? O le fede false, o el matrimonio xè 31 3, 4 | xè false, o el matrimonio un'invenzion. Andemo avanti. 32 3, 4 | Cossa sentio? Lelio no maridà? Queste xè le fede 33 3, 4 | Lelio no xè maridà? Queste le fede del stato libero. ( 34 3, 5 | partissi da Napoli.~PAN. No tre mesi che partio da 35 3, 5 | caro amigo sior Masaniello resuscità.~LEL. Eh! Barzellette!~ 36 3, 5 | morto.~PAN. (O che ste fede false, o che mio fio xè 37 3, 5 | xè false, o che mio fio el prencipe dei busiari. 38 3, 5 | altro.~PAN. Co l'è morto, la fenia. Lassemo sto tomo 39 3, 5 | è stato rimedio.~PAN. Ti molto facile a andar zo 40 3, 5 | farò più.~PAN. Maridà ti certo.~LEL. Quando non fosse 41 3, 5 | morire di parto.~PAN. Se la in siè mesi.~LEL. Può abortire.~ 42 3, 5 | colla qual ti ha parlà e ti stà in casa?~LEL. È la figlia 43 3, 5 | Balanzoni.~PAN. Benissimo: e la quella che stamattina t' 44 3, 5 | Ben, el dottor Balanzoni bolognese.~LEL. (da sé) ( 45 3, 5 | senza di lei.~PAN. Ma se ti maridà.~LEL. Può essere 46 3, 5 | sia morta.~PAN. Queste le speranze da matti. Abbi 47 3, 5 | le putte. Siora Rosaura licenziada, e per dar una 48 3, 5 | sempre la verità. La fede el nostro mazor capital. 49 3, 5 | PAN. Donca a Napoli no ti maridà.~LEL. No certamente.~ 50 3, 5 | vedete l'autentica?~PAN. Le false, perché le spedisse 51 3, 5 | ti disi che l'è morto che tre mesi.~LEL. Lasciate 52 3, 5 | lettere di cambio.~PAN. Ma morto so pare, e sto sior 53 3, 5 | frasconazzo. Donca ste fede le bone?~LEL. Buonissime; mi 54 3, 5 | E i do mesi e più che ti stà a Roma?~LEL. Questo 55 3, 5 | viene a me.~PAN. Questa la mansion:~All'Illustriss. 56 3, 5 | al d'ancuo i titoli i a bon marcà, e po ti, ti 57 3, 5 | ne sono.~PAN. La lettera diretta a Venezia.~LEL. Il campiello Atto, Scena
58 1, 1 | Pute, chi mette al lotto?~ qua la Venturina.~Son vegnù 59 1, 1 | ORSOLA Oe matto! ti ti ? (dal suo poggiolo)~ZORZETTO 60 1, 1 | getta il bezzo)~ZORZETTO La ben franca;~Su per quattro. 61 1, 1 | ze pol comandar?~ZORZETTO comandà, patrona.~GASPARINA 62 1, 1 | bezzi.~DONNA PASQUA Mia fia più putela.~Trèghe el sacchetto, 63 1, 1 | Vardè! se fazzo frittole?~La una profession.~GASPARINA 64 1, 1 | Zorzetto)~ZORZETTO No so; ghe de meggio.~LUCIETTA Buttè 65 1, 1 | al più.~GNESE La Stela la mia.~DONNA PASQUA Certo, 66 1, 1 | ZORZETTO El trenta.~LUCIETTA La mia.~GASPARINA Ma un'altra~ 67 1, 1 | zeno. (entra in casa)~GNESE meggio, che anca mi fazza 68 1, 1 | vien su, fio mio.~El spasso fenio.~El tempo se fa scuro.~ 69 1, 2 | l'oggio, poverazza;~Ela morta, e da so fia se sguazza.~ 70 1, 2 | sto gran pericolo,~Che la mauretta;~Ma la mia, poveretta,~ 71 1, 2 | Sessanta, e va.~DONNA CATTE I manco dei vostri in verità.~ 72 1, 2 | fia,~Per le flussion i me andadi via.~Oh se m'avessi 73 1, 2 | CATTE Certo, che sti marii~I i gran desgraziai.~El pan 74 1, 2 | basta mai.~DONNA PASQUA La cusì, sorela.~Anca el mio, 75 1, 2 | quei,~E sì el mio pan noi de semolei.~DONNA CATTE 76 1, 2 | CATTE Oh anca mi certo; co via sta puta,~La fazzo, 77 1, 2 | recchia,~Tutto el resto bon. (parte)~ ~ ~ 78 1, 4 | Cognossela quel sior, che venudo?~GASPARINA Mi no. 79 1, 4 | GASPARINA Dazzeno?~SANSUGA El un, ch'ha per ela de la 80 1, 4 | stima,~E col l'ha vista el cascà a la prima.~GASPARINA 81 1, 4 | cognozzeu?~SANSUGA So chi la .~GASPARINA Ben co me cognozzè,~ 82 1, 4 | parla cuzì.~SANSUGA No ghe mal. No voggio miga dir...~ 83 1, 4 | No m'àlo zaludà?~SANSUGA vero, ma nol sa,~Se la l' 84 1, 5 | Anzoletto.~Tre ore, sto baron, che l'aspetto.~L'ora la 85 1, 5 | che l'aspetto.~L'ora la passada,~Che el se sente 86 1, 8 | verso Anzoletto)~Cossa sto impiantarme?~ ~ ~ 87 1, 9 | Quel baron del marzer...~ passà...l'ho chiamà...~Noi 88 1, 10 | vecchia chi è?~LUCIETTA La mia mare.~DONNA CATTE Che 89 1, 10 | CATTE Lo so anca mi; la una bela puta.~E po vardè, 90 2, 1 | scoar sto campiello;~El pien de scoazze.~Sempre 91 2, 1 | Pasqua; donna Pasqua.~La sordetta, grama!~Oe sentì, 92 2, 1 | zentildona!).~ORSOLA El un pan, che se impresta.~ 93 2, 1 | rason; disé, fia mia,~Dove vostra fia?~DONNA PASQUA 94 2, 1 | vostra fia?~DONNA PASQUA La sentada,~Che la laora: oh, 95 2, 1 | Che la laora: oh, no ghe pericolo~Che in ozio la 96 2, 1 | in ste zornae.~ORSOLA La una puta, che me piase assae.~ 97 2, 1 | DONNA PASQUA Dasseno la bona. (si mette a spazzare 98 2, 1 | DONNA PASQUA De quele no la ...~Se me capì...~ORSOLA 99 2, 1 | Se me capì...~ORSOLA La una bona puta.~DONNA PASQUA 100 2, 1 | PASQUA E per dir quel, che , non la xè bruta.~ORSOLA 101 2, 1 | dir quel, che xè, non la bruta.~ORSOLA Caspita! la 102 2, 1 | bruta.~ORSOLA Caspita! la un fior.~DONNA PASQUA N' 103 2, 1 | sorela?~ORSOLA La puta la bela,~La xè bona; chi sa?~ 104 2, 1 | ORSOLA La puta la xè bela,~La bona; chi sa?~DONNA PASQUA 105 2, 2 | Ma le bone occasion oh le rare.~Sioria, vago a parlar 106 2, 3 | LUCIETTA Ma da chi?~Se no ghe nissun, vegnirò mi.~Oe aspettè. 107 2, 4 | bagatele.~GNESE Eh via, che le cosse da putele.~LUCIETTA 108 2, 4 | putele.~LUCIETTA Adesso ti granda,~Gnese, oe vàrdeme 109 2, 9 | una puta da ben;~E no la de quele...~GNESE Le altre, 110 2, 10 | voi?~ZORZETTO Quel, che .~Mi no gh'ho fatto gnente, 111 2, 10 | Anzoletto?~ANZOLETTO Sempre la cusì.~DONNA CATTE Via, via, 112 2, 10 | con essa.~GNESE So fia la promessa~Quello xè el so 113 2, 10 | fia la xè promessa~Quello el so novizzo.~No ghmal, 114 3, 1 | DONNA CATTE Sior sì, cusì la .~Ghe darò do vestine, e 115 3, 1 | Una vesta, un zendà, che bonetto,~Tutto el so bisognetto;~ 116 3, 1 | so bisognetto;~E po, come stadi i nostri pati,~Mi 117 3, 3 | che quel, che ti gh'ha; bon, e belo.~LUCIETTA Dov' 118 3, 4 | Oh, se cognosse, che la inocente! (va in casa)~ ~ ~ 119 3, 6 | vien rossa.~DONNA PASQUA La contenta; ma no la se ossa.~ 120 3, 6 | soldo nella sémola)~Questo el mio.~GNESE Anca mi.~ORSOLA 121 3, 6 | Anca mi.~ORSOLA Questi qua do soldi. Anca per ti.~DONNA 122 3, 6 | LUCIETTA Mo za, se sa;~No la mai contenta.~ZORZETTO Voggio 123 3, 6 | LUCIETTA Provève,~Quelo tropo picolo.~Quelotropo 124 3, 6 | Quelotropo picolo.~Quelo tropo grosso.~ZORZETTO No 125 3, 6 | destaccai.~ZORZETTO Tolè, i fatti.~LUCIETTA Questo mi.~ 126 3, 8 | criar?~ANZOLETTO Basta; la fenia.~LUCIETTA L'àstu portà?~ 127 3, 8 | Doveressimo tòr quel, che .~ANZOLETTO Mo, se no 128 3, 8 | mal.~Cusì, quando le nozze fenie,~No gh'averò el compare 129 3, 8 | ANZOLETTO (Una gran tribia, che mia madonna!).~ORSOLA Disé, 130 3, 8 | in grazia mia.~GNESE Ti contenta, che ti gh'ha l' 131 3, 8 | sentio a dir da tanti, che i avvezzi~Aver oltre el disnar 132 3, 9 | far a loro.~SANSUGA No la ~Roba da pari soi.~CAVALIERE 133 4, 4 | bevere ad Anzoletto)~«Sto vin meggio assae dell'acqua 134 4, 4 | Gnese, anca ti,~Che ti cusì brava.~ORSOLA Fàte 135 4, 4 | GNESE «Co sto vin, che puro, e xè dolcetto~Mi bevo 136 4, 4 | sto vin, che xè puro, e dolcetto~Mi bevo alla salute...»~ 137 4, 6 | abbiamo accomodata.~SANSUGA La una baronata;~La ghe doveva 138 4, 6 | bestialità!~SANSUGA Ghe ne più de trenta~De vin, ghe 139 4, 6 | Eccoli qui.~SANSUGA E po ghe la bona man a mi.~CAVALIERE 140 4, 8 | Tasi, tasi, fio mio; no la usa.~Ma da resto de drento 141 5, 4 | Cossstà?~LUCIETTA El andà dall'amiga. (accenna 142 5, 4 | LUCIETTA Sentì: el foresto~ andà da Gasperina.~La se 143 5, 4 | LUCIETTA Anca mia mare~La ben conzada.~Oe quattro 144 5, 4 | Oe quattro volte la me cascada.~GNESE Dove xèla?~ 145 5, 4 | la ronchiza.~ORSOLA Dove Anzoletto?~LUCIETTA Anca 146 5, 4 | Anzoletto?~LUCIETTA Anca elo qua,~In canton del fogher 147 5, 4 | compare?~LUCIETTA El compare liogà;~Ma co lo chiameremo, 148 5, 4 | Lucietta)~GNESE Che bisogno ghe ,~Che pettegolezzi? (ad 149 5, 6 | che sia Lucietta?~GNESE La andada~Da sior'Orsola.~ANZOLETTO 150 5, 7 | dove xèla?~ANZOLETTO La andada via.~DONNA CATTE 151 5, 8 | le mie raìse,~Che no ghe pericolo,~Che te manca mario. ( 152 5, 8 | Nol soggio?~DONNA CATTE El un baron.~LUCIETTA No me 153 5, 8 | CATTE No stemo qua, che la una vergogna.~ANZOLETTO 154 5, 9 | scena?~ORSOLA Mi no. Cossa stà?~GNESE Ve conterò.~Perché 155 5, 9 | conterò.~Perché Lucietta vegnua da vu~Un pocchettin 156 5, 13 | so pare~Sto giandussa; el fio de bona mare. (entra)~ ~ ~ 157 5, 16 | mia mare.~DONNA PASQUA La ela,~Che xè una baruffante.~ 158 5, 16 | DONNA PASQUA La xè ela,~Che una baruffante.~ORSOLA Mi 159 5, 16 | ANZOLETTO Che bisogno ghe ?~LUCIETTA Via, se ti me 160 5, 18 | anca nu portar respetto~Oh qua, sior Simon. (viene 161 5, 18 | Simon. (viene Simone)~Questo mio zerman~Podemo dar la 162 5, 18 | sposé.~ANZOLETTO Questa mia muggier.~LUCIETTA Questo 163 5, 18 | muggier.~LUCIETTA Questo mio mario.~DONNA CATTE Séntime La casa nova Atto, Scena
164 1, 1 | gnancora fenio de marangonar? debotto do mesi che se drio 165 1, 1 | sta gran fabbrica e no la gnancora fenia? Gnanca se 166 1, 1 | un per de camere almanco. do zorni che no fazzo altro 167 1, 1 | li ha fatti stoppar. Dopo vegnù un altro a dirghe 168 1, 1 | senza un camin da scaldarse una minchioneria, e lu: 169 1, 1 | Tramezemo el portego, perchè el longo. Desfemo la tramezura 170 1, 1 | Chi glie l'ha fatta tôr stada la so novizza. La 171 1, 1 | stada la so novizza. La un boccòn de spuzzetta de 172 1, 1 | mobili da niovo, e po no la gnancora contenta.~Sgualdo: 173 1, 1 | incapricià mi no so de cossa. La una putta civil, ma arlevada 174 1, 1 | sior Anzoletto, dopo che morto so pare, el ghe n' 175 1, 1 | buttà via tanti, che el al giazzo; poveretto, el 176 1, 1 | se ghe diga che nol ghe , e no so dove l'anderà a 177 1, 1 | da putta da ben, che la cussì.~Sgualdo: Cospetto 178 1, 1 | nome sfogo, crepo.~Sgualdo: el mal, che sior Anzoletto 179 1, 1 | vedè che malinconia? La una casa sepolta, no se 180 1, 1 | Eh quel, che gh'aveva , difficile che qua lo gh' 181 1, 1 | Sgualdo: Perchè? No la contenta siora Meneghina? 182 1, 1 | sior barba Cristofalo el ricco, e se el vol, el la 183 1, 1 | pòl agiutar.~Lucietta: El instizzà co sto so nevodo, 184 1, 1 | torà de mezo.~Sgualdo: Oe, qua sior Anzoletto. ~Lucietta: 185 1, 2 | tutto fenìo.~Anzoletto: vinti zorni, che sento a 186 1, 2 | rason; ma adesso quel che dito, xè dito. Destrighemose, 187 1, 2 | adesso quel che xè dito, dito. Destrighemose, caro 188 1, 2 | omeni bisogna pagarli. I tutta zente, che vive de 189 1, 2 | Anca la biancheria da tola in casa vecchia.~Anzoletto: 190 1, 2 | no fala; el pan dei mati el primo magnà.) (parte)~ ~ 191 1, 5 | quanto po a mia muggier, la tanto difficile da contentar, 192 1, 6 | Anzoletto: Cara sorela, la casa ristretta. ~Meneghina: Ristretta 193 1, 6 | disè a sta casa? No ghe quattro camere da sta banda?~ 194 1, 6 | vedè ben, cara fia. Questo l'appartamento per mi e 195 1, 6 | nemigo, perchè mio barba un omo de sesto, un omo 196 1, 7 | barba, poveretto mi. La stada offesa anca ela e 197 1, 9 | Sior sì, a ora de disnar, l'ora, che sta sorte de 198 1, 9 | dormir elo.~Lucietta: Cossa ste muanze?~Sgualdo: Causa 199 1, 9 | torna)~Sgualdo: Za, questi tutti i pensieri, che gh' 200 1, 9 | che i se lamenta; se le vecchie, no le xè bone da 201 1, 9 | se le xè vecchie, no le bone da gnente; se le xè 202 1, 9 | xè bone da gnente; se le zovene, le fa l'amor. E 203 1, 9 | Lucietta: Oe, saveu, chi ?~Sgualdo: Chi xè?~Lucietta: 204 1, 9 | saveu, chi xè?~Sgualdo: Chi ?~Lucietta: La novizza.~Sgualdo: 205 1, 9 | Lucietta: Mi no.~Sgualdo: La novizza del vostro paron, 206 1, 9 | avè mai parlà?~Lucietta: quindese zorni, che el l' 207 1, 9 | ha sposada. Fin adesso el stà in casa della muggier. 208 1, 9 | in casa della muggier. La vegnua una volta in casa 209 1, 10 | Lucietta: Lustrissima no; un pezzo, che son in casa.~ 210 1, 10 | casa?~Lucietta: No ghe ne altre che mi, per adesso.~ 211 1, 10 | mo a sior Anzoletto ghe vegnù in testa de far sta 212 1, 10 | adesso in sta casa no ghe stà civiltà. (al Conte) 213 1, 10 | Lucietta: (con ironia) (E la segura, che el cavalier 214 1, 10 | Cecilia: (a Lucietta) Come la qua, e no la se degna de 215 1, 11 | perchè so, che con so barba i desgustai.~Conte: Fa male 216 1, 11 | disè? Un omo de garbo? El un tangaro, un vilanazzo 217 1, 11 | toga. Sto aseno d'oro el pien de bezzi, e nol se 218 1, 11 | come una zentildonna e nol degno d'aver per nezza una 219 1, 12 | perchè la so camera no la camera da recever.~Cecilia: 220 1, 12 | signora, che la so camera no bela come la mia, e che 221 1, 12 | in t’una camera, che no da par suo. Ala capio, sior 222 1, 12 | varda de sto sior Conte. El un adulator spaccato.)~Cecilia: 223 1, 12 | lustrissima. La sa, ghe un'altra fittanza.~Cecilia: 224 1, 12 | Lucietta: Lustrissima no. Eh la una, che sa el trattar. 225 1, 12 | che se la vòl favorir la patrona. Dighio ben, sior 226 1, 13 | ghe la provvederà. Questa più de un ano che la xè 227 1, 13 | xè più de un ano che la con mi, e la me comoda assae; 228 1, 13 | Lucietta: (Chi diavolo vegnù in casa? Un basilisco?) ( 229 1, 14 | stracca.~Cecilia: E po la in casa soa.~Meneghina: 230 1, 14 | O no, la veda, casa mia la mia camera.~Cecilia: 231 1, 14 | mia camera.~Cecilia: Oh la patrona de tutta la casa.~ 232 1, 14 | incomodo a nissun. Dopo che morta mia madre sono avezzada 233 1, 14 | me compatissa. Lucietta una povera putta, ma no 234 1, 14 | una povera putta, ma no la mai stada avezza a esser 235 1, 14 | la dise cussì? Questo el un affron to, che la me 236 1, 14 | affron to, che la me fa. La in casa, mio mario la paga 237 1, 14 | manderò via.~Cecilia: Questo un pontiglio, e con mi no 238 1, 14 | mie...~Meneghina: No me mai stà ditto tanto gnanca 239 1, 15 | Oh altro che parole; ghe dei fatti, e fatti per mi 240 1, 15 | Anzoletto: (El so anca mi, el mal. Bisogna remediarghe. 241 1, 15 | Tra le altre cosse ghe tutta la biancheria da tola; 242 2, 1 | parlar.~Checca: O che le orsi, o che le xè superbe.~ 243 2, 1 | che le xè orsi, o che le superbe.~Rosina: Rusteghe 244 2, 1 | come! Vardè: la novizza quindese zorni, che la xè 245 2, 1 | xè quindese zorni, che la maridada, e oramai la gh' 246 2, 1 | posso dir che mio marìo sta el primo zovene, che 247 2, 1 | come che ancuo solamente le vegnude in casa nova, che 248 2, 1 | Rosina: Mi l'ho vista co la vegnua. No me par che ghe 249 2, 1 | averà speso in sta casa! do mesi che i ghedrio.~ 250 2, 1 | casa! Xè do mesi che i ghe drio.~Checca: E sì, savè, 251 2, 1 | savè, la prima peata, che vegnua a la riva, no ghe 252 2, 1 | da fassi?~Checca: Sì, sì, vero, el giera un bateloto. 253 2, 1 | una festa, co no le ghe .~Rosina: E Lorenzin, poverazzo, 254 2, 1 | contentarlo ghe parlerò; ma nol negozio per elo.~Rosina: 255 2, 1 | ghe voggia ben. Anca lu un povero gioppo. L'amor 256 2, 2 | sta putta. Poverazza, la proprio un paston. ~Rosina: 257 2, 2 | paston. ~Rosina: Saveu chi ? ~Checca: Chi xè? ~Rosina: 258 2, 2 | Saveu chi xè? ~Checca: Chi ? ~Rosina: La serva de ste 259 2, 3 | novizza, servo la putta. un pezzo, che stago con 260 2, 3 | servitù, co so cugnada la rustega. Ma no la xè miga 261 2, 3 | la xè rustega. Ma no la miga rustega con tutti ... 262 2, 3 | paroncina no ghe n'ha colpa, stada causa quell'altra.~ 263 2, 3 | la giera de tutte do, la andada in collera, e no 264 2, 3 | favorirne, diseghe che la patrona, co la comanda.~ 265 2, 3 | una mia sorela.~Rosina: anca assae trovar una serva, 266 2, 3 | patrona?~Lucietta: Oh la zovene, lustrissima; no 267 2, 3 | mo anca calarghe i ani, un poco troppo.~Lucietta: 268 2, 3 | come sarala?~Lucietta: El so zerman lustrissimo sior 269 2, 3 | Lorenzin?~Checca: Siguro. El fio de una nostra amia.~ 270 2, 3 | poverazza, no la ghe n'ha. La zovene, ma no po tanto quanto 271 2, 3 | dise. Nobiltà, no ghe ne da trar via; so pare giera 272 2, 5 | sotto. ~Rosina: E sì mo ghe le vostre viscere. ~Lorenzino: 273 2, 5 | diavolo gh'hala i balconi? tre ore che ziro co fa un 274 2, 5 | vederè. La so camera la sora una corte, che no passa 275 2, 5 | Mi no so niente. So, che do mesi che l'ha tolto sta 276 2, 5 | gh'ha sto barba, e che el ricco; ma i dise, che el 277 2, 5 | e cussì.~Rosina: No ghe ste belezze.~Checca: La 278 2, 5 | ste belezze.~Checca: La granda.~Rosina: Ma no la 279 2, 5 | granda.~Rosina: Ma no la gnente ben fatta.~Checca: 280 2, 5 | Checca: Qua, qua; no la troppo ben fatta.~Lorenzino: 281 2, 5 | le cosse a strapè, altro che mi ghe parla, e altro 282 2, 5 | che mi ghe parla, e altro che ve andè a far veder 283 2, 5 | Checca: Oh putto caro, ti ghe ben dentro fina in ti occhi. 284 2, 6 | Checca: Vardè mo, che ghe zente in portego. ~Rosina: 285 2, 6 | Lustrissima, sta signora che vegnua a star da novo qua 286 2, 6 | disemo gnente. El tinelo lontan, no la sentirà. Femoghe 287 2, 7 | Checca: Oh cossa disela! la sempre patrona.~Rosina: 288 2, 7 | La casa, se volemo, no cattiva. Ma ghe xè de le 289 2, 7 | volemo, no xè cattiva. Ma ghe de le cosse, che me desgusta.~ 290 2, 7 | dispiasesse.~Meneghina: Oh impossibile, cara ela.~Rosina: 291 2, 7 | Rosina: Qualche volta ghe dei riflessi che piase. ~ 292 2, 7 | la me conta! So zerman el ? ~Rosina: El xè nostro zerman. ~ 293 2, 7 | zerman el xè? ~Rosina: El nostro zerman. ~Meneghina: 294 2, 7 | balconi! ~Meneghina: La la corte dell'orco. ~Rosina: 295 2, 7 | Meneghina: Mo in verità la una cossa granda. ~Checca: 296 2, 7 | no ghe passa nissun. La inchiavada, e no gh'è altro 297 2, 7 | sì.~Meneghina: E se ghe mia cugnada?~Checca: Fin 298 2, 9 | Che grazie, che favori questi?~Cecilia: Son vegnua 299 2, 9 | a Meneghina) (Eh si, la affettada un pocheto.)~Checca: ( 300 2, 9 | che no digo; ma quando se use, se la m'intende... 301 2, 9 | Cecilia: Oh cossa disela. El un strazzetto, che gh'aveva 302 2, 9 | nostra per altro la ghe sta distinzion.~Meneghina: 303 2, 9 | Ghe dirò; co mio marìo a Venezia andemo una volta 304 2, 9 | commedia; ma adesso che nol ghe , stemo a casa.~Cecilia: 305 2, 9 | serva de qualche chiave, le patrone. Gh'ho palco per 306 2, 9 | grazie. Dasseno, co no ghe mio marìo, no vago in nissun 307 2, 9 | luogo.~Cecilia: E co ghe so marìo, la vòl che el 308 2, 9 | come sopra) (Mio fradelo de quei che no bada.)~Rosina: ( 309 2, 9 | cussì.~Rosina: Adesso che la in casa de so marìo, siora 310 2, 9 | per quel che i dise, nol degno de una sorela de mio 311 2, 9 | che el sia ricco; ma el un galantomo, e in tel so 312 2, 9 | in tel so parentà no ghe sporchezzi, e nissun dei 313 2, 9 | sporco? Me scaldo perchè el un putto civil quanto ela, 314 2, 9 | putto civil quanto ela, e el mio zerman.~Cecilia: (s' 315 2, 9 | Cecilia: (s'alza) So zerman el ?~Rosina: Siora si, el xè 316 2, 9 | xè?~Rosina: Siora si, el nostro zerman, e el xè un 317 2, 9 | el xè nostro zerman, e el un putto nato per ben, e 318 2, 9 | parlar? ~Cecilia: Questa la prima volta, che ho l' 319 2, 9 | Calendrini in sto paese qualcossa, e la pòl qualcossa. 320 2, 10 | che raccola?~Rosina: Mo la ben palicaria.~Checca:. 321 2, 10 | mia de ste scene ghe ne mai stà, e no ghe ne voggio.~ 322 2, 10 | impizzada?~Meneghina: Ela una signora de proposito. 323 2, 10 | fazza.~Rosina: (De diana, la ben incocalìa!~Meneghina: 324 2, 10 | benissimo dove che el sta; el amigo de mio marìo, e lo 325 2, 11 | Cospetto del diavolo, no ghe caso de poder liberar sti 326 2, 11 | no avè fatto gnente. La come che la giera. El letto 327 2, 12 | dir a vussustrissima, che do mesi che el gh'ha fittà 328 2, 12 | se el farà quei passi che de giustizia, e che sarà 329 2, 12 | sto boccon de seccada, el el più bel divertimento 330 2, 12 | divertimento del mondo. Cossa de mia muggier e de mia 331 2, 13 | Lucietta: Oh de diana! El po vegnù!~Anzoletto: Cossa 332 2, 13 | vegnirà.~Lucietta: Debotto ora de disnar.~Anzoletto: 333 2, 13 | parecchiemo la tola, se no ghe biancheria?~Anzoletto: ( 334 2, 13 | da man.~Anzoletto: No ghe dei fazioli tovaggiai?~Lucietta: 335 2, 13 | fazioli tovaggiai?~Lucietta: I strazzetti; ma ghe ne xè.~ 336 2, 13 | xè strazzetti; ma ghe ne .~Anzoletto: No se poderave 337 2, 14 | Cecilia: Vostra sorela una bella pettegola. ~Meneghina: 338 2, 14 | Anzoletto, vostra muggier una gran superba. ~Cecilia: 339 3, 2 | gnente; gh'ho da contar; ghe dele cosse grande.~Rosina: 340 3, 2 | lo soggio, che mia sorela più curiosa de mi?)~Lucietta: 341 3, 2 | sappia, che in casa de nu ghe delle cosse grande.~Checca: 342 3, 2 | cosse grande.~Checca: Che mo?~Lucietta: El patron 343 3, 2 | mo?~Lucietta: El patron in te l'ultima disperazion. 344 3, 2 | cosse grande.~Checca: Mo le grande dasseno.~Rosina: 345 3, 2 | putta pianze, e la novizza in tutte le furie.~Checca: 346 3, 2 | zoggia de so muggier.~Checca: quindese zorni che el xè 347 3, 2 | Xè quindese zorni che el maridà...~Lucietta: Oh cara 348 3, 2 | cara ela, cossa credela? do ani, che el ghe fa l' 349 3, 2 | contà a mi una dona che stada in casa soa quindes350 3, 2 | imprestasse i manini.~Rosina: assae, che sta serva dopo 351 3, 2 | andar via.~Lucietta: La andada via, perchè no i 352 3, 2 | benedetta! Le donne no le miga tutte co fa mi, la 353 3, 2 | mi, la veda. Sette mesi che i no me gnente, e 354 3, 2 | Eh sì sì, anca ti ti una bela zoggia!)~Toni: 355 3, 2 | Toni: Lustrissima, la domandada.~Checca: Chi xè?~ 356 3, 2 | xè domandada.~Checca: Chi ?~Toni: Xè el lustrissimo 357 3, 2 | domandada.~Checca: Chi xè?~Toni: el lustrissimo sior Lorenzin 358 3, 3 | Cristofolo, andè de , che no ben che ghe siè.~Rosina: 359 3, 3 | Checca: Mi ascolto quel che da ascoltar.~Rosina: E mi 360 3, 3 | mi no sento quel che no da sentir. (parte)~Cristofolo: 361 3, 3 | quel che la comanda. (El ben all'antiga dasseno.) 362 3, 3 | So, che sto furbazzo el vegnù a star de sotto de 363 3, 3 | Oh sior Cristofolo, el un signor tanto compito!~ 364 3, 3 | Cristofolo: So sorela la una matta anca ela. Co xè 365 3, 3 | xè una matta anca ela. Co morta so mare, la voleva 366 3, 3 | tutto? So tutto. So che el pien de debiti, so che in 367 3, 3 | zoggia de so muggier. La stada el so precipizio. 368 3, 3 | quella maledetta casa, nol stà più elo. No l'ha più 369 3, 3 | Cristofolo: Chi xelo?~Checca: El quel putto, che xè vegnù 370 3, 3 | Checca: El xè quel putto, che vegnù a chiamarlo da parte 371 3, 3 | l'ho più visto.~Checca: poco, che elvegnù fora 372 3, 3 | Checca: Xè poco, che el vegnù fora de collegio.~ 373 3, 3 | sesto.~Checca: In verità, el una copa d'oro.~Cristofolo: 374 3, 3 | Cristofolo: Siora sì, el putto de bon sesto, e el la troverà.~ 375 3, 3 | Putte mi no ghe n'ho, e superfluo che ghe diga 376 3, 4 | Voggia, o no voggia, quella so nezza, e la xè tradida 377 3, 4 | quella xè so nezza, e la tradida da so fradelo, e 378 3, 4 | tradida da so fradelo, e la in miseria; e una putta 379 3, 4 | desordini de mio fradelo cascai addosso de mi.~Cristofolo: 380 3, 4 | cara siora! la compassion bela e bona; ma bisogna 381 3, 4 | gh'ha rason. El palazzo cussì, che no l'ha gnancora 382 3, 4 | Cristofolo: A sto stato el ridotto quel desgrazià?~ 383 3, 4 | Cristofolo: (El sangue no acqua, la me fa compassion.) 384 3, 4 | Caro sior Cristofolo, la in ti ani; a elo no ghe 385 3, 4 | intendo. El sarà de . El quelo, che me xè vegnù a 386 3, 4 | . Elquelo, che me vegnù a cercar. El sarà 387 3, 6 | sior Conte, chi no ghe drento, facilmente po far 388 3, 6 | caro sior Conte, co no se più in istado de dar da 389 3, 6 | istrumento dotale.~Cecilia: Che bisogno dell'istrumento?~ 390 3, 6 | di voi.)~Cecilia:. E dove mia cugnada? Xèla andada 391 3, 7 | ve dirò più gnente. ( tutt'un.) ~Conte: (a Fabrizio) ( 392 3, 7 | Cecilia: Cossa soggio mi? do ore, che no la vedo. ~ 393 3, 7 | Cecilia: Eh fio caro, co se in sta sorte de casi, bisogna 394 3, 8 | A mi me lo disè? Questa zente, che ho cognossuo 395 3, 8 | Eh conosso, che adesso no più tempo de caldo.~Anzoletto: 396 3, 8 | Adesso saveremo dove che la . Lucietta.~ ~ 397 3, 9 | dentro) La servo.~Cecilia: ben che vegna vostra sorela 398 3, 9 | da dir. ~Anzoletto: Dove mia sorela? ~Lucietta: ( 399 3, 9 | Anemo, vòi saver dove che la . ~Lucietta: Ghe lo dirò, 400 3, 9 | bella novità. ~Lucietta: La da ste lustrissime sora 401 3, 9 | Lucietta: Sala chi ghe qua de sora? ~Cecilia: Che 402 3, 9 | E se gh'intende. Ma ghe un altro.~Anzoletto: Chi 403 3, 9 | Cecilia: Qua de suso ghe so barba?~Lucietta: Lustrissima 404 3, 9 | pampalugo, e vederè chi vostra muggier. (lo prende 405 3, 10 | sposada, el la sposerà. Se nol so barba ancuo, el sarà 406 3, 10 | Un omo de la so sorte no capace de tirarse indrìo.~ 407 3, 10 | contratto, vòi saver dove che andada la roba de so padre. 408 3, 11 | alla posta a veder se ghe lettere de mio marìo~Lorenzino: 409 3, 11 | che vaga?~Checca: Andè, i do passi. Andè, e tornè 410 3, 12 | sior Cristofolo, za che el tanto bon, el gh'abbia pazienza 411 3, 12 | Cospetto de diana! Se el mio nevodo, no lo voggio 412 3, 12 | voggio ascoltar.~Checca: Nol so nevodo.~Cristofolo: Chi 413 3, 12 | nevodo.~Cristofolo: Chi donca?~Checca: Caro elo, 414 3, 12 | nol vaga in collera. La la novizza de so nevodo.~ 415 3, 13 | disgrazie tutti i momenti preziosi. Mi son muggier 416 3, 13 | de so nevodo. So nevodo fio de un so fradelo, onde 417 3, 13 | podemo esser. So, che el desgustà de mi e de mio 418 3, 13 | meggio de mi, poverazzo, el de bon cuor, e per el troppo 419 3, 13 | parlà mal del sior barba, vero, ho parlà malissimo. 420 3, 13 | la zoventù. Cossa ghe ne derivà da sti cattivi principii? 421 3, 13 | El mio povero marìo no seguro de caminar. Co vago 422 3, 13 | ne desprezza: mio marìo deventà el ludibrio de sto 423 3, 13 | xèlo ala fin mio marìo? El Anzoletto Argagni, el xè 424 3, 13 | xè Anzoletto Argagni, el de quel sangue de quei onorati 425 3, 13 | onorati galantomeni, che stai, e che xè el specchio 426 3, 13 | galantomeni, che xè stai, e che el specchio della pontualità, 427 3, 13 | pontualità, della onoratezza. El nevodo de sior Cristofolo, 428 3, 13 | Cecilia: (El me del vu; bon segno.)~Cristofolo: 429 3, 13 | manca mai.~Cristofolo: (El qua anca elo. Questa xè 430 3, 13 | xè qua anca elo. Questa la casa de la compassion.)~ ~ 431 3, 14 | ma licenziela, che no la casa per vu.~Cecilia: Caro 432 3, ul | cielo e del mio caro barba, giustà tutto. ~Meneghina: 433 3, ul | me fasse deventar matto. meggio, che me destriga 434 3, ul | ad Anzoletto) (Donca nol quel spiantà che disevi?)~ 435 3, ul | mano)~Lorenzino: Questa mia muggier.~Meneghina: 436 3, ul | muggier.~Meneghina: Questo mio marìo.~Rosina: Me consolo, 437 3, ul | mi de qualche desordene, ben, che gh'abbia savesto 438 3, ul | fatti per causa mia, uno sta quelo de sta casa nova; 439 3, ul | signore, no nasseva quel che nato. Lodemo donca la casa 440 3, ul | biasima chi pòl, chi sa, e chi pieni per nu de bontà, de La figlia obbediente Atto, Scena
441 3, 7 | che li compra quanti che i , e i la tratta in quella Una delle ultime sere di carnovale Atto, Scena
442 1, 1 | tender al sodo. Se ti vol, ti un bon laorante; e se ti 443 1, 1 | sior patron! Almanco el sempre aliegro.(parte)~BALDISSERA 444 1, 1 | viva; oh che gusto! (El un vecchietto, che propriamente 445 1, 2 | sì, sfadigarse co se ghe , e gòder i amici ai so tempi, 446 1, 2 | arivada.~ZAMARIA Brava! Ti una putta de garbo.~DOMENICA 447 1, 2 | via; mo se lo so; mo se ti una donetta de garbo.~DOMENICA 448 1, 2 | che cossa lessa, che la ? La gh'ha sempre mal. No 449 1, 2 | vustu far? Sior Lazaro el mio compare. Elanca 450 1, 2 | Lazaro el xè mio compare. El anca elo de la mia profession; 451 1, 2 | sì. Anca elo; perché el mercante da sea, ch'el me 452 1, 2 | cossa serve? Siora Marta la più bona creatura de 453 1, 2 | matrimonio l'ho fatto mi. El restà fio solo, senza padre, 454 1, 2 | madre, che per el teler un oracolo; la sta con lori...~ 455 1, 2 | sarà un oracolo; ma Agustin el più bel pampalugo del 456 1, 2 | No se védelo!~ZAMARIA El ben altrettanto bon.~DOMENICA 457 1, 2 | altrettanto bon.~DOMENICA Bon el ? E mi ho sentio a dir, che 458 1, 2 | Perché i se vol ben. I tutti do zelosi; e per questo 459 1, 2 | da resto, quel putto el l'istessa bontà. Cussì te 460 1, 2 | gh'ha del spirito, e che boni?~ZAMARIA Mi ho paura 461 1, 2 | sì; m'arecordo tutti. I sette, e nu do, che fa nove.~ 462 1, 2 | DOMENICA Me despiase; perché el unico per tegnir in viva 463 1, 2 | bevemo anca nu.~DOMENICA Oh! qua sior'Elena, e sior Agustin.~ 464 1, 3 | AGUSTIN No so... No la vegnua; ma la xè stada a 465 1, 3 | No la xè vegnua; ma la stada a casa malvolentiera.~ 466 1, 3 | che la vegnisse? No la miga invidada.~ZAMARIA E 467 1, 3 | sàlo:~ ~Che chi va, e no invidai,~Xè mal visti, o 468 1, 3 | chi va, e no xè invidai,~ mal visti, o descazzai.~ ~ 469 1, 3 | a monte. No crie; che la una vergogna. Stè in pase. 470 1, 4 | DOMENICA No dìseli, ch'el tanto un bon putto?~ELENETTA 471 1, 4 | cari.~ELENETTA Cussì la .~DOMENICA Chi contenta gode.~ 472 1, 4 | siestu! e po te pustu!) Oh! qua siora Marta co so mario.~ 473 1, 4 | cognosso nissun.~DOMENICA I marcanti da sea; ma de queli, 474 1, 5 | DOMENICA Che grazie, che favori questi?~MARTA Cossa dìsela? 475 1, 5 | incomodo.~DOMENICA Anzi el un onor, che nol meritemo.~ 476 1, 6 | curioso de saver chi la ). (andando dall'altra parte)~ 477 1, 6 | dall'altra parte)~MARTA La zovene assae. La lo sentirà 478 1, 6 | dìsela? No son tanto zovene. un ano, che son maridada.~ 479 1, 6 | maridada.~MARTA Maridada la !~ELENETTA Servirla.~MARTA 480 1, 6 | ELENETTA Oh! sior no; el zovene più de mi.~BASTIAN 481 1, 6 | MARTA Cossa vol dir, che nol qua anca elo, sior Agustin?~ 482 1, 6 | ELENETTA Siora sì, che 'l ghe . Elandà de suso co sior 483 1, 6 | Siora sì, che 'l ghe xè. El andà de suso co sior santolo 484 1, 6 | No vedeu cossa, che la ?) (a Marta)~ ~ 485 1, 7 | savemo, che puta, che la .~BASTIAN Quando magnémio 486 1, 7 | BASTIAN La diga: quanto , che no la vede sior Anzoletto?~ 487 1, 7 | tra Anzoletto, e mi ghe qualche prencipio? Non l' 488 1, 7 | DOMENICA Oh! vardè chi qua!~BASTIAN Chi? sior Anzoletto?~ 489 1, 7 | ho ben gusto dasseno. El el più caro matto del mondo.~ 490 1, 7 | mondo.~DOMENICA El belo , che sior padre l'aveva 491 1, 8 | ghe conterò, come che la stada.~DOMENICA Mo che panchiana!~ 492 1, 8 | alla parona de casa, che me vegnù la freve; e ho chiappà 493 1, 8 | Sì, anca da putto, che la cussì. (si volta) Patrona 494 1, 8 | conoscerla. Sior Agustin mio amigo, e mio bon paron; 495 1, 9 | sior Zamaria?~DOMENICA El dessuso co sior Agustin.~ 496 1, 9 | MOMOLO Sìela benedetta; la la mia parona anca ela; 497 1, 9 | BASTIAN Momolo, quanto , che no andè a la comedia? ( 498 1, 9 | comedia? (a Momolo)~MOMOLO un pezzo. In sti ultimi 499 1, 9 | voggia de servirla ben, e otto che desordeno, e 500 1, 9 | galantomeni?~DOMENICA Ghe ne ancora.~MOMOLO Co gh'è de


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License