1-500 | 501-735
La buona moglie
    Atto, Scena
1 1, 1 | frasconazza xe sul balcon! Momola.~MOM. Siora. (di dentro)~BETT. 2 1, 1 | dove diavolo estu ficada?~MOM. Son qua, siora, cossa vorla? ( 3 1, 1 | su quel malignazo balcon.~MOM. Son andada a chiamar el 4 1, 1 | staghi drento dei to balconi.~MOM. Cara siora parona, che 5 1, 1 | vogio che nissun li sapia.~MOM. Mi no parlo co nissun.~ 6 1, 1 | petegola. Ti conti tuto.~MOM. Cossa ogio dito, via, cossa 7 1, 1 | mario m’ha una slepa3.~MOM. Oh! mi no gh’ho dito gnente. 8 1, 1 | no alzo gnanca la ose.~MOM. Mi ghe digo che no gh’ho 9 1, 1 | te manderò da to mare.~MOM. E mi ghanderò; cossa m’ 10 1, 1 | parli cussì ah, frasconazza?~MOM. Mo se sempre la me cria.~ 11 1, 1 | vol impiantar, n’è vero?~MOM. Mi no, siora parona; vogio 12 1, 1 | la panada per el putelo.~MOM. Vago, siora.~BETT. A quel 13 1, 1 | vogio che ti ghe vaghi.~MOM. Siora no, no ghanderò 14 1, 1 | coi omeni no se parla.~MOM. No, siora?~BETT. Siora 15 1, 1 | puta, no parlava co nissun.~MOM. Avè pur parlà co sior Pasqualin.~ 16 1, 1 | farà quel che fa le altre.~MOM. Ghe vol assae, siora?~BETT. 17 1, 1 | ti spuzzi ancora da late.~MOM. Da late?~BETT. Via pissota, 18 1, 1 | va a meter su la panada.~MOM. (No vedo l’ora de vegnir 19 1, 4 | QUARTA~ ~Momola e dette.~ ~MOM. Son qua, siora, son qua.~ 20 1, 4 | che ti gieri al balcon?~MOM. Mi al balcon?~CAT. Sì, 21 1, 4 | L’avè vista?~CAT. Seguro.~MOM. Uh che schitona6! (a Catte)~ 22 1, 4 | darò de le sculazae, sa.~MOM. Marmeo, squaquerà.~BETT. 23 1, 4 | andè a scaldar ste pezze.~MOM. Siora sì, subito. Vorla 24 1, 4 | Siora no: varè che novitae.~MOM. L’ha dito siora Cate. ( 25 1, 6 | SESTA~ ~Momola e dette.~ ~MOM. Siora padrona, le pezze 26 1, 7 | spropositi che dise la to parona?~MOM. Mi, siora, no me n’intendo. ( 27 1, 7 | Xestu in colera co mi?~MOM. Varè: subito andarghe a 28 1, 7 | che ti vol; no te dubitar.~MOM. Anca mi, grama puta, me 29 1, 7 | Di, Momola, fastu l’amor?~MOM. Oh, mi l’amor! (vergognandosi)~ 30 1, 7 | confidete in mi e no te dubitar.~MOM. Me fe vegnir rossa.~CAT. 31 1, 7 | gnente de bon da marenda?~MOM. Gh’ho un’ala de polastra, 32 1, 7 | Polastra? Caspita! La se stica.~MOM. Sior Pantalon ghe n’ha 33 1, 7 | manega.~CAT. Xela bona?~MOM. Preziosa.~CAT. Cara ti, 34 1, 7 | CAT. Cara ti, sentimola.~MOM. Volentiera. Andemo. Disè: 35 1, 7 | maridar?~CAT. Sì, co ti vorà.~MOM. Oh che cara siora Cate. ( 36 1, 18 | DICIOTTESIMA~ ~Momola e detti.~ ~MOM. Siora. (di dentro)~BETT. 37 1, 18 | BETT. Dormelo el putelo?~MOM. Siora no. (di dentro)~BETT. 38 1, 18 | che so nono lo vol veder.~MOM. Adesso, siora, lo porto.~ 39 1, 18 | schieto che el dise papà.~MOM. Velo qua, sior nono, velo 40 1, 18 | schiaffa, ah?) (a Momola)~MOM. (Mi no gh’ho dito gnente, 41 1, 18 | Tasi, che ti me la pagherà.~MOM. No in veritae gnanca. Oe, 42 1, 18 | Via de qua, frasconazza.~MOM. Sia malignazo! Sempre la 43 1, 18 | il bambino a Pantalone)~MOM. Siora.~BETT. Tiò sto putelo, 44 1, 18 | putelo, metilo in cuna.~MOM. Siora sì. Xe qua siora 45 1, 18 | altro baso, Pantaloncin.~MOM. Vardè, el gh’ha lassà suso 46 3, 6 | coll’ovo fresco, e dette.~ ~MOM. El vovo xe coto: lo vorla?~ 47 3, 6 | Momola, e prende l’ovo)~MOM. Oh, adessadesso no saverò 48 3, 6 | ghe dar gnente. (a Momola)~MOM. Siora no, siora no. (Oh, La donna di garbo Atto, Scena
49 1, 13| bravata a Florindo. Eccolo.~MOM. Schiavo, siora Rosaura.~ 50 1, 13| signor veneziano garbato.~MOM. Cossa fa siora Diana?~ROS. 51 1, 13| fredda, sta sempre a un modo.~MOM. N'è vero? Co mola2 che 52 1, 13| siete pure di buon gusto!~MOM. Ve dirò: el babio3 no xe 53 1, 13| sperate da quest'amore?~MOM. No so gnanca mi: qualcossa.~ 54 1, 13| ROS. La volete per moglie?~MOM. Fursi sì, fursi no.~ROS. 55 1, 13| bravo, compare6, me piasè7.~MOM. Ola8: parlè venezian?~ROS. 56 1, 13| praticà con dei veneziani.~MOM. Voleu che ve diga, che 57 1, 13| Son cortesana9 anca mi.~MOM. Eh, me n'ho intagià10 alla 58 1, 13| svogazzar11 in gondoletta12.~MOM. Se volè vegnir con mi, 59 1, 13| una mascheretta al caffè?~MOM. Oh, che diavolo che ti 60 1, 13| faravio fortuna a Venezia?~MOM. E in che maniera!~ROS. 61 1, 13| da veneziana? (passeggia)~MOM. Vardè che vita! Vardè che 62 1, 13| volè che femo negozio...~MOM. Comuodo14? Comandè.~ROS. 63 1, 13| basta... Caro quel Momolo.~MOM. Ah, v'ho capio; se volè 64 1, 13| me piase le cose preste.~MOM. E l'impegno che gh'ho colla 65 1, 13| riguardo a mancar di parola!~MOM. Sappiè che i veneziani 66 1, 13| ancora sogliono facilitare.~MOM. Sentì: no saria gnanca 67 1, 13| me volè, feme domandar.~MOM. Che cade16? Giustemose 68 1, 13| nu.~ROS. Cussì su do piè?~MOM. Siben: che difficoltà gh' 69 1, 13| difficoltà gh'aveu?~ROS. E po?~MOM. Dopo el Po, vien l'Adese17.~ 70 1, 13| ballo dell'impianton18?~MOM. Son un galantomo.~ROS. 71 1, 13| se i lo sa, i ve impicca.~MOM. Orsù, cossa resolveu?~ROS. 72 1, 13| Voggio pensarghe un poco.~MOM. Recordeve, che ve voggio 73 1, 13| presto v'avè innamorao19?~MOM. Vu savè far sta sorte de 74 1, 13| m'avè sposao? (caricata)~MOM. Via, via, siora, no burlè 75 1, 13| bestemmiè, caro vecchio.~MOM. Orsù, cossa resolvemo?~ 76 1, 13| ci rivedremo questa sera.~MOM. Sì, muso bello, sì, muso 77 3, 5| pregiudizio alfin non gli apporta.~MOM. Siora Rosaura, patrona 78 3, 5| Serva, signor Momoletto.~MOM. Tutta sta notte m'ho insunià26 79 3, 5| dormito saporitissimamente.~MOM. Ma! Co se gh'ha el cuor 80 3, 5| ristoro alle vostre ferite.~MOM. De chi ela sta lettera?~ 81 3, 5| ROS. Della signora Diana.~MOM. Mo no saveu cossa che ho 82 3, 5| ROS. Che cosa avete detto?~MOM. Che ve voggio vu.~ROS. 83 3, 5| ROS. Eh via, caveve27.~MOM. Come! Me voltè le carte 84 3, 5| trovar il signor Florindo?~MOM. Sì, ma vorave... Cara fia, 85 3, 5| andate che poi parleremo.~MOM. Se me burlè, me ficco un 86 3, 6| ripullulare l'inaridita mia vena.~MOM. Caro compare Florindo, 87 3, 6| Com'è frizzante!) (da sé)~MOM. Siora Diana, ela contenta 88 3, 6| sé, osservando Isabella)~MOM. (Molto sussiegata! che 89 3, 6| contendenti per l'aureo pomo.~MOM. Mi no solo l'ametterave 90 3, 6| Momolo!) (piano a Momolo)~MOM. Scherzo poetico. (a Diana)~ 91 3, 7| onorerebbe uno scettro.~MOM. Rosaura merita tutto, e 92 3, 7| morta.~DOTT. L'innocentina!~MOM. (È meggio tiorla, e destrigarse). ( 93 3, 7| Piglialo pure, piglialo.~MOM. Deme la man.~DIA. Prendete 94 3, 7| DIA. Prendete la mano.~MOM. (El ciel me la manda bona). ( Il prodigo Atto, Scena
95 1, 3| prima per me, e poi per lui.~MOM. Oh, giusto vu ve cercava.~ 96 1, 3| presto che non credeva.~MOM. Co se gh'ha delle cosse 97 1, 3| il suo signore cognato.~MOM. Xeli andai via?~TRAPP. 98 1, 3| Ora, in questo momento.~MOM. Ho gusto. Parlemo de quel 99 1, 3| grande ansietà di vederlo.~MOM. No me parlè altro de ste 100 1, 3| diceva suo cognato). (da sé)~MOM. Animo, no ve perdè. Sior 101 1, 3| può far altro che niente.~MOM. Coss'è sto gnente? Cossa 102 1, 3| danari non si va innanzi.~MOM. E un fattor de la vostra 103 1, 3| conviene che mi ritrovi senza.~MOM. Orsù, manco chiaccole. 104 1, 3| in grado più di servirla.~MOM. Eh via, che matto! Ve 105 1, 3| questi trenta zecchini?~MOM. Caro vecchio, fe vu.~TRAPP. 106 1, 3| avere altri venti). (da sé)~MOM. Quando che v'ho dito fe 107 1, 3| da qual parte salvarmi.~MOM. No ghe badè a costori; 108 1, 3| potremo tirare innanzi.~MOM. Ben, fe vu.~TRAPP. Per 109 1, 3| come vuole restar servita?~MOM. Ma se ho dito che me rimetto 110 1, 3| gente verrà all'incirca?~MOM. No so gnente. Per mi me 111 1, 3| che persona è, signore?~MOM. Una vedua fresca co fa 112 1, 3| diano ancora più soggezione.~MOM. No crederave. Son in casa 113 1, 3| Non ci vuol manzo dunque.~MOM. Oibò, la xe delicatissima. 114 1, 3| si ha da dar da mangiare?~MOM. Tant'è, son in impegno 115 1, 3| impazzire quanti siamo.~MOM. Diseghe alle donne, che 116 1, 3| accidente.~TRAPP. Oh che gioia!~MOM. Animo, andeve a destrigar, 117 1, 3| quanto vuole ch'io spenda?~MOM. Fe vu.~TRAPP. Ma se si 118 1, 3| spendesse troppo, e poi...~MOM. No me rompè la testa; co 119 1, 7| sia una montagna d'oro.~MOM. Cossa feu qua, sior? (a 120 1, 7| Truffaldino)~TRUFF. Gnente.~MOM. Ben, andè a far qualcossa, 121 1, 7| domanda, se ghe n'ho voia.~MOM. Tocco de temerario! cussì 122 1, 7| altri patroni che un solo.~MOM. E chi elo el patron che 123 1, 7| cognossi?~TRUFF. El fattor.~MOM. El fattor? No ti sa ch' 124 1, 7| conosser altri patroni che lu.~MOM. E mi no ti me cognossi 125 1, 7| TRUFF. Gnente affatto.~MOM. Se te comando, no ti me 126 1, 7| ubbidir?~TRUFF. Missier no.~MOM. Sastu che te posso cazzar 127 1, 7| fattor, mi no gh'ho paura.~MOM. Ti me faressi vegnir suso 128 1, 7| no me n'importa un bezzo.~MOM. Tiò, temerario. (gli 129 1, 8| OTTAVA~ ~Momolo solo.~ ~MOM. Certo, nissun me stima; 130 1, 9| incontrarli, poi Brighella~ ~MOM. Eccoli, eccoli, allegramente. 131 1, 9| Momolo. (scendendo in terra)~MOM. Patron reverito. Chi ela, 132 1, 9| fratello della signora Clarice.~MOM. Me ne consolo infinitamente ( 133 1, 9| divotamente. (a Momolo smontando)~MOM. Servitor suo. Chi xela, 134 1, 9| marito della signora Clarice.~MOM. La parentela xe un poco 135 1, 9| assiste ne' suoi affari.~MOM. (Meggio! gh'avevela altri 136 1, 9| accomodandosi un poco il capo.~MOM. Con grazia, che la vaga 137 1, 9| da suo cugino. (a Momolo)~MOM. (Stago fresco da galantomo!) ( 138 1, 9| Eccola, che ora viene.~MOM. (Sto zerman no me piase 139 1, 9| non potea arrivar peggio.~MOM. Perché? Cossa xe stà?~CLAR. 140 1, 9| imbarcata per venir qui.~MOM. Me despiase che per causa 141 1, 9| ho bisogno di riposare.~MOM. Subito; presto, Brighella. ( 142 1, 9| chiama)~BRIGH. Signor.~MOM. Fe che le donne ghe parecchia 143 1, 9| poteva stare a Venezia.~MOM. No ala dito, che la se 144 1, 9| piedi mi trovo scomoda.~MOM. Andemo; la se lassa servir. ( 145 1, 9| con Leandro ed Ottavio)~MOM. Me par anca mi, che i me 146 1, 9| spender mal i so bezzi.~MOM. N'importa, siora Clarice 147 1, 9| si accosta al burchiello)~MOM. El fradello e el zerman. 148 1, 9| signori, e che i lo pagherà.~MOM. Sì, sì, el sarà d'accordo 149 1, 9| remurchio, la bona man.~MOM. Ho capio. Tolè, deghe sti 150 1, 9| signori no se n'abbia per mal.~MOM. Eh via, caro vu, che no 151 1, 9| torna verso il burchiello)~MOM. A viver no gh'ho bisogno 152 1, 11| UNDICESIMA~ ~Momolo e detti.~ ~MOM. Servitor umilissimo de 153 1, 11| burchiello, che ne sono annoiata.~MOM. Eh via, che la se senta, 154 1, 11| tutti dunque. (a Momolo)~MOM. Sti signor m'immagino che 155 1, 11| Non ancora; ma lo vedremo.~MOM. Questa xe la vera ora de 156 1, 11| passeggiare in giardino.~MOM. Sale zogar al trucco?~OTT. 157 1, 11| OTT. Io sì, me ne diletto.~MOM. Via donca, che i vaga, 158 1, 11| trucco io non ci so giocare.~MOM. Che i vaga in portego, 159 1, 11| divertimento della campagna.~MOM. (Za lo vedo. Soli no se 160 1, 11| sua bella villeggiatura?~MOM. Per dir la verità, mi me 161 1, 11| difficile che la troviate.~MOM. Perché, patrona? Perché 162 1, 11| cattivo per ritrovarla.~MOM. Co sarò maridà, no farò 163 1, 11| quando sarà ammogliato.~MOM. No certo. Co me marido, 164 1, 11| sono diventati peggiori.~MOM. Mi no farò cussì. Sarò 165 1, 11| vi crederei certamente.~MOM. Caro sior zerman della 166 1, 11| marito che il signor Momolo.~MOM. E ve protesto che ve chiamaressi 167 1, 11| parlare come essi parlano.~MOM. La parla come donna; cossa 168 1, 11| vostro merito personale.~MOM. Quale xele? Presto, che 169 1, 11| esibito ancora la grazia sua.~MOM. Caro sior cusina, faressi 170 1, 11| sa distinguer chi merita.~MOM. Bravo, sior fradello; vu 171 1, 11| col mezzo di mia sorella.~MOM. Ah? cossa disela? (a Clarice)~ 172 1, 11| per simili ragionamenti.~MOM. Patron caro, mi no parlo 173 1, 11| parlate fuor di proposito.~MOM. La gh'ha rason, la compatissa. 174 1, 11| sono eguali e perfetti.~MOM. Saravela una temerità, 175 1, 11| offeriscono de' regali.~MOM. E i omeni civili no rompe 176 1, 11| tavarnelle? (alzandosi)~MOM. A ela, patron, la ghe la 177 1, 11| d'aiuti. (s'alzano tutti)~MOM. Bravissima.~LEAN. Bene, 178 1, 11| volete. (in atto di partire)~MOM. (El va). (da sé)~CLAR. 179 1, 11| di più. (parte sdegnato)~MOM. (El xe andà). (da sé)~OTT. 180 1, 11| codesto pazzo! (a Clarice)~MOM. (Se andasse via anca st' 181 1, 11| inclinazione per me). (ad Ottavio)~MOM. Caro sior Ottavio, me despiaseria 182 1, 11| niente, non gli badate.~MOM. La me fazza un servizio, 183 1, 11| troppo presto; trattenetevi.~MOM. Sì, subito, fin che el 184 1, 12| DODICESIMA~ ~Clarice e Momolo~ ~MOM. (Anca questo xe andà). ( 185 1, 12| da solo a sola). (da sé)~MOM. Siora Clarice, sentemose 186 1, 12| sto volentieri in piedi.~MOM. La me fazza sta grazia. 187 1, 12| per compiacervi. (siedono)~MOM. Me fala un'altra grazia?~ 188 1, 12| grazia?~CLAR. Cosa vorreste?~MOM. Se degnela de tor sto anello?~ 189 1, 12| CLAR. Oh, questo poi no.~MOM. Ma perché no?~CLAR. Serbatelo 190 1, 12| quando vi farete sposo.~MOM. E se la fusse ella la mia 191 1, 12| caso, non potrei ricusarlo.~MOM. La fazza conto de esserghe, 192 1, 12| signore. Non siamo nel caso.~MOM. Se no ghe semo, ghe podemo 193 1, 12| converrebbe molto discorrere.~MOM. Via, principiemo a discorrer. 194 1, 13| detti.~ ~BRIGH. Signor...~MOM. Che te casca la testa.~ 195 1, 13| Obbligatissimo alle so grazie.~MOM. Cossa voleu, in vostra 196 1, 13| sior Dottor Desmentega.~MOM. Diseghe che el vaga via, 197 1, 13| oggi se tratta la so causa.~MOM. Ah sì, no me recordava. 198 1, 13| badate al vostro Dottore.~MOM. Che la me diga quel che 199 1, 13| che preme. Ci rivedremo.~MOM. Ma la toga almanco sto 200 1, 14| Momolo, poi il Dottore~ ~MOM. Ho capio, la xe una donna 201 1, 14| Signor Momolo, la riverisco.~MOM. Coss'è, sior Dottor, che 202 1, 14| cura de' suoi interessi.~MOM. La mia causa xe ben raccomandada 203 1, 14| causa di tanta conseguenza.~MOM. Cossa voleu che fazza? 204 1, 14| si deve trattar la causa.~MOM. Stamattina se tratta la 205 1, 14| sarò a tempo di esservi.~MOM. Via donca, tornè a Venezia, 206 1, 14| per una cosa che preme.~MOM. Ghe vol bezzi? Se ghe vol 207 1, 14| scopre la causa pericolosa.~MOM. Se perderala? pazenzia. 208 1, 14| sarebbe meglio per voi?~MOM. Magari! giustemose pur. 209 1, 14| assai avvantaggioso per voi.~MOM. Tanto meggio. Via da bravo, 210 1, 14| difficile l'accomodarsi.~MOM. Oh, che bella cossa che 211 1, 14| di accomodarla un poco.~MOM. Bravo, un omo de garbo. 212 1, 14| veniste meco a Venezia.~MOM. Caro compare, ancuo gh' 213 1, 14| trattare e di concludere?~MOM. Sì, caro vecchio; fe vu.~ 214 1, 14| ritrovarvi colla risposta.~MOM. Bravo. Ve aspetto. Speremio 215 1, 14| DOTT. Io spero benissimo.~MOM. Libereremio el sequestro?~ 216 1, 14| Io lo credo sicuramente.~MOM. Saroggio patron dei campi?~ 217 1, 14| Quasi quasi ve lo prometto.~MOM. Me consolè, me fe tornar 218 1, 14| della sua riconoscenza.~MOM. Savè chi son; no vardo 219 1, 14| lasciato tutti i miei affari.~MOM. M'avè trovà in cattiva 220 1, 14| Oh, non permetterò mai...~MOM. Tolelo, ve digo. Quando 221 1, 14| non ricusar le sue grazie.~MOM. E stassera porteme la nova.~ 222 1, 14| nova.~DOTT. Questa sera.~MOM. E sora tutto, che liberemo 223 1, 14| sequestro.~DOTT. Sarà liberato.~MOM. Disponè de cento zecchini.~ 224 1, 15| QUINDICESIMA~ ~Momolo solo.~ ~MOM. Se va ben sto negozio, 225 2, 1| PRIMA~ ~Momolo e Trappola~ ~MOM. Trappola, allegramente.~ 226 2, 1| colle lagrime agli occhi.~MOM. De le volte me faressi 227 2, 1| ma ci staremo per poco.~MOM. Per poco? No savè gnente. 228 2, 1| Desmentega?~TRAPP. L'ho veduto.~MOM. Stassera l'aspetto coll' 229 2, 1| generosità del padrone.~MOM. Animo, per stassera una 230 2, 1| TRAPP. Per questa sera?~MOM. Sì, per stassera.~TRAPP. 231 2, 1| non sono ancora venuti.~MOM. Se no i xe vegnui, i vegnirà.~ 232 2, 1| per il bisogno presente.~MOM. Penseghe vu, e no me stè 233 2, 1| che me ne siano rimasti?~MOM. Mi no son strolego, e no 234 2, 1| vossignoria pensi a una cosa sola.~MOM. A cossa oggio da pensar?~ 235 2, 1| TRAPP. A darmi del danaro.~MOM. No v'hoi stamattina 236 2, 1| quanti me ne sono restati.~MOM. Se v'ho dito che no son 237 2, 1| perdere la riputazione.~MOM. Per amor del cielo, fe 238 2, 1| desinare, e me ne restano sei.~MOM. Sie solamente?~TRAPP. Ecco 239 2, 1| qui le note: osservi...~MOM. No vôi veder gnente. Fe 240 2, 1| la cena e per il festino.~MOM. Casca el mondo, ste do 241 2, 1| TRAPP. Recipe, dei zecchini.~MOM. Bravo, sior medico: ma 242 2, 1| spicier.~TRAPP. Che vuol dire?~MOM. Co avè scritto el recipe, 243 2, 1| a ritrovar i quattrini.~MOM. Bravissimo; un omo che 244 2, 1| la cena e per il festino?~MOM. So che qualche volta s' 245 2, 1| partono questi forestieri?~MOM. Mi no credo; ho speranza 246 2, 1| col solito trattamento.~MOM. Vegnirà sti campi.~TRAPP. 247 2, 1| frattanto che i campi vengono?~MOM. E fra tanto penseghe vu.~ 248 2, 1| servire per tutto l'anno.~MOM. Caro vecchio, fe vu.~TRAPP. 249 2, 1| manca il pane alla famiglia?~MOM. No vegnirà sti campi? Gh' 250 2, 1| dunque che venda il grano?~MOM. Sì, fe vu.~TRAPP. Si può 251 2, 1| quel che si potrà avere.~MOM. Co ve digo, fe vu, fe vu.~ 252 2, 1| quello che si ha da fare.~MOM. E che la cena sia magnifica, 253 2, 1| granaio in una sera sola.~MOM. Vaga el graner, vaga la 254 2, 7| SETTIMA~ ~Momolo e detti.~ ~MOM. Le compatissa, se femo 255 2, 7| vostra amabile compagnia.~MOM. Questa xe un'espression 256 2, 7| vi leveremo l'incomodo.~MOM. Cussì presto? La me mortifica; 257 2, 7| abbia cose di gran premura.~MOM. Caro sior Ottavio, almanco 258 2, 7| basterà che io me ne vada.~MOM. M'immagino che el gh'averà 259 2, 7| degli affari non pochi.~MOM. Co se gh'ha da far, no 260 2, 7| finora il signor Momolo?~MOM. Son stà anca mi per qualche 261 2, 7| maniere e di gentilezza.~MOM. No la me fazza vegnir rosso. 262 2, 7| Venezia in compagnia nostra?~MOM. Se sarò degno de sta grazia, 263 2, 7| Momolo, come ci divertiremo?~MOM. Se dilettela de ballar?~ 264 2, 7| le usa delle attenzioni.~MOM. Mi no la credo de sto carattere.~ 265 2, 7| che mi sono acquistato.~MOM. Mi non intendo cossa che 266 2, 7| voi di un carattere vile?~MOM. Se gh'ho offerto un anello, 267 2, 7| senza offesa del mio decoro.~MOM. (La sarave bella, che la 268 2, 7| voglio mettere in dito.~MOM. (Oh poveretto mi, cossa 269 2, 7| prenderlo, che vi aspetto.~MOM. Ho pensà dopo, che nol 270 2, 7| desidero di aver quello.~MOM. (Son in t'un bell'intrigo 271 2, 7| tenevate per me in deposito?~MOM. L'ho dito, xe vero, ma 272 2, 8| Clarice, Momolo ed Ottavio~ ~MOM. In fazza mia ste insolenze?... ( 273 2, 8| detto il signor Leandro.~MOM. No xe vero gnente.~CLAR. 274 2, 8| adunque di quell'anello?~MOM. Son un galantomo e ghe 275 2, 9| SCENA NONA~ ~Momolo solo~ ~MOM. Oggio avanzà qualcossa 276 2, 15| QUINDICESIMA~ ~Momolo e dette.~ ~MOM. (Vela qua. Me vergogno 277 2, 15| ansietà che vi supponete.~MOM. (Mia sorella me poderave 278 2, 15| Accostatevi. (a Momolo)~MOM. Sorella, con licenza de 279 2, 15| ch'io me ne vada). (da sé)~MOM. (Tant'è, m'avè fatto tanti 280 2, 15| non farà niente). (da sé)~MOM. (Questo xe l'ultimo servizio, 281 2, 15| si vuol cavare l'anello)~MOM. (Fe pulito, che siora Clarice 282 2, 15| mutar vita). (a Momolo)~MOM. (Vederè, se farò pulito). ( 283 2, 15| questo vi potete ingannare.~MOM. No, la veda, no la s'inganna. 284 2, 15| ricevute cattive prove.~MOM. (Un altro rimprovero per 285 2, 15| difficili da osservarsi.~MOM. Quando un galantomo promette, 286 2, 15| promette, e non si mantiene.~MOM. (Anca questa sul proposito 287 2, 15| entra pagatore. (a Beatrice)~MOM. Ben, se manco, pagherà 288 2, 15| darmi per conto vostro?~MOM. Gnente che staga ben.~CLAR. 289 2, 15| staga ben.~CLAR. Dunque?~MOM. Donca la se fida de mi.~ 290 2, 15| caparra per potermi fidare.~MOM. (E toppa su l'anello). ( 291 2, 16| sa mantenere gl'impegni.~MOM. Intendo benissimo cossa 292 2, 16| importa a me dell'anello?...~MOM. So che no ghe n'importa, 293 2, 16| parliamo più dell'anello...~MOM. Anzi se ghe n'ha da parlar, 294 2, 16| altro, molto più questo.~MOM. Quell'altro la l'aveva 295 2, 16| non per questo lo presi.~MOM. Dopo la me l'ha pur domandà.~ 296 2, 16| ma non lo avrei ritenuto.~MOM. Intendo, vedo che la se 297 2, 16| che perderete il tempo.~MOM. La me farà sto affronto?~ 298 2, 16| pericolo che io lo riceva.~MOM. Se no la lo tol, son capace 299 2, 16| pazzia che averete fatto.~MOM. Per causa soa, ghe ne farò 300 2, 16| vostra mente stravolta.~MOM. Cara ella, la prego, la 301 2, 16| lo dite, più mi annoiate.~MOM. Cossa ghe n'hoi da far 302 2, 16| Fatene quel che volete.~MOM. Credela fursi che m'abbia 303 2, 16| vostri io non li ricerco.~MOM. Mi tanto stimo sto anello, 304 2, 16| io lo stimo meno di voi.~MOM. Sia maledetto la mia mala 305 2, 17| hanno portato in tavola.~MOM. Tiò sto anello, che te 306 2, 17| siete un pazzo. (parte)~MOM. (Sento che la rabbia me 307 3, 1| Momolo e Trappola~ ~MOM. Caro vu, lassème star. 308 3, 1| desinare gli ha fatto male?~MOM. Ho magnà tanto tossego, 309 3, 1| velen.~TRAPP. Ma perché mai?~MOM. Se savessi! no parlemo 310 3, 1| volevo parlar del grano...~MOM. Gh'ho altro in testa adesso, 311 3, 1| ritrovato il compratore.~MOM. L'avè trovà el comprador?~ 312 3, 1| siccome dei cento staia...~MOM. Adesso no gh'ho testa da 313 3, 1| parleremo.~TRAPP. L'ho venduto.~MOM. Sì? bravo. Dove xe i bezzi?~ 314 3, 1| qui con me una porzione.~MOM. Via, demeli.~TRAPP. Ma 315 3, 1| facciamo un poco di conto.~MOM. Adesso no gh'ho tempo de 316 3, 1| intanto dieci zecchini...~MOM. Via, deme diese zecchini.~ 317 3, 1| conto. (gli il danaro)~MOM. I sarà boni per stassera 318 3, 1| perdono ancora gli amici.~MOM. Oh, con quanti che la me 319 3, 1| vuol gettare così) (da sé)~MOM. Stassera faremo sta festa. 320 3, 1| come vuol che si faccia?~MOM. Fe vu; mi no voggio deventar 321 3, 1| alla festa e alla cena.~MOM. Anzi co sto poco de devertimento 322 3, 1| grano finiranno presto.~MOM. No me parlè de malinconie, 323 3, 2| SECONDA~ ~Momolo solo.~ ~MOM. Mi no so che razza de donna 324 3, 3| preparatemi i vostri comandi.~MOM. Coss'è? voleu andar via?~ 325 3, 3| allestire il burchiello.~MOM. Cossste furie? coss' 326 3, 3| vuol partire assolutamente.~MOM. Stassera no se va via, 327 3, 3| andar a piedi sino a Fusina.~MOM. Ma cossa mai xe stà? cossa 328 3, 3| del ballo non mi diletto.~MOM. Se vorè zogar, zogherè; 329 3, 3| meco danari per cimentarmi.~MOM. Voleu bezzi? patron, 330 3, 3| imprestito per giocare.~MOM. Cossa serve? Tolè dei bezzi, 331 3, 3| credetemi, si burleranno di voi.~MOM. No so cossa dir; compatì 332 3, 3| Capisco che sarà difficile.~MOM. Me despiaserave mo anca, 333 3, 3| hanno assai soddisfatto.~MOM. Stassera ghe sarà de meggio. 334 3, 3| ora che abbiamo pranzato.~MOM. Via, vedè con bona maniera 335 3, 3| Eccola qui per l'appunto.~MOM. Ho gusto; la pregherò anca 336 3, 4| voglio partir questa sera.~MOM. Mo via, cara siora Clarice, 337 3, 4| Clarice vuol partir subito.~MOM. Mi no parlo con ella, patron. ( 338 3, 4| divertimento magnifico.~MOM. Me son inzegnà de corrisponder 339 3, 4| grazie, ma vogliamo partire.~MOM. Per ella, patron, non ho 340 3, 4| tutto per trattarci bene.~MOM. Caro sior Ottavio, dasseno 341 3, 4| signora. Sarete servita.~MOM. Cospetto de bacco! se sior 342 3, 4| non le calcolo un fico.~MOM. Siora Clarice xe patrona 343 3, 4| Da me che pretendereste?~MOM. Pretenderave che vu, sior 344 3, 4| di bene Leandro). (da sé)~MOM. Pazenzia! son sfortunà.~ 345 3, 5| dispetto ad un altro). (da sé)~MOM. (Son fora de mi; no gh' 346 3, 6| SESTA~ ~Ottavio e Momolo~ ~MOM. Cossa diseu? se pol dir 347 3, 7| Momolo, poi Beatrice~ ~MOM. S'arecordeli altro? Tolè, 348 3, 7| Bravo, signor fratello.~MOM. Aveu savesto?...~BEAT. 349 3, 8| Momolo, poi Colombina~ ~MOM. Anca questa m'ha el 350 3, 8| regalo che V.S. mi ha fatto!~MOM. Cara Colombina, ve voria 351 3, 9| NONA~ ~Momolo, poi Celio~ ~MOM. Mi resto incantà, e no 352 3, 9| farò cacciar in prigione.~MOM. A mi, sior cugnà?~CEL. 353 3, 10| Momolo, poi Truffaldino~ ~MOM. Corda, ospeal, caene! son 354 3, 10| nissun?~TRUFF. Ghe son mi.~MOM. Vame a chiamar el fattor.~ 355 3, 10| dove che el sia, el fattor?~MOM. Mi no lo so.~TRUFF. Gnanca 356 3, 10| lo so.~TRUFF. Gnanca mi.~MOM. Valo a cercar, che ti lo 357 3, 10| TRUFF. Chi lo vol el fattor?~MOM. Mi.~TRUFF. Donca cerchelo 358 3, 10| TRUFF. Donca cerchelo vu.~MOM. Tocco de aseno, cussì ti 359 3, 10| se ghe dis aseno, sior.~MOM. Cossa astu fatto, che ti 360 3, 10| no se me dis aseno, sior.~MOM. Dove l'astu portà el gran?~ 361 3, 10| in tel graner del patron.~MOM. Del patron? chi elo el 362 3, 10| patron?~TRUFF. El fattor.~MOM. El fattor xe el patron, 363 3, 10| no son una bestia, sior.~MOM. E ti ha portà el gran in 364 3, 10| Lustrissimo, zelenza, sì, sior.~MOM. (Com'elo sto negozio? Trappola 365 3, 11| UNDICESIMA~ ~Momolo solo.~ ~MOM. Possio esser più strapazzà? 366 3, 12| vero che V.S. mi domanda?~MOM. Sior sì; aveu vendù el 367 3, 12| formento?~TRAPP. L'ho venduto.~MOM. A che prezzo? quanti stari 368 3, 12| ella avuto dieci zecchini?~MOM. Sì ben, li ho avudi, e 369 3, 12| conto, vederà i fatti suoi.~MOM. Diseme, caro vu, perché 370 3, 12| lo porto nel mio granaio?~MOM. Me l'ha dito chi lo sa. 371 3, 12| servizio al compratore.~MOM. Benissimo, ve la passo; 372 3, 12| Che conti vuol ella fare?~MOM. Della vendita de sto formento.~ 373 3, 13| TREDICESIMA~ ~Momolo solo.~ ~MOM. Oh, che baron! prencipio 374 3, 17| DICIASSETTESIMA~ ~Momolo e dette.~ ~MOM. (Siora Clarice con mia 375 3, 17| vostra causa è precipitata.~MOM. Ah, pazenzia! Cara sorella, 376 3, 17| ora i vostri disordini?~MOM. Pur troppo li cognosso, 377 3, 17| quello che ora vantate?~MOM. Cognosso che da mia posta 378 3, 17| vi facessimo l'economia?~MOM. Cussì fussimo in stato, 379 3, 17| foste padrone del vostro.~MOM. El ciel volesse che fusse 380 3, 17| Cosa fareste in quel caso?~MOM. Scrittura per dies'anni 381 3, 17| di regolar la sua casa.~MOM. Anca de questo saria contento. 382 3, 18| Signor Momolo, allegramente.~MOM. Bone nove?~DOTT. Migliori 383 3, 18| sequestro. (mostra un foglio)~MOM. Bravo, evviva; respiro; 384 3, 18| Siete di ciò contento?~MOM. Contentissimo. No se podeva 385 3, 18| la liberazione suddetta.~MOM. Xe giusto, me sottoscriverò 386 3, 18| signora Clarice decida?~MOM. Son contentissimo; ghe 387 3, 18| darei senza alcuna esitanza.~MOM. La sentenza no pol esser 388 3, 18| regolamento della sua casa.~MOM. Sior Dottor, za che 389 3, 18| fare colla signora Clarice?~MOM. Magari che la se degnasse 390 3, 18| far l'economa del marito.~MOM. Oh brava! cossa disela? ( 391 3, 18| sorpresa non so rispondere.~MOM. Chi tase, conferma. Sior 392 3, 18| che titolo? di donazione?~MOM. Tutto quel che volè.~CLAR. 393 3, 18| fatto cambiar condizione.~MOM. Via, siora Clarice, che 394 3, 18| amicizia, per compassione.~MOM. E anca un pochettin per 395 3, 18| Momolo viverà a modo vostro.~MOM. Me lasserò condur da ella 396 3, 18| contratto, come va steso.~MOM. Da brava, la lo diga sto 397 3, 18| quando è detto, è detto.~MOM. La lo diga, se la vol che 398 3, 18| scrivete... non so resistere.~MOM. Ala dito de sì?~CLAR. Caro 399 3, 18| CLAR. Caro Momolo, sì.~MOM. Evviva.~DOTT. Vado a scrivere 400 3, 19| perfettamente contenta.~MOM. Son fora de mi dalla contentezza.~ 401 3, 19| ricercate niente della mia dote?~MOM. Che dota? la so prudenza, 402 3, 19| ebbe l'altro marito mio.~MOM. Son contentissimo, e anca 403 3, 20| fatto metter in prigione.~MOM. Bravissimo, avè fatto ben. 404 3, 21| Dallo sposo? E chi è questi?~MOM. Son mi, per servirla. ( 405 3, 21| dovrete dar conto. (a Momolo)~MOM. Sior sì, quando che volè; 406 3, 21| per l'avvenire. (parte)~MOM. Bon viazo; a revederse 407 3, 22| venuda per la festa da ballo.~MOM. No vôi balli, no vôi feste.~ 408 3, 22| mi divertirò volentieri.~MOM. Animo donca, ballemo e L'uomo di mondo Atto, Scena
409 1, 6| battello e scendono in terra.~ ~MOM. Cossa distu, Nane? S'avemio 410 1, 6| bezzi, xe paron del mondo.~MOM. No stimo miga aver dei 411 1, 6| Momolo, a revederse stassera.~MOM. Sì, sì, colla bruna8 voggio 412 1, 6| stagando9, l'aveu impiantada?~MOM. Chi? Siora Eleonora?~NANE 413 1, 6| una volta ghe volevi ben.~MOM. Mi no digo de volerghe 414 1, 6| incerti fin che se pol.~MOM. Ah caro, ti me piasi, perché 415 1, 7| Momolo, poi Brighella~ ~MOM. Cossa oggio da far sto 416 1, 7| ala gnente da comandarme?~MOM. Com'ela, compare Brighella? 417 1, 7| a favorirme più spesso.~MOM. Diseme, amigo. Gh'avemio 418 1, 7| forestiera, ma su la giusta.~MOM. Me l'ha dito Giazzao, che 419 1, 7| BRIGH. Ma! marido e moglie~MOM. Oh, s'intende. Tutti quei 420 1, 7| cossa, ma me despiase assae.~MOM. Coss'è? xeli al giazzo?13~ 421 1, 7| perde a rotta de collo14.~MOM. Me despiase. Podévelo dar 422 1, 7| che fessimo dei sussuri.~MOM. Gnente, lassè far a mi; 423 1, 7| compassion. (entra in locanda)~MOM. Andemo. Se sta patrona 424 1, 9| NONA~ ~Momolo e detti~ ~MOM. Coss'è sto strepito? coss' 425 1, 9| voi, signore? (a Momolo)~MOM. Son un galantomo, patron. 426 1, 9| galantuomo? (con ironia)~MOM. No, la veda, siora. Vegno 427 1, 9| onorato, ghe l'attesto mi.~MOM. No, compare, sparagné la 428 1, 9| ho tirà. El xe stà elo...~MOM. O vu, o elo, quala xe la 429 1, 9| parola, e nol li vol pagar.~MOM. Sior foresto, la me perdona: 430 1, 9| accorda. Domani lo pagherò.~MOM. El dise ben, e vu no podè 431 1, 9| sigurtà che nol vaga via?~MOM. Chi xela ela, sior, se 432 1, 9| vi farò vedere la verità.~MOM. No la s'incomoda altro. 433 1, 9| tutto. Doman vegnirò da ela.~MOM. Lasseve veder ancuo a qualche 434 1, 10| da una simile vessazione.~MOM. Gnente, signor. I galantomeni 435 1, 10| torto alla vostra patria.~MOM. Prima de tutto, si ben 436 1, 10| e voi non resterete...~MOM. No la se metta in pena 437 1, 10| Beatrice, per servirla.~MOM. Oh, che bel nome! de che 438 1, 10| Romana ai suoi comandi~MOM. Molto compita. Xeli vegnui 439 1, 10| abbiamo finito di divertirci.~MOM. No la se toga pena per 440 1, 10| uso. Voi lo conoscerete.~MOM. No vorla? Son del mistier 441 1, 10| baule, or ora la ritroverò.~MOM. La vaga a torla, che ghe 442 1, 10| ora la vostra compagnia.~MOM. Da qua un'ora i marcanti 443 1, 10| subito, ed ora torno. (parte)~MOM. Che la se comoda pur. La 444 1, 10| questa è la prima volta.~MOM. La vederà un paese che 445 1, 10| signore di tutto garbo.~MOM. Gnente, patrona. Mi no 446 1, 10| signor Veneziano). (da sé)~MOM. (Me par che ghe scomenza 447 1, 10| Siete ammogliato, signore?~MOM. No, la veda. Son putto23, 448 1, 10| avere un poco di compagnia.~MOM. Posso servirla mi, se la 449 1, 10| vero, ma la cosa è diversa.~MOM. La diga: so consorte xelo 450 1, 10| né per il mio costume.~MOM. Circa al merito, lo compatiria 451 1, 10| prendersi pena di certe cose.~MOM. Donca me sarà permesso 452 1, 10| Discretamente, perché no?~MOM. Certo che no me torò quella 453 1, 10| BEAT. Io mi persuado di sì.~MOM. Andar in maschera?~BEAT. 454 1, 10| Ancora; con mio marito.~MOM. Se lasserala servir?~BEAT. 455 1, 10| ricusare di essere favorita.~MOM. Semo in parola. La me daga 456 1, 10| Perché ho da darvi la mano?~MOM. Per la parola che la me 457 1, 10| bisogno. Ci siamo intesi.~MOM. Cossa gh'ala paura? No 458 1, 10| rogna.~BEAT. Ecco la mano.~MOM. In segno de respetto. ( 459 1, 10| mano)~BEAT. Troppo gentile.~MOM. Tutto ai so comandi.~BEAT. 460 1, 10| ha ritrovato la lettera.~MOM. Aspettemolo, che el vegnirà.~ 461 1, 10| no, è meglio che andiamo.~MOM. Eh via. (tenero)~BEAT. 462 1, 10| di qualche cosa). (da sé)~MOM. La servo dove che la comanda. ( 463 1, 12| spada. Si tirano dei colpi)~MOM. (Esce dalla locanda) Alto, 464 1, 12| nostra casa. (a Momolo)~MOM. Animo, digo, in semola 465 1, 12| mettermi in soggezione.~MOM. Voleu fenirla, o voleu 466 1, 12| di una spada. (a Momolo)~MOM. Eh, sangue de diana. Lassè 467 1, 12| Ah, maledetta fortuna!~MOM. Tolè, sior, la vostra spada; 468 1, 12| forse forse l'avrei ucciso.~MOM. Eh, compare, se no vegniva 469 1, 12| spirito, e non lo sono.~MOM. Lassemo andar ste malinconie. 470 1, 12| non sospirasse per voi.~MOM. Me despiase che me disè 471 1, 12| più di così; ci pensi lei.~MOM. Giusto cussì, lassemo correr. 472 1, 12| diavolo lo ha saputo?) (da sé)~MOM. Co no xe vero, gh'ho gusto. 473 1, 15| gh'ha dei bezzi) (da sé).~MOM. Smeraldina, no me saludè 474 1, 15| porta un'altra sedia)~MOM. Fin adesso me fa più cortesie 475 1, 15| mezzo ducato da imprestarme?~MOM. E mezzo, e uno, e tutto 476 1, 15| el deventa bon). (da sé)~MOM. Tolè, questo el xe un ducato. ( 477 1, 15| Grazie, farò la restituzion.~MOM. Gnente. Tegnivelo, che 478 1, 15| vaga a far un servizio?~MOM. Andè pur dove volè.~TRUFF. 479 1, 15| tornasse presto, n'importa.~MOM. Stè anca fina doman, se 480 1, 16| sta bella virtù). (da sé)~MOM. Diseme, siora. Quanto xe 481 1, 16| che el sia a sto mondo.~MOM. Me posso fidar?~SMER. Oh, 482 1, 16| star co i so occhi serrai.~MOM. Me xe sta ditto che el 483 1, 16| Momolo; no xe vero gnente.~MOM. Se ve disesse mo, che me 484 1, 16| rabbia me vien da pianzer32.~MOM. Via, non sarà vero. No 485 1, 16| putte sincere co fa mi.~MOM. Se ve vien occasion de 486 1, 16| vol che lo mantegna mi.~MOM. A far la lavandera cossa 487 1, 16| agiutasse, poveretta mi.~MOM. Mi, cara fia, fazzo quel 488 1, 16| Cossa mai poderavio far?~MOM. zovene; gh'avè del spirito 489 1, 16| imparar a ballar.~SMER. E po?~MOM. E po far el mistier de 490 1, 16| volentiera la cantatrice.~MOM. No, fia mia, no ve conseggio 491 1, 16| me ne fe vegnir voggia.~MOM. Cossa dirali la zente, 492 1, 16| nei?~SMER. Me burlerali?~MOM. Per cossa v'hai da burlar? 493 1, 16| Momolo sarà el mio protettor.~MOM. Manco mal, la sarave bella, 494 1, 16| de no parlar co nissun.~MOM. No digo che no abbiè da 495 1, 16| sempre con vu, sior Momolo.~MOM. Voleu che lo trovemo sto 496 1, 16| pur vu, se disè da senno.~MOM. L'è ditta. Vago a trovarlo, 497 1, 16| come faroggio a imparar?~MOM. El maestro ve insegnerà 498 1, 16| roba? Mi no me n'intendo.~MOM. Vederè, vederè. Smeraldina, 499 2, 2| levarlo dalle male pratiche.~MOM. Servitor umilissimo, sior 500 2, 2| Scusate, se vi ho incomodato.~MOM. Patron sempre. Son qua


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License