1-500 | 501-502
La buona moglie
    Atto, Scena
1 1, 13 | della signora marchesa.~PASQUAL. Servitor umilissimo de 2 1, 13 | Che fa la vostra moglie?~PASQUAL. Mia mugier credo che la 3 1, 13 | BEAT. Due giorni? Perché?~PASQUAL. Avemo un poco crià, e son 4 1, 13 | buona che non lo merita.~PASQUAL. Certo che de ela no me 5 1, 13 | veramente fastidiosissima.~PASQUAL. Caro amigo, feme un servizio, 6 1, 13 | poco guardan le loro mogli.~PASQUAL. Mo mi mo, ghe voleva ben.~ 7 1, 13 | È vero? (a Pasqualino)~PASQUAL. Ghe l’ho dao, lustrissima 8 1, 13 | ha fatto sposar Bettina?~PASQUAL. Me recordo de quel bocon 9 1, 13 | Ma poi tutto contento.~PASQUAL. La s’imagina; giera 10 1, 13 | causa io della sua fortuna.~PASQUAL. Mi certo ghe son obligà 11 1, 13 | divertimento. Volete giocare?~PASQUAL. Mi ghe ne so poco, ma ziogherò.~ 12 1, 13 | tavolino e quelle sedie.~PASQUAL. Subito la servo.~LEL. Signora 13 1, 13 | A che vogliamo giocare?~PASQUAL. A bazzega.~BEAT. Avete 14 1, 13 | Avete danari, Pasqualino?~PASQUAL. Se gh’ho bezzi! La varda 15 1, 13 | lire la partita. (siedono)~PASQUAL. Anca de tre, se la vol.~ 16 1, 13 | ordinarla al caffettiere vicino.~PASQUAL. Anderò anca mi, se la vol.~ 17 1, 13 | dispiace che non ho moneta.~PASQUAL. Voleu? paron.~LEL. Sì, 18 1, 13 | Sì, datemi qualche cosa.~PASQUAL. Tiolè sto zechin.~LEL. 19 1, 13 | aspettatemi, che ora torno.~PASQUAL. Caro vu, vegnì; no m’impiantè. 20 1, 14 | Beatrice e Pasqualino~ ~PASQUAL. Sior Lelio me va metendo 21 1, 14 | che mi faceste un piacere.~PASQUAL. La me comanda pur in quelo 22 1, 14 | che subito ve li renderò.~PASQUAL. Patrona: me maravegio, 23 1, 14 | vero che vi son obbligata.~PASQUAL. Gh’ho tante obligazion 24 1, 15 | Oh, che si fa? Si gioca?~PASQUAL. Lustrissimo. (si alza)~ 25 1, 15 | in mano sei zecchini)~PASQUAL. La lustrissima siora marchesa 26 1, 15 | OTT. A che gioco giocate?~PASQUAL. A bazzega, per servirla.~ 27 1, 15 | giochiamo a un gioco più bello.~PASQUAL. Anca ela vol ziogar?~OTT. 28 1, 15 | Anch’io giocherò con voi.~PASQUAL. La se degna de ziogar con 29 1, 15 | il figlio di Catinello.~PASQUAL. Grazie a la bontà de vussustrissima. 30 1, 15 | facile. Alla bassetta.~PASQUAL. Ghe ne so poco, e sempre 31 1, 15 | Ecco sei zecchini di banco.~PASQUAL. O co beli! I par tuti dei 32 1, 15 | metterò anch’io. (al Marchese)~PASQUAL. La m’insegnerà ela a meter.~ 33 1, 15 | faccio io. Due a un zecchino.~PASQUAL. Un zechin xe tropo. (il 34 1, 15 | facciamo una bella merenda.~PASQUAL. Son qua. Do a un zechin. ( 35 1, 15 | Va due a due zecchini.~PASQUAL. Va anca mi. (il Marchese 36 1, 15 | due a quattro zecchini.~PASQUAL. Va, caspita, a quattro 37 1, 15 | Pasqualino, metteteli su.~PASQUAL. E ela?~BEAT. Non mi voglio 38 1, 15 | mio marito. Metteteli voi.~PASQUAL. Va al quarto do sie zechini.~ 39 1, 15 | il quarto, avete perso.~PASQUAL. Oh maledeto do!~OTT. Va 40 1, 15 | maledeto do!~OTT. Va il quinto.~PASQUAL. Dov’èlo el quinto?~OTT. 41 1, 15 | Ne metterò dentro uno.~PASQUAL. Sì ben. Va do a diese zechini. ( 42 1, 15 | sfortunato. Ecco il quinto due.~PASQUAL. Va il sesto.~OTT. No basta 43 1, 15 | con più fortuna. (si alza)~PASQUAL. Maledeto do.~BEAT. Anch’ 44 1, 15 | perso per conversazione.~PASQUAL. Cossa disela de quel do? 45 1, 15 | OTT. Accidenti del gioco.~PASQUAL. E tuti i me toca a mi. 46 1, 15 | che vi possa incomodare.~PASQUAL. Uno e do tre, e quattro 47 1, 15 | marchese di Ripaverde. (parte)~PASQUAL. Da qua diese zorni la me 48 1, 16 | SEDICESIMA~ ~Pasqualino solo.~ ~PASQUAL. Certo che el xe un gran 49 2, 1 | ragazza. (beve)~TUTTI Evviva.~PASQUAL. Evviva sta bela puta. ( 50 2, 1 | chiama godere il mondo.~PASQUAL. Oh che gusto! Oh che spasso! 51 2, 1 | Arlecchino. (bevono tutti)~PASQUAL. Evviva Arlechin.~TUTTI 52 2, 1 | che gh’ha sior Pasqualin.~PASQUAL. Ve piaselo, Sbrodegona? 53 2, 1 | Magari ch’el me lo donasse.~PASQUAL. Tiolè, cara, ve lo dono 54 2, 1 | impiegar un poco meglio.~PASQUAL. Tiolè via, tasè, tiolè 55 2, 2 | che ha nome Pasqualino?~PASQUAL. No me cognossè? Mi gh’ho 56 2, 2 | Venezia, non la conosco.~PASQUAL. Cossa voleu da mi?~CAM. 57 2, 2 | che cerca di vossignoria.~PASQUAL. Oh povereto mi! Mio pare.~ 58 2, 2 | non c’è. (al Cameriere)~PASQUAL. Sì, diseghe che no ghe 59 2, 2 | vuole salire assolutamente.~PASQUAL. Cossa farogio, povereto 60 2, 2 | sconda quanto che la vol.~PASQUAL. Sì ben, pagherò. Lasseme 61 2, 2 | Non abbiate soggezione...~PASQUAL. Velo qua ch’el vien. (si 62 2, 5 | respondeme, me ascoltereu?~PASQUAL. Sior sì, v’ascolterò. ( 63 2, 5 | PANT. Metè zo quel tabaro.~PASQUAL. Ve cognosso che me volè 64 2, 5 | ascolti, e no vogio altro.~PASQUAL. Son qua, ve ascolto, e 65 2, 5 | PANT. Dame una cariega.~PASQUAL. Subito. (Tremo da cao a 66 2, 5 | Vustu sentarte anca ti?~PASQUAL. Mi no son straco.~PANT. 67 2, 5 | Séntete, fame sto servizio.~PASQUAL. Per obedirve, me senterò. ( 68 2, 5 | sastu adesso dove che semo?~PASQUAL. Credeme, sior pare... ( 69 2, 5 | domando. Sastu dove che semo?~PASQUAL. A l’ostaria.~PANT. Cossa 70 2, 5 | mio sangue, se ti lo vol.~PASQUAL. Ah, sior pare, no posso 71 2, 5 | ghe ne parleremo mai più.~PASQUAL. Ve domando perdon... (come 72 2, 5 | vero col scambiar vita.~PASQUAL. Vederè quel che farò... ( 73 2, 5 | far intenerir d’avantazo.~PASQUAL. Lassè che ve basa la man. ( 74 2, 5 | dopo che t’aveva perso.~PASQUAL. Mia mugier cossa dirala 75 2, 5 | pianzerà da la consolazion.~PASQUAL. A Rialto cossa diseli de 76 2, 5 | tuti te vederà volontiera.~PASQUAL. I mile ducati i xe deboto 77 2, 5 | vederà quel che farò per ti.~PASQUAL. Oh, sior pare, no me credeva 78 2, 5 | castigarme se mai più falerò.~PASQUAL. No, certo, mai più, sior 79 2, 5 | PANT. Basta cussì. Andemo.~PASQUAL. Andemo da mia mugier. No 80 2, 6 | toca pagar? (a Pasqualino)~PASQUAL. Sior sì, ho dito che pagherò 81 2, 6 | Sarala fenia? (a Pasqualino)~PASQUAL. Oh fenia, ve lo zuro.~PANT. 82 2, 7 | SETTIMA~ ~Pasqualino solo.~ ~PASQUAL. Che confusion! Che vergogna! 83 2, 8 | aspettiamo, e voi non venite?~PASQUAL. Caro amigo, lasseme star. ( 84 2, 8 | ritrovato vostro padre?~PASQUAL. Pur tropo el m’ha trovà.~ 85 2, 8 | una potentissima gridata.~PASQUAL. No, nol m’ha crià, el m’ 86 2, 8 | burlarci e di mancar di parola?~PASQUAL. Mio pare m’ha dito e m’ 87 2, 8 | quattrini onoratamente.~PASQUAL. Sì, ma co quela sorte de 88 2, 8 | darle nemmeno un addio.~PASQUAL. La me minzona26? La me 89 2, 8 | Sospira, delira per voi.~PASQUAL. E la bala cussì pulito?~ 90 2, 8 | farebbe innamorare i sassi.~PASQUAL. E mia mugier che m’aspeta?~ 91 2, 8 | Anderete a casa domani.~PASQUAL. Oh Dio! Mio pare cossa 92 2, 8 | ritrovare le nostre ragazze.~PASQUAL. Vegniria volentiera, ma 93 2, 8 | un ragazzo da bastonarvi.~PASQUAL. El me farà tior suso dai 94 2, 8 | dubitate. (gli uno stilo)~PASQUAL. Cossa ogio da far de sto 95 2, 8 | come si mette in opera.~PASQUAL. Vien mio pare. (tremando)~ 96 2, 8 | Tenete il vostro tabarro.~PASQUAL. No gh’ho coragio.~LEL. 97 2, 8 | LEL. Siete troppo vile.~PASQUAL. No so cossa risolver.~LEL. 98 2, 8 | giovine per voi sospira.~PASQUAL. Via, andemola donca a trovar.~ 99 2, 8 | donca a trovar.~LEL. Bravo.~PASQUAL. Oimè, se mio pare no me 100 2, 8 | quella donna muore per voi?~PASQUAL. Povereta! andemola a consolar. ( 101 2, 17 | e detta, poi Brighella~ ~PASQUAL. Fazzo riverenza a vussustrissima.~ 102 2, 17 | Venite molto poco a vedermi.~PASQUAL. Son stà sta matina. Cossa 103 2, 17 | l’ho preparata per voi.~PASQUAL. Per mi? Grazie infinite. ( 104 2, 17 | Via, mangiate, bevete.~PASQUAL. In verità, no ghe n’ho 105 2, 17 | ho messa a mano per voi.~PASQUAL. Co l’è cussì, receverò 106 2, 17 | cielo che roba è!) (da sé)~PASQUAL. Adesso lo sentirò...~BRIGH. 107 2, 17 | mugier de sior Pasqualin.~PASQUAL. Mia mugier? (lascia la 108 2, 17 | zuppa)~BEAT. Cosa vuole?~PASQUAL. Per amor del cielo, la 109 2, 17 | BRIGH. No so cossa farghe.~PASQUAL. Cara ela, la me sconda. 110 2, 17 | Ritiratevi in quel camerino.~PASQUAL. Tremo co fa una fogia. ( 111 2, 18 | ed esce Pasqualino irato)~PASQUAL. Cavève, che ve dago un 112 2, 18 | schiafa, toco de furbazzo?~PASQUAL. A vu sì, dona petegola. 113 2, 18 | mia, no ti me vol più ben?~PASQUAL. Lasseme star.~CAT. Lasselo 114 2, 18 | Stala qua vostra mugier?~PASQUAL. Manco chiacole, siora, 115 2, 18 | xela la vostra reputazion?~PASQUAL. No vôi sentir altro. (va 116 2, 18 | No, no ve lasso andar.~PASQUAL. Se me vegnì drio, ve fazzo 117 2, 21 | e detti; poi Bettina~ ~PASQUAL. (Parla voltato verso la 118 2, 21 | una parola. (a Pasqualino)~PASQUAL. La compatissa, che son 119 2, 21 | vorrei romperti l’ossa.~PASQUAL. No la me daga, perché, 120 2, 21 | voglio... (alza il bastone)~PASQUAL. Indrio, sangue de diana, 121 2, 21 | OTT. Giù quello stilo.~PASQUAL. Indrio quel baston.~BETT. ( 122 2, 22 | l’ho liberà da la morte.~PASQUAL. (Oimei! respiro). (da sé)~ 123 2, 22 | fio mio, astu avù paura?~PASQUAL. Mi paura? Se no gieri vu 124 2, 22 | tel mio sangue. (piange)~PASQUAL. (Mostra segni di tenerezza)~ 125 2, 22 | no te mova a compassion?~PASQUAL. (Si lascia cadere lo stilo)~ 126 2, 22 | corre a gettarlo in canale)~PASQUAL. (Si asciuga gli occhi)~ 127 2, 22 | che no te veda precipità.~PASQUAL. Che bela cossa! Butarlo 128 2, 22 | Te domando perdonanza.~PASQUAL. Basta dir che siè done.~ 129 2, 22 | Pasqualin, viestu a casa?~PASQUAL. Siora no.~BETT. No ti gh130 2, 22 | vogia de veder el to putelo?~PASQUAL. Cossa falo? Stalo ben?~ 131 2, 22 | che note che avemo fato.~PASQUAL. (Poverazza!) (da sé)~BETT. 132 2, 22 | ch’el stomego me va via.~PASQUAL. Via, andè a magnar qualcossa; 133 2, 22 | ti vien ti, mi no magno.~PASQUAL. Voleu morir da la fame?~ 134 2, 22 | maniera, vogio piutosto morir.~PASQUAL. Vegni qua; andemo a la 135 2, 22 | ghe vogio gnanca andar.~PASQUAL. Andemo dal scaleter33.~ 136 2, 22 | vostra co le vostre creature?~PASQUAL. Mi a casa no ghe vogio 137 2, 22 | pianzer, de farme sgangolir?~PASQUAL. Cossa voleu che vegna a 138 2, 22 | cuor, ch’el ne agiuterà.~PASQUAL. Mio pare xe in colera; 139 2, 22 | sodo; che ti me vogi ben.~PASQUAL. Fegureve, che quando mio 140 2, 22 | BETT. Ti gh’ha dei debiti?~PASQUAL. Seguro che ghe n’ho.~BETT. 141 2, 22 | che ghe n’ho.~BETT. Assae?~PASQUAL. Trenta o quaranta ducati.~ 142 2, 22 | smanigli e li a Pasqualino)~PASQUAL. Ti me i manini?~BETT. 143 2, 22 | vol che te daga i manini?~PASQUAL. E ti ti vol star senza?~ 144 2, 22 | de tuto l’oro del mondo.~PASQUAL. Cossa dirà la zente?~BETT. 145 2, 22 | scambio con una rezina.~PASQUAL. Povera Betina!~BETT. Caro 146 2, 22 | Caro el mio caro mario!~PASQUAL. E pur te vogio ben.~BETT. 147 2, 22 | Distu dasseno, anema mia?~PASQUAL. Sì, cara; lassa che te 148 2, 23 | pubblico, che tutti vedono?~PASQUAL. Perché? Cossogio fato 149 2, 23 | parlare. (lo tira in disparte)~PASQUAL. Son qua.~BETT. Vogio sentir 150 2, 23 | quella bella parola: voglio.~PASQUAL. Tireve in . Vu non avè 151 2, 23 | impertinenza? (a Pasqualino)~PASQUAL. Voleu aver giudizio? (a 152 2, 23 | disinvoltura. (a Pasqualino)~PASQUAL. Voleu taser? una petulante ( 153 2, 23 | un asino. (a Pasqualino)~PASQUAL. Andè via, che adesso adesso 154 2, 23 | perdite). (piano a Pasqualino)~PASQUAL. (Oh magari)! (piano a Lelio)~ 155 2, 23 | bella fortuna). (come sopra)~PASQUAL. (Salo zogar?) (come sopra)~ 156 2, 23 | cossa che i dise). (da sé)~PASQUAL. (Me despiase che adesso 157 2, 23 | bell’incontro). (come sopra)~PASQUAL. (Gh’ho sti manini, li podemo 158 2, 23 | andiamo subito). (come sopra)~PASQUAL. Andè a casa, che adessadesso 159 2, 23 | no ghe vago senza de vu.~PASQUAL. E vu stè qua.~BETT. Vegnirò 160 2, 23 | qua.~BETT. Vegnirò con vu.~PASQUAL. Certo, che bela cossa!~ 161 2, 23 | Pasqualino, come sopra)~PASQUAL. Andè via, no me fe andar 162 2, 23 | d’asino non va in cielo.~PASQUAL. Oh bravo! Oh co a tempo! 163 2, 23 | de ti, povero Pasqualin.~PASQUAL. Anemo, andè a casa, ve 164 2, 23 | Sior no, vogio star qua.~PASQUAL. Steghe, e mi anderò via.~ 165 2, 23 | BETT. Ve vegnirò drio...~PASQUAL. Se me vegnì drio, povereta 166 3, 10 | ho paura de bruti musi.~PASQUAL. (Oimei! Qua se taca barufa! 167 3, 10 | Pasqualino ed Arlecchino)~PASQUAL. Son qua, no me vedè?~ARL. 168 3, 11 | Arlecchino dall’osteria.~ ~PASQUAL. Cossa mai sarà?~ARL. Gnente. 169 3, 11 | qua mi, e no abiè paura.~PASQUAL. No vorave precipitar.~ARL. 170 3, 12 | Salva, salva. (fugge via)~PASQUAL. Veli qua che i vien. (si 171 3, 13 | TREDICESIMA~ ~Pasqualino solo.~ ~PASQUAL. Come! Cossa sentio! Lelio 172 3, 14 | asciugandosi gli occhi)~PASQUAL. Com’èla, missier Menego?~ 173 3, 14 | d’un fio cussì scelerato.~PASQUAL. Donca l’avè recognossuo 174 3, 14 | digo ch’el giera mio fio.~PASQUAL. Adesso ch’el xe morto?~ 175 3, 14 | donca Lelio giera mio fio.~PASQUAL. (Poverazzo, el me fa pecà). ( 176 3, 14 | ariva, e una le paga tute.~PASQUAL. Pur tropo disè la verità. 177 3, 14 | acioché el lo fazza sepelir.~PASQUAL. E quei povereti che l’ha 178 3, 14 | con puoco i se libererà.~PASQUAL. E intanto Lelio xe morto.~ 179 3, 14 | da poco de bon. (parte)~PASQUAL. Presto, no vôi perder tempo. 180 3, 17 | astu, che ti me par sbatuo?~PASQUAL. Oh, cara mugier...~BETT. 181 3, 17 | quela boca! Me vustu ben?~PASQUAL. No gh’ho fià de parlar. 182 3, 17 | vita mia. Cossa xe stà?~PASQUAL. Lelio xe stà mazzà.~BETT. 183 3, 17 | dasseno? Ghe gieristu ti?~PASQUAL. Giera poco lontan.~BETT. 184 3, 18 | va a chiamar el barbier.~PASQUAL. Lassè star, lassè star. 185 3, 18 | la chiave de la caneva.~PASQUAL. No gh’ho bisogno de gnente. 186 3, 18 | che ve ne vago a tior.~PASQUAL. Ve ringrazio, no vogio 187 3, 18 | casa ti, stago da rezina.~PASQUAL. Cossa fa el putelo?~BETT. 188 3, 18 | Vustu che lo desmissia?~PASQUAL. No no, lasselo dormir. 189 3, 18 | chi ghe xe in casa nostra!~PASQUAL. Chi ghe xe?~BETT. Siora 190 3, 18 | ghe daga alozo per carità.~PASQUAL. Mandela via subito.~BETT. 191 3, 18 | mastega ben! (a Pasqualino)~PASQUAL. Mugier, no so da che banda 192 3, 18 | cascar le lagreme. (piange)~PASQUAL. I bezzi i xe fenii.~BETT. 193 3, 18 | fenii.~BETT. No m’importa.~PASQUAL. I manini xe andai.~BETT. 194 3, 18 | andai.~BETT. No ghe penso.~PASQUAL. I debiti ancora ghe xe.~ 195 3, 18 | aflizer, che i pagheremo.~PASQUAL. Mio pare no me vorà più.~ 196 3, 18 | Chi sa? Pol esser de sì.~PASQUAL. No gh’ho coragio de andar 197 3, 18 | Adesso el vegnirà qua.~PASQUAL. No so come far a parlar.~ 198 3, 18 | BETT. Lasseme parlar a mi.~PASQUAL. Cara mugier, me racomando 199 3, 19 | poi la marchesa Beatrice~ ~PASQUAL. Oh, se podessimo tornar 200 3, 19 | osservando dalla porta)~PASQUAL. No vogio ch’el me veda.~ 201 3, 19 | co ve chiamerò, vegnirè.~PASQUAL. Ah, pur tropo lo confesso, 202 3, 21 | Pasqualino che venga avanti)~PASQUAL. (Bel bello s’accosta, e 203 3, 21 | vede Pasqualino) Qua ti xe?~PASQUAL. Perdonanza. (inginocchiato)~ 204 3, 21 | xestu veramente pentio?~PASQUAL. Sior pare, so pentio, prego 205 3, 21 | ch’el cielo no xe sordo.~PASQUAL. Ve lo digo de cuor.~PANT. 206 3, 21 | che ghe vôi tanto ben.~PASQUAL. Sior pare, lassè che ve 207 3, 21 | due gli baciano le mani)~PASQUAL. Cara mugier.~BETT. Caro 208 3, 21 | mugier.~BETT. Caro mario.~PASQUAL. Ve strenzo al sen. (s’abbracciano 209 3, 22 | mata; bisogna compatirla.~PASQUAL. Farè ben a no la praticar. ( 210 3, 22 | PANT. Andemo a casa da mi.~PASQUAL. Vegnirò contento co la La donna di governo Atto, Scena
211 3, 5| vuol maritarmi?~VAL.~Con Pasqual Monferrato.~DOR.~Con quel La madre amorosa Atto, Scena
212 1, 7 | conossudo mi. No èrelo missier Pasqual?~TRACC. Tutti credeva che 213 1, 7 | che fosse fiol de missier Pasqual; ma mia madre, che era la Il mercato di Malmantile Atto, Scena
214 1, 4| non vuò.~~~~~~CEC.~~~~Con Pasqual, con Medoro,~~L'altro Il padre per amore Atto, Scena
215 5, 1| Pasquale.~ ~ ~~~FAB.~~~~Pasqual, te l'assicuro: ho don Roberto Il raggiratore Atto, Scena
216 3, 14| conte Manestra fusse missier Pasqual.~NIB. Dove son eglino questi Il servitore di due padroni Atto, Scena
217 1, 13 | servitor... che gh'ha nome Pasqual. ~FLORINDO Chi serve costui? ~ 218 1, 17 | TRUFFALDINO Sior no, no l'ho trovà Pasqual, ma ho trovà uno, che m' 219 3, 2 | TRUFFALDINO Sior sì, giusto Pasqual.~FLORINDO (Non vi è più 220 3, 9 | chi è stà causa l'è stà Pasqual, servitor de quella signora 221 3, 9 | TRUFFALDINO (Sior Sì, el giera Pasqual) (piano a Florindo).~FLORINDO ( 222 3, 9 | come sopra). ~TRUFFALDINO (Pasqual) (come sopra). ~FLORINDO ( 223 3, 9 | TRUFFALDINO (Per amor de Pasqual) (come sopra).~FLORINDO ( 224 3, 9 | le mie e anca quelle de Pasqual). ~BEATRICE Ê ancor finito 225 3, 9 | padron, no la descoverza Pasqual. Piuttosto la diga che son 226 3, 9 | vol, ma no la me ruvina Pasqual) (piano a Florindo). ~FLORINDO ( 227 3, 9 | strapazza, ma che se salva Pasqual) (come sopra, e si scosta 228 3, 9 | servidor che gh'ha nome Pasqual; l'è el più gran mamalucco 229 3, 9 | Per l'amor che porto a Pasqual) (come sopra).~FLORINDO ( 230 3, 9 | come sopra). ~TRUFFALDINO (Pasqual) (come sopra).~BEATRICE ( 231 3, 9 | del cielo, no la nomina Pasqual) (piano a Beatrice).~BEATRICE 232 3, 10 | diga, sior patron, no ghPasqual; siora Beatrice no gh'ha 233 3, 10 | mi a servirla in vece de Pasqual? ~FLORINDO Si, vanne pure; 234 3, 11 | servirò, perché no ghPasqual) (come sopra).~BEATRICE 235 3, 12 | chi parli?~TRUFFALDINO De Pasqual. Ghe voio ben, l'è me amigo, 236 3, 12 | qualcossa, la sa che l'è stà Pasqual.~FLORINDO Ma dov'è questo 237 3, 12 | poderò. Me raccomanderò a Pasqual.~FLORINDO Raccomandati a Sior Todero brontolon Atto, Scena
238 0, per | Fortunata~GREGORIO servitore~PASQUAL facchino~ ~ ~La Scena si 239 3, 6 | Ve ringrazio, savè, sior Pasqual. (al Facchino)~PASQ. Patrona, L'impresario di Smirne Atto, Scena
240 2, 1| stato questi due giorni?~PASQUAL. Sono stato...~TOGN. Non 241 2, 1| TOGN. Non vi credo niente.~PASQUAL. Ma lasciatemi dire.~TOGN. 242 2, 1| capitata qui ieri sera?~PASQUAL. No; non ci sono stato.~ 243 2, 1| Ma sapete che è arrivata.~PASQUAL. Lo so.~TOGN. Ci scommetto 244 2, 1| avete fatto una visita.~PASQUAL. No davvero. (sorridendo)~ 245 2, 1| sorridendo)~TOGN. Ridete?~PASQUAL. Rido, perché voi supponete 246 2, 1| spasimato ed il leccardino.~PASQUAL. Credetemi, Tognina...~TOGN. 247 2, 1| tutti i vostri raggiri.~PASQUAL. Ma voi mi mortificate...~ 248 2, 1| siete stato dalla Bolognese?~PASQUAL. Io? (sorridendo)~TOGN. 249 2, 1| faccia, ti do un ceffone.~PASQUAL. Oh cospetto di bacco baccone! 250 2, 1| bene a questi ominacci.~PASQUAL. (Eh lo so, con queste donne 251 2, 1| signore. (con serietà)~PASQUAL. Comandi. (sorridendo)~TOGN. 252 2, 1| TOGN. Anche ora ridete?~PASQUAL. Rido, perché voi sapete 253 2, 1| dubitarne.~TOGN. Sguaiataccio!~PASQUAL. Ma voi...~TOGN. Via, via, 254 2, 1| Via, via, meno ciarle.~PASQUAL. Io non posso soffrire...~ 255 2, 1| vi dico. Ho da parlarvi.~PASQUAL. Dite pure; vi ascolto.~ 256 2, 1| vostra poca attenzione.~PASQUAL. Di che potete dolervi di 257 2, 1| scrittura con qualche teatro?~PASQUAL. Questo è un torto che voi 258 2, 1| sapreste.~TOGN. Posso credervi?~PASQUAL. Voi mi fareste dare al 259 2, 1| non dir niente a nessuno.~PASQUAL. Ve lo prometto, e potete 260 2, 1| nessun altro l'ha da sapere.~PASQUAL. Finora, per quel ch'io 261 2, 1| colla medesima segretezza.~PASQUAL. Vi ha detto il Conte qual 262 2, 1| la parte di prima donna.~PASQUAL. Se vi son due tenori, voglio 263 2, 1| parte del primo soprano?~PASQUAL. Per qual ragione?~TOGN. 264 2, 2| può venire? (di dentro)~PASQUAL. Chi è questi?~TOGN. Non 265 2, 2| signor Maccario, il poeta.~PASQUAL. E la donna?~TOGN. Siete 266 2, 2| con un poco di sdegno)~PASQUAL. Ritorniamo da capo? (con 267 2, 2| poco civile. (a Pasqualino)~PASQUAL. Io l'ho già riverita. ( 268 2, 2| conosco). (a Pasqualino)~PASQUAL. (Io non so che cosa vi 269 2, 2| altro mi potria scavalcare.~PASQUAL. Vogliono far libro nuovo?~ 270 2, 2| O nuovo, o accomodato...~PASQUAL. O accomodato, o rovinato...~ 271 2, 2| confidenza, e con segretezza.~PASQUAL. E meco ha fatto lo stesso.~ 272 2, 2| essere egualmente impiegate.~PASQUAL. Non dice male il signor 273 2, 2| voglio far che da prima.~PASQUAL. Ecco qui, per queste preminenze, 274 2, 2| fare una trista figura?~PASQUAL. Io ho parlato a tutte due 275 2, 3| recite, non me ne mancano.~PASQUAL. Sono assai conosciuto, 276 2, 3| ridendo) Si sottoscriverà!~PASQUAL. Sì signore. Le cose sono 277 2, 3| andreste a sagrificarvi...~PASQUAL. Eh, la recita che noi abbiamo 278 2, 3| pane.~TOGN. Ma via, diteci.~PASQUAL. Caro amico, parlate.~ANN. 279 2, 3| ANN. Ricco mercante...~PASQUAL. Vuol far compagnia...~MACC. 280 2, 3| anche voi? (con ammirazione)~PASQUAL. E questo è il gran progetto, 281 2, 4| MACC. Non ci abbandoni...~PASQUAL. Per me l'assicuro che non 282 2, 4| signor Pasqualino? (ridendo)~PASQUAL. Io non sono meno degli 283 2, 5| esser che prima venga da me.~PASQUAL. O da me.~NIB. Signori miei, 284 2, 5| piacere di accompagnarmi?~PASQUAL. Vi accompagnerò volentieri.~ 285 3, 7| di musica, per obbedirla.~PASQUAL. Ed io, signore...~ALÌ De 286 3, 7| voler tu qui? (a Pasqualino)~PASQUAL. Sono venuto con lei...~ 287 3, 7| quanto voler? (a Pasqualino)~PASQUAL. Signore, io non sono difficile. 288 3, 7| la prima parte, o niente.~PASQUAL. (Maledetto puntiglio! si 289 3, 7| briccona? (a Pasqualino)~PASQUAL. No, signore, anzi qualche 290 3, 8| far venir.~SERV. (Parte)~PASQUAL. (Pensateci bene. Se un' 291 3, 9| compita!) (da sé ironicamente)~PASQUAL. (Osservate come il Turco 292 3, 9| Aver rispetto per donne.~PASQUAL. Sedete qui, signore. (gli 293 3, 9| ironia). (piano a Tognina)~PASQUAL. (Veramente le Fiorentine 294 3, 9| onore di riverirla. (parte)~PASQUAL. Riverisco il signor Alì. 295 3, 9| maledetto, non mi seccar.~PASQUAL. (Parte)~ANN.restato 296 5, 4| spendere trenta soldi del mio.~PASQUAL. Via, per trenta soldi non 297 5, 4| prima donna a modo mio.~PASQUAL. Caro amico, vi consiglio 298 5, 4| vogliamo. (a Pasqualino)~PASQUAL. Io sono stanco di tener 299 5, 4| scatole. (a Pasqualino)~PASQUAL. Eh, sono stanco. (con isprezzatura)~ 300 5, 6| sono i quattrini? (a Nibio)~PASQUAL. Se si ha da partire, ci 301 5, 7| bontà del signor Conte.~PASQUAL. Voi mi conoscete, e mi La putta onorata Atto, Scena
302 1, 6| alla veneziana, e detta.~ ~PASQUAL. Tiolè11, chi la vol veder, 303 1, 6| visto a parlar co nissun.~PASQUAL. Mi no vogio che stè in 304 1, 6| Se passerè, no ve vederò.~PASQUAL. Co passerò, subierò. No 305 1, 6| còlera, che farò a to muodo.~PASQUAL. Ma ogio mo da star sempre 306 1, 6| BETT. Cossa voressistu far?~PASQUAL. Vegnir in casa.~BETT. Oh, 307 1, 6| Oh, in casa no se vien.~PASQUAL. No? Per cossa?~BETT. Le 308 1, 6| receve in casa i morosi.~PASQUAL. Me la disè ben granda! 309 1, 6| Mi son una puta da ben.~PASQUAL. E mi cossa songio? Qualche 310 1, 6| casa no se vien per adesso.~PASQUAL. Quando donca ghe vegnirogio?~ 311 1, 6| m’averè dao el segno15.~PASQUAL. El segno ve lo dago anca 312 1, 6| gnancora fato domandar?~PASQUAL. Mi no; no ghavèpare, 313 1, 6| me xe in liogo de mare.~PASQUAL. Ben, parlerò mi con ela.~ 314 1, 6| dirlo anca a sior Pantalon.~PASQUAL. Gossa ghìntrelo quel vecchio? 315 1, 6| che m’ha promesso la dota.~PASQUAL. Piase? Ghavè un benefator? 316 1, 6| maravegio dei fati vostri.~PASQUAL. Mo via, no andè in còlera.~ 317 1, 6| in tel muso a mio pare.~PASQUAL. No me par d’aver dito...~ 318 1, 6| BETT. Avè dito anca tropo.~PASQUAL. Eh via, averzì, che faremo 319 1, 6| mato, andeve a far ligar.~PASQUAL. Cussì me strapazzè? No 320 1, 6| mia reputazion sora tuto.~PASQUAL. Donca cossa ogio da far?~ 321 1, 6| BETT. Parlè co mia sorela.~PASQUAL. Co vostra sorela parlerò 322 1, 6| Aspetè, la manderò in corte.~PASQUAL. Sì ben, pol esser che femo 323 1, 6| BETT. Come sarave a dir?~PASQUAL. Che vegna in casa con ela.~ 324 1, 7| Pasqualino e poi Catte.~ ~PASQUAL. Brava, cussì me piase. 325 1, 7| piover. (osservando il cielo)~PASQUAL. Patrona, siora Cate.~CAT. 326 1, 7| siorìa, sior Pasqualin.~PASQUAL. La gh’ha paura de la piova?~ 327 1, 7| destender, ma no me fido.~PASQUAL. Se la fusse una puta, dirave 328 1, 7| so moroso la minchiona.~PASQUAL. E sì mo, el so moroso ghe 329 1, 7| so moroso? Lo cognosseu?~PASQUAL. Pussibile, siora Cate, 330 1, 7| Mi no, da dona onorata.~PASQUAL. Mi ve lo dirave; ma me 331 1, 7| quelo che ghe vol ben.~PASQUAL. Sì ben, xe la veritae. 332 1, 7| che intenzion ghaveu?~PASQUAL. Intenzion bela e bona.~ 333 1, 7| CAT. Come sarave a dir?~PASQUAL. De sposarla. E za che no 334 1, 7| vostro pare, saralo contento?~PASQUAL. Mi no gh’ho dito gnente.~ 335 1, 7| mistier ghaveu per le man?~PASQUAL. Mio pare el voleva che 336 1, 7| Botega de cossa, fio mio?~PASQUAL. No so gnanca mi. Me giera 337 1, 7| che no me piase gnente.~PASQUAL. Meterò suso una botega 338 1, 7| deventa botega da maroni.~PASQUAL. Donca cossa ogio da far?~ 339 1, 7| ducati. Co queli v’inzegnerè.~PASQUAL. Caspita! Con dusento ducati 340 1, 7| Saveu lezer e scriver?~PASQUAL. Un puoco.~CAT. Ghaveu 341 1, 7| Ghaveu bona chiaccola?~PASQUAL. Parole no me ne manca.~ 342 1, 7| parte ed entra in casa)~PASQUAL. Oh che cara siora Cate! 343 1, 17| incontrandosi con Pasqualino~ ~PASQUAL. M’ha dito sior pare che 344 1, 17| voi figlio di Catinello?~PASQUAL. Lustrissimo sì, per servirla.~ 345 1, 17| Siete un giovine ben fatto.~PASQUAL. Tuta bontà de vussustrissima.~ 346 1, 17| Ditemi, avete verun impiego?~PASQUAL. Lustrissimo no. Fin adesso 347 1, 17| da tener una scrittura?~PASQUAL. M’inzegnerò.~OTT. Avete 348 1, 17| OTT. Avete buon carattere?~PASQUAL. No fazzo per dir, ma scrivo 349 1, 17| della scrittura di casa.~PASQUAL. Grazie a la bontà de vussustrissima. 350 1, 17| Pasqualino, non è vero?~PASQUAL. Ai comandi de vussustrissima.~ 351 1, 17| parlaste con sincerità.~PASQUAL. Mi la sapia che busie no 352 1, 17| siete innamorato, è vero?~PASQUAL. Ghala paura che no fazza 353 1, 17| mia colla moglie ancora.~PASQUAL. (Oh magari!) (da sé) Per 354 1, 17| giovine da bene e onorata?~PASQUAL. Come l’oro.~OTT. Non occorr’ 355 1, 17| assicuratevi della mia protezione.~PASQUAL. Oh sielo benedetto! Vedo 356 1, 17| Ha dote questa ragazza?~PASQUAL. Un vecchio gh’ha promesso 357 1, 17| dugento ducati glieli darò io.~PASQUAL. Oimè! Sento che l’alegrezza 358 1, 17| più padrone che servitore.~PASQUAL. Mi resto incantà.~OTT. 359 1, 17| nelle mie mani). (da sé)~PASQUAL. Lustrissimo, no so cossa 360 1, 18| Pasqualino, poi Menego~ ~PASQUAL. Cossa mai porlo far de 361 1, 18| laorar per el mastego46.~PASQUAL. Eh, missier pare, altro 362 1, 18| Caro sior, la me la conta.~PASQUAL. El lustrissimo sior marchese, 363 1, 18| songio mi? Un pampano47?~PASQUAL. Col ve vederà, el ve lo 364 1, 18| che xe la regina del mar.~PASQUAL. Xe vero, disè ben; lodo 365 1, 18| fa tuto quelo ch’el vol.~PASQUAL. Ma v’ho da dir un’altra 366 1, 18| missier pare.~MEN. suso mo.~PASQUAL. El paron me voria maridar.~ 367 1, 18| bandiera sul papafigo. (parte)~PASQUAL. Che vol dir, in bon venezian, 368 2, 1| chiama verso la casa)~PASQUAL. Dona mare, seu vu? (esce 369 2, 1| desmonta. (scende in terra)~PASQUAL. Cossa fali a Pelestrina? 370 2, 1| meggioti. (a Pasqualino)~PASQUAL. Brava, dona mare, brava.~ 371 2, 1| to pare? Dove xelo ficao?~PASQUAL. El sarà dal paron. Oh, 372 2, 1| via mi, sempre se cria.~PASQUAL. El vol che fazza el servitor 373 2, 1| fio, povereta mi!) (da sé)~PASQUAL. Sior marchese me vol impiegar, 374 2, 1| lo farò far a mio muodo.~PASQUAL. Dona mare, mi me voria 375 2, 1| ani gh’aveva un putelo.~PASQUAL. Missier pare no vol.~PAS. 376 2, 1| altro. Dime, fastu l’amor?~PASQUAL. Sì ben.~PAS. Chi xela la 377 2, 1| Chi xela la to morosa?~PASQUAL. Betina lavandera, una puta 378 2, 1| cognosso, no la me despiase.~PASQUAL. Oh cara mare, me consolè 379 2, 4| le volte fa l’omo ladro.~PASQUAL. Patron, sior Pantalon.~ 380 2, 4| PANT. Bondì sioria, sior.~PASQUAL. Èla contenta, che ghe daga 381 2, 4| e la voressi per mugier.~PASQUAL. La l’ha indivinada a la 382 2, 4| sbrigo. No ve la vogio dar.~PASQUAL. Mo perché no me la vorla 383 2, 4| parlo schieto, e batèvela.~PASQUAL. Songio fursi qualche baron?~ 384 2, 4| no gh’ha pan da magnar.~PASQUAL. La sapia che me son liogà.~ 385 2, 4| andeu a vender zaleti caldi?~PASQUAL. Stago in casa de sior marchese 386 2, 4| mugier come una zetadina.~PASQUAL. Mi no gh’ho da pensar gnente. 387 2, 4| impiego, ghavè un bon paron.~PASQUAL. Sior sì, e no gh’è bisogno 388 2, 4| se el lo crede!) (da sé)~PASQUAL. Donca xe fato tuto?~PANT. 389 2, 4| fato tuto?~PANT. Oh! tuto.~PASQUAL. Posso andar...~PANT. Sì, 390 2, 4| andar...~PANT. Sì, andè.~PASQUAL. A tior...~PANT. Sì ben, 391 2, 4| PANT. Sì ben, a tior...~PASQUAL. La mia cara Betina.~PANT. 392 2, 4| diavoleto che ve strassina.~PASQUAL. Com’èla?~PANT. Come ve 393 2, 4| PANT. Come ve la digo.~PASQUAL. A mi?~PANT. A vu.~PASQUAL. 394 2, 4| PASQUAL. A mi?~PANT. A vu.~PASQUAL. Nol me la vol dar?~PANT. 395 2, 4| PANT. No ve la vogio dar.~PASQUAL. Ghe lo dirò a sior marchese.~ 396 2, 4| conte, che no ghe penso.~PASQUAL. Varè che sesti!~PANT. Varè 397 2, 4| sesti!~PANT. Varè che casi!~PASQUAL. No la xe vostra fia.~PANT. 398 2, 4| gnanca la sarà to mugier.~PASQUAL. Anca51?~PANT. Anca no?~ 399 2, 4| Anca51?~PANT. Anca no?~PASQUAL. Sior Pantalon, la se varda 400 2, 4| el canaregio52 de peae53.~PASQUAL. A mi peae?~PANT. A ti, 401 2, 4| A ti, toco de furbazzo.~PASQUAL. Sangue de diana! (si morde 402 2, 5| moglie del mio scrivano.~PASQUAL. Che son mo mi. (a Pantalone)~ 403 2, 6| veramente bene a Bettina?~PASQUAL. La se imagina! No ghe vedo 404 2, 6| La desideri per moglie?~PASQUAL. Piutosto sta sera, che 405 2, 6| cura d’accomodar ogni cosa.~PASQUAL. Ma, la vede ben...~OTT. 406 2, 6| replicare, non perder tempo.~PASQUAL. Ghe xe un’altra difficoltà...~ 407 2, 6| voglio sentire difficoltà.~PASQUAL. Ma, se Betina no vol...~ 408 2, 6| fanno fare a nostro modo.~PASQUAL. Ma la xe una puta...~OTT. 409 2, 6| un carico di bastonate.~PASQUAL. Bastonae?~OTT. Sì, bastonate.~ 410 2, 6| Bastonae?~OTT. Sì, bastonate.~PASQUAL. Vago subito.~OTT. E fa 411 2, 6| la cosa con risoluzione.~PASQUAL. Sfazzadon, càzzete avanti56.~ 412 2, 6| bisogno di questi stimoli.~PASQUAL. Se gh’ho da dir la verità, 413 2, 10| el farà po a mio muodo.~PASQUAL. Betina, seu sola?~BETT. 414 2, 10| licenza che vegnì in casa?~PASQUAL. Compatime, no ho podesto 415 2, 10| son miga vostra mugier.~PASQUAL. Sarè mia mugier, se vegnirè 416 2, 10| fradel caro, l’avè falada.~PASQUAL. Dove credeu che ve vogia 417 2, 10| po vegnirò dove che volè.~PASQUAL. Via, destrighemose, demose 418 2, 10| cani. Me parè un bel mato.~PASQUAL. Se savessi tuto, no diressi 419 2, 10| de mi, no se fa la festa.~PASQUAL. Mio pare no vol che ve 420 2, 10| cantar de le canzonete?~PASQUAL. Ve menerò in casa de sior 421 2, 10| marchese sarà contento.~PASQUAL. Anzi el me l’ha dito elo. 422 2, 10| vegnir in casa de colù?~PASQUAL. Sì ben. Perché no?~BETT. 423 2, 10| voressi menar a casa soa?~PASQUAL. Oh, cossa séntio? Marchese 424 2, 10| se podeva licar i dei59.~PASQUAL. Oh, che cagadonao de marchese!~ 425 2, 10| no la ghe xe andada fata.~PASQUAL. Ma donca cossa avemio da 426 2, 10| el cielo ne assisterà.~PASQUAL. Ho paura de perderve.~BETT. 427 2, 10| perderve.~BETT. No ve dubitè.~PASQUAL. Ah Betina, se me volessi 428 2, 10| Sto cuor xe tuto vostro.~PASQUAL. Anemo, adesso xe el tempo 429 2, 10| che avesse fato con vu.~PASQUAL. Ma, care raìse, cossa avemio 430 2, 10| Volerse ben e aver pazenzia.~PASQUAL. Sior Pantalon ve mariderà 431 2, 10| BETT. Oh, questo po no.~PASQUAL. Missier pare me manderà 432 2, 10| Bisognerà che l’obedì.~PASQUAL. E Betina?~BETT. E Betina 433 2, 10| BETT. E Betina v’aspeterà.~PASQUAL. No, cara, ve stuferè61.~ 434 2, 10| Piutosto morirò, che lassarve.~PASQUAL. Sento che me crepa el cuor.~ 435 2, 10| fe pianzer, per carità.~PASQUAL. Ve vogio tanto ben.~BETT. 436 2, 10| ben.~BETT. Me sento morir.~PASQUAL. Ah, Betina, se destruzemo 437 2, 10| esser contenti.~BETT. Come?~PASQUAL. Se volessi vegnir con mi.~ 438 2, 10| no me lo disè mai più.~PASQUAL. troppo ustinada.~BETT. 439 2, 10| BETT. So una puta onorata.~PASQUAL. Ve sposerò.~BETT. E alora 440 2, 10| E alora vegnirò con vu.~PASQUAL. E intanto?~BETT. E intanto 441 2, 10| E intanto vogième ben.~PASQUAL. E se intanto morisse?~BETT. 442 2, 11| in casa de sta petegola?~PASQUAL. (Rimane mortificato)~BETT. 443 2, 11| sta sera faremo i conti.~PASQUAL. Missier pare, ve domando 444 2, 11| Batevela, sior puoco de bon.~PASQUAL. (Povera Betina! Me despiase 445 2, 14| presto, ch’el vaga via.~PASQUAL. Ah cagna! Me volè veder 446 2, 14| sposai, se giusterà tuto.~PASQUAL. L’è quela che digo anca 447 2, 14| domatina ve andarè a sposar.~PASQUAL. Betina, se ve lo darò, 448 2, 14| el segno?~BETT. El segno?~PASQUAL. Sì ben; ve darò sta turchese.~ 449 2, 14| ghe n’ha più vogia de elo.~PASQUAL. Deme la man.~BETT. Mi no.~ 450 2, 14| Deme la man.~BETT. Mi no.~PASQUAL. Come voleu che fazza a 451 2, 14| anello in dito a Bettina)~PASQUAL. Oh cara! (le stringe la 452 2, 14| BETT. Via, sior baron.~PASQUAL. Semo promessi.~BETT. Ma 453 2, 14| altro in testa che nozze!~PASQUAL. Se missier pare el savesse, 454 2, 14| Pasqualin, ghaveu bezzi?~PASQUAL. Mi no gh’ho altro che do 455 2, 14| Dèmelo, e lassè far a mi.~PASQUAL. Xe tanto che ghe fava le 456 2, 14| CAT. E co niovo che el xe.~PASQUAL. Ma no voria che perdessimo 457 2, 14| magnà el ducato). (da sé)~PASQUAL. E a mi del ducato no m’ 458 2, 15| gh’è giudizio che tegna.~PASQUAL. Abiè pazenzia.~ARL. No 459 2, 15| torti no li vôi soportar.~PASQUAL. Sarè el nostro precipizio.~ 460 2, 15| uno... (va sulla porta)~PASQUAL. Zitto per carità.~ARL. 461 2, 15| è Pasqua... (come sopra)~PASQUAL. Tiolè sto ducato, e stè 462 2, 15| più strepito?~ARL. Zitto.~PASQUAL. Seu contento che staga 463 2, 15| giustada. (a Pasqualino)~PASQUAL. Sì, ma no gh’ho più gnanca 464 2, 15| Cossa importa? Ghe ne farè.~PASQUAL. Za che Arlechin m’ha portà 465 2, 16| Bettina e Pasqualino~ ~PASQUAL. Vostra sorela la me par 466 2, 16| Andè a far i fati vostri.~PASQUAL. Tiolè; anca adesso me mandè 467 2, 16| mandè via?~BETT. No se salo?~PASQUAL. No v’ogio el segno?~ 468 2, 16| segno?~BETT. E per questo?~PASQUAL. Posso star co la mia novizza.~ 469 2, 16| sorela, ghe poderessi star.~PASQUAL. Mi no me par che sta cossa 470 2, 16| mata a farte la guardia.~PASQUAL. Donca domatina se sposeremo.~ 471 2, 16| BETT. Farò quel che volè.~PASQUAL. Me lo disè co la boca streta.~ 472 2, 16| tropo alegrezza de cuor.~PASQUAL. Ghe vol pazenzia; almanco 473 2, 16| saremo sposai.~BETT. E po?~PASQUAL. E po... No so cossa dir.~ ~ ~ ~ 474 2, 17| andar via. (a Pasqualino)~PASQUAL. Dove xelo?~BETT. L’ho visto 475 2, 17| adesso su la fondamenta.~PASQUAL. Cossa ogio da far!~BETT. 476 2, 17| vogio che el me se copa!~PASQUAL. Eh, el xe basso, no gh’ 477 2, 17| CAT. Velo qua ch’el vien.~PASQUAL. Varè come che se fa. (corre, 478 3, 18| Pasqualino e detti.~ ~PASQUAL. Oh fortuna traditora, dove 479 3, 18| carattere ch’è costei!) (da sé)~PASQUAL. La parona m’ha mandao a 480 3, 18| la mosca bianca). (da sé)~PASQUAL. Quele do maschere le me 481 3, 19| Pasqualino che fate qui?~PASQUAL. Giera... cussì... andava 482 3, 20| Pasqualino e Bettina~ ~PASQUAL. Lustrissima, son qua a 483 3, 27| sicché Bettina possa sentire)~PASQUAL. Ma perché ogio da star 484 3, 27| Adesso stago fresca). (da sé)~PASQUAL. Anca questa la xe bela. 485 3, 27| no posso più!) (da sé)~PASQUAL. Credeghe a le done! Tanti 486 3, 27| t’ho impiantà). (da sé)~PASQUAL. Ma chi l’averave mai dito! 487 3, 27| che tormento!) (da sé)~PASQUAL. Ah Betina traditora! Ah 488 3, 27| cuor!~BETT. (piange forte)~PASQUAL. Olà, coss’è sto negozio? 489 3, 28| Pasqualino? Cos’avete?~PASQUAL. In camera ghe xe zente.~ 490 3, 28| zente.~BEAT. E per questo?~PASQUAL. M’ha parso una dona.~BEAT. 491 3, 28| una dona.~BEAT. E bene?~PASQUAL. Mo chi xela?~BEAT. Guardatela.~ 492 3, 28| xela?~BEAT. Guardatela.~PASQUAL. Ti ti xe, anema mia! (si 493 3, 28| dalla consolazione). (da sé)~PASQUAL. Mo perché no parlar?~BETT. 494 3, 28| si desse tanto contegno.~PASQUAL. Come seu qua? Come via 495 3, 28| Datele la mano di sposo.~PASQUAL. Son qua, viscere mie, se 496 3, 28| me darà i dusento ducati.~PASQUAL. Sior Pantalon? Velo qua.~ ~ ~ ~ 497 3, 29| te basa. (a Pasqualino)~PASQUAL. A mi, sior Pantalon?~PANT. 498 3, 29| Pasqualin no xe più mio mario.~PASQUAL. Oimè! Xe grando el contento, 499 3, 29| mio? Parleme con libertà.~PASQUAL. Savè quanto ben che mi 500 3, 29| co la soa. (si avvicina)~PASQUAL. Oh cara! Oh che contento! (


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License