L'avaro
    Atto, Scena
1 1, 4 | Eugenia, poi Cecchino~ ~EUG. E fino a quando dovrò menar 2 1, 4 | Isola brama di riverirla.~EUG. È padrone. (Cecchino parte) 3 1, 5 | umilissimo di donna Eugenia.~EUG. Serva, Conte. Favorite 4 1, 5 | Per obbedirvi. (siedono)~EUG. Siete appunto venuto in 5 1, 5 | qualche vostra soddisfazione.~EUG. Le vostre espressioni sono 6 1, 5 | merito vostro adeguate.~EUG. Sempre gentile il Conte 7 1, 5 | aver l'onor di piacervi.~EUG. La vostra conversazione 8 1, 5 | conversazione è assai poca.~EUG. Voi mi mortificate senza 9 1, 5 | divertirvi diversamente.~EUG. Fate torto a voi stesso. 10 1, 5 | fondo della mia schiettezza.~EUG. Non è scarso merito la 11 1, 5 | poco fortunata per altro.~EUG. Potete voi dolervi di me?~ 12 1, 5 | sarei sì ardito di dirlo.~EUG. Ancorché nol diciate, si 13 1, 5 | quella sincerità che lodaste.~EUG. Dunque la stessa sincerità 14 1, 5 | mi provocate a parlare.~EUG. L'eccitamento vien dal 15 1, 5 | mi tormentasse un rivale.~EUG. Questa è la prima volta 16 1, 5 | detto a tempo, signora?~EUG. Potrebbe darsi.~CON. Le 17 1, 5 | è qualche cosa di certo.~EUG. Esaminatelo bene, e confessate 18 1, 5 | tempo ancor di disporne.~EUG. Ma se questo è un segreto, 19 1, 5 | il vostro cuore occupato.~EUG. E se ciò fosse, capireste 20 1, 5 | signora, codesto è il segreto.~EUG. Dunque non potete voi giudicare 21 1, 5 | assicurarmi di essere il favorito.~EUG. Gli animi discreti si contentano, 22 1, 5 | forte non li faccia temere.~EUG. Qual è il gran fondamento 23 1, 5 | timore?~CON. Il mio demerito.~EUG. No, Conte, pensate male.~ 24 1, 5 | spirito audace del mio rivale.~EUG. Una novella ragione, che 25 1, 5 | supplico di compatirmi.~EUG. Vi compatisco.~CON. È il 26 1, 5 | tramanda alle labbra...~EUG. Conte, basta così.~CON. ( 27 1, 5 | moderare i trasporti!) (da sé)~EUG. (Non vo' precipitar le 28 1, 6 | Cavaliere per riverirla.~EUG. Venga pure. Una sedia. ( 29 1, 6 | Signora, vi levo l'incomodo. ~EUG. No, Conte, non fate che 30 1, 6 | CON. Il mio rispetto...~EUG. Sedete.~CON. (sedendo con 31 1, 6 | non istan bene.) (parte)~EUG. (da sé) (Spiacemi vederli 32 1, 6 | la mano, freme alquanto)~EUG. Serva, cavalierino. Sedete.~ 33 1, 6 | ardito di baciarvi la mano.)~EUG. (piano al Conte) (Chi vi 34 1, 6 | Pazienza; merito peggio.)~EUG. (al Cavaliere) Compatite.~ 35 1, 6 | se avete degli interessi.~EUG. (al Cavaliere) Niente, 36 1, 6 | resisto, è un prodigio.)~EUG. Orsù, che si parli che 37 1, 6 | onore della grazia vostra.~EUG. La grazia mia è troppo 38 1, 6 | anche fosse divisa in due.~EUG. Siete voi di quelli che 39 1, 6 | voi, né io lo sappiamo.~EUG. (al Cavaliere) Mi tenete 40 1, 6 | Non ho parlato con voi.~EUG. (al Cavaliere) Sarebbe 41 1, 6 | fa contentare del poco.~EUG. Questa difficoltà non mi 42 1, 6 | l'animo, rispondete.~EUG. Via, conte, ora è tempo 43 1, 6 | da una simile confidenza.~EUG. Il conte non sa di certo 44 1, 6 | che bramerei di saperlo.~EUG. A due cavalieri ch'io stimo, 45 1, 6 | un cavaliere indiscreto.~EUG. (da sé) (Con uno sposo 46 1, 6 | libertà che le promettete.~EUG. (da sé) (Il dubbio non 47 1, 6 | dirmelo: so il mio dovere.~EUG. No, Cavaliere, torno a 48 1, 6 | avanzate meco a tal segno...~EUG. Cavalieri, se veniste per 49 1, 7 | le bacierai più la mano.)~EUG. Conte, sarete voi meno 50 1, 7 | attenderò qui, se mel concedete.~EUG. Siete padron di restare. 51 1, 7 | state meco mal volentieri.~EUG. No, v'ingannate. Ritornerò 52 1, 7 | CON. Son vostro servo.~EUG. (da sé, fermandosi) (Non 53 1, 7 | Avete qualche cosa da dirmi?~EUG. Avete voi qualche cosa 54 1, 7 | abbiate compassione di me.~EUG. (gli offre la mano) Povero 55 1, 7 | Son delicato in questo.~EUG. Non mi dispiace la vostra 56 1, 11 | ed ella vien per di qua.~EUG. Signor suocero, vi riverisco.~ 57 1, 11 | AMB. Servo, signora sposa.~EUG. Io sposa?~AMB. Sì, consolatevi; 58 1, 11 | che ne sarete contenta.~EUG. E chi pensate voi che debba 59 1, 11 | lusingo non vi dispiaccia.~EUG. (da sé) (O il Conte o il 60 1, 11 | Prendetelo ad occhi chiusi.~EUG. Via, ditemi almeno…~AMB. 61 1, 12 | Eugenia, poi il Conte~ ~EUG. Uno dei due senz'altro. 62 1, 12 | se sono ad incomodarvi.~EUG. Conte, ho motivo di consolarmi 63 1, 12 | medesima.~CON. Di che, signora?~EUG. Don Ambrogio mi ha detto...~ 64 1, 12 | malgrado, ne renda conto.~EUG. Non accorda egli le nostre 65 1, 12 | perdere a me il rispetto.~EUG. Resto maravigliata; mi 66 1, 12 | ha egli detto, signora?~EUG. Conte, voi sapete la mia 67 1, 13 | riverisco. (lo risalutano)~EUG. Avete qualche novità, Cavaliere?~ 68 1, 13 | che le sappiate voi pure.~EUG. Spiacemi che alla presenza 69 1, 13 | sappia da tutto il mondo.~EUG. Voi siete dunque da Don 70 1, 13 | disporre di voi medesima.~EUG. (da sé) (Ma chi può essere 71 1, 13 | bastantemente giustificata.~EUG. (da sé) (Sempre si rende 72 1, 14 | Fernando brama di riverirla.~EUG. Se non ha cosa di gran 73 1, 14 | Credo che debba andarsene.~EUG. Così subito? Venga pure. 74 1, 14 | nel di lei cuor custodito.~EUG. (da sé) (Che nobili sentimenti!)~ ~ ~ 75 1, 15 | standosi lontano) È permesso?~EUG. Avanzatevi, Don Fernando.~ 76 1, 15 | questi due mi tormentano.)~EUG. È egli vero, che voi partite?~ 77 1, 15 | come sopra) Signora...~EUG. Fatevi innanzi, che timidezza 78 1, 15 | Ho qualche cosa da dirvi.~EUG. Potete parlare liberamente. 79 1, 15 | Servitevi; so il mio dovere.~EUG. Dite quel che vi occorre. ( 80 1, 15 | Ambrogio mi ha imbarazzato.)~EUG. (da sé) (Fosse mai Don 81 1, 15 | appunto che a voi mi manda.~EUG. (da sé) (Sarebbe bellissima 82 1, 15 | Mi mancano le parole.)~EUG. (da sé) (È così senz'altro. 83 1, 15 | Cavaliere) Non ancora, signore.~EUG. Venite, Cavalieri, venite. 84 1, 15 | Grazie del buon consiglio.~EUG. (a Fernando) Fatelo di 85 1, 15 | sarebbe fuor di proposito.~EUG. Non è possibile. Egli era 86 1, ul | Mantova.~AMB. Senza la sposa?~EUG. (a Don Ambrogio) Lodereste 87 1, ul | ancora parlato di dote.~EUG. Ora conosco il merito, 88 1, ul | quel poco che mi è restato.~EUG. (a Don Ambrogio) Mi maraviglio 89 1, ul | donna Eugenia, che dite?~EUG. Mi riporto ad un cavaliere 90 1, ul | in libertà di decidere.~EUG. Conte, finora fui indifferente. Il filosofo di campagna Atto, Scena
91 1, 1| una rosa in mano.~ ~ ~~~EUG.~~~~Candidetto gelsomino,~~ 92 1, 1| verde - dell'età.~~ ~~~~~~EUG.~~~~Basta, basta, non più.~~ 93 1, 1| rosa il rio periglio.~~~~~~EUG.~~~~Ah! che sotto d'un padre~~ 94 1, 1| Lo intesi ragionar.~~~~~~EUG.~~~~Nozze infelici~~Sarebbero 95 1, 1| vostro cor Rinaldo.~~~~~~EUG.~~~~Lesbina... oimè!...~~~~~~ 96 1, 1| il vostro cuore...~~~~~~EUG.~~~~Ma il genitor mi nega...~~~~~~ 97 1, 1| sdegnosa, e si contrasta.~~~~~~EUG.~~~~Ah, mi manca il coraggio.~~~~~~ 98 1, 1| l'arte e l'ingegno.~~~~~~EUG.~~~~Cara, di te mi fido. 99 1, 1| sì, sì, v'intendo.~~~~~~EUG.~~~~Dunque da te qualche 100 1, 8| Eugenia e Rinaldo~ ~ ~~~EUG.~~~~Deh se mi amate, o caro,~~ 101 1, 8| pensate a voi stessa.~~~~~~EUG.~~~~Ai numi il giuro:~~Non 102 1, 8| possesso mi cale...~~~~~~EUG.~~~~Oimè! Chi viene?~~~~~~ 103 1, 8| temete; è Lesbina.~~~~~~EUG.~~~~Io vivo in pene.~~~  ~ ~ ~ 104 1, 9| signora mia. (ad Eugenia)~~~~~~EUG.~~~~Il genitore?~~~~~~LESB.~~~~ 105 1, 9| RIN.~~~~Come?~~~~~~EUG.~~~~Che dici?~~~~~~LESB.~~~~ 106 1, 9| almen per obbedienza.~~~~~~EUG.~~~~Misera, che farò?~~~~~~ 107 1, 9| tradir chi v'adora?~~~~~~EUG.~~~~È ver, son figlia,~~ 108 1, 9| Ritiratevi presto.~~~~~~EUG.~~~~Vado. (in atto di partire)~~~~~~ 109 1, 9| di : così va bene.~~~~~~EUG.~~~~Soffrite, idolo mio. ( 110 2, 1| sposa egli vi creda.~~~~~~EUG.~~~~Tu m'imbrogli, Lesbina, 111 2, 1| protesto, io v'abbandono.~~~~~~EUG.~~~~Deh, non mi abbandonare; 112 2, 1| avvenir ci porgerà.~~~~~~EUG.~~~~Ecco mio padre.~~~~~~ 113 2, 1| Ponetevelo al dito.~~~~~~EUG.~~~~Una sposa son io senza 114 2, 2| perché ti ascondi?~~~~~~EUG.~~~~Perdonate, signor...~~~~~~ 115 2, 2| Rispondi. (ad Eugenia)~~~~~~EUG.~~~~Eccolo qui. (mostra 116 2, 2| trovato un buon marito?~~~~~~EUG.~~~~(Misera me, se tal mi 117 2, 2| bocchina un po' ridente.~~~~~~EUG.~~~~(Qualche volta Lesbina 118 2, 3| Lesbina che torna.~ ~ ~~~EUG.~~~~(È molto, s'io resisto). ( 119 2, 3| pari una marmotta?~~~~~~EUG.~~~~Che volete ch'io dica?~~~~~~ 120 2, 3| piano ad Eugenia)~~~~~~EUG.~~~~(Andiam, Lesbina). ( 121 2, 3| TRIT.~~~~Va pure.~~~~~~EUG.~~~~(Ahi, me meschina!) ( 122 2, 6| isposa; e tu che dici?~~~~~~EUG.~~~~Tra le donne felici~~ 123 2, 6| destra tua. (ad Eugenia)~~~~~~EUG.~~~~Eccola.~~~~~~TRIT.~~~~( 124 2, 6| così? (ad Eugenia)~~~~~~EUG.~~~~Sposa non sono.~~~~~~ 125 2, 6| La colpa non è mia.~~~~~~EUG.~~~~(Tacer non posso).~~ 126 2, 7| voi siete domandato.~~~~~~EUG.~~~~(Ci mancava costei!) ( 127 2, 7| Vendicarmi saprò.~~~~~~EUG.~~~~(Destin crudele!)~~Rinaldo, 128 2, 8| di paura). (da sé)~~~~~~EUG.~~~~(Ahi che tormento!) ( 129 2, 9| Eugenia e Lesbina~ ~ ~~~EUG.~~~~Ah Lesbina crudele!~~ 130 2, 9| davver, per così poco.~~~~~~EUG.~~~~Prenditi questo anello.~~~~~~ 131 2, 9| Eh no, signora mia.~~~~~~EUG.~~~~Prendilo; o giuro al 132 2, 9| LESB.~~~~Ma perché?~~~~~~EUG.~~~~Fu cagione~~Che Rinaldo, 133 2, 9| vi par? Mi sta bene?~~~~~~EUG.~~~~Ah, tu sei la cagion 134 2, 10| guarda s'è bello.~~~~~~EUG.~~~~Non lo curo, signore...~~~~~~ 135 2, 10| Sarebbe una insolenza.~~~~~~EUG.~~~~Dunque lo prenderò per 136 2, 10| sposa sia Lesbina?~~~~~~EUG.~~~~È vero.~~~~~~TRIT.~~~~ 137 2, 11| impazzire. (parte)~~~~~~EUG.~~~~Pazza a ragion mi chiama~~ 138 3, 1| Eugenia e Rinaldo~ ~ ~~~EUG.~~~~Misera! a che m'indusse~~ 139 3, 1| Siete mia sposa.~~~~~~EUG.~~~~Ah, non lo sono ancora.~~~~~~ 140 3, 1| Celebrare i sponsali.~~~~~~EUG.~~~~Ove s'intese~~Che onesta 141 3, 2| Tritemio è la figliuola.~~~~~~EUG.~~~~Dite,~~Pastorella gentile, 142 3, 2| LENA~~~~Sì, signora.~~~~~~EUG.~~~~Altri vi son?~~~~~~LENA~~~~ 143 3, 2| ben qual a mio zio.~~~~~~EUG.~~~~Siete voi maritata?~~~~~~ 144 3, 2| assai franca). (da sé)~~~~~~EUG.~~~~D'una grazia pregarvi~~ 145 3, 2| Dite pur, comandate.~~~~~~EUG.~~~~Vorrei nel vostro tetto~~ 146 3, 2| RIN.~~~~Vi dirò...~~~~~~EUG.~~~~Non ancora~~Son contratti 147 3, 2| qualche imbroglio.~~~~~~EUG.~~~~Deh, per pietà, vi prego...~~~~~~ 148 3, 2| L'avete fatta bella?~~~~~~EUG.~~~~Amabil pastorella,~~ 149 3, 2| concluda il matrimonio.~~~~~~EUG.~~~~Sì, sì, ve lo prometto:~~ 150 3, 2| quella è la strada.~~~~~~EUG.~~~~Andiam, Rinaldo amato;~~ 151 3, Ult| Ahi! cosa vedo?~~ ~~~~~~EUG.~~~~Ah, genitor, perdono...~~~~~~ Gli innamorati Atto, Scena
152 1, 1 | Prima. Flamminia e Eugenia~ ~EUG. Che cosa avete, signora 153 1, 1 | posso più guardar con amore.~EUG. Bella davvero! E che cosa 154 1, 1 | corrispondergli con mala grazia. ~EUG. In verità mi fareste ridere; 155 1, 1 | starete un pezzo a vederlo! ~EUG. Ed io scommetto che non 156 1, 1 | vi chiederà il perdono?~EUG. Eh! non sarebbe la prima 157 1, 1 | troppo della sua bontà.~EUG. E anch'egli si può compromettere 158 1, 1 | e lo trattatemale?~EUG. E che cosa finalmente gli 159 1, 1 | abbiate fatto inquietare?~EUG. Son sempre io quella che 160 1, 1 | di me.~FLA. Non è vero.~EUG. Oh, voi sapete bene quello 161 1, 1 | proposito di sua cognata.~EUG. Sua cognata io non la posso 162 1, 1 | fatto quella povera donna?~EUG. Non m'ha fatto niente, 163 1, 1 | Il cielo vi castigherà.~EUG. Io non le porto odio, ma 164 1, 1 | ha fatto delle finezze.~EUG. Si tenga le sue finezze; 165 1, 1 | raccomandata da suo fratello!~EUG. Sì, va bene, ma che bisogno 166 1, 1 | prego a non ne parlare.~EUG. Oh sì, vi prometto di non 167 1, 1 | almeno, non si lasci vedere.~EUG. Possibile? Non è mai stato 168 1, 1 | quest'ora sarebbe venuto.~EUG. Anzi, l'aveva detto di 169 1, 1 | non viene assolutamente.~EUG. Quasi quasi gli manderei 170 1, 1 | dispiace, eh, che non venga?~EUG. Sicuro che me ne dispiace. 171 1, 1 | E sempre lo disgustate.~EUG. Ho questo temperamento. 172 1, 1 | poco più d'umiltà, sorella.~EUG. E voi che tenete sempre 173 1, 1 | è una vipera!).(da sé)~EUG. Chi viene?~FLA. È il servitore 174 1, 1 | servitore del signore Fulgenzio.~EUG. Non ve l'ho detto? Quanto 175 1, 1 | ambasciata che vi dispiaccia.~EUG. Ha della roba il servitore.~ 176 1, 2 | TOG. Servo di lor signore.~EUG. Addio, Tognino. Che fa 177 1, 2 | di frutta.~FLA. Poverino!~EUG. Sentite come mi scrive!( 178 1, 2 | Flamminia)~FLA. È sdegnato?~EUG. Vorrebbe far lo sdegnato, 179 1, 2 | via, è parola d'amore.~EUG. Mi prendo la libertà di 180 1, 2 | FLA. È amore, è amore!~EUG. Sarei venuto in persona 181 1, 2 | FLA. Sentite? (ad Eugenia)~EUG. Ma ci verrà! (a Flamminia) 182 1, 2 | Sentite?(con più forza)~EUG. Ma ci verrà! Bramerei due 183 1, 2 | usategli un poco di carità.~EUG. Siete molto compassionevole.~ 184 1, 2 | vedere a penare nessuno.~EUG. Con questi uomini non bisogna 185 1, 2 | politica e non la saprei usare.~EUG. Scrivetegli voi per me.~ 186 1, 2 | Volete che lo faccia davvero?~EUG. Sì, fatelo che mi farete 187 1, 2 | voglio scrivere a modo mio.~EUG. Sì, scrivete come vi pare.~ 188 1, 2 | non per irritarlo di più.~EUG. Credete che io abbia piacere 189 1, 2 | bello.~FLA. In nome vostro.~EUG. In nome mio: ci s'intende.~ 190 1, 3 | Terza. Eugenia e Tognino~ ~EUG. A che ora è venuto a casa, 191 1, 3 | erano ancor suonate le due.~EUG. Che ha detto sua cognata 192 1, 3 | mostrato di aver piacere.~EUG. Aveva compagnia la signora 193 1, 3 | tratta con nessun altro.~EUG. Le fa buona compagnia il 194 1, 3 | casa procura di divertirla.~EUG. E la diverte bene? (con 195 1, 3 | così: mangiano insieme.~EUG. Ridono, a tavola?~TOG. 196 1, 3 | tavola?~TOG. Qualche volta.~EUG. È grazioso veramente, il 197 1, 3 | giocano, qualche volta.~EUG. E vanno a spasso la sera.~ 198 1, 3 | Io non lo so, veramente.~EUG. Perché me lo volete negare? 199 1, 3 | ier sera.~TOG. Può essere.~EUG. Mi fareste venir la rabbia, 200 1, 3 | sicuro.~TOG. Lo sa di certo?~EUG. Fate conto ch'io l'abbia 201 1, 3 | sa, perché me lo domanda?~EUG. (Come ci casca bene il 202 1, 3 | TOG. A tre ore in circa.~EUG. Hanno cenato subito?~TOG. 203 1, 3 | cenato subito?~TOG. Subito.~EUG. E poi avranno giocato una 204 1, 3 | Hanno giocato una partitina.~EUG. (Venga da me che sta fresco). ( 205 1, 4 | fatta. La volete sentire?~EUG. Date qui, non preme.~FLA. 206 1, 4 | far sentire. «Mio bene...»~EUG. Ma bene! (con caricatura)~ 207 1, 4 | Cosa vorreste significare?~EUG. Niente, dico che dite bene.~ 208 1, 4 | giubbilo del mio cuore.~EUG. Eh, che giubbilo? (con 209 1, 4 | ironia)~FLA. No, forse?~EUG. Sì! (con ironia caricata)~ 210 1, 4 | vedo, caro il mio bene ~EUG. Ma bene.~FLA. Io non vi 211 1, 4 | FLA. Io non vi capisco.~EUG. Mi capisco da me.~FLA. ( 212 1, 4 | la vostra cara gioietta.~EUG. Con quella bella grazietta! ( 213 1, 4 | FLA. Che modo è questo?~EUG. Ci la rima.~FLA. Mi 214 1, 4 | abbia scritto a dovere?~EUG. Ottimamente. Date qui che 215 1, 4 | Eh, la so sigillar da me.~EUG. La voglio consegnare io 216 1, 4 | la lettera ad Eugenia).~EUG. Venite qui, Tognino.~TOG. 217 1, 4 | qui, Tognino.~TOG. Eccomi.~EUG. Dite al vostro padrone 218 1, 4 | Mi fate di queste scene?~EUG. E ditegli che venga da 219 1, 4 | ha stracciata la lettera.~EUG. Anzi, glielo deve dire! 220 1, 5 | fatto questa baggianata?~EUG. L'avete mai letto il libro 221 1, 5 | son stucca, e ristucca.~EUG. Gran premura aveva ieri 222 1, 5 | andato via per la rabbia.~EUG. Eh, pensate...è andato 223 1, 5 | impegno.~FLA. E con chi?~EUG. Col diavolo, che se lo 224 1, 5 | voi vi volete precipitare.~EUG. Quando si tratta di quelle 225 1, 5 | qualche cosa il servitore?~EUG. Niente.~FLA. Non istate 226 1, 5 | crederefacilmente...~EUG. O già, io non credo a nessuno.~ 227 1, 5 | Fulgenzio potete credere.~EUG. Peggio.~FLA. E a me?~EUG. 228 1, 5 | EUG. Peggio.~FLA. E a me?~EUG. Peggio.~FLA. Già, chi non 229 1, 5 | voi. Ecco qui nostro zio.~EUG. Chi diavolo c'è con lui?~ 230 1, 5 | Un forastiere, mi pare.~EUG. Ha sempre seco delle seccature.~ 231 1, 6 | il merito della bellezza.~EUG. Vi prego non secondare 232 1, 6 | primi conoscitori del mondo.~EUG. (Poveri danari gettati! 233 1, 6 | venghiate!) (ad Eugenia)~EUG. (Anzi io ci voglio venire.) ( 234 1, 6 | Fulgenzio?) (ad Eugenia)~EUG. (Che importa a me ch'ei 235 1, 11 | principiamo a sofisticare. ~EUG. Serva umilissima, signor 236 1, 11 | poteva lasciar nella penna.~EUG. Mi scappò, non volendo. 237 1, 11 | intorbidandosi un poco)~EUG. Benissimo. Ottimamente.~ 238 1, 11 | allegra questa mattina.~EUG. Quando sono in grazia sua 239 1, 11 | potermi tenere). (da sé)~EUG. Che dice ella di queste 240 1, 11 | pochino sturbato, signora mia.~EUG. Questa mattina sono stata 241 1, 11 | In complimenti con chi?~EUG. Con certe amiche che son 242 1, 11 | che cosa avete risposto?~EUG. Che ci anderò volentieri.~ 243 1, 11 | volentieri.~FUL. Senza di me?~EUG. Sicuro.~FUL. Mi piace. 244 1, 11 | FUL. Mi piace. S'accomodi.~EUG. Oh bella! Mi avete mai 245 1, 11 | avete comandato di farlo. ~EUG. Eh, dite perché avete degli 246 1, 11 | impegni.~FUL. Io? Che impegni?~EUG. Eh via, che serve? Se avete 247 1, 11 | questo vostro ragionamento? ~EUG. Niente, signore. Faccio 248 1, 11 | Eugenia, ci conosciamo.~EUG. Prenderete anche ciò in 249 1, 11 | vi dico, ci conosciamo.~EUG. Sì, ci conosciamo e ci 250 1, 11 | vostra non ci verrà più. ~EUG. Che importa a me che ci 251 1, 11 | solite sue buone grazie.~EUG. Ha tabacco?~FUL. Se sono 252 1, 11 | passi con mia cognata...~EUG. Che cosa c'entra vostra 253 1, 11 | balordo del mio servitore. ~EUG. Mi maraviglio di voi, che 254 1, 11 | passeggiando in giro con isdegno)~EUG. Fermatevi, che mi fate 255 1, 11 | un pugno nella testa) ~EUG. Facciamo scene?~FUL. Né 256 1, 11 | batte il capo a due mani)~EUG. Animo; finiamo queste sguaiaterie. ( 257 1, 11 | abbandona sopra una sedia)~EUG. Avvertite che siete pazzo 258 1, 11 | pazzo?(seguita a battersi)~EUG. Non la volete finire?(con 259 1, 11 | tenerezza)~FUL. Cagna! Crudele!~EUG. Bell'amore! a ogni menoma 260 1, 11 | avete ragione. (placato)~EUG. Ogni giorno siamo alle 261 1, 11 | Compatitemi, non farò più.~EUG. Non mi fate di queste ragazzate, 262 1, 11 | questa sera?(ridente amoroso)~EUG. Se mi parerà.(scherzando 263 1, 11 | FUL. Con chi anderete?~EUG. Eh! (come sopra)~FUL. Con 264 1, 11 | sopra)~FUL. Con me anderete.~EUG. Sicuro! (ironica)~FUL. 265 1, 11 | con me? (un poco sdegnato)~EUG. Se ci veniste volentieri.~ 266 1, 11 | mia, non mi tormentate. ~EUG. Via, avete ragione. Non 267 1, 11 | il core per la tenerezza.~EUG. Mi vorrete sempre bene?~ 268 1, 11 | cosa, voi mi offendete.~EUG. Ve la domando, perché vorrei 269 1, 11 | gran tempo che sarete mia. ~EUG. E che cosa aspettate?~FUL. 270 1, 11 | ritorno di mio fratello.~EUG. Non potete maritarvi senza 271 1, 11 | convenienza vuol ch'io l'aspetti.~EUG. Io lo so, perché differite.~ 272 1, 11 | differite.~FUL. E perché?~EUG. Perché avete paura di disgustare 273 1, 11 | maladetto sia quando parlo.~EUG. Eccolo qui, non si può 274 1, 11 | se sempre mi provocate.~EUG. Mi voglio mettere a non 275 1, 11 | dire delle sciocchezze?~EUG. Le sciocchezze le dite 276 1, 11 | vedere un qualche spettacolo.~EUG. Ehi, chi è di ?~FUL. 277 1, 11 | Non chiamate. (arrabbiato)~EUG. Pazzo.~FUL. Anderò via~ 278 1, 11 | Pazzo.~FUL. Anderò via~EUG. Andate.~FUL. Non ci tornerò 279 1, 11 | FUL. Non ci tornerò più.~EUG. Non m'importa.~FUL. Diavolo, 280 1, 11 | diavolo. (parte correndo)~EUG. Che vita è questa? Che 281 2, 5 | Quinta. Eugenia e detti~ ~EUG. Che mi comanda il signore 282 2, 5 | compagnia a questo cavaliere.~EUG. Non c'è il signor Ridolfo? ( 283 2, 6 | dovevate dire così caricato.~EUG. è di buon cuore, ma anche 284 2, 6 | saprei, avrà i suoi motivi.~EUG. Diteglielo liberamente, 285 2, 6 | riverirla e ad amarla. ~EUG. Sono tenuta alla vostra 286 2, 6 | questo cesserò di sperare.~EUG. E in che volete sperare?~ 287 2, 6 | nessuno scontento) (da sé)~EUG. Per me non vi hanno da 288 2, 6 | ne potriano succedere. ~EUG. Non vorrei che foste l' 289 2, 6 | cose liete. (ad Eugenia) ~EUG. È impossibile, signore; 290 2, 7 | Fulgenzio). (ad Eugenia) ~EUG. (Come l'hai veduto?) (a 291 2, 7 | LIS. (Dalla finestra).~EUG. (Era solo?)~LIS. (Parlava 292 2, 7 | Parlava col signor Ridolfo).~EUG. (Parveti che fosse sdegnato?)~ 293 2, 7 | saltellando verso la casa). ~EUG. (Sia ringraziato il cielo. 294 2, 7 | amico). (piano a Roberto)~EUG. Flamminia. (con bocca ridente)~ 295 2, 7 | È venuto? (ad Eugenia)~EUG. Sì. (come sopra)~ROB. Lode 296 2, 7 | signor Ridolfo. (ad Eugenia)~EUG. Sì, l'ha veduto. È allegro. 297 2, 7 | Lisetta? ~LIS. Verissimo.~EUG. Eccolo, eccolo. (ridente) ~ 298 2, 8 | signore ancora. (con serietà) ~EUG. Si fa sempre desiderare 299 2, 8 | porta presso a Flamminia) ~EUG. Poni qui una sedia, Lisetta. 300 2, 8 | Grazie. Sto ben dove sono.~EUG. Venite qui, con licenza 301 2, 8 | tempo. (fingendo allegria)~EUG. Chi ha tempo, non aspetti 302 2, 8 | dalla signora Eugenia? ~EUG. Vi dispiace che si sappia, 303 2, 8 | se si dicesse la verità. ~EUG. Per parte mia non v'è dubbio; 304 2, 9 | iscoprire il disegno). (da sé) ~EUG. (Stupisco che non abbia 305 2, 9 | disturbo alla compagnia. ~EUG. Che ragioni fiacche! dite 306 2, 9 | rimproverar lei). (da sé) ~EUG. (Ora mangia il veleno. 307 2, 9 | grazie. ~FAB. Oh bravo !~EUG. (Ora sono contenta!) (da 308 2, 9 | Eugenia mi prega di questo?~EUG. Io non mi sono mai sognata 309 2, 9 | Bestialità la chiamate?~EUG. Sì, vi par cosa propria 310 2, 9 | a bella posta.) (da sé)~EUG. Basta, io lascio fare al 311 2, 9 | Pregatelo. (ad Eugenia)~EUG. Oh, questo poi no.~FAB. 312 2, 9 | mia cognata non ci verrà. ~EUG. (È certo che non verrà, 313 2, 9 | non ci resterò nemmen io.~EUG. Sì, piùttosto andrà con 314 2, 11 | divertimento del mondo. (da sé) ~EUG. Mi dispiace del sagrifizio 315 2, 11 | FUL. Se parlate per me...~EUG. Se parlate per lui, mi 316 2, 11 | FLA. Io ho parlato così...~EUG. Eh, lasciatelo dire. Non 317 2, 11 | noi non importa di Roma.~EUG. Lasciatelo dire; lasciate 318 2, 11 | compatitemi..(a Fulgenzio)~EUG. A Roma, signore, degli 319 2, 11 | Andrei a Roma pur volentieri.~EUG. Andate, che sarete la consolazione 320 2, 12 | siete assai sospettoso.~EUG. Non parlate, sorella, ché 321 2, 12 | l'ho veduta piangere... ~EUG. Non le credete. Lo dice 322 2, 13 | innamorato). (passeggia)~EUG. (Voglio piùttosto mettermi 323 2, 13 | annoiata di me).(come sopra)~EUG. (Ha il cuore con tanto 324 2, 13 | le piace). (come sopra)~EUG. (Finto! doppio come le 325 2, 13 | riposo per lei). (come sopra)~EUG. (Lo vedrebbe un cieco, 326 2, 13 | indegnissimo amore). (come sopra)~EUG. (Se ora mi tratta così, 327 2, 13 | scorderò). (come sopra)~EUG. (Ha una faccia, che pare 328 2, 13 | dice niente).(come sopra)~EUG. (Che ho da fare io con 329 2, 13 | FUL. Buon viaggio. (forte)~EUG. Felice ritorno (si volta)~ 330 2, 13 | signor Conte l'aspetta.~EUG. Perché non va a dire alla 331 2, 13 | sdegnando a poco a poco)~EUG. Perché non le va a chieder 332 2, 13 | le labbra). (come sopra)~EUG. Ma ora che ci penso: non 333 2, 13 | ultima volta) (come sopra)~EUG. Mi spiacerebbe che avesse 334 2, 13 | cognata. (acceso di collera)~EUG. Oh oh, quel bravo signore 335 2, 13 | tira fuori il fazzoletto) ~EUG. Non dubiti, che avrà finito 336 2, 13 | il fazzoletto coi denti)~EUG. Mi duole del tempo che 337 2, 13 | stracciare il fazzoletto)~EUG. Ma si consoli, che dormirà 338 2, 13 | nascostamente un coltello)~EUG. Eh dico, signor Fulgenzio. ( 339 2, 13 | coltello) ~FUL. Che vuol da me?~EUG. Cos'avete in mano?~FUL. 340 2, 13 | avete in mano?~FUL. Niente.~EUG. Voglio vedere.~FUL. Non 341 2, 13 | Non ho niente, vi dico.~EUG. Non facciam ragazzate.~ 342 2, 13 | riverirla. (in atto di partire)~EUG. Fermatevi.~FUL. Ha qualche 343 2, 13 | qualche cosa da comandarmi?~EUG. Che c'è in quella mano?~ 344 2, 13 | mostra la mano vuota)~EUG. In quell'altra?~FUL. Niente.~ 345 2, 13 | quell'altra?~FUL. Niente.~EUG. Non facciamo scene, vi 346 2, 13 | scene. Io non faccio scene. ~EUG. Mettete giù quel coltello.~ 347 2, 13 | sognate voi di coltello?~EUG. Che serve? Non mi fate 348 2, 13 | fare di questo coltello?~EUG. Che lo so io?~FUL. Voglio 349 2, 13 | Voglio mondare una mela.~EUG. Fulgenzio. (intenerendosi)~ 350 2, 13 | Lasciatemi stare. (con più caldo)~EUG. Fulgenzio. (come sopra)~ 351 2, 13 | stare. (crescendo il caldo)~EUG. Per carità.~FUL. Per me 352 2, 13 | compassione. (come sopra) ~EUG. Ascoltate una parola almeno.~ 353 2, 13 | volete dirmi? (con isdegno)~EUG. Una parola sola.~FUL. Via; 354 2, 13 | Via; ditela. (come sopra)~EUG. Placatevi, se volete ch' 355 2, 13 | Ah! (sospira con isdegno)~EUG. Datemi quel coltello.~FUL. 356 2, 13 | coltello.~FUL. Signora no.~EUG. Ve lo domando, se non per 357 2, 13 | cadere il coltello di mano)~EUG. (Maladetto coltello!). ( 358 2, 13 | Mi sento morire). (da sé)~EUG. Vi sono io così odiosa, 359 2, 13 | in braccio ad un altro. ~EUG. Ma come è possibile mai, 360 2, 13 | FUL. Lo posso credere ?~EUG. Se non lo dico di core, 361 2, 13 | occasione di sospettare? ~EUG. Ah Fulgenzio, non sono 362 2, 14 | poco indietro ammirati) ~EUG. (Ah, trema della cognata; 363 2, 14 | male al signor Fulgenzio? ~EUG. Mi par di sì, domandatelo 364 2, 14 | della nipote). (da sé) ~EUG. (Si scusa per cagione della 365 2, 15 | posso dir, violentata. ~EUG. Infatti, senza una violenza 366 2, 15 | non sono uscita di casa.~EUG. Né anche la sera?~CLO. 367 2, 15 | cognato; ve l'ha egli detto? ~EUG. Oh, non mi ha detto niente. 368 2, 15 | quando si ama, si dice tutto.~EUG. Che ha il signor Fulgenzio, 369 2, 15 | Cielo, aiutami). (da sé)~EUG. Fa così in casa, signora 370 2, 15 | dirla; è piùttosto gioviale.~EUG. Sì, non è accigliato, se 371 2, 15 | che sia stato sempre così.~EUG. È vero, è da poco tempo; 372 2, 15 | grandissimo. (ad Eugenia) ~EUG. Gioca in casa il signor 373 2, 15 | CLO. Sì, qualche volta.~EUG. E da me grida, bestemmia; 374 2, 15 | guardandosi da Eugenia) ~EUG. Che cosa sono questi segreti? 375 3, 2 | Seconda. Eugenia e detti~ ~EUG. Che fate a quella porta?~ 376 3, 2 | e Tognino si spaventano)~EUG. Andate via.~LIS. Perdoni. ( 377 3, 2 | Compatisca. (ad Eugenia)~EUG. Levatevi di qui vi dico.~ 378 3, 3 | Terza. Eugenia da sola~ ~EUG. (Ponendosi a sedere con 379 3, 4 | Che fate qui da voi sola?~EUG. Niente. (nascondendo le 380 3, 4 | FLA. Eh via, finiamola.~EUG. Lasciatemi stare. (come 381 3, 4 | stanchi e vi perda l'amore. ~EUG Che importa a me del suo 382 3, 4 | via! Si sa che vi preme. ~EUG No davvero, non ci penso 383 3, 4 | bile che vi fa parlar così!~EUG. Aspettate domani e vedrete 384 3, 4 | cosa volete fare, domani?~EUG. Voglio ritirarmi dal mondo.~ 385 3, 4 | sopra e non sarà altro. ~EUG. Sorella voi ancora non 386 3, 4 | purtroppo! (un poco alterata)~EUG. Sono un'irragionevole, 387 3, 4 | delle ore molto cattive. ~EUG. Ora sono nelle mie ore 388 3, 4 | Nostro zio è fuor di sé.~EUG. Che gli ho fatto io?~FLA. 389 3, 4 | fatto alla signora Clorinda?~EUG. Già, tutti proteggono quella 390 3, 4 | casa che l'ha invitata. ~EUG. Ma che cosa le ho fatto?~ 391 3, 4 | le lagrime agli occhi. ~EUG. Ah, sapete perché è venuta 392 3, 4 | ha perduto il rispetto. ~EUG. Sì, ha ragione; pretende 393 3, 4 | cosa che dee durar poco.~EUG. E come, durar poco?~FLA. 394 3, 4 | Fulgenzio avrà finito.~EUG. E quando arriverà questo 395 3, 4 | dir che l'aspettano oggi.~EUG. Oggi? (un poco placata)~ 396 3, 4 | detto la signora Clorinda.~EUG. E sì, se tornerà suo marito, 397 3, 4 | di metter su casa da sé. ~EUG. E la metterebbe, poi? ( 398 3, 4 | vi sa negar cosa alcuna. ~EUG. Guardate la bella premura 399 3, 4 | Eccolo, eccolo ch'egli viene!~EUG. Non gli dite niente ch' 400 3, 4 | non fo di queste pazzie.~EUG. Vien molto adagio. Sarà 401 3, 4 | Parlategli con umiltà.~EUG. Ho da pregarlo? Oh questo 402 3, 4 | egli tante volte con voi!~EUG. Basta. Se le cose andassero 403 3, 4 | amasse non verrebbe qui...~EUG. Zitto zitto. Sentiamo cosa 404 3, 5 | burbero come ora). (da sé)~EUG. (Che sì, che vuol fare 405 3, 5 | uomo d'onore. (ad Eugenia)~EUG. Io non so nessuna di queste 406 3, 5 | può intaccar nell'onore. ~EUG. Se fossi un uomo, mi sfiderebbe 407 3, 5 | rispetto alla di lui moglie? ~EUG. Oh oh, ecco qui, ecco qui 408 3, 5 | cosa seria. (ad Eugenia) ~EUG. Io voglio ridere quanto 409 3, 5 | compatitemi, da poca ragione. ~EUG. Sì, sono una pazza. Non 410 3, 5 | esser saggia, quando volete.~EUG. Ma questa volta son pazza. 411 3, 5 | lo dice egli, lo dirò io.~EUG. Voi non c'entrate, signora. ( 412 3, 5 | tutti vi abbandonassero.~EUG. Basta che non mi abbandoni 413 3, 5 | massime come le vostre.~EUG. Che? sono una bestia io? 414 3, 5 | ed è per amore gelosa. ~EUG. Io non sono gelosa di vostra 415 3, 5 | così caparbia?) (da sé) ~EUG. Se conoscete dunque il 416 3, 5 | testimonianza dell'amor mio. ~EUG. Sarebbe tempo che il mio 417 3, 5 | da accordare una grazia.~EUG. Non siete voi padrone di 418 3, 5 | avete da far con buon animo.~EUG. Se non desidero che compiacervi!~ 419 3, 5 | cognata alla propria casa. ~EUG. Se qui l'ha condotta il 420 3, 5 | in casa degli sconcerti. ~EUG. Sì, sì, avete ragione. 421 3, 5 | FUL. Me lo dite di cuore?~EUG. Anzi.~FUL. Ho paura che 422 3, 5 | tornate qui. (a Fulgenzio) ~EUG. No, no, che non s'incomodi 423 3, 6 | avete promesso accordarmi?~EUG. Io non v'impedisco che 424 3, 6 | conduciate.~FUL. Ma con malanimo.~EUG. Non dovete badare all'animo 425 3, 6 | adempimento del mio dovere. ~EUG. Adempitelo.~FUL. Sì in 426 3, 6 | decoro la sua passione. ~EUG. Fatemi almeno un piacere.~ 427 3, 6 | Oh cielo! comandatemi.~EUG. Andate, finitela, e non 428 3, 6 | lasciarvi qui in questo stato?~EUG. Un uomo d'onore non ha 429 3, 6 | di me e di voi medesima!~EUG. Avvertite che insolenze 430 3, 7 | soccorretemi per carità!~EUG. Soccorretelo quel povero 431 3, 7 | la riconduce il cognato. ~EUG . E perché non va egli a 432 3, 7 | ad Eugenia, fremendo)~EUG. Sono stanca.~FUL. Ingrata! ( 433 3, 7 | FUL. Ingrata! (come sopra)~EUG. O andate voi, o vado io.~ 434 3, 7 | Compatitelo. (ad Eugenia)~EUG. Andate, andate con lui. ( 435 3, 7 | RID. Siete sdegnata meco?~EUG. Andate, signor protettore. ( 436 3, 7 | RID. Protettore di chi?~EUG. Della parentela.~RID. Vi 437 3, 8 | Scena Ottava. Eugenia sola~ ~EUG. Sia ringraziato il cielo, 438 3, 9 | o sono qualche stivale? ~EUG. Con chi l'avete, signore 439 3, 9 | FAB. L'ho con voi, sciocca.~EUG. Con me?~FAB. Sì, con voi. 440 3, 9 | di maritarsi. Insolente! ~EUG. (Or ora mi sente, con queste 441 3, 9 | e parla di maritarsi. ~EUG. (Non vorrei che mi tirasse 442 3, 9 | frasca, è un'impertinente. ~EUG. Signor Conte, siccome non 443 3, 9 | spiantato, vagabondo, plebeo? ~EUG. Signore, non vi ricordate 444 3, 9 | voi ardirete d'amarlo... ~EUG. Acchetatevi, che già è 445 3, 9 | avventura venuto il caso? ~EUG. (Ah, una vendetta sarebbe 446 3, 9 | vi mancherà.(ad Eugenia) ~EUG. (Quand'è fatta è fatta. 447 3, 9 | risolvete. (ad Eugenia)~EUG. Signore, disponete di me. ( 448 3, 9 | degli spiantati). (da sé) ~EUG. Signore, la mia dote ci 449 3, 9 | Conte la può assicurare. ~EUG. Un cavalier così ricco? ( 450 3, 10 | mantenerla. (ad Eugenia) ~EUG. Ma signore...~FAB. Non 451 3, 11 | Undicesima. Eugenia sola~ ~EUG. Povera me! cosa ho fatto? 452 3, 12 | Fermatevi, signora Eugenia.~EUG. Che pretendete da me? ( 453 3, 12 | Ascoltatemi per carità.~EUG. L'avete servita la signora 454 3, 12 | No, non è ancora partita.~EUG. E che fa in casa mia? Perché 455 3, 12 | incarico di accompagnarla ~EUG. E perché? (sostenuta)~FUL. 456 3, 12 | Milano il di lei consorte. ~EUG. È arrivato il signor Anselmo? ( 457 3, 12 | accompagnata dal caro sposo. ~EUG. E voi? (patetica)~FUL. 458 3, 12 | Resterò qui, se mel concedete.~EUG. Non volete essere col fratello 459 3, 12 | affare che mi premesse. ~EUG. Cioè gli avrete reso conto 460 3, 12 | stima e meno rispetto. ~EUG. (Ah incauta! ah ingrata! 461 3, 12 | di non vederla mai più. ~EUG. Povera me ! son morta. ( 462 3, 12 | Eugenia, che cosa è questa?~EUG. Ah sì, Fulgenzio, maltrattatemi, 463 3, 12 | voglio amarvi teneramente.~EUG. Non merito l'amor vostro.~ 464 3, 12 | sarete la mia cara sposa.~EUG. No, non deggio esserlo; 465 3, 12 | Anima mia, perché mai?~EUG. Perché ad altri ho data 466 3, 12 | FUL. E a chi? (tremante)~EUG. Al conte Roberto.~FUL. 467 3, 12 | conte Roberto.~FUL. Quando?~EUG. Poc'anzi.~FUL. E perché?~ 468 3, 12 | Poc'anzi.~FUL. E perché?~EUG. Per vendetta.~FUL. Contro 469 3, 12 | Contro di chi vendetta?~EUG. Contro di me medesima; 470 3, 12 | più (in atto di partire) ~EUG. (Svenuta cade sopra una 471 3, 13 | nemica di voi medesima.~EUG. Deh lasciate ch'io mora.~ 472 3, 13 | in libertà la fanciulla. ~EUG. Oimè, dite il vero? (alzandosi 473 3, 13 | sorella, Fulgenzio è vostro.~EUG. No, che non sarà mio.~FUL. 474 3, 13 | FUL. Perché no, crudele?~EUG. Perché non lo merito.~FUL. 475 3, 13 | parlate altro. (a Fulgenzio)~EUG. Lasciatelo dir, che ha 476 3, 13 | via, dico. (a Fulgenzio)~EUG. Sì, insultatemi, che mi 477 3, 13 | Ah non più, idolo mio!~EUG. Sì, perdonatemi.~FLA. O 478 3, ul | gloria del nostro secolo! ~EUG. Caro sposo, finalmente
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License