grassetto = Testo principale
                       grigio = Testo di commento
Le baruffe chiozzotte
    Atto, Scena
1 0, per | sorella di madonna Libera. ~CHECCA (Francesca), altra fanciulla, 2 1, 1 | Lucietta, Libera, Orsetta, Checca~ ~Strada con varie casupole. ~ ~ 3 1, 1 | parte. LIBERA, ORSETTA e CHECCA dall'altra. Tutte a sedere 4 1, 1 | amanca un brazzo. ~LIB. (a Checca) Ti laóri molto puoco, fia 5 1, 1 | vuol la carpètta. ~LUC. Oe, Checca, che carpètta te fàstu?~ 6 1, 1 | Titta-Nane co lori?~LUC. (a Checca) Sì ben: còssa voréssistu 7 1, 1 | star a bacilare. Avanti che Checca mia sorela se maride, m' 8 1, 3 | Canocchia~ ~TOF. (piano a Checca) (Arecordève, siora Checca, 9 1, 3 | Checca) (Arecordève, siora Checca, che m'avé dito, che de 10 1, 3 | che no ve tèndo). ~TOF. (a Checca) (E sì, mare de diana! gh' 11 1, 3 | Oe, còssa diséu?)~ORS. (a Checca) (Lassa che i fazza, no 12 1, 3 | despetto a culìa.) (accenna Checca)~TOF. (a Lucietta) (Mo che 13 1, 3 | giusto! No i miga queli de Checca). ~TOF. (a Lucietta) (Chi? 14 1, 3 | TOF. (a Lucietta) (Chi? Checca? Gnanca in mente). ~LUC. ( 15 1, 3 | LUC. (a Toffolo accennando Checca con derisione) (Vardé, co 16 1, 3 | sorridendo e guardando Checca) (Puinètta i ghe dise?)~ 17 1, 3 | sto puinare?~ORS. (a Checca, e s'alza) No te n'impazzare. ~ 18 1, 3 | impazzare. ~LTB. (a Orsetta e Checca, alzandosi) Tendi a laorare. ~ 19 1, 4 | Checchina. (s'accosta a Checca)~LTB. Via, spórco!~ORS. 20 1, 4 | presto la me passe. ~LUC. Checca, xèstu in còlera?~CHE. No 21 1, 4 | baciano). ~ORS. Anca ti, Checca. ~CHE. (piano) (No gh'ho 22 1, 4 | suo scagno)~LUC. Bondí, Checca. (prende il suo scagno)~ 23 1, 6 | quel'altra scagazzèra de Checca comuòdo che le n'ha strapazzào. 24 1, 9 | Scena Nona. Libera, Orsetta, Checca, e detti~ ~LIB. (a Fortunato) 25 1, 9 | saluta) Cugnà, saùdo: saùdo, Checca, saùdo. ~ORS. Sioria, cugnà. ~ 26 1, 10 | no me n'ho da impazzare. Checca ancora donzela: un de 27 1, 12 | Fortunato, Libera, Orsetta, Checca, Uomini che portano pesce 28 2, 1 | Meggiotto, e un'altra so cugnà Checca Puinetta. ~ISI. (da sé, 29 2, 1 | le cognosso tutte custíe. Checca tra le altre un bon tocchétto). 30 2, 7 | Orsetta, e ninzoètto. Cugnà Checca, e ninzoètto. (forte verso 31 2, 10 | Lucietta, Libera, Orsetta, Checca, tutte in «ninzoletto», 32 2, 10 | Oe, el Cogitore!)~ORS. (a Checca urtandola e ridendo) (Oe, 33 2, 11 | nomi scritti in processo. Checca la prima. Che Checca 34 2, 11 | Checca la prima. Che Checca resta, e vu altre andé fore. ~ 35 2, 12 | Scena Dodicesima. Isidoro e Checca, poi il Comandadore~ ~ISI. 36 2, 12 | avéu nome?~CHE. Gh'ho nome Checca. ~ISI. El cognome? ~CHE. 37 2, 13 | Comandadore~ ~ORS. (piano a Checca) (Tanto ti stada? Còssa 38 2, 13 | licenzià. ~ISI. (da sé) (Checca ha dito la verità. Vederò 39 2, 15 | cugnà Osetta, e a cugnà Checca. ~ISI. Se no parlé più schiétto, 40 3, 2 | Seconda. Libera, Orsetta e Checca col ninzoletto sulle spalle, 41 3, 2 | ti in malórzega. ~ORS. (a Checca) Tasi. (a Beppo) Còssa t' 42 3, 2 | El vegnù a parlare con Checca. ~LIB. E po el andao 43 3, 9 | Scena Nona. Isidoro, Checca, Lucietta, Pasqua e Titta-Nane ( 44 3, 9 | diga, lustrissimo?)~ISI. (a Checca, piano) (Còss'è, fia?)~CHE. ( 45 3, 10 | Decima. Lucietta, Orsetta, Checca, Pasqua e Libera~ ~LUC. ( 46 3, 12 | sto negozio, e domandarghe Checca per vu. ~TIT. (Con dispiacere) 47 3, 13 | Orsetta? ~TOF. Made! ~ISI. Checca fursi? ~TOF. (ridendo) Ah, 48 3, 13 | còssa busiaro?~TIT. Perché Checca m'ha dito, e donna Libera, 49 3, 13 | dasséno, che ti ghe vól ben a Checca?~TOF. Mi sì, da putto. ~ 50 3, 15 | Lucietta, donna Libera, Checca, Orsetta. So andao per andare, 51 3, 15 | TOF. Che i lassa stare Checca, oe! che i lassa stare. ( 52 3, 17 | malora. Va a parlare con Checca. (parte) ~ORS. (a Titta) 53 3, 20 | còssa che la disc. ~LIB. Oe, Checca. ~FOR. (chiama forte) Checca, 54 3, 20 | Checca. ~FOR. (chiama forte) Checca, Checca. ~ ~ 55 3, 20 | chiama forte) Checca, Checca. ~ ~ 56 3, 21 | Scena Ventunesima. Checca e detti, poi Orsetta, poi 57 3, 21 | a pionare, bava!~ISI. (a Checca) E cusì, còssa diséu?~CHE. ( 58 3, 21 | ghe speranza?)~ISI. (a Checca) (El m'ha dito un de no 59 3, 21 | Mo per còssa?)~ISI. (a Checca) (Perché el innamorà 60 3, 21 | anca , voràve. ~ISI. (a Checca) Via, destrighéve. Lo voléu, 61 3, 21 | Còssa diséu, cugnà?~LIB. (a Checca) Cossa dìstu ti? Lo vùstu?~ 62 3, 22 | poi Beppo)~ ~ORS. Comuòdo? Checca s'ha da maridare avanti 63 3, 22 | Orsetta) Se no volé che Checca se marida prima de , e 64 3, 23 | subito. ~TOF. Tìssimo sì. Checca, vegno ve', vegno. ~LUC. ( 65 3, 23 | vegno. ~LUC. (da se') (Co Checca novizza co Marmottina, 66 3, 23 | ISI. (a Libera, Orsetta e Checca) Cossa diséu?~ORS. da 67 3, 23 | mai co nissun. ~ISI. E , Checca?~CHE. De diana! A me 68 3, ul | credessi che t'avesse da toccar Checca, vara ve': la s'ha da sposare 69 3, ul | danno. Vu altri a bon conto, Checca e Tòffolo, déve la man. ~ 70 3, ul | Mario e muggière. ~ORS. (a Checca) Oh adesso mo, marìdete 71 3, ul | licenzia. ( la mano a Checca)~CHE. (a Isidoro) Oe, la La casa nova Atto, Scena
72 0, per | MENEGHINA, sorella d'Anzoletto~CHECCA, cittadina maritata~ROSINA, 73 0, per | ROSINA, sorella nubile di Checca~LORENZINO, cittadino, cugino 74 0, per | LORENZINO, cittadino, cugino di Checca~CRISTOFOLO, zio di Anzoletto~ 75 0, per | di Anzoletto e in casa di Checca, che abita al secondo piano~ ~ 76 1, 12 | stamattina lustrissima siora Checca m'ha domandà, quando vien 77 2, 1 | Scena Prima. Checca e Rosina~ ~Camera nella 78 2, 1 | nella casa della signora Checca.~ ~Checca: Cossa diseu della 79 2, 1 | della signora Checca.~ ~Checca: Cossa diseu della malagrazia, 80 2, 1 | la savesse gnanca parlar.~Checca: O che le orsi, o che 81 2, 1 | se vede che le pratica.~Checca: Se le pratica? E come! 82 2, 1 | tutto el tempo de vita soa?~Checca: Per quel che dise nostro 83 2, 1 | zorno e tutta la notte?~Checca: Vardè, che putte! Senti, 84 2, 1 | Savè, che putta che son.~Checca: Per cossa credemio, che 85 2, 1 | voggia nissun per i piè.~Checca: Saveu, che no disè mal? 86 2, 1 | che ghe sia sti miracoli.~Checca: I dise, che la gh'ha un 87 2, 1 | visto certo dell'aria tanta.~Checca: Come faralo sior Anzoletto 88 2, 1 | la gh'ha portà, no certo.~Checca: Aveu sentìo Lorenzin? No 89 2, 1 | mesi che i ghe drio.~Checca: E sì, savè, la prima peata, 90 2, 1 | parevelo un battello da fassi?~Checca: Sì, sì, vero, el giera 91 2, 1 | negra?~Rosina: Anticaggie.~Checca: E quei carregoni de bulgaro?~ 92 2, 1 | I mobili de so bisnono.~Checca: I butterà via un mondo 93 2, 1 | che no l'abbiemo da veder?~Checca: De dia! la vòi veder, se 94 2, 1 | che parlemo a la putta?~Checca: Povero putto, l'ha preso 95 2, 1 | parlereu a siora Meneghina?~Checca: Per contentarlo ghe parlerò; 96 2, 1 | elo.~Rosina: Per cossa?~Checca: Perchè i dise che so fradelo 97 2, 1 | vol ben assae Lorenzin.~Checca: Lassè pur, che el ghe voggia 98 2, 1 | sorela cara.~Rosina: I batte.~Checca: Anca sì, che nissun risponde.~ 99 2, 1 | Rosina: Anderò a veder mi.~Checca: No ve veder su i balconi.~ 100 2, 2 | Scena Seconda. Checca, poi Rosina~ ~Checca: No 101 2, 2 | Seconda. Checca, poi Rosina~ ~Checca: No vedo l'ora che vegna 102 2, 2 | Rosina: Saveu chi ? ~Checca: Chi ? ~Rosina: La serva 103 2, 2 | de ste signore da basso. ~Checca: Gh'aveu tirà? ~Rosina: 104 2, 2 | tirà? ~Rosina: Siora sì. ~Checca: Gh'ho ben a caro, che la 105 2, 2 | la serva ne dirà tutto.~Checca: Lasseme parlar a mi. La 106 2, 2 | Rosina: Vèla qua, vèla qua.~Checca: Vegnì avanti, fia.~ ~ 107 2, 3 | dette~ ~Lucietta: Strissime.~Checca: Bella putta! coss'è, fia? 108 2, 3 | no ghe starave un'ora.~Checca: Contème. Cossa xèla sta 109 2, 3 | fusse de quelle che dise!)~Checca: Cossa xèla? Superba, rustega; 110 2, 3 | un certo sior Conte ...~Checca: Via, via, no dixè altro. ( 111 2, 3 | sorella)~Lucietta: Ho capio.~Checca: Disème, cara vu; per cossa 112 2, 3 | volesto.~Rosina: Oh co bela!~Checca: Oh che scamoffe!~Lucietta: 113 2, 3 | anca ela s'ha pontiglià.~Checca: Oh care!~Rosina: Oh vita 114 2, 3 | ela a far el so debito.~Checca: Oh non occorre che la s' 115 2, 3 | incomoda...~Rosina: (piano a Checca) (Sì, sì, lassè che la vegna.)~ 116 2, 3 | gh'ha tanto despiasso...~Checca: Basta, se la lo fa per 117 2, 3 | ma la gh'ha del merito.~Checca: Se vede, che anca vu 118 2, 3 | no la sentirà mai altro.~Checca: Brava dasseno.~Rosina: 119 2, 3 | che la ghe n'abbia de più?~Checca: No se vede, che la ghe 120 2, 3 | Lucietta: Un pochetto.~Checca: Lo cognosseu mio zerman?~ 121 2, 3 | Chi xèlo, lustrissima?~Checca: Sior Lorenzin Bigoletti.~ 122 2, 3 | cognossa?~Lucietta: Oh bon!~Checca: Gh'averà despiasso a vegnir 123 2, 3 | sì, che gh'ha despiasso.~Checca: Ghe parlavela spesso?~Lucietta: 124 2, 3 | stomeghezzi no i podeva soffrir.~Checca: Adesso mo come sarala?~ 125 2, 3 | lustrissimo sior Lorenzin?~Checca: Siguro. El fio de una 126 2, 3 | consolar sta povera putta.~Checca: Me maraveggio gnanca, che 127 2, 4 | Scena Quarta. Checca e Rosina~ ~Checca: Cossa 128 2, 4 | Quarta. Checca e Rosina~ ~Checca: Cossa diseu? che boccon 129 2, 4 | vòl ben a la so parona.~Checca: Ben da massère.~Rosina: 130 2, 4 | impazzarvene per nostro zerman?~Checca: Siora sì; ghe dirò de volerlo 131 2, 4 | Siben, siben gh'avè rason.~Checca: Oh mi, fia mia, son una, 132 2, 5 | Oh vèlo qua, per diana. ~Checca: Vegnì, vegnì. Semo qua, 133 2, 5 | Rosina: Oh lustrissimo. ~Checca: Feu cerimonie, fio? ~Lorenzino: 134 2, 5 | sia maledetta sta casa. ~Checca: Per cossa malediu sta casa? ~ 135 2, 5 | caso che la possa veder. ~Checca: So anca mi, che no la vederè. 136 2, 5 | Co la dota de la muggier?~Checca: Credeu, che el sia in sto 137 2, 5 | barba, che ghe darà la dota.~Checca: Lo so anca mi, che la gh' 138 2, 5 | in collera colla nezza.~Checca: Caro zerman, avanti de 139 2, 5 | xèla?~Rosina: Se vedessi!~Checca: Un cerchio, fio caro, che 140 2, 5 | Un abito superbonazzo.~Checca: (a Rosina) El m'ha parso 141 2, 5 | e sguazzo, e che peroli!~Checca: La testa, po, no ve digo 142 2, 5 | Rosina: Oe coi diamanti.~Checca: Da Muran, saveu.~Rosina: 143 2, 5 | gnente. Vedo, che i luse.~Checca: O per luser, lusa anca 144 2, 5 | la putta, l'hale vista?~Checca: Oh l'avemo vista.~Lorenzino: 145 2, 5 | Lorenzino: Cossa ghe par?~Checca: Eh, cussì e cussì.~Rosina: 146 2, 5 | No ghe ste belezze.~Checca: La granda.~Rosina: Ma 147 2, 5 | la gnente ben fatta.~Checca: Qua, qua; no la troppo 148 2, 5 | vedela pulito al balcon?~Checca: El nostro tinelo el varda 149 2, 5 | me lassa andar in tinelo.~Checca: Oh no principiemo a far 150 2, 5 | Lorenzino: Come, siora Checca! la m'ha pur promesso de 151 2, 5 | lassarme andar al balcon?~Checca: Mo vedeu, caro fio, compatime; 152 2, 5 | lasserò veder da nissun.~Checca: Se andè sul balcon, bisogna 153 2, 5 | dentro, no i me vederà.~Checca: Ve vederà queli, che sta 154 2, 5 | Cara ela, un pochettin.~Checca: Oh putto caro, ti ghe 155 2, 6 | Scena Sesta. Checca e Rosina, poi il Servitore~ ~ 156 2, 6 | Servitore~ ~Rosina: Disè, siora Checca; me lasseu andar anca mi 157 2, 6 | andar anca mi un pochetin? ~Checca: A cossa far? ~Rosina: A 158 2, 6 | far? ~Rosina: A spionar. ~Checca: Certo; una bella cossa! 159 2, 6 | Meneghina parla pulito. ~Checca: No la sentireu co la vegnirà 160 2, 6 | a cercà co la vegnirà. ~Checca: Vardè mo, che ghe zente 161 2, 6 | che sia siora Meneghina. ~Checca: Eh via. ~Rosina: Ho visto 162 2, 6 | vedere per no parer... ~Checca: Avè fatto ben. ~Rosina: 163 2, 6 | sotto, la vorave reverir. ~Checca: Xela la putta, o la maridada? ~ 164 2, 6 | Rosina: La sarà la putta. ~Checca: Diseghe che la resta servida. ~ 165 2, 6 | ben aspettar al balcon. ~Checca: Zitto, no ghe disemo gnente. 166 2, 6 | Rosina: E se el vien qua? ~Checca: Che el vegna. (parte)~ ~ 167 2, 7 | Meneghina: Strissime.~Checca: Strissima.~Rosina: Strissima.~ 168 2, 7 | libertà che m'ho tolto.~Checca: Anzi la ne fa una finezza.~ 169 2, 7 | volta a darghe incomodo.~Checca: Oh cossa disela! la 170 2, 7 | col tempo ghe conterà.~Checca: Vorla comodarse?~Meneghina: 171 2, 7 | Meneghina: Quel che la comanda.~Checca: Oe, tirè avanti de le careghe.~ 172 2, 7 | Meneghina: Poco dasseno.~Checca: No la ghe piase?~Meneghina: 173 2, 7 | sporca, che fa stomego.~Checca: E pur, qualchevolta se 174 2, 7 | no l'ho gnancora visto.~Checca: Adesso, vedela, el sol 175 2, 7 | la gh'ha bon tempo ela. ~Checca: In te l'altra casa, gh' 176 2, 7 | Meneghina: Gnente dasseno. ~Checca: Lo cognossela nostro zerman? ~ 177 2, 7 | Meneghina: Mi no, chi xèlo? ~Checca: Un certo Lorenzin. ~Meneghina: 178 2, 7 | Meneghina: Bigoletti? ~Checca: Bigoletti. ~Meneghina: 179 2, 7 | Meneghina: Sàle gnente? ~Checca: Savemo tutto. ~Meneghina: ( 180 2, 7 | Meneghina: Malignazza! ~Checca: Gran brutti balconi! ~Meneghina: 181 2, 7 | Qua no se vede mai sol. ~Checca: Oh de el se vedeva anca 182 2, 7 | qualche volta anca qua. ~Checca: Dasseno? ~Meneghina: Chi 183 2, 7 | la una cossa granda. ~Checca: Saravela una bella cossa, 184 2, 7 | Meneghina: Credemio? ~Checca: El cuor no ghe dise gnente? ~ 185 2, 7 | gh'è altro che magazzeni.~Checca: Credo, che el voggia tòr 186 2, 7 | diana! me casca el cuor.~Checca: Siora Rosina, vardè de 187 2, 7 | ela a far el so debito.~Checca: Patrona, che la resta servida. ( 188 2, 7 | posta per farme rabbia.~Checca: Mo per cossa?~Meneghina: 189 2, 7 | La me fazza una finezza?~Checca: La comandi.~Meneghina: 190 2, 7 | la lassa, che vaga de .~Checca: Dove vorìa andar?~Meneghina: 191 2, 7 | In qualche altro logo.~Checca: Le camere le gh'avemo qua 192 2, 7 | Meneghina: Anderò in tinelo.~Checca: Dasseno?~Rosina: Poveretta! 193 2, 7 | La me lassa andar donca.~Checca: No, no, la me compatissa. 194 2, 7 | Rosina: Manderò adessadesso.~Checca: Eh aspettè, che manderò 195 2, 7 | ?~Servitore: Strissima!~Checca: Vienla sta signora?~Servitore: 196 2, 7 | Servitore: La vien adesso.~Checca: Senti. (piano al servitore) ( 197 2, 7 | L'ela mandà a chiamar?~Checca:. Siora sì.~Meneghina: E 198 2, 7 | E se ghe mia cugnada?~Checca: Fin che ghe sarà so cugnada 199 2, 7 | la l'averà mandà via.)~Checca: (a Meneghina) Sàla gnente 200 2, 8 | Grazie, siora zermana. ~Checca: Andè via de qua. ~Lorenzino: 201 2, 8 | e suspirar fin adesso. ~Checca: Andè via de qua, ve digo. ~ 202 2, 8 | Meneghina: Grazie, siora Checca, de la finezza, che la m' 203 2, 8 | finezza, che la m'ha fatto.~Checca: Cara ela, ho preteso de 204 2, 8 | Lorenzino: Mi no vago via certo.~Checca: Andè via, ve digo.~Lorenzino: 205 2, 8 | la scala, el la incontra.~Checca: Mi so stada una matta. 206 2, 8 | asciuga gli occhi) Poverazzo!~Checca: Andeu via, ve digo.~Lorenzino: 207 2, 8 | Caspita, ve volè ben, patroni!~Checca: Son tanto pentìa, se savessi... 208 2, 9 | Cecilia: Serva umilissima. ~Checca: Strissima. ~Rosina: Strissima.~ 209 2, 9 | cugnada.~Meneghina: Strissima.~Checca: Che grazie, che favori 210 2, 9 | Sentela? In ponto e virgola.)~Checca: Cara ela, la prego, no 211 2, 9 | affettada un pocheto.)~Checca: (a Cecilia) La se comodi.~ 212 2, 9 | comodi.~Cecilia: E ele?~Checca: Se senteremo anca nu. Oe, 213 2, 9 | o ela, o mi.~Cecilia: (a Checca) Se femo de le burle, sàla 214 2, 9 | cussì per devertimento.~Checca: Se vorle ben?~Meneghina: 215 2, 9 | quanto ben che ghe voggio!)~Checca: (a Cecilia) Stàla volentiera 216 2, 9 | no so se la me capissa...~Checca: Eh capisso benissimo.~Meneghina: ( 217 2, 9 | Me la godo un mondo.)~Checca: Un gran bell'abito, de 218 2, 9 | teatri? Fale conversazion?~Checca: Ghe dirò; co mio marìo 219 2, 9 | de la gondola, se le vòl.~Checca: Grazie, grazie. Dasseno, 220 2, 9 | el vegna sempre con ela?~Checca: Se ghe piase.~Cecilia: 221 2, 9 | commedia senza de so marìo?~Checca: Oh, mi no m'importa. Co 222 2, 9 | mo cossa fale? Zoghele?~Checca: Qualche volta se divertimo.~ 223 2, 9 | Cecilia: A cossa zoghele?~Checca: A tresette, cotecchio, 224 2, 9 | Rosina) (Sì, anca el quinto.)~Checca: Cussì se se diverte pulito.~ 225 2, 9 | de logarme onoratamente.~Checca: Cara siora Cecilia, se 226 2, 9 | Lorenzin sente, poverette nu.)~Checca: La diga, siora Cecilia, 227 2, 9 | una sorela de mio marìo.~Checca: Mi no ghe digo, che el 228 2, 9 | Cecilia: Come parlela, siora Checca? Credo, che la mia casa 229 2, 9 | cognossua in sto paese.~Checca: Mi no digo de ela.~Cecilia: 230 2, 9 | Cecilia: Mo de chi donca?~Checca: No desmissiemo cani che 231 2, 9 | el figà per quel sporco?~Checca: Coss'è sto sporco? Me scaldo 232 2, 9 | traghetto, siora cugnada!~Checca: Come parlela, patrona? 233 2, 10 | Scena Decima. Checca, Meneghina, Rosina, poi 234 2, 10 | Mo la ben palicaria.~Checca:. Mi no so come che m'abbia 235 2, 10 | no ne ho colpa, fio mio.~Checca: Orsù, siora Meneghina, 236 2, 10 | Ela no ghe n'ha colpa.~Checca: E vu, sior, andè via de 237 2, 10 | mi! ~Rosina: Seu matto?~Checca: Via sior strambazzo!~Lorenzino: ( 238 2, 10 | tante...~Meneghina: Fermeve.~Checca: Vegni qua.~Meneghina: Sentì.~ 239 2, 10 | Vegni qua.~Meneghina: Sentì.~Checca: Ascoltème mi.~Lorenzino: 240 2, 10 | Meneghina: Mo no, cara siora Checca. La gh'abbia un pochetto 241 2, 10 | pochetto de compassion.~Checca: Ma mi, cossa voleu, che 242 2, 10 | acqua.~Meneghina: Grazie.~Checca: Sto putto senza dote ve 243 2, 10 | per paura de mio fradelo.~Checca: La diga, cara siora Meneghina; 244 2, 10 | bicchiere in mano) Cara siora Checca, questa sarìa la meggio 245 2, 10 | manda a chiamar anca mi...~Checca: Cara ela, no la me spanda 246 2, 10 | fondamenta delle Maraveggie.~Checca: So benissimo dove che el 247 2, 10 | Meneghina: La manda subito.~Checca: Manderò subito. Ma la me 248 2, 10 | Lorenzino: Cara siora zermana~Checca: Doveressi far vu sto servizio 249 2, 10 | Sangue de diana! a corando.~Checca: Saveu dove che el staga?~ 250 2, 10 | E co polito che el so.~Checca: Andè donca.~Lorenzino: 251 2, 10 | Subito.~Rosina: Oh che putti!~Checca: Oh che intrighi!~Rosina: 252 2, 10 | se fa per amor! (parte)~Checca: Oh quanti desordini co 253 3, 1 | Scena Prima. Checca, poi Rosina~ ~Camera in 254 3, 1 | Camera in casa della signora Checca.~ ~Checca: Vardè, quando 255 3, 1 | della signora Checca.~ ~Checca: Vardè, quando che i dise, 256 3, 1 | putta...~Rosina: , sorela?~Checca: Cossa gh'è?~Rosina: Lucietta, 257 3, 1 | balcon che la m'ha da parlar.~Checca: E cussì?~Rosina: E cussì 258 3, 1 | ho ditto, che la vegna.~Checca: Avè fatto mal. Con quela 259 3, 1 | chiamar siora Meneghina.~Checca: Se vegnirà so barba, per 260 3, 1 | contè? Cossa m'importa a mi?~Checca: E co la serva no voggio 261 3, 1 | Voleu che la manda via?~Checca: No, no, sentimo cossa che 262 3, 1 | curiosa de saver qualcossa.~Checca: Sorela cara, moderèla sta 263 3, 2 | Lucietta: Lustrissime.~Checca: Siorìa..~Rosina: Siorìa, 264 3, 2 | Rosina: Cara vu, conteme.~Checca: (a Rosina) Via, scomenzemio?~ 265 3, 2 | scomenzemio?~Rosina: (a Checca) Ih! Cossa hoggio ditto?~ 266 3, 2 | Cossa gh'hoggio fatto?~Checca: In casa mia no voggio pettegolezzi.~ 267 3, 2 | in alto di partire)~Checca: Vegnì qua, cossa volevi 268 3, 2 | a far dei pettegolezzi.~Checca: Via, se gh'avè qualcosa 269 3, 2 | ghe delle cosse grande.~Checca: Che mo?~Lucietta: El 270 3, 2 | lustrissima, cosse grande.~Checca: Mo le grande dasseno.~ 271 3, 2 | Rosina: Me strasecolar.~Checca: E cossa dise quella spuzzetta 272 3, 2 | novizza in tutte le furie.~Checca: Contème; come halo fatto 273 3, 2 | cara zoggia de so muggier.~Checca: quindese zorni che el 274 3, 2 | Lucietta: Gnente a sto mondo.~Checca: Xèla mo quela gran signora, 275 3, 2 | Lustrissima, la domandada.~Checca: Chi ?~Toni: el lustrissimo 276 3, 2 | barba de la mia patrona?~Checca: Sì, giusto elo. una 277 3, 2 | Lustrissima sì, subito.~Checca: Ma vardè ben, che nessun 278 3, 2 | Gnanca l'aria lo saverà.~Checca: Vardè ben, che se tratta 279 3, 2 | bocca. Strissime. (parte) Checca: (a Toni) Diseghe a quel 280 3, 3 | Scena Terza. Checca, Rosina, poi Cristofolo~ ~ 281 3, 3 | Rosina, poi Cristofolo~ ~Checca: E vu, vedeu? Fin che parlo 282 3, 3 | che pagherave a sentir!~Checca: Mo za, vu la mare della 283 3, 3 | curiosità.~Rosina: E vu gnente?~Checca: Mi ascolto quel che 284 3, 3 | Cristofolo: Patrona riverita.~Checca: Strissima, sior Cristofolo.~ 285 3, 3 | no la me staga a lustrar.~Checca: No la vòl che fazza el 286 3, 3 | sti titoli ghe li dono.~Checca: Via, quel che la comanda. ( 287 3, 3 | che posso la me comanda.~Checca: La se senta.~Cristofolo: 288 3, 3 | Fortunato? Quando l'aspettela?~Checca: Ho avù lettera giusto gieri. 289 3, 3 | col corrier de Bologna.~Checca: Se la savesse! No vedo 290 3, 3 | sempre darente, n'è vero?~Checca: Co son senza de elo me 291 3, 3 | Cussì fa le donne de garbo.~Checca: (No so da che cao principiar.)~ 292 3, 3 | Cristofolo: E cussì, siora Checca, cossa gh'hala da comandarme?~ 293 3, 3 | cossa gh'hala da comandarme?~Checca: Cara ela, la compatissa, 294 3, 3 | me comanda con libertà.~Checca: Me dala licenza, che ghe 295 3, 3 | persona?~Cristofolo: De chi?~Checca: De una persona.~Cristofolo: 296 3, 3 | me parla de chi la vòl.~Checca: Oh mi no me n'impazzo con 297 3, 3 | inciviltà, e che no vegna.~Checca: Oh sior Cristofolo, el 298 3, 3 | marzo con quel desgrazià.~Checca: E so sorela, poverazza?~ 299 3, 3 | varda cossa l'ha avanzà.~Checca: Se la savesse, poverazza! 300 3, 3 | temeraria, sporca, pezzente.~Checca: (Mi debotto no ghe digo 301 3, 3 | cussì cossa me volevala dir?~Checca: Caro sior Cristofolo, de 302 3, 3 | Cristofolo: La diga, cara siora Checca. Parlemose schietto. Per 303 3, 3 | m'hala mandà a chiamar?~Checca: Per un interesse.~Cristofolo: 304 3, 3 | Xèlo soo sto interesse?~Checca: Anca mio, se la vòl. Se 305 3, 3 | me parla de mio nevodo.~Checca: E de so sorela?~Cristofolo: ( 306 3, 3 | isdegno) Gnanca de ela.~Checca: (Uh poveretta mi!) Cussì, 307 3, 3 | zerman.~Cristofolo: Chi xelo?~Checca: El quel putto, che 308 3, 3 | Cristofolo: Sì, sì, vedo.~Checca: Lo cognossela?~Cristofolo: 309 3, 3 | Cristofolo: Mi no l'ho più visto.~Checca: poco, che el vegnù 310 3, 3 | m'ha compagnà qua da ela.~Checca: Oh el lo cognosse certo.~ 311 3, 3 | voravelo? Cossa ghe bisogna?~Checca: Cossa ghe par de quel putto?~ 312 3, 3 | me par un putto de sesto.~Checca: In verità, el una copa 313 3, 3 | Gh'halo nissun impiego?~Checca: El se vorave impiegar.~ 314 3, 3 | che ghe podesse giovar.~Checca: Magari.~Cristofolo: M'hala 315 3, 3 | mandà a chiamar per questo?~Checca: Sior sì, anca per questo.~ 316 3, 3 | Cristofolo: E per coss'altro?~Checca: La sappia, che sto putto 317 3, 3 | più bezzo bagatin.~Checca: (Adesso stemo ben.) E se 318 3, 3 | trovasse una bona dota...~Checca: E che el se podesse comprar 319 3, 3 | Cristofolo: In quel caso...~Checca: In quel caso nol farave 320 3, 3 | nol gh'ha bisogno de mi.~Checca: Mo el gh'ha giusto bisogno 321 3, 3 | De mi? Mi no la capisso.~Checca: (Adessadesso ghe la squaquero.)~ 322 3, 3 | i voggia andar a fenir.)~Checca: Credela, sior Cristofolo, 323 3, 3 | Cristofolo: Gh'halo intrade?~Checca: El gh'ha qualcosetta; e 324 3, 3 | sesto, e el la troverà.~Checca: El diga, caro elo. Se el 325 3, 3 | che ghe diga sì, no.~Checca: El diga, caro elo. E so 326 3, 3 | Cristofolo: Orsù, siora Checca, no l'ha da far co un 327 3, 3 | da mi, patrona. (s'alza)~Checca: La senta...~Cristofolo: 328 3, 3 | Cristofolo: No vòi sentir altro.~Checca: No intendo miga...~Cristofolo: 329 3, 3 | ne vòi sentir a parlar. ~Checca: Gnanca de so nezza?~Cristofolo: 330 3, 4 | Cossst'insolenza? (a Checca) coss'è, sto ingannar i 331 3, 4 | galantomeni in sta maniera?~Checca: Cosssti inganni? Coss' 332 3, 4 | Cristofolo: Hala fenìo, patrona?~Checca: Ho fenìo perchè ho volesto 333 3, 4 | barba, ghe domando perdon.~Checca: De diana! la farave pianzer 334 3, 4 | i sassi.~Cristofolo: (a Checca) Eh cara siora! la compassion 335 3, 4 | d'andar fora della porta.~Checca: Mi no so, se se possa dar 336 3, 4 | coraggio de mortificarve?~Checca: Oh sì po; ve so dir mi, 337 3, 4 | si asciuga gli occhi)~Checca: (Via, via, debotto semo 338 3, 4 | El m'ha ela da comandar.~Checca: Caro sior Cristofolo, la 339 3, 4 | Cristofolo: Dov'ela sta occasion?~Checca: Mio zerman.~Cristofolo: 340 3, 4 | modo gh'alo de mantegnirla?~Checca: El gh'ha un pochetto d' 341 3, 4 | voggio parlar con elo.~Checca: Vorla che lo chiamemo?~ 342 3, 4 | chiamemo?~Cristofolo: Dov'elo?~Checca: El sarà de .~Cristofolo: 343 3, 4 | ne voggio saver. (parte)~Checca: Eh no lo lasso andar via, 344 3, 10 | Scena Decima. Checca, Meneghina, Cristofolo e 345 3, 10 | Lorenzino~ ~Camera della signora Checca.~ ~Checca: E viva sior Cristofolo. 346 3, 10 | della signora Checca.~ ~Checca: E viva sior Cristofolo. 347 3, 10 | son gnancora vostro barba.~Checca: Oh via, se nol l'ha sposada, 348 3, 10 | capace de tirarse indrìo.~Checca: No sarave ben, che fessimo 349 3, 10 | vòi passar per minchion. ~Checca: No so cossa dir: in questo 350 3, 11 | e detti~ ~Rosina: Siora Checca, una parola.~Checca: Vegno, 351 3, 11 | Siora Checca, una parola.~Checca: Vegno, fia, con grazia. ( 352 3, 11 | parlano piano fra di loro, e Checca si fa delle rnaraviglie)~ 353 3, 11 | suggizion che gh'averò.)~Checca: (Cossa se pol far? Za che 354 3, 11 | Meneghina: Volentiera. (a Checca) (La varda de farlo resolver 355 3, 11 | farà!) (parte con Rosina)~Checca: Sior Lorenzin, me faressi 356 3, 11 | Lorenzino: Son qua, la comandi.~Checca: Caro vu, andè alla posta 357 3, 11 | Adesso la vòl che vaga?~Checca: Andè, i do passi. Andè, 358 3, 11 | Sior barba, andaralo via?~Checca: Finchè tornè no l'andarà 359 3, 12 | Scena Dodicesima. Checca, e Cristofolo~ ~Cristofolo: 360 3, 12 | negozj non ho gnancora disnà.~Checca: Caro sior Cristofolo, za 361 3, 12 | no lo voggio ascoltar.~Checca: Nol so nevodo.~Cristofolo: 362 3, 12 | Cristofolo: Chi donca?~Checca: Caro elo, nol vaga in collera. 363 3, 12 | isdegno) Cossa vorla da mi?~Checca: Mi no so dasseno.~Cristofolo: 364 3, 12 | perdo el respetto alla casa.~Checca: Oh in questo po che el 365 3, ul | Scena Ultima. Checca, e detti, Meneghina, Rosina, 366 3, ul | Lorenzino, poi Lucietta~ ~Checca: E cussì xèla giustada? ~ 367 3, ul | destriga de una.) Siora Checca, se ho fatto qualcossa per 368 3, ul | faravela una grazia anca a mi? ~Checca: De diana! la me pol comandar. ~ 369 3, ul | Meneghina co sior Lorenzin? ~Checca: Magari. ~Lorenzino: (saltando) 370 3, ul | saltando) Per mi nozze? ~Checca: Femole adesso. ~Cristofolo: 371 3, ul | Cristofolo: Anca adesso. ~Checca: Putti, dève la man. ~Meneghina: 372 3, ul | come far a darghe la dota.)~Checca: Via, deve la man. (si danno Il feudatario Atto, Scena
373 2, 11| par el gallo de madonna Checca.~BEAT. È vero: per questo Il gondoliere veneziano ossia gli sdegni amorosi Parte, Scena
374 1, 2| Che fevi el cicisbeo~~A Checca, fia de Catte lavandera;~~ I pettegolezzi delle donne Atto, Scena
375 1, 1 | vien.~Donna Catte - Oe, Checca, to compare t'alo mandà 376 1, 1 | ferri.~Eleonora - Orsù, Checca mia, voi mi avete invitata 377 1, 2 | Beppo e dette~ ~Paron Toni - Checca, fia mia, aliegri. Nozze, 378 1, 2 | cariega.6~Beatrice - Via, Checca, sedete voi sulla mia sedia, 379 1, 2 | la se comodi. Senti, sa, Checca, no me invidar mai più. 380 1, 2 | averme. Oe, ve ne pentirè. Checca, vago via, sastu? Ma vôi 381 1, 3 | Scena Terza. Checca, Beppo, Pantalone, paron 382 1, 3 | nostre cosse tra de nualtri. Checca, xe qua el novizzo, xe qua 383 1, 3 | desidero altro che la mia Checca.~Pantalone - Via, tiolè: 384 1, 3 | prova a mettere l'anello a Checca)~Beppo - Via, via, farò 385 1, 3 | pulito. (mette l'anello a Checca)~Checchina - Me spóselo 386 1, 4 | Scena Quarta. Checca, Beppo, paron Toni~ ~Paron 387 1, 4 | che staga qua). (da sé) Checca, a revéderse.~Checchina - 388 1, 6 | Perché no? Ghe la mostristu a Checca?~Donna Sgualda - No la xe 389 1, 6 | Donna Catte - Cossa distu? Checca no xe so fia?~Donna Sgualda - 390 1, 6 | che son.~Donna Sgualda - Checca no xe fia de nostro zerman.~ 391 1, 6 | revéderse. Vôi andar a véder, se Checca vuol comprar sta roba.~Donna 392 1, 6 | chi l'avesse mai dito! Checca no xe fia de paron Toni? 393 1, 7 | dove che sta de casa siora Checca vostra zermana.~Donna Catte - 394 1, 7 | Catte - Cossa andeu a far da Checca?~Anzoletta - Ghe porto una 395 1, 7 | putta che son.~Donna Catte - Checca no xe fia de mio zerman 396 1, 8 | Facchino)~Anzoletta - Donca Checca no xe fia de paron Toni? 397 1, 11 | che Beppo me volesse; ma Checca me l'ha robà). (da sé, parte)~ 398 1, 12 | quella buona ragazza di Checca e per quel buon uomo di 399 1, 12 | Beatrice - Ehi! Non sapete? Checca non è figlia di padron Toni.~ 400 1, 16 | Sedicesima. Beppo solo~ ~Povera Checca! T'averò da lassar? Ma se 401 1, 16 | far? No so gnanca mi. A Checca ghe voggio ben, gh'ho promesso, 402 2, 1 | Scena Prima. Checca e Toffolo~ ~Camera di Checca.~ ~ 403 2, 1 | Checca e Toffolo~ ~Camera di Checca.~ ~Checchina - Oe, Toffolo, 404 2, 1 | anderò. Me consolo, siora Checca, che la xe novizza.~Checchina - 405 2, 1 | paron; e po, cara siora Checca, mi so delle belle cosse. 406 2, 2 | xe, el sarà.~Beppo - Cara Checca, ho paura de no.~Checchina - 407 2, 2 | via, cossa xe stà?~Beppo - Checca, me voleu veramente ben?~ 408 2, 2 | del mondo.~Beppo - Diseme, Checca: seu veramente fia de paron 409 2, 2 | ha fatto a Corfù.~Beppo - Checca, ho paura che no la sia 410 2, 2 | dise). (da sé)~Beppo - Cara Checca, ve vôi tanto ben. Ma cossa 411 2, 2 | chiaccola28 me despiase! A Checca ghe voggio ben, ma me preme 412 2, 10 | Toffolo - Oh, qua la xe, siora Checca? La sartora adessadesso 413 2, 12 | pettazza!) (da sé) Senti, Checca, mi no digo de no averlo 414 2, 15 | m'ha fatto; andar a dir a Checca, che mi gh'ho dito che no 415 2, 15 | male vi è? Avete paura di Checca?~Anzoletta - Mi no gh'ho 416 2, 16 | v'ho dito de mia zermana Checca.~Anzoletta - Oh, no l'ho 417 2, 17 | tutto, ah, de mia zermana Checca?~Donna Catte - Mi ghe l' 418 2, 21 | Oh cossa che ho savesto! Checca xe fia de Bagiggi? Adessadesso. 419 2, 22 | Sastu de chi la xe fia Checca?~Donna Catte - Via mo, de 420 2, 24 | Sgualda, de chi la xe fia Checca?~Donna Sgualda - Varè che 421 2, 24 | Catte - O che cara siora Checca!~A tre - A bagiggi, a bagiggi, 422 3, 1 | Scena Prima. Pantalone, Checca e Beppo~ ~Camera di Checca.~ ~ 423 3, 1 | Checca e Beppo~ ~Camera di Checca.~ ~Pantalone - Via, putti, 424 3, 1 | tanto el ben che voggio a Checca, che tutto me basta, purché 425 3, 2 | Scena Seconda. Paron Toni e Checca~ ~Paron Toni - Checchina, 426 3, 3 | Catte, averè savesto che Checca no xe una bastarda.~Donna 427 3, 4 | saveu chi sia vostra zermana Checca?~Donna Sgualda - Abagiggi, 428 3, 4 | marcante forastier pare de Checca! O poveretto mi! Siora Anzoletta, 429 3, 5 | cossa che avè savesto de Checca.~Donna Catte - Ho savesto 430 3, 5 | No fio, no m'inganno. Checca no xe mia zermana, la xe 431 3, 6 | Catte - Oe, cónteghe mo de Checca.~Donna Sgualda - Che cade! 432 3, 6 | burlà? No sarà mai vero. A Checca ghe voggio ben. Morirò, 433 3, 7 | Scena Settima. Checca in zendale e detto~ ~Checchina - 434 3, 7 | diressi cussì.~Beppo - Cara Checca, mio sior pare xe un omo 435 3, 8 | Pantalone e detta~ ~Paron Toni - Checca, allegramente, che xe qua 436 3, 8 | fa spavento. Bisogna che Checca sia scampada per paura de 437 3, 14 | Beppo - Creature, aveu visto Checca?~Donna Sgualda - Sior sì, 438 3, 14 | burla? Quella desgraziada de Checca. La xe all'osteria con un 439 3, 17 | Toni - Xe qua el pare de Checca, che xe contento che la 440 3, 17 | ? Questo xe el pare da Checca? (a Toni)~Paron Toni - Sì 441 3, 17 | stà?~Beppo - Vu pare de Checca? (a Salamina)~Salamina - 442 3, 17 | Beppo - Saveu dove che xe Checca?~Paron Toni - Dove? No la 443 3, 17 | dunque sarà vero quel che di Checca mi hanno raccontato le buone 444 3, ul | siore pettegole. El pare de Checca, el missier de Beppo, el 445 3, ul | pettegole, male lengue. Checca xe una putta civil, e una Componimenti poetici Parte
446 Dia1 | una saracca,~E la signora Checca fa la cacca.~4. Era di notte, 447 Dia1 | de bando85.~ ~Pasquetta Checca, Lugrezia, vegnì via con
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License