Le baruffe chiozzotte
    Atto, Scena
1 1, 1| pretenderàvistu da Titta-Nane?~CHE. ? Gnente. ~LUC. No ti sa 2 1, 1| maride, m'ho da maridare , m'ho da maridare. Co vegnirà 3 1, 1| to fradelo, el me sposerà , e se Titta-Nane vorà, ti 4 1, 2| qua. ~CHE. Démene anca a un bezze. ~TOF. So qua mì; 5 1, 2| mì un bezze. ~TOF. So qua ; ve la pagherò mì. ~CHE. 6 1, 2| So qua mì; ve la pagherò . ~CHE. Sior no, no vòggio. ~ 7 1, 2| perché so stada la prima ?~CHE. Mì co , siora, no 8 1, 2| stada la prima mì?~CHE. co , siora, no me n'impazzo. 9 1, 2| siora, no me n'impazzo. E no tógo gnènte da nissùn. ~ 10 1, 2| gnènte da nissùn. ~LUC. E cossa tóghio?~CHE. Siora 11 1, 2| donzelo de bare Losco. ~LUC. ? Busiàra!~PAS. A monte. ~ 12 1, 3| co son a traghètto, anca me vói maridare). ~CHE. ( 13 1, 3| Anca sì, che i parla de ?)~LUC. (a Toffolo) (No la 14 1, 4| TOF. Lucietta, so qua , no ve sté a stremire. ~ 15 1, 4| trovare in baruffa. ~PAS. Oh! presto la me monta, e presto 16 1, 4| doppia co fa le céole. ~LUC. ? Oh! ti me cognossi puoco. 17 1, 5| dighe che ghe lo mando sto presènte. (il putto 18 1, 6| ben mio fradèlo. ~PAS. E a , sior, m'avéu portà gnente?~ 19 1, 7| casa e pèsse, vegniò po a i bèzzi. ~VIC. Missier 20 1, 9| de Checco Bòdolo. ~TIT. A , lassé far a mì: se lo trovo, 21 1, 9| TIT. A mì, lassé far a : se lo trovo, lo tàggio 22 1, 9| sempre a tióre de mèzo a , me tocca. Mo còssa diavolo 23 1, 9| novizzo, so danno. ~ORS. lo gh'ho, intanto. ~CHE. 24 1, 9| gh'ho, intanto. ~CHE. E me lo saverò trovare. ~ORS. 25 1, 10| che vòggio, fazzo. ~BEP. E qua no vòggio che ti ghe 26 1, 10| che ti ghe staghe. ~TOF. E ghe vòggio mo stare. Ghe 27 1, 10| raccoglie delle pietre)~BEP. A , galiotto? (mette mano a 28 2, 1| comuòdo ch'a ghe diseva, no ghe fazzo gnente, e i 29 2, 1| Ghe stà parole?~TOF. no gh'ho dito gnente. ~ISI. 30 2, 1| defeso? Come xéla fenìa?~TOF. so stà ... cusì... Fradeli, 31 2, 1| àstu altro da dir?~TOF. no, lustrìssimo. ~ISI. Fàstu 32 2, 1| sió Comandadore. ~COM. Ma no so miga dove che i staga. ~ 33 2, 1| staga. ~TOF. Ve l'insegnerò , sió Comandadore. ~COM. 34 2, 2| PAS. Sì ben; ho parlà anca , e ho fatto mal a parlare. ~ 35 2, 2| Malignazo! avéa zurà anca de no dire. ~PAS. La 36 2, 2| LUC. Cossa gh'òggio fatto a Titta-Nane?~PAS. Gnente 37 2, 2| farà elo, ghe lo farò anca . ~PAS. Ghe vùstu ben?~LUC. 38 2, 2| PAS. Ghe vùstu ben?~LUC. sì. ~PAS. Mòlighe, se ti 39 2, 3| da vardare il mio merlo, , ho da vardare.)~PAS. (da 40 2, 3| se vòggio esser la prima !)~TIT. Gran premura de laorare!~ 41 2, 3| mette sulla seggiola)~TTT. A sto affronto?~LUC. No m' 42 2, 3| che gran criminali!~TIT. co fazzo l'amore, no vòggio 43 2, 3| , che spuzzetta! ~TIT. so omo, savéu? so omo. E 44 2, 4| LUC. (da sé) (Oh poveretta ! Còssa vuorlo el Comandadore?)~ 45 2, 4| Per la custión.)~LUC. (Oh no ghe vòggio andare.)~PAS. ( 46 2, 6| Per causa vostra. ~LUC. ? Còss'òggio fatto? Per causa 47 2, 6| me l'ha da pagare. LUC. ? Che colpa n'òggio?~TIT. 48 2, 6| Comandadore. ~TIT. Poveretto ! presto, che no i me vede, 49 2, 7| che ste còsse. ~FOR. à suso, no e so mai stao 50 2, 7| suso. Cancelaìa, mai stao Cancelaìa. ~COM. No ghe 51 2, 8| so qua mi, la me varda .~ISI. Ve dirò, paron Vicenzo. 52 2, 8| o cosse da sta nature; anzi darò man a l'aggiustamento. 53 2, 8| man a l'aggiustamento. Ma per altro no vói arbitrar. 54 2, 8| parleré , ghe parlerò anca ; a mì, utile no me ne vien, 55 2, 8| ghe parlerò anca mì; a , utile no me ne vien, e 56 2, 8| gh'ho la tola; ma anca a me piase far le mie regolette. ~ 57 2, 10| andèmio?~LIB. Oh poveretta ! No ghe so mai vegnùa in 58 2, 10| gambe, me trema. ~PAS. E ? Oh che spàsemo che me sènto! ~ 59 2, 11| Sémo vegnùe prima . ~ISI. no fazzo torso a nissùn: 60 2, 12| come che la stada. ~CHE. no so gnente, che mì no 61 2, 12| CHE. Mì no so gnente, che no ghe giera. Andava a ca 62 2, 12| stéu de morosi!~CHE. Oh! , no ghe n'ho morosi. ~ISI. 63 2, 12| morosi gh'avéu?~CHE. Oh ! nissun me vuol, perchè 64 2, 12| dota, ve marideressi?~CHE. sì, lustrissimo, che me 65 2, 12| Titta-Nane, se lo podesse avere, lo chioràve. ~ISI. No xélo 66 2, 12| manderò a chiamar. Ghe parlero , e lassé far a mi. Andé, 67 2, 13| ste scene. Respondéme a . Savéu la cause per la qual 68 2, 13| nissùn ghe volesse dar?~ORS. no posso saver che intenzion 69 2, 13| n'ho ventiquattro. ~ISI. no ve digo che zuré de i 70 2, 15| baaca. Maottina è cacào, e no so altro, m'ala capìo?~ 71 3, 1| no m'importa gnente; ma retirà no ghe vòggio più 72 3, 1| custìe, serà anca da , serà. Lucietta, e mia 73 3, 1| sarà andàe a parlare per e per mio fradelo Toni; 74 3, 2| Con la gh'ho. ~ORS. Co ?~BEP. Sì, con . ~ORS. 75 3, 2| te viénlo a cattare?~ORS. ?~BEP. . ~ORS. Chi te l' 76 3, 7| Cancelier. ~PAS. Oh poveretta ! ~LUC. Semo sassinài! ~PAS. ( 77 3, 8| Lucietta! Vèla , lustrissimo. no so gnente. ~LUC. Còssa 78 3, 8| Gnente; che i vegna con , e che no i gh'abbia paura 79 3, 8| Cancelier se remette in . Andé, paron Vicenzo, andé 80 3, 8| diséghe, che lo farò vegnir per forza. ~VIC Sior sì; 81 3, 8| parte)~TIT. (da sé) (Oe, no me slontàno dal Cogitore). ~ 82 3, 9| da sé) (Anca questo per un divertimento). (parte)~ ~ 83 3, 10| so bel da vardare. ~LUC. ? Oh! de mi ghe puoco 84 3, 12| el me lassa le chiave a ; e adesso de sta casa son 85 3, 12| Paron Toni l'ho mandà da in Cancelaria a chiamar 86 3, 12| còssa la gh'ha de dote. v'ho anca dito, che la gh' 87 3, 12| in man?~TiT. Lustrìssimo, no ghe scambio gnente, lustrissimo. 88 3, 12| Oh bela da galantuomo! E ho mandà a chiamar donna 89 3, 13| Titta-Nane, me déu parole a de no molestarlo?~TIT. Mi 90 3, 16| LUC. (torna al balcone). no me n'importa, che anca 91 3, 16| che anca se el me volesse, no lo vòggio. ~ORS. La volpe 92 3, 16| dentro) Lucietta. ~LUC. A , se ghe ne vòggio, no me 93 3, 17| canelào. ~TON. In tartana da no ghe stare a vegnire; 94 3, 17| provédite de paron, che me provederò de omo. (entra 95 3, 18| vegnire. ~VIC. Andèmo co , no te dubitare. So omo, 96 3, 18| omo, so galantomo; vié co , non te dubitare. ~ISI. 97 3, 19| Toffolo~ ~ISI. (da sé) ( so, cossa ghe vorìa per 98 3, 20| destrigheria volentiera. ~FOR. , utissimo, gh'ho promesso 99 3, 21| TOF. Voràve sentire anca , voràve. ~ISI. (a Checca) 100 3, 21| ISI. Fioli, Co gh'intro in te le còsse, mì no vòggio 101 3, 21| intro mì in te le còsse, no vòggio brui longhi. Destrighémose, 102 3, 22| ha da maridare avanti de ? Mì che tre anni che 103 3, 22| da maridare avanti de mì? che tre anni che so in 104 3, 22| còlera con Orsetta?~BEP. , lustrìssimo? L'è stada 105 3, 22| più in còlera. ~BEP. Anca son uno, che presto me la 106 3, 22| Còssa diséu, sorela? ~LIB. A ti me domandi? ~FOR. (eccita 107 3, 23| FOR. Olà; olà, olà. ~BEP. no so còssa dire, mì no 108 3, 23| BEP. Mì no so còssa dire, no so còssa fare, mì me 109 3, 23| dire, mì no so còssa fare, me vói maridare. ~LUC. Mì 110 3, 23| mì me vói maridare. ~LUC. prima m'ho da maridare; 111 3, 23| maridare; e fin che ghe so in , altre cugnà no ghe 112 3, 23| Se ele no gh'ha gnente co , mì no gh'ho gnente co ele. ~ 113 3, 23| ele no gh'ha gnente co mì, no gh'ho gnente co ele. ~ 114 3, 23| Checca) Cossa diséu?~ORS. da a no gh'è altro. ~ 115 3, 23| no gh'è altro. ~LIB. ? Co no son tirada per i 116 3, 23| Checca?~CHE. De diana! A me piase stare in pase co 117 3, 23| pacifichéve, baséve. ~ORS. , sì. ~LUC. So qua. ~ ~ 118 3, ul| So qua. ~CHE. So qua anca . ~ORS. Sior no, fermève, 119 3, ul| che m'ho da maridar prima . ~ISI. Animo, Beppo, da 120 3, ul| Beppo, da bravo. ~BEP. Oe, no me farò pregare. ~LUC. ( 121 3, ul| Sior no, se no me marido , no ti t'ha da maridar gnanca 122 3, ul| rasón Lucietta. ~TON. E còssa sòggio? Mì no gh'ho 123 3, ul| TON. E mì còssa sòggio? no gh'ho da intrare? A mì 124 3, ul| Mì no gh'ho da intrare? A no s'ha da parlare? Voléu 125 3, ul| toga de mezo nissùn. Se son la cattiva, sarò mi la desfortunà. 126 3, ul| m'ha dito de pèzo elo. Ma ghe vòggio ben e gh'ho perdonà; 127 3, ul| Beppo. Sotto . ~BEP. ? La varda con che facilitae. 128 3, ul| Tòffolo, chi é de volta?~TOF. , prima barca. Parò Fortunato, 129 3, ul| voràve dir parolètte. ghe son obbligà de quel 130 3, ul| quel che l'ha fatto per , e anca ste altre novizze La famiglia dell’antiquario Atto, Scena
131 1, 1| ventimila scudi di dote, che ha portato in casa in tanti 132 1, 1| avere la mia protezione, non parlar mai contro il buon 133 1, 1| per altro accordo anca , che el studio delle medaggie 134 1, 3| mai. ~ANSELMO Orsú, non rompete il capo. Andate 135 1, 3| mercantessa. ~ISABELLA Non nominate colei.~ANSELMO 136 1, 3| stato meglio, che voi ancora aveste portato in casa meno 137 1, 5| ANSELMO (A compir la collana mancano ancora sette medaglie).~ 138 1, 5| di queste cose; ella non vede di buon occhio. Vi 139 1, 7| incantato voi.~GIACINTO Cosa consigliereste di fare?~ 140 1, 7| flemma?~DORALICE Io non voglio scaldare il sangue.~ 141 1, 7| troppo.~GIACINTO Via, se volete bene, regolatevi 142 1, 7| che io abbia quello che si conviene, e sarò pazientissima.~ 143 1, 8| quanto a questo poi non voglio lasciar soverchiare. 144 1, 8| COLOMBINA Il signor Contino ha detto che la padrona 145 1, 8| ha detto che la padrona domanda, ma non la vedo. 146 1, 8| ti domanda.~COLOMBINA Oh! perdoni, la mia padrona 147 1, 8| Contessa.~DORALICE Per domani farai una cuffia.~COLOMBINA 148 1, 8| COLOMBINA Io villana? Lei non conosce bene, signora.~DORALICE 149 1, 8| A te, sì, a te; e se non porterai rispetto, vedrai 150 1, 9| mai. Ma giuro al cielo, vendicherò. La padrona lo 151 1, 9| di me non può fare; e non vorrà perdere assolutamente. 152 1, 10| praticano in questa casa; e pare che vada acquistando 153 1, 10| Che avete, signora, che parete turbata?~ISABELLA 154 1, 10| GIACINTO Mio padre? Che cosa ha fatto? ~ISABELLA Ti ha 155 1, 10| Con questi sentimenti non comparir più davanti. ~GIACINTO 156 1, 10| in casa ventimila scudi, pare che sia giusto di far 157 1, 10| GIACINTO Ma, finalmente, pare di poterlo pretendere. ~ 158 1, 10| GIACINTO Fatele quest'abito, se volete bene.~ISABELLA Prendi, 159 1, 11| volta.~DOTTORE Oh signora, perdoni. La non può dire 160 1, 11| Dal primo giorno che ella ha onorato della sua buona 161 1, 11| sedendo).~DOTTORE Per dirla, sono scordato della tabacchiera.~ 162 1, 11| mai veduta.~ISABELLA Non parlate di colei.~DOTTORE 163 1, 11| ISABELLA Oh! anche voi rompete il capo con questa 164 1, 11| bene, la non era degna. Io sono maravigliato, quando 165 1, 11| Anche voi, caro dottore, avete più volte favorita. 166 1, 11| di questo. Dove posso, la comandi.~ ~ 167 1, 13| COLOMBINA La signora Doralice ha dato uno schiaffo. ~ISABELLA 168 1, 13| stato?~COLOMBINA Perché diceva che ella è la padrona; 169 1, 13| niente, che è vecchia. Io sono riscaldata per difendere 170 1, 13| la mia padrona, ed ella ha dato uno schiaffo (piangendo).~ 171 1, 14| Disponete di me.~ISABELLA Se siete veramente amico, ora 172 1, 14| sposa di mio figliuolo, ha gravemente offesa; pretendo 173 1, 14| innamorato della moglie e non abbaderà. Voi siete cavaliere 174 1, 14| questa casa.~CAVALIERE Non pare motivo per accendere 175 1, 14| COLOMBINA Se non è vero, caschi il naso.~ISABELLA 176 1, 15| parte). ~CAVALIERE Poco costa secondar l'umore di 177 1, 16| intenzion? Che el me tóga per un'antigàja? ~BRIGHELLA 178 1, 16| brusa, me voi scaldar anca . ~ARLECCHINO Bravissim. 179 1, 17| intendo.~BRIGHELLA L'aspetta; intendo un pochetto l'armeno. 180 1, 17| Se lo posso avere, non scappa dalle mani). Quanto 181 1, 17| BRIGHELLA Volela che l'aggiusta ?~ANSELMO (gli fa cenno con 182 1, 17| ANSELMO Benissimo: se cuccàra , mì cuccàra ti (ad Arlecchino).~ 183 1, 17| Benissimo: se cuccàra mì, cuccàra ti (ad Arlecchino).~ 184 1, 17| cuccàra ti, ma ti no cuccàra . ~ANSELMO Si, promettèra. ~ 185 1, 17| qualcossa altro. (Maladetto! I sette zecchini) (parte correndo).~ ~ ~ 186 1, 18| intendete.~PANTALONE Benissimo, son ignorante, ella virtuoso, 187 1, 18| malevoli; e quei stessi che condannano in pubblico, 188 1, 18| condannano in pubblico, applaudiscono in privato.~ 189 1, 18| volta andar in malora; ma che gh'ho in sta casa mia 190 1, 18| ho in sta casa mia fia; che gh'ho el mio sangue, 191 1, 18| intendetevi con lei, non rompete il capo.~PANTALONE 192 1, 18| remedierà éla, ghe remedierò .~ANSELMO Lasciatemi in pace; 193 1, 19| Cara fia; savé che gh'ho i interessi. E po no vegno 194 1, 19| tràtelo?~DORALICE Di lui non posso dolere. È buono, mì 195 1, 19| mì posso dolere. È buono, vuol bene e non mì mai 196 1, 19| buono, mì vuol bene e non mai un disgusto.~PANTALONE 197 1, 19| DORALICE Mia suocera non può vedere.~PANTALONE Andé 198 1, 19| DORALICE Sino la cameriera maltratta, e non mì vuol 199 1, 19| camerieramaltratta, e non vuol obbedire.~PANTALONE 200 1, 19| PANTALONE E me lo conté a ? e me lo disé co sta bella 201 1, 19| che poderessi esser, se no ve avesse volesto ben. 202 1, 19| multiplicai più per vu, che per . Consideré che poderessi 203 1, 19| dell'amorosa correzione che fate. ~PANTALONE Vostra 204 1, 19| Domandarle scusa poi non par cosa da mia pari.~PANTALONE 205 1, 19| voglio assolutamente che faccia quest'abito.~PANTALONE 206 1, 19| maledir. ~DORALICE Ma se veggio trattata peggio di 207 1, 19| per sta volta voi remediar sti desordini. Tiolé sti 208 1, 19| dolervi di me. Un'altra cosa avreste a regalare, e poi 209 1, 19| dubitate; sentirete come conterrò.~PANTALONE Via, 210 1, 20| mercante, e ditegli che porti tre o quattro pezze 211 1, 21| CAVALIERE Perdonate se son preso l'ardire di venirvi 212 1, 21| Voglio esser servita, e non si ha da perdere il rispetto; 213 1, 21| credete?~CAVALIERE Perché dite queste cose con placidezza, 214 1, 21| DORALICE La signora suocera tien lontana dalle conversazioni; 215 1, 21| perda con me?~CAVALIERE Io chiamerei fortunato, se 216 1, 21| servirò. ~CAVALIERE Vorrei che faceste comparir bene colla 217 1, 21| vostre. ~DORALICE Scusi, non pare che tocchi a me domandarla.~ 218 1, 21| voi.~DORALICE (E mio padre diceva che toccava a me).~ 219 1, 21| mai).~DORALICE La servitù ha da portar rispetto. ~ 220 1, 21| altro. ~DORALICE E a chi perde il rispetto, non devo 221 1, 21| guardate! Mio padre che vorrebbe umile!).~CAVALIERE 222 2, 1| GIACINTO Eh, Doralice mia, se voleste bene, non vi regolereste 223 2, 1| le dicessi che è giovane, parrebbe in verità di burlarla.~ 224 2, 1| GIACINTO A proposito, l'abito ha detto mia madre che si 225 2, 1| dati?~DORALICE Mio padre ha regalato cinquanta zecchini 226 2, 1| Mandatela con qualche pretesto; preme di parlarle.~GIACINTO 227 2, 1| vedeste mia madre.~DORALICE Se vuol vedere, questa è la 228 2, 3| Oh, questa è bella! Tutti comandano. Anche il signor 229 2, 3| anni ch'io la servo, non ha mai toccato.~DORALICE 230 2, 3| COLOMBINA Certo, per dirla, poco, perché a servirla 231 2, 3| Vossignoria illustrissima obbliga in una maniera, 232 2, 3| Ma se la signora Isabella chiama, se mì ordina qualche 233 2, 3| signora Isabellachiama, se ordina qualche cosa, l'ho 234 2, 3| Illustrissima.~DORALICE Per ora basta che tu non mì sia 235 2, 3| orabasta che tu non sia nemica, e che fedelmente 236 2, 3| nemica, e che fedelmente riporti tutto quello che 237 2, 4| Non si degna di me? Io non degno di lei, che se non 238 2, 4| in disperazione chi non va a genio.~COLOMBINA Illustrissima~ 239 2, 5| Ditemi in grazia, ma non adulate, perché vi riuscirà 240 2, 5| Isabella.~CAVALIERE Se ciò riuscisse di fare, sarei 241 2, 5| signora, che unicamente preme l'onore della vostra 242 2, 5| rispettosissima inclinazione obbliga a desiderarlo.~DORALICE 243 2, 5| CAVALIERE Ma come? anzi pare, perdonatemi, che voi 244 2, 5| bagattelle. Le offese che ella ha fatte, sono di maggior 245 2, 5| fare il possibile perché odii.~CAVALIERE Signora 246 2, 5| Duro fatica a crederlo; non pare ragionevole.~DORALICE 247 2, 6| me?~COLOMBINA Signora... perdoni.~DORALICE No, non 248 2, 6| Per amor del cielo, non assassinate (al Cavaliere).~ 249 2, 7| detto in una maniera, che assicura essere la verità.~ 250 2, 7| non fosse la verità, non avrebbe detto cosa che potesse 251 2, 7| DORALICE Se siete con me, non avete da contraddire.~CAVALIERE 252 2, 7| perdonatemi...~DORALICE Se parlerà con amore, io le 253 2, 7| rassegnazione.~DORALlCE E diranno poi ch'io son cattiva.~ 254 2, 7| effetto.~DORALICE La servitù adora.~CAVALIERE Anco Colombina ?~ 255 2, 7| avuto ventimila scudi, non può vedere.~CAVALIERE Perché, 256 2, 9| Salotto~ ~ANSELMO Quanto dispiace non intendere la 257 2, 9| BRIGHELLA (De questi a non me ne tocca).~ANSELMO 258 2, 9| è mèggio che me profitta che un altro).~ANSELMO Gran 259 2, 10| Pantalone~ ~ANSELMO Non sarei mai creduto un incontro 260 2, 10| Questo è un codice greco che costa dieci zecchini, e 261 2, 10| precipizio. ~ANSELMO Io diverto senza incomodar 262 2, 10| Saremo nualtri soli; la, , so consorte, mia fia e 263 2, 10| prendetevi quei fastidi che prendo io (parte).~ ~ 264 2, 11| ghe bada lu, ghe baderò . No gh'ho altro a sto mondo 265 2, 11| con uno da par mio! Anca a me vegnù el catarro della 266 2, 12| ARLECCHINO (Sto barbetta nol conoss).~PANTALONE Galantomo, 267 2, 12| domandéu?~ARLECCHINO Innanz che responda, l'am favorissa 268 2, 12| antichità, la sappia che son un antiquari. Son vegnú 269 2, 12| Caro amigo, se me faré a sto piaser, oltre al pagamento, 270 2, 12| che sia un mamalucco? A ti me da intender ste 271 2, 12| PANTALONE Orsù, vegni con . (Voggio co sto mezzo disingannar 272 2, 12| sto sior Conte). Vegni con .~ARLECCHINO Dove ?~PANTALONE 273 2, 12| No ve dubitè. Vegni con , e non abbié paura.~ARLECCHINO 274 2, 12| Conte quel che avé dito a , e no vói altro.~ARLECCHINO 275 2, 13| Isabella~ ~ISABELLA Anche voi rompete la testa?~DOTTORE 276 2, 13| una bellissima cosa. Ora vuole, orascaccia.~ISABELLA 277 2, 13| cosa. Ora mì vuole, ora scaccia.~ISABELLA Se mì 278 2, 13| mì scaccia.~ISABELLA Se fate rabbia! Andatemi a 279 2, 15| ascolta e osserva, che preme infinitamente.~COLOMBINA 280 2, 15| vi ricordate quant'è che avete promesso un paio di 281 2, 15| ISABELLA (Il cavaliere tratta Così?).~DOTTORE Vuole 282 2, 15| Contessa...~ISABELLA Non rompete la testa.~DOTTORE 283 2, 15| cosa le ho fatto? Sempre la strapazza; sempre la mì 284 2, 15| mì strapazza; sempre la mortifica.~ISABELLA Venite 285 2, 16| rango! Per un poco di vanità convien soffrir cento villanie. 286 2, 18| importanza; in poche parole sbrigo. In casa mia voglio 287 2, 19| PANTALONE Siora sì, ghe l'ho , siora sì. ~ANSELMO Questo 288 2, 19| PANTALONE Oh poveretto ! me làssele dir?~ISABELLA 289 2, 19| Conte, la parla éla, che no posso più (ad Anselmo).~ 290 2, 19| Signore mie... Ma prima che scordi, questo cammeo si 291 2, 19| Doralice).~DORALICE Venderlo? maraviglio. Se ne serva, 292 2, 20| dottore è qualche anno che conosce. Mi ha tenuta in 293 2, 20| e sa egli se con ragione lamento. ~CAVALIERE Signore, 294 3, 1| che m'avrò messo in salvo e sti bezzi che gh'ho cuccào) ( 295 3, 3| antichità, e sono venuto, se permette, a vedere le sue 296 3, 3| cose.~PANTALONE L'ho menà , sior Conte, l'ho menà mì, 297 3, 3| mì, sior Conte, l'ho menà , perché anca mì ho savesto 298 3, 3| l'ho menà mì, perché anca ho savesto che l'ha fatto 299 3, 3| PANCRAZIO Signor Conte, permette ch'io parli con 300 3, 3| Pancrazio, voi m'uccidete, voi cavate il cuore. E i quadri, 301 3, 3| PANCRAZIO Caro signor Conte, dispiace sentire ch'ella 302 3, 3| ancor persuaso. Brighella ha fatto fare questo negozio. 303 3, 3| n'intendo; conosco; non lascio gabbare.~ ~ 304 3, 4| ARLECCHINO Stara, stara, e cuccàra.~ANSELMO Ah son 305 3, 4| el patron.~ARLECCHINO E che aveva imparà da quel 306 3, 5| spendo bene il denaro. Non lascerò più ingannare. Imparerò 307 3, 6| e che nessuno ci sente, permette ch'io le dica quattro 308 3, 6| ISABELLA Benissimo, io rimetto in voi. ~DOTTORE 309 3, 6| davanti gli occhi? Il sangue bolle. Non la voglio vedere. 310 3, 6| parlare con lei, ed ella fugge. ~CAVALIERE Giacché 311 3, 6| discreta e ragionevole, date licenza che, salve 312 3, 6| vostra suocera? ~DORALICE Sì, farete piacere. ~CAVALIERE 313 3, 6| spiritata mia moglie? ora sentirà (va da Isabella).~ 314 3, 6| COLOMBINA Oh, questa è bella! Se pagano acciò dica male, 315 3, 6| Per amor del cielo, non abbandonate.~CAVALIERE Presto, 316 3, 6| Aspetté, aspetté, che anderò a farla vegnir, e la vegnirà ( 317 3, 6| PANTALONE Oh poveretto ! Coss'è sta cossa? ~CAVALIERE 318 3, 6| signora Isabella.~PANTALONE E credo che vualtri sié quelli 319 3, 6| Doralice il torto che voi fate (va da Doralice).~DOTTORE 320 3, 6| Contessa in qual concetto tiene il signor Pantalone ( 321 3, 7| medaglie e ai cammèi, non sarebbe successo quello 322 3, 7| sarebbe successo quello che è successo. Maladetto Brighella! 323 3, 7| ANSELMO Se lo dico: Brighella ha rovinato.~GIACINTO E 324 3, 8| PANTALONE Ghe lo vederàve ben , se gh'avesse un poco d' 325 3, 8| vól resoluzion. Vórla che ghe fazza da fattor, da 326 3, 8| volesse il cielo!~ANSELMO Non levate le mie medaglie, 327 3, 8| il primo patto che non tocchiate le mie medaglie ( 328 3, 9| il Dottore~ ~ISABELLA Non parlate più di riconciliarmi 329 3, ul| può sapere per che cosa avete condotta qui? (a Giacinto).~ 330 3, ul| Co nol savé, ve lo dirò , sior. Perché vu altri che 331 3, ul| Avé sentìo i capitoli; son el direttor de sta casa, 332 3, ul| direttor de sta casa, e penserò a provveder tutto,
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License