L'adulatore
    Atto, Scena
1 3, 1| che m’avessan da rostì in to forno). (parte)~BRIGH. E L'amore paterno Atto, Scena
2 1, 3 | e che te lasserò qua col to prossimo, e colla to compassion.~ 3 1, 3 | col to prossimo, e colla to compassion.~CAM. No, ascolta, 4 1, 5 | merito no s'innamora della to virtù?~CLAR. Caro signor 5 1, 5 | tutto, ti meriti tutto, e la to modestia xe la corona dei 6 1, 5 | modestia xe la corona dei to meriti e delle to virtù.~ 7 1, 5 | corona dei to meriti e delle to virtù.~CLAR. In verità voi 8 1, 5 | PANT. Co son vegnù in te la to camera, ho visto che ti 9 1, 5 | Co sento qualcuna delle to composizion, me par de esser 10 1, 8 | Cossa ti me piasi con quei to passetti! Aaa, aaa, aaa. 11 2, 2 | ragione).~ARL. Se ho da esser to marido, vôi poder comandar.~ 12 2, 11 | composto ti colle parole de to sorela. Musica de una sorela, La bancarotta, o sia il mercante fallito Atto, Scena
13 1, 2| Truffaldin? come va i negozi del to principal?~TRUFF. I va mal 14 1, 2| maraveggio che un omo della to sorte fazza de ste figure. 15 1, 2| sorte fazza de ste figure. To zio t'ha mandà qua dalle 16 1, 2| ti vol dir la verità, in to coscienza, ti l'averà fatto 17 1, 2| BRIGH. Sarave meggio, se to zio te volesse agiutar, 18 1, 2| mettessi su un negozietto ti da to posta, una botteghetta da 19 1, 2| Bravo! come che ha fatto el to prencipal.~TRUFF. El mio 20 1, 2| necessità. Ti sarà d'accordo col to prencipal. Dise el proverbio: 21 1, 2| per un bezzo. Seguita el to esercizio, e no me star 22 1, 4| suggizion de quel satiro del to patron.~SMER. Che cosa c' 23 3, 1| gnente.~PANT. Anca ti le to massere ti le regalerà.~ 24 3, 1| Varda ben che anca elo el xe to patron. Ti no ti disi mal 25 3, 13| grazia de no someggiar a to pare, consolete, ringrazielo Le baruffe chiozzotte Atto, Scena
26 1, 1 | vegnirà in terra Beppe, to fradelo, el me sposerà , 27 1, 1 | LIB. Tasi ; tendi al to laorière. ~CHE. Se fusse 28 1, 4 | minchionare. ~PAS. Tiò el to balon, e andèmo in , che 29 1, 6 | LUC. Oh che bestia!~TON To danno, ti meriti pèzo. A 30 1, 8 | caricandolo) Petèmo. ~FOR. Cossto bulare? Coss'è to ciare, 31 1, 8 | Coss'è to bulare? Cossto ciare, coss'è to zigare?~ 32 1, 8 | Coss'è to ciare, cossto zigare?~TIT. Oh! tasé, paron 33 1, 13 | Còssa diséu, creature?~LIB. To danno. (parte)~ORS. Magari 34 2, 1 | no ti gh'abbi anca ti el to soranome. ~TOF. Che soranòme 35 2, 2 | àstu fatto ben a dire ai to fradei quelo che gh'ha 36 2, 3 | PAS. (a Lucietta) Tiò le to scarpe, tiò la to cordela, 37 2, 3 | Tiò le to scarpe, tiò la to cordela, tiò la to zendalina. ~ 38 2, 3 | tiò la to cordela, tiò la to zendalina. ~LUC. No vòggio 39 3, 2 | el andao a sentarse da to sorela. ~ORS. E el gh'ha 40 3, 2 | balon? No ti credi a la to povera Orsetta, che te vol 41 3, 10 | bela putta!~LUC. Mèggio de to sorela. ~CHE. No ti gnanca 42 3, 16 | sposerà quela sporca de to sorela. ~ORS. Oe, parla La birba Atto, Scena
43 2, Ult| Mi son Lindora; mi son to muggier.~~~~~~ORAZ.~~CECC.~~~~} La bottega da caffè Atto, Scena
44 2, 2| esce)~~~~~~ZAN.~~~~Tiò i to foggetti. (s’alza con furia)~~~  ~ ~ ~ 45 2, 7| renonzia~~Sora sta donna~~Le to pretese.~~~ ~~~~~ZAN.~~~~ Il bugiardo Atto, Scena
46 1, 1 | che dise Amor:~Lassa sto to rossor,~E spiega quel tormento,~ 47 2, 12 | PAN. L'è curioso quel to servitor. E cusì, come che 48 2, 12 | quello che te podeva lassar to pare, bisogna pensar alla 49 2, 12 | stabilio el contratto delle to nozze.~LEL. Come! Senza 50 2, 12 | Venezia. Te dirò anca, a to consolazion, bella e spiritosa. 51 2, 12 | dir gnente né a mi, né a to barba? L'astu fursi fatto 52 2, 12 | fenia. Cossa gh'ala nome la to novizza?~LEL. Briseide.~ 53 2, 12 | di Sua Maestà.~PAN. Sta to novizza la gh'ha un parentà 54 2, 12 | matrimonio, perché no dirlo a to barba?~LEL. Quando è successo 55 2, 12 | no me avvisar. Dirà ben to missier che ti gh'ha un 56 2, 15 | so; n, e, t, sonet, t, o, to, sonetto. È un sonetto. ( 57 3, 5 | ti va volentiera a veder to muggier?~LEL. Ah, voi mi 58 3, 5 | medesimo nome.~PAN. L'è tanto to amigo, e no ti cognossevi Il buon compatriotto Atto, Scena
59 1, 7 | fia: ascóltime. Ascolta to padre che te vuol ben, e 60 1, 7 | che t'ha incantà, o con to padre che t'ha inzenerà? 61 1, 7 | ti savevi che ti gh'avevi to padre al mondo, e senza 62 1, 7 | della nostra casa. Obedissi to padre: falo per atto de 63 1, 7 | desidera unicamente el to ben, e el sarave pronto 64 1, 7 | sparger el sangue per el to ben.~ISAB. Ah signor padre, Chi la fa l'aspetta Atto, Scena
65 1, 10 | cossa del mondo: son in to l'impegno, e sta caìa40 66 1, 13 | diavolo che te porta colle to difficoltà. (Garzone parte)~ ~ ~ ~ 67 2, 10 | mal...~TON. Sassin della to povera muggier, traditor La buona madre Atto, Scena
68 1, 7 | lassa, fio mio, che se to mare vive, la farà tanto, 69 2, 8 | gh'ha pagà una traversa a to sorela.~NICOL. E a mi me 70 2, 11 | infame! ah traditor de la to povera mare!)~LUN. Coss' 71 3, 2 | patrona.~LOD. Oe, la xe to siora madona. (a Daniela)~ 72 3, 2 | dasseno.~BARB. Coss'è sta to siora madona? Me maraveggio 73 3, 2 | sassinarte ti, e de sassinar la to povera madre? Maridarte? 74 3, 2 | laorier, con quelo de la to povera sorela; s'avemo contentà 75 3, 2 | poveretto ti, sul fior de la to zoventù, sul prencipio de 76 3, 2 | zoventù, sul prencipio de le to speranze, ti te precipiti 77 3, 16 | sior Rocco xe el novizzo de to sorela.~NICOL. Se maridela 78 3, 16 | la dago, e la sarà ela la to novizza.~NICOL. Oh sièla La buona figliuola maritata Atto, Scena
79 1, 9 | Mariannina, - poferina,~~To papà ti consolar. (a Marianna)~~ La buona moglie Atto, Scena
80 1, 1 | che ti staghi drento dei to balconi.~MOM. Cara siora 81 1, 1 | sa, frasca, te manderò da to mare.~MOM. E mi ghanderò; 82 1, 1 | BETT. No t’importa andar da to mare, ah? No ti te recordi 83 1, 3 | cara.~CAT. Vienlo ancuo to mario?~BETT. Chi sa? Xe 84 1, 3 | impalao. Ma senti, Cate, to mario me l’ha fato zoso 85 1, 3 | sangue mio. Vien qua da la to mama. (lo vuol prendere 86 1, 5 | nella culla)~CAT. Donca to mario el fa pezo che mai!~ 87 1, 5 | Perché no vastu a star co to missier?~BETT. El voria 88 1, 5 | mario.~CAT. Ti vol star co to mario, e nol vien gnanca 89 1, 5 | casa, vien a consolar la to povera Betina. Vien; tiò 90 1, 6 | chi ghe vustu più ben? A to mario, o a to fio?~BETT. 91 1, 6 | più ben? A to mario, o a to fio?~BETT. A tuti do.~CAT. 92 1, 7 | sti spropositi che dise la to parona?~MOM. Mi, siora, 93 1, 19 | CAT. De le bele cosse de to mario.~BETT. Oh povereta 94 1, 20 | vendicheressi de so mugier e de to mario.~BETT. Povera senza 95 1, 20 | far mi.~CAT. A bon conto to mario te abandona.~BETT. 96 1, 20 | son agra de vu.~CAT. Fa a to modo, che ti viverà de più.~ 97 2, 5 | sentete anca ti arente de to pare. Za no ghe xe nissun, 98 2, 5 | varda con chi ti perdi el to tempo, con chi ti prostituisci 99 2, 5 | con chi ti prostituisci la to estimazion, el to onor, 100 2, 5 | prostituisci la to estimazion, el to onor, quelo de la to casa 101 2, 5 | el to onor, quelo de la to casa e quelo del to povero 102 2, 5 | de la to casa e quelo del to povero pare. Lelio, fio 103 2, 5 | tanto ben? Senza refleter a to pare, che xe in istato de 104 2, 5 | toa? Senza arecordarte del to sangue, de quella povera 105 2, 5 | t’ha volesto ben, per i to boni costumi el s’ha mosso 106 2, 5 | l’ha fato che se scoverza to pare per megiorar la to 107 2, 5 | to pare per megiorar la to condizion. Xela questa la 108 2, 5 | esser bon, de voler ben a la to cara mugier, e mi son qua, 109 2, 5 | cielo, e fa cognosser ch’el to pentimento xe vero col scambiar 110 2, 5 | gnente. Son qua mi; son to pare; ti vederà quel che 111 2, 11 | amoroso, sarò in avegnir el to nemigo, el to flagelo, el 112 2, 11 | avegnir el to nemigo, el to flagelo, el to più acerimo 113 2, 11 | nemigo, el to flagelo, el to più acerimo persecutor. ( 114 2, 22 | ben, so che no son più la to cara Betina. So che per 115 2, 22 | l’amor che ti porti a la to creatura; per amor de quel 116 2, 22 | quel stilo. Gnanca per el to sangue no ti te movi a pietà? 117 2, 22 | gh’ha vogia de veder el to putelo?~PASQUAL. Cossa falo? 118 2, 22 | quel che ti vol e paga i to debiti. Vogio viver queta, 119 3, 6 | CAT. Cara ti, fazzo per to ben. Vustu morir?~BETT. 120 3, 6 | CAT. Ben, lo beverò mi. To dano. (lo beve)~BETT. (Magari 121 3, 21 | mova a compassion de la to mama e del to papà. (fa 122 3, 21 | compassion de la to mama e del to papà. (fa stendere le mani La cameriera brillante Atto, Scena
123 1, 4 | dito de sì, perché colle to smorfie ti m'ha fatto dir 124 2, 9 | chi parlistu?~BRIGH. Col to patron, che el me voleva Il campiello Atto, Scena
125 1, 1 | ORSOLA Via, tràghelo a to mare.~ZORZETTO E tutti questi 126 3, 5 | De qua a do anni el sarà to mario.~Mo vien qua, caro 127 3, 5 | DONNA PASQUA T'ala dito to mare?~ZORZETTO La m'ha dito,~ 128 3, 5 | contentarla.~LUCIETTA Gh'èla to mare? (a Zorzetto)~ZORZETTO 129 5, 4 | elo.~ORSOLA Chiama, chiama to mare,~Che ghe la vòi contar. ( 130 5, 5 | Puta cara son stuffa~De sti to stomeghezzi,~GNESE Se me La casa nova Atto, Scena
131 1, 14 | Questo el un affron to, che la me fa. La in Il contrattempo Atto, Scena
132 1, 13| va , marzocca, va da to àmie, che ti starà ben.~ 133 1, 18| respetto che ti gh'ha per to pare? Xeli questi i boni 134 1, 18| documenti, che t'ha la to povera mare? No ti gh'ha 135 1, 18| castiga? Ah desgraziada! El to povero pare ti lo tratti 136 2, 16| Mi no so cossa dir. Co to àmie mi non ho dito de volerte 137 2, 21| Cossa farastu col sarà to marìo? Zogherastu alle piavole?~ 138 3, 14| casa d'un zovene, che no xe to marìo? Lassar in t'un mar 139 3, 14| in t'un mar d'affanni el to povero pare? Metter a rischio 140 3, 14| reputazion, t'ha tornà a menar da to pare, che col matrimonio 141 3, 14| respetto che prima ti portavi a to pare, da qua avanti ti l' 142 3, 14| del marìo, la pase della to casa, e la reputazion de 143 3, 14| la reputazion de tutta la to fameggia. M'astu inteso? 144 3, 14| il mio sposo?~PANT. El to sposo adesso el vegnirà. ( La diavolessa Atto, Scena
145 2, 10| sia sinceri.~~No sta in to le parole~~El merito maggior;~~ La donna di garbo Atto, Scena
146 3, 2| che bisogna.~ARL. Mi, con to bona grazia, no vôi far La donna volubile Atto, Scena
147 1 | PANT. E pur la sarave la to fortuna.~ROS. Io non penso 148 1 | avemo giustà. Florindo sarà to marìo.~ROS. Signor padre, 149 2 | sarà causa della fortuna de to sorella.~ROS. La fortuna 150 2 | niente). (da sé)~PANT. Basta, to danno. Mi t’aveva procurà 151 2 | procurà per ti sta fortuna, to danno. Vago a disponer le 152 2 | che ti è matta. El vol to sorella.~ROS. Il signor 153 2 | metter sui véntoli? Vustu che to pare deventa el bàgolo della 154 2 | porto, per la memoria della to povera mare, per l’esser 155 3 | resto senza sposo?~PANT. To danno. (a Rosaura)~COL. Il genio buono e il genio cattivo Atto, Scena
156 1, 1 | ARL. E mi, dopo che son to mario, sento proprio ch' 157 1, 1 | ti li cusinerà ti, colle to care manine.~COR. Sì, sì, 158 3, 12 | Arlecchino, con collera)~ARL. La to cattiva intenzion. (a Corallina, 159 4, 1 | torna a Bergamo, torna alle to vallade, torna alla to capanna, 160 4, 1 | alle to vallade, torna alla to capanna, e za era per tornar. 161 4, 12 | causa de tutto. No merito la to compassion.~COR. Ma come L'erede fortunata Atto, Scena
162 1, 14| Perché aspetto Fiammetta to sorella, che l’è fora de 163 1, 14| ARL. Làsseme concluder con to sorella, e po ti me parlerà.~ 164 2, 13| FIAMM. A che fare?~ARL. To fradello mor de voia de La figlia obbediente Atto, Scena
165 2, 9| Cossa fa l’illustrissima to fia?~BRIGH. Se vede ben, 166 3, 4| che son per cavar dalle to lusinghe! Povera putta sagrificada! 167 3, 4| carità che ti gh’ha per to pare, sarà dal cielo recompensada.~ ~ ~ ~ La finta ammalata Atto, Scena
168 1, 13| vol ben, magna per amor de to pare.~ROS. Ma se non posso.~ 169 1, 13| raìse2? Via, per amor de to pare magna do bocconcini 170 1, 13| vita mia, ti vol star co to pare?~ROS. Ahi, ahi, mi 171 1, 14| la voglio.~PANT. Via, per to pare.~BEAT. L’ha detto il 172 1, 14| PANT. Fermete, per amor de to pare.~ROS. Lasciatemi stare.~ 173 1, 14| stare.~PANT. Se ti vol ben a to pare.~ROS. Non so di padre, 174 1, 14| suddette)~PANT. No ti vol to pare?~ROS. No.~COL. Non 175 2, 8| Via, cara, per amor de to pare.~ONES. Caro signor 176 2, 11| medici; se tratta della to salute.~ROS. Sì, sì, ascoltiamo La fondazione di Venezia Azione
177 2 | Niso, quanto me piase~~Sta to semplicità.~~~~~~NISO~~~~ 178 2 | Tutto riceverò dalle to man.~~Ma dime, caro coccolo,~~ Il gondoliere veneziano ossia gli sdegni amorosi Parte, Scena
179 1, 2| la sdegnosetta.~~Varda el to Buleghin; batti la lana,~~ 180 2, 1| No vastu suggerindo ai to seguazi?~~Quante istorie 181 2, 1| Per tutto se menzona el to gran nome,~~In somma ti 182 2, 1| fido~~Dei zuramenti e delle to promesse;~~Me son giusto 183 2, 2| za Bettina~~Te perdona el to fallo anca sta volta?~~Vàrdeme, 184 2, 2| Buleghin; no ti cognossi~~La to Betta vestia da barcariol?~~ 185 2, 2| la man te do, cuor mio:~~To muggier mi sarò, ti mio Lugrezia romana in Costantinopoli Atto, Scena
186 1, 3| propria mia casa,~~Ma star a to comando. Oh, se ti vedi~~ 187 1, 4| ligada;~~Mi aver cambià to nome: Mirmicàina~~Adesso 188 1, 4| Ruscamar~~So cor per amor to sente brusar.~~ ~~Quel viso 189 2, 6| aver da morir,~~Davanti to occhi~~Volerme mazzar. ( 190 2, 11| Mi poi, se ti vol,~~Fenir to dolor.~~~ ~~~~~MIRM.~~~~ 191 3, 5| MAIM.~~~~Star bello! To salute; oh star pur bon. ( 192 3, 5| no star imbriago...~~De to vin, che me dar, mi te n' 193 3, 7| Senti, se ti me vol per to muggier,~~Convien farme 194 3, 7| MIRM.~~~~Mi voggio i to mustacchi.~~~~~~RUSC.~~~~ 195 3, 7| MIRM.~~~~Sì, caro, i to mustacchi.~~~~~~RUSC.~~~~ 196 3, 7| taggierò mi.~~~~~~RUSC.~~~~Con to manine?~~~~~~MIRM.~~~~Per La donna di testa debole Atto, Scena
197 2, 2 | Oibò.~BRIGH. Gnanca al to paesan?~TRACC. Gnanca a Una delle ultime sere di carnovale Atto, Scena
198 1, 1 | sto paese. Ma, sia dito a to onor e gloria, no ti gh' 199 1, 12 | l'anemo. (parte)~BASTIAN To danno; gòditela donca, che L'impostore Atto, Scena
200 1, 9| imparato come si fa.~PANT. To fradello xe stà in collegio; 201 1, 9| come che ti xe; mah, causa to mare che th'a volesto con 202 2, 4| Cussì ti del buffon a to pare? Sta firma xe legittima, 203 3, 22| cielo che i te li paga, e to sorella sarà muggier de La famiglia dell’antiquario Atto, Scena
204 3, 6 | dito mal de mia fia alla to parona?~COLOMBINA Io non La favola de' tre gobbi Parte, Scena
205 1, 4| Non c'è più più nessuno;~~To to to tocca a me.~~~ ~~~~~ 206 1, 4| c'è più più nessuno;~~To to to tocca a me.~~~ ~~~~~MAD.~~~~ 207 1, 4| più più nessuno;~~To to to tocca a me.~~~ ~~~~~MAD.~~~~ Il geloso avaro Atto, Scena
208 1, 12 | quel ducato, lo scriverò a to mare. L'oro e l'arzento 209 2, 1 | ducato è mio.~TRACC. L'è to? mo per cossa?~ARG. Le ambasciate 210 2, 8 | te cognosso! Anderà via to pare). (da sé)~DOTT. Mi La madre amorosa Atto, Scena
211 1, 7 | BRIGH. Eh via, caro paesan. To padre l'ho conossudo mi. Le massere Atto, Scena
212 2, 2 | I te pareva piccoli i to tre pani al ;~~Ti i averà 213 2, 2 | DOROTEA:~~~~Donca, ben, a to danno; ti ghe starà de più.~~ 214 2, 5 | per ordenario.~~Quanto la to parona te dala de salario?~~~~~~ 215 4, 7 | ho dito che ghe xe qua la to paroncina.~~Oe, demoghe 216 5, 5 | mel cucchi certo co sta to bella rasa). (Da sé.)~~~~~~ Il matrimonio per concorso Atto, Scena
217 3, 13 | FIL. Tartaifle, ringraziar to fortuna. Ringraziar pellezza 218 3, 13 | Ringraziar pellezza de to Lisetta, che desarmar mia Le morbinose Atto, Scena
219 3, 4 | ancora i ride. Se vivesse to mare!~~Senti sa, frasconazza, 220 3, 4 | frasconazza, no scoffonar to pare.~~Siora? (A Felice.)~~~~~~ 221 5, 3 | zigar cussì.~~La ghe xe la to dota. Sior sì, la xe investia.~~ I morbinosi Atto, Scena
222 3, 2| altra con ela;~~Che la sia to muggier?~~~~~~GIA.~~~~La I pettegolezzi delle donne Atto, Scena
223 1, 1 | zermana, quando vienlo sto to novizzo?~Checchina - Sior 224 1, 1 | Donna Catte - Oe, Checca, to compare t'alo mandà la banda?1~ 225 1, 1 | Sgualda - Quando vienlo sto to novizzo? Catte, aria.~Donna 226 1, 4 | Checchina - Sia benedetto el to cuor.~Paron Toni - Do novizzi 227 3, ul | Poveretta! Ti ghe n'ha passà la to parte. Vien qua, zermana; 228 3, ul | farò per voi.~Musa - E mi a to nozze donar abagiggia.~Checchina - Componimenti poetici Parte
229 SSac | Quanto, quanto s’inganna el to pensier; ~Quello del matrimonio 230 Dia1 | che dise amor: ~Lassa sto to rossor,~E spiega quel tormento,~ 231 Dia1 | L’ha parlao ta mattina to la puta.~E tante belle tosse 232 Dia1 | mare, la novizza ho vito. ~To bella te la ze! in velità.~ 233 Dia1 | paese, ~Te lasserave far el to mistier.~La bella sposa 234 Dia1 | cuor te trema.~Fora del to sentier no far un passo, ~ 235 Dia1 | No sperar più d’averme al to comando.~Mi ghe respondo: 236 Dia1 | omo: ~Ti te mantegnirà col to sudor;~E sier Adamo per 237 TLiv | o qualche parolina ~Col to mezo lo fasse inamorar, ~ 238 TLiv | responde al meschin), vôi per to pena ~Che ti te struzi e 239 TLiv | Basta per onor too, per to vendeta,~Che el domanda 240 TLiv | Che qualcossa farò per to despeto.~Chi sa, chi sa, 241 App | Sior omo strambo, soi la to massera, ~Oppur m’astu trovà 242 App | Che no ti averà tutto el to contento.~Manazzi tratti Il prodigo Atto, Scena
243 1, 6| Cossa gh'intrelo coi fatti to?~COL. Non c'entra e non Il raggiratore Atto, Scena
244 3, 3| Inségneme a robar, che la xe la to profession.~SPAS. Senti, Il tutore Atto, Scena
245 1, 20| Distu dasseno, o xelo un dei to soliti proponimenti?~LEL. 246 1, 20| Credistu che no sappia el to proceder, le to belle virtù? 247 1, 20| sappia el to proceder, le to belle virtù? A più de sie 248 1, 20| mio compare chirurgo. Son to pare, xe vero, e son tutor 249 1, 20| porti via quel che ti pol a to pare: ti gh’ha diese vizi 250 1, 20| castigar: e ti imparerà a to spese, che la fortuna no 251 2, 20| per rimproverarte delle to iniquità. No, sto mistier 252 2, 20| ultima volta che ti vedi to pare. Va, che el cielo te 253 2, 20| pianzerà, arrecordete de to pare e di’: Adesso sconto 254 2, 20| remedio. Adesso ti dirà in tel to cuor: Cossa sarà de mi? 255 3, 20| sarò pare amoroso, sarò to economo, te farò el fattor.~ I rusteghi Atto, Scena
256 2, 12 | anca per ti vegnù la to zornada: n'è vero, sior 257 2, 12 | LUNARDO Sastu chi el to novizzo?~LUCIETTA Sior sì.~ La serva amorosa Atto, Scena
258 2, 6 | de chi?~Arlecchino: De la to patrona col fiol del me 259 2, 6 | non ha dito col fiol del to patron?~Arlecchino: Ben: Il servitore di due padroni Atto, Scena
260 1, 19 | un poco de compagnia al to novizzo. (Via, abbi giudizio) ( Lo speziale Atto, Scena
261 3, 6| volerla chiamara,~~E in to presenza la voler...~~~~~~ Torquato Tasso Atto, Scena
262 2, 10 | bene mio, chiù meglio la to vita.~~~~~~GHE.~~~~Ei non Il teatro comico Atto, Scena
263 2, 6 | scoprimento, servirà de fren ai to dessegni, e alle mie passion. 264 2, 6 | giudizio, e con più respetto a to pare. FLORINDO Ma, signore... ~ L'uomo di mondo Atto, Scena
265 1, 13| baul.~TRUFF. Ti gh'ha le to spie, brava. T'ali mo dito, 266 1, 13| lavar; no fruar cussì la to zoventù. Fa a mio modo, Il vecchio bizzarro Atto, Scena
267 2, 11 | bell a...~TRACC. Son dotto to to, son dotto to to.~PANT. 268 2, 11 | a...~TRACC. Son dotto to to, son dotto to to.~PANT. 269 2, 11 | Son dotto to to, son dotto to to.~PANT. Ve co co co co 270 2, 13 | Dirò co dise quello:~Quel to dolce bocchin mette in saor;~ L'incognita Atto, Scena
271 1, 10| PANT. Cussì ti parli a to pare?~LEL. Io parlo schietto. 272 1, 10| cosse ti xe capace? Sassinar to pare? Robarghe le vissere? 273 2, 12| no ghaverò paura della to spada.~LEL. Ah, vi ho detto 274 2, 12| sarà contento. Varda el to povero pare pianzer co fa 275 2, 12| stare.~PANT. Son qua, son ai to piè; mi no me levo, e ti 276 3, 20| che pol esser un zorno la to salute. (a Lelio)~LEL. Per 277 3, 23| podeva far un bulo della to sorte. (Mingone torna)~MING. La moglie saggia Atto, Scena
278 1, 1| marcante ricco e civil.~ARL. El to patron l’ha fatto mal a 279 1, 15| ascolteme, e resolvi. Son ancora to pare. El vincolo del matrimonio 280 1, 15| destruze quello della natura. To mario te pol comandar, ma 281 1, 15| mario te pol comandar, ma to pare te pol conseggiar; 282 1, 15| crudeltà, no ti mancherà al to dover buttandote in brazzo 283 1, 17| lassar strapazzar. Torna da to pare, torna dal to caro 284 1, 17| Torna da to pare, torna dal to caro pare, che te vol tanto 285 2, 2| me patrona.~BRIGH. L’è la to padrona, che fa deventar 286 2, 2| patrona ghe l’ha mandà el to patron.~BRIGH. Sì, el meggio 287 2, 2| perso vinti zecchini, e el to patron ghe li ha imprestadi; 288 2, 4| Anca questa l’ha mandada el to patron). (piano a Brighella, 289 2, 13| cognossi? Me muier.~ARL. To muier?~BRIGH. Sì, me muier.~ 290 2, 13| qualcossa altro. Ghelo el to patron? (a Brighella)~BRIGH. 291 2, 13| patrona me manda a dir al to patron, che sta mattina... 292 3, 8| PANT. Come? A Roma? Senza to mario?~ROS. Oh! ha da venire I puntigli domestici Atto, Scena
293 2, 14| batterme con un omo de la to sorte.~ARL. Perché ti gh' L'impresario di Smirne Atto, Scena
294 3, 5| non intender troppo ste to parole.~ANN. Voglio dire...~ La putta onorata Atto, Scena
295 1, 6| andar in còlera, che farò a to muodo.~PASQUAL. Ma ogio 296 1, 18| e far el mistier che fa to pare, che ha fato to nono, 297 1, 18| fa to pare, che ha fato to nono, to bisnono, e tuta 298 1, 18| pare, che ha fato to nono, to bisnono, e tuta la nostra 299 2, 1| mare, brava.~PAS. Cossa fa to pare? Dove xelo ficao?~PASQUAL. 300 2, 1| missier pare no vol.~PAS. To pare xe mato; lassa far 301 2, 1| Sì ben.~PAS. Chi xela la to morosa?~PASQUAL. Betina 302 2, 4| PANT. E gnanca la sarà to mugier.~PASQUAL. Anca51?~ 303 2, 4| sporco, che i omeni de la to sorte me li magno in salata. 304 2, 18| esser che un zorno el sia to mario.~BETT. Cussì spero.~ 305 2, 21| de ti, né de diese de la to sorte.~NAN. . .~MEN. 306 2, 24| No ti me cognossi che son to pare?~LEL. Voi mio padre? 307 3, 3| Perché no viestu a agiutar la to povera Betina, che te vol 308 3, 11| CAT. No ti cognossi Cate to sorela?~BETT. Vu ?~CAT. 309 3, 12| locande?~MEN. Xela bela sta to parona?~NAN. O de so piè 310 3, 12| bon stomego.~NAN. Ma la to parona no xela so mugier?~ 311 3, 12| Come stalo de bezzi el to paron?~MEN. Giazzo tanto 312 3, 12| del polame.~NAN. E ti i to bezzi te li dali?~MEN. Piase! 313 3, 23| parechiete de andar lontan da to pare. Za ho parlà col capitan 314 3, 23| frappone)~PANT. Come! A to pare? Manazzi a to pare? 315 3, 23| Come! A to pare? Manazzi a to pare? Adesso. Presto. I 316 3, 29| Pantalon. Dona Pasqua no xe to mare, la giera la to nena, 317 3, 29| xe to mare, la giera la to nena, e la t’ha baratà in 318 3, 29| e mi medesimo unisso la to man co la soa. (si avvicina)~
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License