Carlo Goldoni
La buona figliuola maritata

ATTO TERZO

SCENA QUINTA   Sala.   Il Marchese e Mengotto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Sala.

 

Il Marchese e Mengotto

 

MARC.

Già sai quel che ti ho detto;

Vattene immantinente

Tu pur coll'altra gente, e fa che tutto

Sia lesto pel festino,

E che le cose vadano appuntino.

MENG.

Farò, non dubitate,

Quanto mi comandate. Ah sì, padrone,

Sono anch'io consolato,

Che alfin pacificato

Siate colla padrona,

Ch'è per voi sì amorosa e così buona.

MARC.

Basta così, va via;

Va a far quel che ti ho detto.

MENG.

signore,

Farò l'obbligo mio,

E vo' ballare, e vo' saltare anch'io.

 

Allegramente!

La pace è fatta.

Oh, quanta gente

S'ha da invitar!

Che bel piacere

S'ha da godere!

S'ha da ballare,

S'ha da saltar. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License