Carlo Goldoni
La fiera di Sinigaglia

ATTO SECONDO

SCENA QUINDICESIMA   Lisaura sola.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Lisaura sola.

 

 

Sempre di male in peggio

Vanno gli affari miei.

Meglio è che torni

Alla mia patria; in seno

Viver potrò de' miei parenti almeno.

Il lusso e l'ambizione

Mi han ridotta così: veder tant'altre

Vestir pomposamente, e non potere

Far lo stesso ancor io, vedermi astretta

A vivere meschina e ritirata,

Fu cagion ch'io partii da disperata.

 

Fra gli affetti dominanti

L'ambizione in noi prevale;

È peggior d'ogni altro male

L'infelice povertà.

Senza amici e senza amanti

Soffrir può la donna altera,

Ma delira e si dispera

Per l'interna vanità. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License