Carlo Goldoni
La buona famiglia

ATTO SECONDO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Anselmo e Nardo

 

ANS. Va, va a terminare di consolarla. (dietro a Fabrizio) Gioventù benedetta! E così tu non solleciti il desinare? (a Nardo)

NAR. Aspettava che volesse sapere il desinare che c'è.

ANS. Bene, che c'è oggi?

NAR. Che hanno i padroni, che mi sembrano corrucciati?

ANS. Curiosaccio! sei stato qui per sentire, eh? non per dirmi del desinare.

NAR. Mi dispiacerebbe tanto, che i padroni si adirassero fra di loro; non ne siamo avvezzi noi a vederli adirati.

ANS. E non lo sono nemmeno adesso. È stato un poco di pissi pissi di certe genti; ma non è niente. E così, che abbiamo noi da desinare?

NAR. L'erbe, l'ho già detto.

ANS. Coll'uovo, l'hai detto.

NAR. Una pollastra bollita.

ANS. Tenera, veh!

NAR. Un arrosto di piccioncini.

ANS. C'è da star poco bene per me.

NAR. E ci saranno delle polpette.

ANS. Oh, queste sì. Fanne molte di queste, che sono per me una gioia.

NAR. Vi sarà poi...

ANS. Vanne, vanne, che il tempo passa

NAR. Vado subito. (Son curioso di sapere che cosa è stato; può essere che Lisetta lo sappia). (da sé, e parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License