Carlo Goldoni
La buona figliuola

ATTO PRIMO

SCENA OTTAVA   Loggie terreni corrispondenti al giardino.   La Marchesa Lucinda, poi Paoluccia

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Loggie terreni corrispondenti al giardino.

 

La Marchesa Lucinda, poi Paoluccia

 

LUC.

Caro albergo di pace,

Lungi dal mormorio, lungi dal tedio

Di città popolosa,

Sempre dolce mi fosti. A te d'intorno

Spira un aere giocondo, un ciel sereno,

Ma ora sei al cuor mio piacevol meno.

Mancami il bel che adoro,

Mancami d'Armidoro il dolce aspetto,

A compir fra quest'aure il mio diletto.

PAOL.

Presto, presto, la mancia; in questo punto,

Sarà contenta, il Cavaliere è giunto.

LUC.

Va, che impaziente l'amor mio l'aspetta.

PAOL.

(Capperi! la signora ha una gran fretta!) (parte)

LUC.

Ah, convien dir che i nostri cuori amanti

S'intendano assai bene.

Io pensava allo sposo, ed ei sen viene.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License