Carlo Goldoni
La buona figliuola

ATTO SECONDO

SCENA DODICESIMA   Recinto di pergolati e piante fruttifere con veduta della parte posteriore del palazzo, da cui si discende per scalinate.   Cecchina sola

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Recinto di pergolati e piante fruttifere con veduta della parte posteriore del palazzo, da cui si discende per scalinate.

 

Cecchina sola.

 

 

Almen fra queste piante

Avrò un po' di riposo. Ah, son sì stanca

Di sofferir gl'insulti

Della nemica sorte,

Che son costretta a desiar la morte.

Pria di morire almeno,

Povera sfortunata,

Se potessi saper da chi son nata!

Parmi che soffrirei

Ogni pena con pace, ogni dolore,

Se abbracciar mi potesse il genitore.

Ma vano è il sospirar; vano, infelice,

E il desio che m'ingombra.

Vuò sedere a quest'ombra. Almen venisse

A ristorar quest'alma

Di sonno lusinghier la dolce calma. (siede)

 

Vieni, il mio seno

Di duol ripieno,

Dolce riposo,

A consolar... (s'addormenta)

 

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License