Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO PRIMO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Momola e dette.

 

MOM. Siora padrona, le pezze xe calde.

BETT. Vegno, vegno. Vien qua, vissere mie. (leva il bambino di culla) Vardè, se nol fa vogia? Vardèlo che toco! Tuto el mio Pasqualin. Tuto so pare. Tiò, siestu benedio. (lo bacia)

CAT. Via, che ti l’ha basà che basta.

BETT. Ti no ti sa cossa che sia amor de fioi; perché no ti ghe n’ha mai abuo. Oh che amor che xe quelo de mare!

CAT. Cara ti, dime una cossa. A chi ghe vustu più ben? A to mario, o a to fio?

BETT. A tuti do.

CAT. Ma a chi ghe ne vustu più?

BETT. No so.

CAT. Se ti avessi da perder uno de lori, chi perderessistu più volentiera?

BETT. Senti, sorela, dei fioi come questo ghe ne poderia aver dei altri, ma dei marii come Pasqualin no ghe ne troverave mai più. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License