Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO PRIMO

SCENA VENTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTESIMA

 

Bettina e Catte

 

BETT. Povero pare! El me fa pecà.

CAT. Povero pare? Povera mugier, ti doveressi dir. Ma mi, se fusse in ti, la vorave far bela.

BETT. Cossa voressi far, cara vu?

CAT. Vorave con una fava chiapar do colombi. Voria refarme de Pasqualin, e vendicarme de quela lustrissima de faveta.

BETT. Come mai poderavio far?

CAT. Sior marchese ancora te vol ben; vorave farlo vegnir in casa, e in sta maniera ti te vendicheressi de so mugier e de to mario.

BETT. Povera senza cervelo, che bisogna che ve lo diga. Un bel rimedio che m’insegnè. Dei vostri soliti consegi che me davi da puta.

CAT. Lo fala siora marchesa? Ti lo pol far anca ti.

BETT. Mi no vardo quel che fa i altri, ma so quelo ch’ho da far mi.

CAT. A bon conto to mario te abandona.

BETT. Se lu me abandona mi, mi no l’abandonerò elo.

CAT. I bezzi xe andai.

BETT. Pazenzia.

CAT. La roba el la venderà.

BETT. N’importa.

CAT. El te darà de le bastonae.

BETT. E mi le torò.

CAT. El sarà sempre un cativo mario.

BETT. E mi sarò sempre una bona mugier.

CAT. Ti xe una mata.

BETT. Gh’ho più giudizio de vu.

CAT. Mi no te vegnirò più in ti versi.

BETT. Farò de manco de vu.

CAT. Sior Pantalon se stuferà.

BETT. Ghe vorà pazenzia.

CAT. Ti sarà abandonada da tuti.

BETT. No me mancherà la providenza del cielo.

CAT. Vago via.

BETT. Andè a buon viazo.

CAT. Ti vol desgustar una sorela che te vol ben, per un mario che te trata mal?

BETT. El vostro ben l’è pezo del mal che me fa mio mario.

CAT. Povera sporca.

BETT. Povera senza giudizio.

CAT. Te vederò ancora andar a cercando.

BETT. Piutosto anderò cercando, che far una cativa azion.

CAT. Ti è stada mata da puta, e ti xe mata maridada.

BETT. Son stada una puta onorata, adesso vogio esser una bona mugier.

CAT. La zente dise che xe dificile.

BETT. Lo dise la zente cativa, no la zente bona.

CAT. Orsù, son stufa de ti.

BETT. E mi son agra de vu.

CAT. Fa a to modo, che ti viverà de più.

BETT. Se no viverò de più, viverò megio.

CAT. Se ti vedi Pasqualin, saludelo da parte mia.

BETT. Se no lo vedo, lo saludo col cuor.

CAT. Ti ti lo saludi col cuor, e elo te farà un prindese co siora marchesa. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License