Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO PRIMO

SCENA VENTUNESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTUNESIMA

 

Bettina sola.

 

BETT. Che i diga quel che i vol, no m’importa. Pasqualin se stuferà de far la vita ch’el fa; el tornerà a far giudizio; el se pentirà de tuto quel ch’el m’ha fato, e alora, pensando al ben che gh’ho volesto, a la fede che gh’ho conservà, el me chiaperà sempre più a ben voler, e el me darà tante consolazion, quanti baticuori ch’el m’ha fato provar. Remeto la mia causa al cielo, a quelo racomando el mio Pasqualin, racomando el mio povero putelo, fruto inocente del nostro amor. El cielo remedierà, el cielo provederà. Chi se confida in tel cielo, no pol perir. (parte)



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License