Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO SECONDO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Pantalone e detti.

 

PANT. Buon pro, patroni. (va guardando se vede Pasqualino)

ARL. Comandela, sior Pantalon? La resti servida; la senta sto vin, s’el ghe piase. (s’alza da tavola con un bicchier di vino)

PANT. No, ve ringrazio; fra pasto no bevo.

ARL. No la me fazza sto torto. (gli offre un bicchiere di vino)

PANT. Ve son obligà, come se l’avesse recevesto. (E pur i m’ha dito de seguro ch’el ghe xe). (da sé, osservando l’intorno)

ARL. Per favor, per finezza, la ghe meta suso la boca. (come sopra, gli offre il vino)

PANT. Via, receverò le vostre grazie. (lo vuol prendere)

ARL. A la so salute. (egli stesso lo beve)

PANT. (Che creanza da aseno! Quelo xe el tabaro de Pasqualin). (vede il tabarro di Pasqualino, attaccato alla parete)

LEL. Vuol favorire, signor padre? (a Pantalone)

PANT. Per grazia del cielo, no son più vostro pare, e se fussi stà veramente mio fio, a stora saressi un pezzo lontan de qua.

LEL. In Levante a drittura mi volevate mandare?

PANT. Vardè che bela cossa! Missier Menego vostro pare, poverazzo, el se sfadiga, el xe a un tragheto per vadagnarse el pan, e vu qua a l’ostaria co le squaquarine.

SBR. Coss’è ste squaquarine, sier vecchio mato?

MALAC. Parlè ben, savè, perché se no scoverzirò tuti i vostri petoloni21.

PANT. Via, tasè .

MALAC. So tuto, savè, e siben che vecchio...

PANT. Via, me maravegio dei fati vostri.

LEL. Sarà meglio che ce n’andiamo nell’orto, e che lasciamo questo vecchio pazzo.

SBR. Andemo pur dove che volè.

MALAC. Andemo a chiapar un poco d’aria, che gh’ho la testa calda. (Lelio e i compagni partono, dando mano alle donne)

 

 

 





p. -
21 Errori celati, magagne con sapute.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License