Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO SECONDO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Pantalone solo.

 

PANT. Burleme, che ghhavè rason. Strapazzeme, che lo merito. Spueme in tel muso, che ve perdono. Mio fio ha fato pezo. Quel can m’ha tradio; quel infame m’ha asassinà. Butarse ai mii piè; pianzer con tanto de lagreme; suspirar, domandarme perdon, e po burlarme in sta maniera? Prometerme de muar vita, e da un momento a l’altro tornar da cao, far pezo che mai? Com’èla sta cossa? Come se pol dar una iniquità de sta natura? Xelo stà un finto pentimento, o xela una pessima recidiva? Ah, che quel desgrazià de quel Lelio l’ha tornà a precipitar! Quatro parole d’un cativo compagno val più de tute le più tenere corezion. Per varir una piaga, no basta un vaso d’unguento; per incancherirla poco ghe vuol. L’avessio menà con mi, no l’avessio mai lassà qua! Chi l’averave mai dito? Cussì presto? Cussì facilmente el s’ha lassà inganar, el s’ha lassà menar via? Effetto de l’animo vizioso abituà. Ma za che vedo che no giova l’amor, che xe inutile la compassion ti proverà la mia colera, te farò veder chi son, e se son stà fin adesso un pare amoroso, sarò in avegnir el to nemigo, el to flagelo, el to più acerimo persecutor. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License