Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO SECONDO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Il marchese Ottavio, poi Catte, e poi Brighella

 

OTT. Con tre T si fa tutto. Tempo, testa e testoni. Le donne si vincono o colle monete, o colla servitù. Bettina è stata inflessibile da fanciulla, non lo sarà forse da maritata.

CAT. Serva sustrissima.

OTT. Buon giorno, siora Catte.

CAT. Cossa fala? Stala ben? Cossa fa la so zentildona?

OTT. Bene, bene; tutti bene.

CAT. Me consolo tanto. In veritae, lustrissimo, ch’el gh’ha una ciera ch’el fa vogia.

OTT. Volete sedere?

CAT. Quel che la comanda.

OTT. Prendetevi una sedia.

CAT. Son un poco straca, no digo de no. Sia benedio sti zentilomini cussì degnevoli. Ghe ne xe de quei che xe rusteghi, che no i se degna de dir gnanca bestia. I crede de farse stimar, e i fa pezo. Nualtri ordenari stimemo più chi ne trata più ben.

OTT. Che buone nuove mi date della nostra Bettina? (getta dal sacchetto i ducati, e fa strepito)

CAT. Oh quanti bezzi! Oh che bei ducati!

OTT. Ah! che ne dite? Sono belli?

CAT. I consola el cuor. Ma a mi i me xe stai sconti.

OTT. Perché?

CAT. Perché no ghe n’ho mai uno.

OTT. E così, che nuove mi date di Bettina?

CAT. Betina xe una mata, ostinada come una mussa.

OTT. Non ne vuol saper niente?

CAT. Se la savesse quante ghe n’ho dito: me son tanto inrabiada, che so vegnua via; ha bisognà che vaga dal spizier a bever de l’acqua de tuto cedro, e ho speso un da vinti. Ghe son andada a parlar tante volte, che ho fruà un per de scarpe. Sta matina, in tel vegnir via de mia sorela, avemo criao per causa de vussustrissima, ho intacà col zendà bon in t’un chiodo, e gh’ho fato tanto de sbrego.

OTT. Mi dispiace di tutte queste disgrazie. Bettina dunque non vuol ch’io vada a farle una visita?

CAT. No gh’è remedio, no la vol.

OTT. Le avete detto ch’io sarò generoso?

CAT. Caspita se ghe l’ho dito! Anzi, co m’ho sbregà el zendà, la m’ha dito: tiò su, che ti ha avanzà questo a vegnir a parlarme per quel lustrissimo; e mi gh’ho dito: cossa credistu? Se ho sbregao el zendà per causa soa, el me ne pagherà un niovo.

OTT. Sì, tutto va bene, ma non vi è bastato l’animo di ridurla.

CAT. Cossa vorla che ghe diga? La sorte va drio a chi no la merita. Se m’avesse tocà a mi sta fortuna, no me l’averave miga lassada scampar.

OTT. Voi almeno siete una donna di buon gusto.

CAT. La senta, mi son una dona da ben e onorata, che nissun pol dir gnente de mi; ma certi stomeghezzi no i me piase. Un cavalier vol far un finezza, la se aceta. Se pol voler ben senza far mal. Mi almanco la intendo cussì.

OTT. Voi la intendete assai bene. Volete che ve la dica, che mi piacete più di Bettina?

CAT. Oh, mi no son bela, come la xe ela: e sì, no fazzo per dir, ma co giera puta, gh’aveva tanti morosi quanti cavei che gh’ho in testa.

OTT. Avete un certo brio vivo e disinvolto, che mi va a genio. Vostra sorella è bella, ma è una bellezza troppo malinconica; e poi è troppo giovine. Voi siete una donna di giudizio.

CAT. Oh, cossa credelo che ghe sia de diferenza de ani da ela a mi? Gnanca uno.

OTT. Eppure voi mostrate di più.

CAT. Xe i patimenti che se fa. Se la savesse! Quel malignazo de mio mario quante ch’el me ne fa passar! Gnanca ancuo el m’ha portà da disnar. Gh’ho una fame che no ghe vedo.

OTT. Volete che vi faccia portar qualche cosa?

CAT. Oh magari!

OTT. Brighella.

BRIGH. Lustrissimo. (di dentro)

OTT. Porta una bottiglia di vin di Cipro con quattro biscottini.

CAT. Eh, no vôi buzzolai, no; porteme un paneto.

OTT. Oh che cara signora Catte! Mi dispiace aver gettato via il mio tempo con Bettina.

CAT. Ma! mi no giera degna. (con vezzo)

OTT. Ditemi, vostro marito è geloso?

CAT. Oh! nol xe zeloso, perch’el sa che dona che son. Nissun se pol vantar d’averme tocà un deo d’una man.

OTT. E sì avete una bella manina.

CAT. Xe che me dezzipo27 a lavar i piati, daresto gh’aveva una man, che tuti la vardava per maravegia.

OTT. Da vero che mi piacete.

CAT. La diga, lustrissimo, me paghela sto zendà?

OTT. Sì, volentieri. Bastano dieci ducati d’argento?

CAT. Per un de quei ordenari pol esser che i basta. (El xe foresto, nol sa gnente). (da sé)

OTT. Se non bastano dieci, ve ne darò dodici, venti, tutto quel che volete, la mia cara Cattina.

 

 

 





p. -
27 Mi guasto.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License