Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO SECONDO

SCENA VENTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTESIMA

 

Il marchese Ottavio, poi Catte che esce dalla casa di lui.

 

OTT. Domani partirò da Venezia. Qui non ci posso più stare senza pericolo.

CAT. Oh! giusto ela, sior marchese. Pasqualin m’ha una schiafa in casa soa. L’ha dito un mondo de roba a la lustrissima. Toca a ela a castigarlo, e farghe pagar quel che l’ha fato e quelo che l’ha dito.

OTT. Lasciate fare a me. Vedrete se saprò vendicar voi e me nello stesso tempo.

CAT. La se recorda del zendà.

OTT. Ecco quel briccone, che esce di casa mia.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License