Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO SECONDO

SCENA VENTIQUATTRESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTIQUATTRESIMA

 

Bettina sola.

 

BEAT. No me vôi far nasar, da resto ghe responderia come ch’el merita sto desgrazià de Lelio. Basta dir che de do pari uno l’ha refudà, e l’altro nol lo vol cognosser per fio. Tiolè su, me pareva d’esser una principessa col mio Pasqualin; l’aveva reduto a vegnir a casa; l’ha infina pianto; el m’ha abrazzà; sto sassin sul più belo xe vegnù a menarmelo via. E i mii manini, povereta mi? No me li recordava più. Fegureve! Altro che pagar i debiti! Ghe li magnerà quel baron. Oh, vogio andarghe drio, se credesse ch’el me copasse.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License