Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO SECONDO

SCENA VENTICINQUESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTICINQUESIMA

 

Bettina e Pantalone

 

PANT. Dove andeu, niora?

BETT. Mi vago a casa, sior missier.

PANT. Aveu visto vostro mario?

BETT. Sior sì.

PANT. Cossa diselo?

BETT. Adessadesso el vegnirà a casa anca elo.

PANT. No credo gnente. V’alo dito la baronada ch’el m’ha fato?

BETT. Oh, ch’el xe tanto pentio!

PANT. I soliti pentimenti.

BETT. L’ha infina pianto.

PANT. Anca co mi l’ha pianto, e po l’ha fato pezo.

BETT. Sta volta el dise dasseno.

PANT. No no, no ghe credo più. Niora, andè a tior el putelo, e vegnì a casa mia.

BETT. Senza de Pasqualin?

PANT. Lassè ch’el vaga quel desgrazià.

BETT. Oh mi no, sior missier, senza de lu no vegno.

PANT. E dove xe i vostri manini? (osservandole le braccia)

BETT. I manini? I ho lassai a casa.

PANT. A casa i avè lassai? Dove i aveu messi?

BETT. In cassa.

PANT. In cassa? Deme mo la chiave de la cassa.

BETT. Oh, la me compatissa. La chiave de la mia cassa no la dago a nissun.

PANT. No ve fidè de mi? Cossa ghaveu paura?

BETT. Gh’ho de la roba in cassa, che no vôi che nissun la veda.

PANT. Ghaveu contrabandi?

BETT. Nualtre donne ghavemo de le tatare che i omeni no le ha da veder.

PANT. E mi gh’ho paura che i manini sia andai.

BETT. Come andai?

PANT. Che ve li abia magnai vostro mario.

BETT. Oh giusto, mio mario gnanca per insonio.

PANT. Zurèlo mo?

BETT. Cossa vorlo che zura? Mi ghe digo la verità.

PANT. Ho capio tanto che basta. Tegnì da lu. do mati insieme. Fe quel che volè, no ghe penso gnente. Fe conto che sia morto. Andeve a far benedir. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License