Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO TERZO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

I tre barcaruoli suddetti.

 

MEN. Varè che bela azion che avè fato! (passeggiando)

NANE Mio el giera el nolo; per cossa l’avevio da perder? (passeggiando)

TITA Vualtri vegnì a magnar el sangue dei povereti. (passeggiando)

NANE Con chi parlistu, toco de tuto aseno?

TITA Xe do ani che me vadagno el pan a sto posto, e vualtri me vegnì a vogar sul remo.

NANE Questo nol xe tragheto; qua no se paga libertae; semo tuti paroni.

TITA Sangue de diana, che ve mandarave de da Stra.

NANE Vustu ziogar che con un pugno te buto le coste in corpo?

TITA Se gh’avesse adosso le mie tatare58, no parleressi cussì.

MEN. Siben che son vecchio, me vien vogia de cavarve el figao.

TITA Con chi parlistu?

NANE Con chi la ghastu?

MEN. Con tuti do.

NANE E mi tuti do no ve gh’ho gnanca in la mente.

MEN. E mi no ve stimo un figo.

TITA Adesso, fionazzi d’una sgualdrina. Vago a tior el mio pistolese.

NANE Soto pope gh’ho tanto de stilo.

MEN. Con una palossada ve scavezzo tuti do in t’una volta. (tutti saltano nella loro barca, la slegano e montano sulla poppa)

NANE Vara ve’, te lo fico in tel centopezzi59. (mostra il paloscio)

MEN. Lo vedistu? Te tagio el gargato. (mostra uno stocco)

TITA Velo qua, varè. Ve sbuso co fa crieli. (mostra uno stilo)

(S’allontanano a poco a poco, e se ne vanno colle loro gondole)

NANE Ah porchi!

MEN. Cortesani d’albeo!

TITA Scarcavali!

MEN. Via, aseni.

TITA Ah sporchi!

NANE Chiò. (fa un versaccio colla bocca)

MEN. Via! (. .)

TITA Via! (. .)

(Sgridandosi si allontanano, e vogando partono)

 

 

 





p. -
58 Arme.



59 Nella trippa.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License