Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO TERZO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Bettina, poi Catte

 

BETT. Mo che femena che xe quela mia sorela! Purché la magna e che la beva, no la ghe pensa altro. Mi ogni puoco de travagio, me desconisso. Fegurarse come che sta el mio cuor senza de le mie vissere, senza del mio Pasqualin, no gh’ho vogia de gnente. Deboto no me recordo più gnanca del mio putelo. Son più morta che viva.

CAT. Oh sorela, vustu rider?

BETT. Oh, ghe vol assae a farme rider.

CAT. Sastu chi xe?

BETT. Via mo, chi?

CAT. La lustrissima siora marchesa, sola co fa una mata.

BETT. Ghaveu tirà?

CAT. Mi sì.

BETT. Cossa vorla da mi?

CAT. Indevinela ti grilo.

BETT. Che la vegna pur, sentiremo.

CAT. Oe, se la fa la mata, per diana che la scufia va in tochi.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License