Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO TERZO

SCENA QUINDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Camera di Bettina.

 

Bettina e la marchesa Beatrice

 

BETT. Via, la staga aliegra, che tuto se giusterà. Ho mandà a chiamar mio sior missier, gh’ho fato contar tuto al mario de la furtariola, e el m’ha fato dir che adessadesso el vegnirà qua. El xe con mi un puoco in colera, ma el xe tanto bon, che gh’ho speranza ch’el l’agiuterà ela e ch’el m’agiuterà anca mi.

BEAT. Cara Bettina, quanto sono tenuta al vostro bel cuore!

BETT. Oh, in materia de bon cuor no la cedo a nissun. Povereta, ma schieta e sincera. Quel che gh’ho in cuor, gh’ho in boca, e co posso, fazzo del ben a tuti.

BEAT. Il cielo vi benedica.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License