Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO TERZO

SCENA SEDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SEDICESIMA

 

Catte e dette.

 

CAT. Sorela, astu sentio a bater?

BETT. Mi no.

CAT. Sastu chi xe?

BETT. Chi? Sior Pantalon?

CAT. Oh giusto. Xe Pasqualin.

BETT. Pasqualin? Oh siestu benedeto! Dov’èlo le mie vissere? Vienlo de su?

CAT. Gh’ho paura che nol se ossa.

BETT. Mi, mi ghanderò incontra. Caro el mio ben, el cielo me l’ha mandao. Oh Dio, che no posso più! (parte)

CAT. Siora marchesa, andemo in st’altra camera.

BEAT. Perché?

CAT. No la sente che xe qua Pasqualin?

BEAT. E per questo? Che importa?

CAT. No la sa che xe tre zorni che nol vien a casa de so mugier?

BEAT. Cara signora Catte, mi fate ridere, benché non ne ho voglia. (parte)

CAT. Fegurève se Betina vol sugizion! So come che la xe fata co so mario. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License