Carlo Goldoni
La buona moglie

ATTO TERZO

SCENA VENTUNESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTUNESIMA

 

La marchesa Beatrice e Momola per di dietro di Pantalone,

portando il bambino a Bettina, e detti.

 

BETT. Sior missier. (Pantalone non la guarda) Se nol lo vol far per mi, el lo fazza almanco per ste care raìse che xe qua. (gli mostra il bambino)

PANT. (Si volta, lo vede, e resta confuso)

BETT. Questo a la fin xe so sangue. Nol lo abandona nol lo lassa patir, nol fazza ch’el se destruza per el desasio, ch’el mora per poco governo o per mancanza de pan. L’ha pur dito che questo sarà el baston de la so vechiezza, ch’el sarà el so caro Pantaloncin. Velo qua, povereto, velo qua co le so manine a domandarghe anca elo pietà. Préghelo el nono, vissere mie, préghelo ch’el se mova a compassion de la to mama e del to papà. (fa stendere le mani al bambino, in atto di supplicar Pantalone)

PANT. (Piangendo) Poveretto! vien qua, vita mia. Povero sangue innocente! (lo prende)

BETT. (Fa cenno a Pasqualino che venga avanti)

PASQUAL. (Bel bello s’accosta, e s’inginocchia dall’altra parte, a’ piedi di Pantalone)

BETT. Ah sì, vedo ch’el se scomenza a intenerir. Spero ch’el ghe perdonerà al so caro fio, e ch’el l’abrazzerà insieme co la so cara mugier.

PANT. Dov’èlo sto poco de bon?

BETT. Sior missier, la varda.

PANT. (Si volta e vede Pasqualino) Qua ti xe?

PASQUAL. Perdonanza. (inginocchiato)

BETT. Misericordia. (s’inginocchia anch’essa)

PANT. Leveve su, leveve su. No posso più star saldo. Me sento crepar el cuor. Pasqualin, xestu veramente pentio?

PASQUAL. Sior pare, so pentio, prego el cielo che me castiga, se no digo la verità.

PANT. Varda ch’el cielo no xe sordo.

PASQUAL. Ve lo digo de cuor.

PANT. Orsù, vegnì qua, cari i mi fioi, unica consolazion de la mia vechiezza. Vegnì in casa mia. Sarè più paroni de mi. No parlemo più del passà. Caro fio, che ti m’ha tanti travagi, dame un poco de consolazion. Niora cara, le vostre lagreme m’ha mosso a compassion, ma più m’ha mosso sta povera inocente creatura, che ghe vôi tanto ben.

PASQUAL. Sior pare, lassè che ve la man.

BETT. Anca mi, sior missier. (tutti due gli baciano le mani)

PASQUAL. Cara mugier.

BETT. Caro mario.

PASQUAL. Ve strenzo al sen. (s’abbracciano fra di loro)

BETT. Ve abrazzo col cuor. (tutti piangono)

BEAT. Fanno piangere me pure per tenerezza.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License