Carlo Goldoni
Il cavalier di buon gusto

ATTO SECONDO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Camera in casa di donna Eleonora.

 

Donna Eleonora e la marchesina Rosaura

 

ELEON. Signora nipote, se farete così, non vi condurrò in nessun luogo.

ROS. Io non vi ho pregato di farlo.

ELEON. Parlate cogli uomini con un poco troppo di libertà. Arrossisco per causa vostra.

ROS. Voi mi avete più volte detto, che mi vorreste più disinvolta, che vi vergognate a condurmi nelle conversazioni a far la figura della marmotta. Mi avete insegnato dei concetti spiritosi e brillanti, ed ora per aver unicamente risposto con civiltà al conte Ottavio, mi riprendete?

ELEON. Bisogna distinguere le occasioni.

ROS. Sì, è vero, bisogna distinguere le occasioni. La nipote non ha da parlare, quando la signora zia fa le grazie.

ELEON. Voi siete un’impertinente.

ROS. Mia madre non me l’ha mai detto, e la signora zia potrebbe risparmiare di dirmelo.

ELEON. Gran pazzia ho fatto a prendermi la briga di custodirvi.

ROS. Prego il cielo di liberarvi presto da questo fastidio.

ELEON. Eh già, spasimate per volontà di maritarvi.

ROS. Non so da voi a me chi spasimi più.

ELEON. S’io avessi voluto maritarmi non sarei stata tre giorni vedova.

ROS. Ma se il conte Ottavio volesse...

ELEON. Il conte Ottavio lo nominate molto spesso, vi è restato molto impresso nella memoria.

ROS. Ogni volta che vedo voi, mi ricordo del conte Ottavio.

ELEON. Come sarebbe a dire?

ROS. Zitto, che viene il servitore.

ELEON. (Insolente!) (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License