Carlo Goldoni
Il cavalier di buon gusto

ATTO SECONDO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Camera del conte Ottavio.

 

Il conte Lelio, il dottore e il cameriere

 

CAM. Favoriscano; si trattengano qui, che può tardar poco il padrone a ritornare. (parte)

DOTT. Le budella principiano a lamentarsi.

LEL. Io non ceno la sera, onde sto benissimo d’appetito.

DOTT. Perché non cena la sera? Il mangiar molto è malsano, ma il non mangiar niente niente, non è lodabile.

LEL. Vi dirò: ogni giorno si va a pranzo da qualche amico. Un giorno da uno, un giorno dall’altro; si mangia tardi; la conversazione fa mangiar molto, la sera non si può cenare.

DOTT. Qui dal signor conte Ottavio ci viene frequentemente V.S.?

LEL. Spessissimo; due o tre volte la settimana.

DOTT. M’immagino che manderà a invitarla, pregarla e supplicarla.

LEL. Oibò, vengo quando voglio, mi metto a tavola senza dirlo.

DOTT. Ma se le cagiona incomodo il pranzare fuori di casa, potrebbe tralasciar di venire.

LEL. Vi dirò, il conte è un uomo che ha vanità d’avere alla sua tavola delle persone di qualche riguardo, e perciò mi tormenta sempre ch’io venga da lui.

DOTT. (Che scroccone impertinente!) (da sé)

LEL. Siete stato altre volte a pranzo dal conte Ottavio?

DOTT. Per grazia sua, ci sono stato qualche altra volta.

LEL. Che dite? Non fa una tavola magnifica?

DOTT. Fa una tavola principesca.

LEL. Sentite. Per dirla a voi, che siete un galantuomo, io non so come faccia; le sue entrate non rendono tanto. Io so tutti i fatti suoi.

DOTT. Se non potesse farla, non la farebbe.

LEL. Eh, quante cose si fanno, e non si possono fare. Ce ne accorgeremo quanto prima.

DOTT. Questo, vossignoria mi perdoni, è un discorrere senza fondamento.

LEL. Io parlo come l’intendo. Dal conte Ottavio non ho salario.

DOTT. V.S. però mangia alla di lui tavola.

LEL. Se mangio alla sua tavola, pretendo di fargli una finezza.

DOTT. (Ma! Pur troppo è vero. Codesti gran signori si fanno mangiare la roba loro da gente ingrata, da gente che vilipende il proprio benefattore). (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License