Carlo Goldoni
Buovo d'Antona

ATTO SECONDO

SCENA DECIMA Drusiana, Menichina, Cecchina e Capoccio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

Drusiana, Menichina, Cecchina e Capoccio

 

MEN.

State allegra, signora,

Prendete altro conforto.

Non ci pensate più: chi è morto, è morto.

Se voi foste partita,

Credetemi che anch'esso

Fatto averia lo stesso. Non è poco

Amar l'amante finchvivo e sano:

Quando egli è morto, ci si pensa invano.

 

Ho veduto tante e tante

Sospirar per un marito,

Ed appena egli è sbasito

Ritrovare il successor.

Per due giorni lacrimose

Fan le meste e le ritrose;

Ma passato il terzo ,

Le ho sentite a dir così:

«Viva chi vive,

Chi è morto, è morto;

Dolce conforto

Brama il mio cor.

Non vuò star sola,

Vuò maritarmi:

Vuò consolarmi

Col caro amor». (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License