Carlo Goldoni
L'adulatore

ATTO TERZO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Brighella, un cuoco genovese, uno staffiere bolognese, uno staffiere fiorentino, uno staffiere veneziano. Tutti e tre li staffieri senza la livrea.

 

BRIGH. Qua, fradelli, qua. Retiremose in sta camera, fina tanto che i patroni se trattien a tavola. Discorremola tra de nu e consolemose insieme in mezzo alle nostre desgrazie. Cossa diseu de quel can, de quel sassin del segretario? El n’ha magnà el salario de do mesi, e perché son andà mi a nome de tutti a domandarghe el nostro sangue, el n’ha messo in desgrazia del patron e el n’ha cazzà via quanti semo. I è vintanni che mi servo in sta casa, e no gh’è mai stà esempio che el mio patron se lamenta de mi, e adesso per causa de sto adulator, de stomo finto e maligno, me tocca andar via? Se avesse volsudo secondar le so iniquità e tenirghe man a robar, el m’ha offerto, oltre el mio salario, anca dei regali, ma son un galantomo, son un servitor onorato; voio ben ai mi camerada, e non ho volsudo tradir voialtri, per far del ben a mi solo. Me caverò la livrea, come avì fatto voialtri tre, la rinunzierò colle lagrime ai occhi, ma la rinunzierò onorata, come me l’ho messa, colla gloria d’esser stà sempre un servitor fedel, un bon amigo, un omo sincero e disinteressà.

STAFF. bolognese Per mi a son un om dsprà2. Nso dov m’andar. Stassira l’aspett ch’al vigna fora dcà e ai dagh una schiuptà in tla schina, e po a vagh a Bulogna.

BRIGH. No, caro amigo, no fe. El cielo ve provvederà. Se lo mazzè, invece de remediar alle vostre desgrazie, sarè intrigà più che mai, e se i ve chiappa, poveretto vu.

STAFF. bolognese Chi m’lival pan, m’liva la veta, e chi m’liva la veta a mi, s’a poss’, ai la vui livar a lu.

STAFF. fiorentino Badate a mene, lasciate ire: il monello si scoprirae a poco a poco. Senza che ci facciamo scorgere, aspettiamolo al paretaio.

BRIGH. Bravo fiorentino. Salvar la panza per i fighi.

STAFF. fiorentino Anch’io mi saprericattare; ma i penso ai me’ fighioli, e non voggio che la Giustizia mi mangi quelle quattro crazie che mi sono avanzato.

STAFF. bolognese Mi mo an n’ho un bagaron3, perché a son Lumbard e ai Lumbard ai pias magnar ben; e vu alter Fiorentin fe banchett, quand magnè la frittata d’una coppia d’ova.

STAFF. fiorentino Siete pure stucchevole.

BRIGH. Via, fradelli, non ve alterè tra de voialtri. Pensemo al modo de remediar.

CUO. genovese Eh, zuo a e die dee me muen4! O voggio mi giustà pe e feste sto siò segretajo. So Zeneise, ehi, e tanto basta.

BRIGH. Cossa penseressi de far, sior cogo?

CUO. genovese Ninte: avelenao e no atro.

BRIGH. Gnente altro che velenarlo? Una bagattella!

CUO. genovese Se o fuisse un omo da pao me, ghe daè una cotelà co o cotelin da o manego gianco; ma za che no ghe pozzo da’ una feja, con un poco de venin5 o mandiò all’atro mondo.

BRIGH. E po?

CUO. genovese E dopo andiò a Zena. Con quattro parpaggioe6 m’imbarco e me ne vago.

STAFF. veneziano Via, che cade! Lassemo andar ste cosse. Co se serra una porta, se ghe ne averze un’altra. I paroni no i sposa i servitori, né i servitori i sposa i paroni. Chi xe omo de abilitae, trova da servir per tutto.

CUO. genovese Oh che cao siò venezian! Lasseve cavà i eoggi e no dj ninte.

STAFF. veneziano Compare caro, i Veneziani i gh’ha spirito e i gh’ha coraggio, quanto possa aver chi se sia. Ma saveu quando? Quando da muso a muso i xe provocai. Da drio le spalle no i se sa vendicar; e stoccae mute no i ghe ne .

BRIGH. Bravo, el dis la verità. Sicché donca, fioi, cossa pensemio da far?

STAFF. bolognese Per me za a l’ho dett. Stassira al aspett, e s’al vin fora, tonfta. (fa l’atto di sparar l’archibuso) Av salud. (parte)

BRIGH. Bisognerà veder de impedir sto desordene. No voio che sto poveromo, orbà dalla collera, el se precipita.

STAFF. fiorentino I’ vado a pigghiare i me’ cenci e me ne vado dalla me’ Menichina co’ me’ bambini. S’i’ non troverò da servire, mi ribrezzerò alla meglio. Farò l’acquacedrataio. (parte)

BRIGH. Questo l’è un omo che ha giudizio. Un mestier o l’altro, purché se viva, tutto ghe comoda.

CUO. genovese Bondì a vusigniia.

BRIGH. Dove andeu, sior cogo?

CUO. genovese Vago in cosinna a recatto a a me robba pre andamene.

BRIGH. No credo za che abbiè intenzion de far quel che avè dito col segretario.

CUO. genovese No, no aggiè puja7; pe’ mi, gh’ho perdonoo. (O veoggio fa moj8, se creesse che m’avessan da rostì in to forno). (parte)

BRIGH. E pur è vero; con tutto el mal che el m’ha fatto, no gh’ho cuor de sentir a manazzar la so vita.

STAFF. veneziano Perché un galantomo, perché de bon cuor anca vu, come son anca mi.

BRIGH. Ecco el patron.

STAFF. veneziano No se femo veder insieme.

BRIGH. Andè via, e lasseme parlar a mi.

STAFF. veneziano Fe pulito; arecordeve de mi; arecordeve che semo squasi patrioti. «Pugna per patria e traditor chi fugge». (parte)

 

 

 





p. -
2 Parla col dialetto bolognese.



3 Moneta che vale mezzo baiocco.



4 Eh, giuro alle dita delle mie mani: dialetto genovese.



5 Veleno.



6 Moneta picciola genovese.



7 Non abbiate timore.



8 Morire.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License