Carlo Goldoni
Buovo d'Antona

ATTO TERZO

SCENA OTTAVA Buovo, poi Menichina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

Buovo, poi Menichina

 

BUO.

Il ciel sia ringraziato;

Sono alla fin tornato

Nel paese natio

Che per natura è mio.

MEN.

Con voi me ne congratulo,

Signor Duca illustrissimo.

BUO.

Vi ringrazio, o ragazza.

MEN.

Eh, non pretendo

Da voi ringraziamenti.

BUO.

E che vorreste?

MEN.

A dirla in confidenza,

Vorrei Duchessa diventar anch'io.

BUO.

Ma come? in qual maniera?

MEN.

Io... voi... Furbetto.

Già so che mi capite.

BUO.

In verità, non so che cosa dite.

MEN.

Non mi fate l'allocco,

Signor Duca garbato,

Che con tutto il ducato,

Cospetto d'un filippo,

Saprò farvi pentir.

BUO.

Così parlate?

MEN.

Parlo libero e sciolto.

BUO.

Questa franchezza non mi piace molto.

MEN.

Facciamola finita:

Sapete già che v'amo,

Che mio sposo vi bramo.

BUO.

Non sapete qual sia

Differenza fra noi?

MEN.

Una femmina io son, un uomo voi.

BUO.

Ma superior di grado.

MEN.

Ogni disuguaglianza uguaglia Amore.

BUO.

Ci penserò.

MEN.

Non posso

Aspettar che pensiate.

Voglio che risolviate adesso adesso.

BUO.

Ma perché tanta fretta?

MEN.

Perché mi sento gringola

Di far il matrimonio.

Via, sposatemi presto:

Io Cleopatra sarò, voi Marc'Antonio.

BUO.

Sì, sì, voglio sposarvi:

Più resister non posso.

Vostro, o cara, son io.

MEN.

Ah, che non v'è maggior piacer del mio.

 

Largo, largo alla Duchessa,

Che passeggi, che cammini

Con possesso e gravità.

BUO.

Presto, presto, alla Duchessa

Faccia ognun profondi inchini,

Con rispetto ed umiltà.

MEN.

Ehi, sentite. Vuò provarmi

Se saprò li memoriali

De' miei sudditi accettar.

BUO.

Fingerò di presentarmi

Come fossi di quei tali

Che vi voglion supplicar.

MEN.

Cominciamo.

BUO.

Son con voi.

Una povera ragazza,

Con tutta sommission,

Alla sua protezion

Si raccomanda.

MEN.

Esponete, vi ascolto.

BUO.

Fuggito dalla gabbia

Mi è un canarin d'amor,

E un ladro traditor

Me l'ha rubato.

MEN.

Se non si rende tosto

Il canarin d'amor,

Quel ladro traditor

Resti ingabbiato.

BUO.

Brava da vero!

MEN.

Bravo di core!

a due

Cosa migliore

Non si può far.

Dunque stiamo in allegria,

E in sì dolce compagnia

Si cominci a giubilar. (partono)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License