Carlo Goldoni
Il burbero benefico

ATTO PRIMO

Scena Quattordicesima. Dalancour e Piccardo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quattordicesima. Dalancour e Piccardo

 

Dalancour: Tu non hai detto a mio zio ciò ch'io t'aveva ordinato.

Piccardo: Perdonatemi, signore, glie l'ho detto, ma egli mi ha scacciato, secondo il solito.

Dalancour: Mi dispiace. Avvertimi de’ buoni momenti, in cui poter parlargli. Un giorno ti saprò premiare a dovere.

Piccardo: Ve ne sono obbligato, signore, ma, grazie al cielo, non ho bisogno di nulla.

Dalancour: Sei dunque ricco?

Piccardo: Non sono ricco, ma ha un padrone che non mi lascia mancar nulla. Ho moglie, ho quattro figliuoli; dovrei essere l'uomo più imbarazzato del mondo, ma il mio padrone è sì buono che li mantengo senza difficoltà, ed in casa mia non si conosce la miseria. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License