Carlo Goldoni
Il burbero benefico

ATTO SECONDO

Scena Quarta. Madama Dalancour, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Madama Dalancour, e detti

 

Dalancour: (vedendo sua moglie) Ahi Madama...

Madama: (a Dalancour) Io vi attendeva con impazienza. Ho udita la vostra voce...

Dalancour: Eccovi, o mia moglie, il signor Dorval. Io vel presento in qualità di mio cognato, e come sposo di Angelica.

Madama: (con gioia) Sì?

Dorval: Io sarò pienamente contento, Madama, se la mia felicità potrà meritare la vostra approvazione.

Madama: (a Dorval) Signore, io ne sono lietissima. Mi rallegro con voi di tutto cuore. (a parte) (Che mi disse ella dunque del cattivo stato di mio marito?)

Dalancour: (a Dorval) Mia sorella lo sa?

Dorval: Credo di no.

Madama: (da sé) (Dunque, quello che fece questo matrimonio non fu Dalancour?)

Dalancour: Volete voi ch'io la faccia venire?

Dorval: No. Converrebbe prevenirla. Potrebbe esservi ancora una difficoltà.

Dalancour: Quale?

Dorval: Quella della sua approvazione.

Dalancour: Non temete di nulla. Io conosco Angelica, e poi il vostro stato... il vostro merito... Lasciate fare a me; parlerò io a mia sorella.

Dorval: No, caro amico; di grazia, non guastiamo la cosa; lasciamo fare al signor Geronte.

Dalancour: Come volete.

Madama: (Non intendo nulla.)

Dorval: Io passo nell'appartamento di vostro zio, per scrivere; egli me l'ha permesso; anzi mi ha ordinato espressamente d'aspettarlo colà. Senza cerimonie. Noi ci rivedremo quanto prima. (entra nell'appartamento di Geronte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License