Carlo Goldoni
Il cavaliere giocondo

ATTO SECONDO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Salotto con preparativo per la cioccolata.

 

Madama di Bignè e don Alessandro.

 

MAD.

Casa peggior di questa non vidi a' giorni miei.

Vi fosse mio cognato! Or or me n'anderei.

ALES.

Deh soffrite, Madama.

MAD.

Altro non sento dire,

Che soffrite, soffrite: che cosa ho da soffrire?

Sono due ore e più che qui sono arrivata,

E ancor mi fan penare un po' di cioccolata.

E s'ora la beviamo, quando si pranzerà?

ALES.

Non è ancor mezzogiorno.

MAD.

E intanto che si fa?

Avessi almeno un libro.

ALES.

Ecco un libro, Madama.

MAD.

Bravo, don Alessandro, questo servir si chiama.

Pronto, lesto, compito. Favorite una sedia.

ALES.

Eccola.

MAD.

Di che tratta?

ALES.

Madama, è una commedia.

MAD.

Sarà una seccatura.

ALES.

A me non par, del resto...

MAD.

Mi piace, quando leggo, terminar presto presto.

Le commedie son lunghe: quando al teatro andai,

Una commedia intera non ho ascoltato mai.

Mi fan rider davvero quei che ascoltar s'impegnano,

Quelli che con chi parla qualche volta si sdegnano.

Ai comici, ai poeti non voglio far la corte,

E quando gridan zitto, allor rido più forte.

Datemi un altro libro, quando con voi l'abbiate.

ALES.

Anderò a ritrovarlo di , se comandate.

MAD.

No, no, subito o niente. Sapete il mio ordinario.

In tasca non ne avete?

ALES.

Qui non ho che il lunario.

MAD.

Oh sì, sì, quest'è un libro che divertir mi suole.

Presto si legge, e presto si lascia, se si vuole.

ALES.

Eccol, per obbedirvi.

MAD.

Dov'è il corrente mese?

Che vi venga la rabbia: un lunario francese?

ALES.

Madama, non intende?

MAD.

La lingua l'ho studiata

Quindici o venti giorni, poi mi sono annoiata.

ALES.

Eccone un italiano.

MAD.

Lodo que' Parigini

Che hanno il lor sortimento d'astucci e taccuini.

Quanti ne abbiam? vediamo. Ai quanti fa la luna?

Quante istorie ogni giorno! Io non ne leggo alcuna.

Pioggia, neve, gran freddo; si cambia, e signor sì:

Tossi, febbri, catarri. Ne ho abbastanza così.

Qualch'altro passatempo or ritrovar conviene.

ALES.

Madama Possidaria col Cavalier sen viene.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License